Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: A Bandir (La bandiera)

Oggi si celebra, come ogni anno, la festa della Repubblica italiana, che per molti ha ancora un significato profondo.
Il 2 giugno del 1946 in Italia si tenne il referendum istituzionale a suffragio universale che, per la prima volta, portò anche le donne alle urne insieme ai cittadini di sesso maschile, a scegliere tra monarchia e repubblica. 
Quel giorno gli italiani scelsero la repubblica con il conseguente esilio dei monarchi di casa Savoia.

La puntata di oggi della nostra rubrica L'Italia nel piatto ha come tema:
Piatto patriottico


Verde come la speranza di un mondo migliore, bianco come la purezza di intenti, rosso come il sangue versato dagli eroi. Questa è la mia bandiera. (Rossana Emaldi).

Nella mia cucina trovate un piatto, tipico di Foggia, che viene chiamato appunto "La Bandiera", in dialetto "A Bandir" per la presenza dei tre colori: il bianco della pasta, il rosso dei pomodori, il verde della rucola...pochi e semplici prodotti a rappresentare la genuinità della gastronomia pugliese!
La ricetta, semplicissima, l'ho trovata sul libro di cucina pugliese di Luigi Sada...santo libro!!!


Un abbraccio MILENA





















Ingredienti:

500 g. di patate
250 g. di ruchetta
500 g. di pomodori pelati o ciliegini
500 g. di pennette (io orecchiette)
olio evo
prezzemolo
spicchio di aglio
basilico
sale
peperoncino

Procedimento:

Far indorare l'aglio nell'olio, aggiungere i pomodori con peperoncino, prezzemolo e basilico, salare e far cuocere per 10-15 minuti circa.
Pulire e lavare la ruchetta. Pelare le patate, tagliarle a tocchetti, metterle in pentola sul fuoco con acqua fredda e portarle a ebollizione. Dopo un po' aggiungere la ruchetta e, appena si alza il bollore aggiungere la pasta. Quando questa è cotta al dente, colare il tutto, passare nel sughetto, far mantecare e servire caldo.




Sentiamo ora i profumi dei piatti delle altre regioni:

Trentino-Alto Adige:  Canederli al pomodoro http://www.afiammadolce.ifood.it/2015/06/canederli-al-pomodoro.html 




Commenti

  1. Bellissimo! E rispecchia tanto nei colori quanto nei sapori!

    RispondiElimina
  2. che spettacolo questa bandiera, adoro le orecchiette e così devono essere deliziose, un bacione

    RispondiElimina
  3. Bellissima ricetta piena di sapori,colori e tanto suggestivo in un giorno di festa come questo...io amo la cucina pugliese!! Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  4. Ma che spettacolo Milly!!!!! Solo tu potevi creare con la tua grazia e le tue manine cose cosi invitanti, un bacione bella mora!!!!

    RispondiElimina
  5. che meraviglia, un piatto patriottico a tutti gli effetti!!!!Bravissima!!!!Baci sabry

    RispondiElimina
  6. Meraviglioso questo piatto: colorato e gustoso :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  7. Un piatto semplice e buonissimo!!!

    RispondiElimina
  8. Ma che meraviglia!!!! Un piatto dalle sfumature delicate ma dal carattere deciso! Complimenti!!!!!

    RispondiElimina
  9. Ma pensa te, preparo spesso questo piatto (adoro il sugo di pomodoro fresco arricchito dalla rucola) e non sapevo che fosse qualcosa di tipico del foggiano.. e anche oggi ho imparato qualcosa! :)

    RispondiElimina
  10. Un piatto semplice e gustoso che rappresenta degnamente i colori della nostra bandiera.

    RispondiElimina
  11. Piatto tremendamente buono ed invitante. Ad un piatto così non si dice mai di no. Poi quelle orecchiette le mangerei crude! Un abbraccio1

    RispondiElimina
  12. Una bellissimo interpretazione !!

    RispondiElimina
  13. nella sua semplicità è un concentrato di sapori e profumi meravigliosi....

