Passa ai contenuti principali

Cozze fritte

Cozze nere fritte

Le cozze nere  sono una prelibatezza che trovano ampio spazio nella gastronomia pugliese!

In Puglia, le preparazioni tipiche a base di cozze nere sono svariate: la mitica tiella di patate riso e cozze, spaghetti o tubetti con le cozze, cozze alla puppitegna, cozze fritte, cozze gratinate, cozze ripiene e....cozze crude! E' proprio con le cozze tarantine gustate crude che troviamo il massimo del sapore e profumo del mare!  

Cozze nere fritte, è questa la mia proposta per la rubrica de L'Italia nel piatto per il tema: "L'Aperitivo", una o più piccole portate da gustare in un momento conviviale con amici o parenti in allegria ! 


Per il classico aperitivo, dalle nostre parti, non possono mancare olive, taralli, panzerottini, friselline, focaccia e bruschette, tutte idee che avevo già postato, ho pensato quindi di proporre le cozze nere fritte, delle chicche sfiziose, croccanti dal cuore morbido e dal sapore di mare, da gustare calde e ideali, oltre che per un ottimo aperitivo, anche per un buffet, oppure ideale come antipasto per una cena a base di pesce!


La cozza nera tarantina

La cozza nera tarantina è speciale!

Ha un colore rosa tenue, dal gusto carico, dolce e unico! 
La coltura dei mitili a Taranto è un affare importante e molto antico: le prime scritture che fanno riferimento alle cozze nere risalgono al 1525.

Ma perchè è così speciale la cozza tarantina? Sicuramente il pregio è delle condizioni ambientali uniche del mar Piccolo, uno specchio d'acqua interno che è un ambiente molto particolare contraddistinto da 34 sorgenti (citri) di acqua dolce provenienti dalle Murge.
E' proprio l'assiduo rifornimento di acqua dolce che rende la cozza nera tarantina di una dolcezza unica speciale: queste fonti mantengono una temperatura ideale e controllano la salinità dell'acqua!

Dal 28 aprile 2022, proprio pochi giorni fa, la cozza nera tarantina è Presidio Slow Food, al quale hanno aderito decine di miticoltori accentandone il disciplinare tecnico. 







Ingredienti:

1/2 kg. di cozze nere

2 uova

q.b. farina 0

q.b formaggio pecorino grattugiato 

q.b. pepe

1 pizzico di sale

1 ciuffetto di prezzemolo tritato

q.b. di pangrattato

olio di semi arachidi per friggere


Procedimento:

  1. Pulire le cozze staccandole una ad una dalla corda, staccare quel baffetto (il bisso) che fuoriesce dalle valve,  metterle in una coppa e sotto acqua corrente strofinarle vigorosamente fra di loro per eliminare varie incrostazioni  o denti di cane (quelle piccole conchiglie attaccate). Ora procedere aprendo le cozze con il coltellino adatto, far scorrere le due valve fra di loro in modo da creare uno spazietto per infilare il coltellino che si farà scorrere internamente alla cozza staccando il frutto e aprendo completamente le valve. Man mano raccogliere il frutto in un colino facendo scolare il loro liquido. Infine tamponare bene tutte le cozze pulite con carta da cucina o canovaccio. 
  2. In una coppetta mettere un po di farina e passare ad una ad una le cozze
  3. In un'altra coppetta sbattere leggermente le uova, aggiungere un pizzico di sale (ma proprio poco, tenendo presente che le cozze sono già saporite) pepe, prezzemolo tritato e formaggio pecorino grattugiato, prendere le cozze e ad una ad una passarle nell'uovo e poi nel pangrattato.
  4. Infine friggerle per qualche minuto e fino a doratura in abbondante olio di semi e metterle a scolare su carta da cucina.
Note:
Le cozze fritte sono ottime anche senza uova, basta solo immergerle in acqua    frizzante fredda e farina prima di friggerle.

Scopriamo ora le proposte delle altre rappresentanti regionali:

Valle d’Aosta: Polentine dorate con crema di broccolo e tonno https://www.delizieeconfidenze.com/2022/05/polentine-dorate-con-crema-di-broccolo-e-tonno.html
Piemonte:
Trentino - Alto Adige: I sapori del Garda e di Funes in un aperitivo
https://profumiecolori.blogspot.com/2022/05/i-sapori-del-garda-e-di-funes-in-un.html
Friuli-Venezia Giulia:Punte di asparagi e San Daniele croccante, infusione di basilico http://www.lagallinavintage.it/2022/05/punte-di-asparagi-e-san-daniele.html
Marche:
Molise: Aperitivo molisano per L’Italia nel piatto https://tartetatina.it/2022/05/02/aperitivo-molisano-per-litalia-nel-piatto/
Sicilia: Aperitivo siciliano sapori e profumi di un isola
https://www.profumodisicilia.net/2022/05/02/aperitivo-siciliano/
Sardegna: Polpettine di Purpuzza con cuore filante di Dolce sardo: https://dolcitentazionidautore.blogspot.com/2022/05/polpettine-di-purpuzza-con-cuore.html


Commenti

  1. Secondo me, vanno via come le ciliegie: una tira l'altra :)

    RispondiElimina
  2. Queste farebbero felici mio marito, mangiatore seriale di cozze, ehehehe ;)
    Che piattino, complimenti!!!

    RispondiElimina
  3. Questi bocconcini sono spaziali Milena! Che delizia!
    Baci,
    Mary

    RispondiElimina
  4. Tra le cose che devo ancora provare. Ora so come prepararli!!!

    RispondiElimina
  5. le provo sen'altro devono essere proprio super!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

Fegato all'arancia

Fegato all'arancia Il fegato all'arancia è una preparazione semplice e veloce per portare a tavola un secondo gustoso e saporito. E' questo il mio contributo per la rubrica mensile dell'I talia nel piatto , questo appuntamento è dedicato alle ricette con gli ingredienti meno nobili: scarti di verdura di stagione, pane raffermo, ossa, cotiche, orecchie e zampetti di maiale, ecc..  Un abbinamento insolito per un piatto tipico regionale ma sfogliando il solito libro di Luigi Sada "La cucina pugliese" sono rimasta sorpresa dal titolo di questa ricetta in dialetto salentino " Fegatu de maiale cu lu portacalli " (portacallu - dal nome del Portogallo, da cui proviene l'albero) ovvero "Fegato di maiale con l'arancia! Il fegato lo mangio e lo adoro soprattutto se si tratta dei famosi "gnumarelli" tipici pugliesi, non sono altro che involtini di interiora  (fegato, polmone e rognone) stretti all'interno del budello dell'agnello,

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez