Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro:
Sagre di pesce e piatti con pescato.

Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta!

Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte!
Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano!

Un abbraccio MILENA

















Ingredienti:

3 polpi da 250 g. circa cad.
700 g. di patate
qualche pomodorino ciliegia
2 spicchietti di aglio
prezzemolo
1/2 peperoncino
olio evo q.b.
poco sale
formaggio pecorino romano grattugiato q.b.
poco vino bianco

Procedimento:

Pulire i polpi, che devono essere stati precedentemente sbattuti ed arricciati, eliminando occhi, beccuccio e svuotando la sacca, lavarli e sgocciolare.
Sbucciare e lavare le patate ed affettarle.
In un tegame, meglio di terracotta, mettere un filo di olio evo, uno strato di patate condite con olio, aglio, prezzemolo, pomodorini tagliati, formaggio, un pizzico di sale, poi fare uno strato di polpi tagliati a pezzi e cospargere con gli stessi condimenti più il peperoncino ed una spruzzatina di vino bianco, terminare con un altro strato di patate, sempre conditi.
Infornare a 200° per circa 1 ora o fino cottura completa.






 Andiamo ora tutti a curiosare nelle altre regioni:


Friuli-Venezia Giulia: Tris di Regina di San Daniele

Lombardia: Trota saporita alla gardesana

Veneto: Spaghetti con acciughe e barba di frate

Valle d'Aosta: Il pesce di montagna

Piemonte: Trota in carpione

Liguria: La sagra dello stoccafisso e il cappuccino di stoccohttp://arbanelladibasilico.blogspot.com/2015/06/litalia-nel-piatto-la-sagra-dello.html


Toscana: Spaghetti con le vongole (alla livornese)

Abruzzo: Spaghetti alla chitarra con vongole veraci e ceci

Molise: La scapece molisana

Umbria: Trota al tartufo

Campania: Spaghetti Scampi e Telline

Puglia: Polpo con le patate al forno

Calabria: Quadaru 'i pisci

Sicilia: Turbante di pesce bandiera

Commenti

  1. è un sogno questo piatto!!!provatelo e poi mi direte...........complimenti a te milena per averlo proposto.

    RispondiElimina
  2. Eh sì è proprio un sogno! Ciao Milena, un bacione

    RispondiElimina
  3. quanto t'invidio per tutto quel pesce fresco, qua si trova solo congelato!!!!Quant'e' buono il tuo piatto, quando vengo me lo fai assaggiare, ok????Baci sabry

    RispondiElimina
  4. be tu giochi in casa con il pesce...trovo sempre ricette fantastiche qui da te, io pendo dalle tue labbra, ogni consiglio è un tesoro per me, complimenti Milena!

    RispondiElimina
  5. Un piatto straordinario cucinato egregiamente!

    RispondiElimina
  6. Ho deciso, cerco casa vicino a te.
    Mi piace la cucina della tua regione e il modo elegante e appassionato di raccontarlo.
    Magari anche un we basterebbe per apprezzare la tua cucina.

    RispondiElimina
  7. Cucinato così il polpo dev'essere buonissimo!!! Brava Milena!!!

    RispondiElimina
  8. Ecco, mi hai rivoluzionato il mondo!! Per me polpo e patate è sinonimo di insalata, al massimo massimo in umido, ma al forno?! Mai provato, e ora mi chiedo solo PERCHÉÉÉÉÉ??

    RispondiElimina
  9. Neanche io sapevo di poterlo cucinare al forno, adesso proverò. Grazie della condivisione.

    RispondiElimina
  10. Lo cucini in forno, che scoperta! Voglio provarlo!

    RispondiElimina
  11. Che piatto meraviglioso...complimenti!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Merluzzo in brodetto

Ciao a tutte carissime amiche...! Stamattina qui ...diluvio e temporali...beh....mi sa che la primavera ce la scorderemo...arriveremo all'improvviso in piena estate....siiiiii!!!  e questo cimurro e tosse che mi perseguita ancora, anche se oggi va meglio!!! vabbè resisteremo! Oggi sono contenta perchè ho dato un piccolissimo contributo per una grandissima causa...finalmente mi è arrivato il bellissimo libro di ricette...I-Kitchen, che avevo prenotato qui , scritto da tanti di voi blogger...e a cura della grande Patrizia Bosso, che con tanto amore....pazienza e solidarità ha dedicato ai bimbi e ai ragazzi della Gulliver di Rocchetta Vara, una casa famiglia distrutta da questa tragedia! Ricordate? ...Il 25 ottobre 2011 una pioggia violenta e interminabile flagella l'estremo Levante della Riviera Ligure.Una valanga di acqua e fango si abbatte anche sulla valle di Vara, travolgendo tutto, portando via con sè vite umane, distruggendo abitazioni, inghiottendo oggetti, ricordi, si

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci