Passa ai contenuti principali

Grano all'arrabbiata con funghi cardoncelli

 Il tema di questo mese de L'Italia nel piatto è: "Scopriamo i cereali locali", tante ricette a base di grano, farro, riso, segale, ecc.

La mia proposta per la Puglia è il "Grano all'arrabbiata"un gustoso  piatto a base di grano, funghi cardoncelli, pancetta e il piccante al punto giusto che dona al piatto un sapore inconfondibile. 

Ideale anche come piatto unico da portare a tavola, il grano all'arrabbiata raccoglie sempre il gusto di tutti.

Il grano cotto è così versatile che può benissimo sostituire la pasta in tante ricette saporite come grano e fagioli, grano alle cozze o ai frutti di mare, oppure con le verdure o in ricche insalate..

In Puglia troviamo il grano anche in un tradizionale dolce, la Colva, una sorta di macedonia con melagrana che si prepara proprio il 2 novembre, giorno della commemorazione dei defunti. 



Il grano in Puglia

E' soprattutto nella Capitanata foggiana, lungo il tavoliere e nella Valle d'Itria che si accentrano i terreni più ricchi, ideali per la crescita della serie dei passaggi che il grano compie, dalla produzione alla distribuzione.

Il grano, in particolare il triticum durum (grano duro) ha da sempre segnato con la sua regolare presenza la civiltà contadina pugliese.
Quod triticum conferan Apulo? Scrisse Varrone.

Sin dai tempi dei romani, la Puglia era descritta come il granaio d'Italia, tutt'oggi infatti è il principale produttore di grano duro con circa 400 mila ettari di terreno coltivati.





Ingredienti:

250 g.di grano

100 g. di pomodori pelati

300 g. di funghi cardoncelli

100 g. di pancetta

1 spicchio di aglio

1 peperoncino piccolo

olio evo

sale


Procedimento:

  1. Mettere una pentola sul fuoco con abbondante acqua, quando bolle versare il grano precedentemente lavato e scolato, aggiungere un po' di sale e far cuocere per almeno un'ora. Poi scolare e mettere da parte.
  2. Nel frattempo, in una padella versare olio evo, aglio, pancetta a dadini e peperoncino, poco sale e far soffriggere, poi aggiungere i funghi puliti e tagliati a striscioline e i pomodori pelati, coprire e portare a cottura.
  3. Infine versare il grano cotto nella padella dei funghi, rimettere sul fuoco per qualche minuto, il tempo di far insaporire il tutto.
da "La cucina pugliese" di Luigi Sada


Scopriamo ora i piatti tipici delle altre regioni:

Trentino-Alto Adige: Schlutzkrapfen - Mezzelune tirolesi
https://profumiecolori.blogspot.com/2021/11/schlutzkrapfen-mezzelune-tirolesi.html
Veneto: Torta di riso ai profumi mediorientali (con riso del delta del Po)(https://www.ilfiordicappero.com/2021/11/torta-di-riso.html)
Friuli-Venezia Giulia: Paparot - Minestra di polenta e spinaci friulana https://www.dueamicheincucina.it/2021/11/paparot-minestra-di-polenta-e-spinaci-friulana.html
Molise: Pannocchio, panettoncino al mais di Campobasso https://tartetatina.it/2021/11/02/pannocchio-panettoncino- al mais-di-campobasso/
Campania: Pane con farina tipo 1 da grano tenero "Autonomia" del beneventano. https://fusillialtegamino.blogspot.com/2021/11/pane-lievitazione-naturale-con-farina.html
Sardegna: Risotto ai funghi porcini, salsiccia secca sarda e Casizolu su Pistoccu di Montresta https://dolcitentazionidautore.blogspot.com/2021/11/risotto-con-funghi-porcini-salsiccia.html



Commenti

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Il grano lo cucino poco, se non per i dolci di Pasqua e invece ci si possono preparate tante ricette particolari e molto gustose, proprio come questa.

    RispondiElimina
  3. Per me è una scoperta il grano servito cosi... e sicuramente delizioso con questo sugo intenso e goloso!

    RispondiElimina
  4. ricetta davvero insolita, mi ricorda la fregola e l'orzo allo stesso tempo! complimenti!

    RispondiElimina
  5. E' un piatto molto interessante Milena, ha tutta l'aria di essere speciale!
    Baci,
    Mary

    RispondiElimina
  6. ma che bella ricetta! a me tutto quello che è all'arrabbiata mi piace perché adoro i cibi piccanti e inoltre non avevo mai pensato ad un utilizzo del grano come primo piatto! un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Davvero molto interessante questa ricetta! Un piatto dal gusto deciso, di carattere, ottimo!

    RispondiElimina
  8. ma che bella ricetta! Ottima proposta ^_^

    RispondiElimina
  9. Dev’essere molto buono questo piatto!!
    Ciao
    Elisa

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez

Pizza con capocollo di Martina Franca, pomodori secchi e rucola

La puntata di oggi de L'Italia nel piatto è dedicata ad uno dei cibi più amati dagli italiani e anche dagli stranieri:  la pizza ,  un semplice impasto di farina lievito e acqua e che, appiattita e condita anche solo con pomodoro, mozzarella e basilico rende unica e allegra una serata in pizzeria fra amici o a casa in famiglia.  Originaria della cucina napoletana, la pizza ha conquistato i gusti a livello internazionale. La più famosa è la pizza Margherita , che nel 1889 il cuoco, Raffaele Esposito  preparò per onorare la regina d'Italia Margherita di Savoia e che condì con pomodoro, mozzarella e basilico, a rappresentare i colori della bandiera italiana, ma la storia della pizza è lunga e incerta. Ogni rappresentante regionale presenterà una pizza con i propri prodotti tipici e tradizionali del territorio. Per la Puglia ho pensato di proporre una pizza con uno dei salumi tradizionali pugliesi e più apprezzati a livello internazionale: il capocollo di Martina Franca. Pe