    RispondiElimina
  14. dimenticavo....dalle mie parti su questo piatto aggiungiamo anche la ricotta dura...magari quella ancora bella morbida !!!

    RispondiElimina
  15. Le orecchiette: voglia di tornare in puglia!

    RispondiElimina
  16. Confermo quanto detto questa mattina: posso prenotarmi? ;)

    RispondiElimina
  17. Non conoscevo quella citazione sulla bandiera, ma soprattutto non conoscevo questa splendida bandir: una combinazione d'ingredienti indovinatissima! Grazie Milena!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Merluzzo in brodetto

Ciao a tutte carissime amiche...!
Stamattina qui ...diluvio e temporali...beh....mi sa che la primavera ce la scorderemo...arriveremo all'improvviso in piena estate....siiiiii!!!  e questo cimurro e tosse che mi perseguita ancora, anche se oggi va meglio!!! vabbè resisteremo!
Oggi sono contenta perchè ho dato un piccolissimo contributo per una grandissima causa...finalmente mi è arrivato il bellissimo libro di ricette...I-Kitchen, che avevo prenotato qui, scritto da tanti di voi blogger...e a cura della grande Patrizia Bosso, che con tanto amore....pazienza e solidarità ha dedicato ai bimbi e ai ragazzi della Gulliver di Rocchetta Vara, una casa famiglia distrutta da questa tragedia!
Ricordate?
...Il 25 ottobre 2011 una pioggia violenta e interminabile flagella l'estremo Levante della Riviera Ligure.Una valanga di acqua e fango si abbatte anche sulla valle di Vara, travolgendo tutto, portando via con sè vite umane, distruggendo abitazioni, inghiottendo oggetti, ricordi, sicure…

Spaghetti con sughetto di Pelose...!

Buona serata a tutti!
Oggi un piatto tipico di mare...spaghetti con sughetto di "Pelose",  eh si...qui nella zona di Bari chiamiamo proprio così quei granchi un pò più grandi e con gli arti e le chele ricoperte di setole pelose e di colore scuro! E' molto facile trovare le pelose sulle nostre coste, ma la loro tana è solitamente una grossa buca nella roccia sott'acqua.  Da non confondere con i semplici granchi, più piccoli e di colore verdastro e che...se per caso vi trovate sdraiati sul bagnasciuga di uno scoglio li vedrete aggirarsi tranquillamente! La Pelosa si nutre di polpi...ma è anche la loro preda!
Beh...noi ci pappiamo alla grande tutti e due!
Non so se sapete della nostra passione per la pesca di polpi...e allora un giorno un cugino di mio marito ci ha fatto cosa graditissima regalandoci una bella vaschetta di Pelose vive per poter andare a pescare polpi! Ma erano davvero tanti...e allora perchè non fare un bel sughetto con qualche Pelosa?  Detto ...fatto!!…

CUCINA PUGLIESE: Piselli e carciofi ripieni

L'appuntamento di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è tutto dedicato ai prodotti e ricette primaverili, piatti leggeri, freschi e genuini.

La Puglia...terra di carciofi ma, anche piselli, fave, fagioli, lenticchie, ceci, sono prodotti di colture di antica  tradizione agricola pugliese.
La mia proposta è un piatto tipico barese, Carciofi ripieni con i piselli freschi, un binomio perfetto che unisce il sapore un po' amarognolo dei carciofi al gusto dolciastro dei piselli, insomma ne nasce un piatto davvero squisito, sano e nutriente.
I piselli freschi insieme alle fave fresche, in questo periodo dominano le nostre tavole, ne facciamo scorte soprattutto di piselli che raccolti e puliti, vengono surgelati per poi gustarne a piacere in svariate preparazioni!
Andiamo allora a vedere la ricetta!

Un abbraccio MILENA











Ingredienti:

6 carciofi
1/2 kg. di piselli freschi
1 cipolla
olio evo
sale e pepe
1 limone

per il ripieno:

2 uova
formaggio pecorino grattugiato
poco pane raffermo
prezzemolo