Passa ai contenuti principali

I pezzetti di cavallo

"I pezzetti" al ragù, a base di carne rigorosamente di cavallo, nel Salento sono un istituzione, uno dei piatti più antichi e tradizionali della gastronomia salentina!

E' questa la mia proposta per l'appuntamento della rubrica de L'Italia nel piatto che per questo mese ci porterà in giro alla scoperta dei "Ragù regionali"! 




I pezzetti di cavallo

Sono uno dei piatti più apprezzati della zona, una prelibatezza che non manca mai nei menù dei ristoranti e delle trattorie tipiche salentine, 

Per la cottura dei pezzetti di cavallo al ragù si usa la "
pignata", la classica pentola di terracotta che permette di esaltare al massimo il sapore del cibo! Anche se i tempi di cottura sono lunghi, alla fine si rimane sorpresi dal profumo e dal sapore della carne, tenerissima tanto da sciogliersi in bocca! E' comunque sempre meglio affidarsi al proprio macellaio di fiducia che saprà indicare il pezzo giusto di carne!
L'ideale è accompagnare i pezzetti di cavallo con dell'ottimo pane casareccio da intingere nel ragù, oppure condire la pasta fresca con il sugo dei pezzetti di cavallo!

La carne di cavallo, saporita con retrogusto dolciastro, è ricca di ferro e poco calorica, povera di grasso e priva di colesterolo, ottima quindi da inserire nelle diete:. 










Ingredienti

  • 1/2 kg. di carne di cavallo per ragù 
  • 700 g. di passata di pomodoro
  • olio evo
  • 1 carota 
  • 1 gambo di sedano
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 cipolla piccola
  • 1/2 bicchiere di vino rosso
  • sale e pepe
  • 1 foglia di alloro
  • peperoncino (a piacere) 

Procedimento

  1. Lavare velocemente i pezzetti di carne sotto acqua corrente e mettere da parte
  2. In un tegame (meglio se è di terracotta) mettere l'olio evo, l'aglio tagliuzzato e la cipolla affettata e far dorare appena
  3. Aggiungere poi la carota e il sedato a dadini, far soffriggere per qualche minuto
  4. Aggiungere i pezzetti di cavallo , far rosolare bene avendo cura ogni tanto di girare i pezzetti 
  5. Sfumare con il vino rosso
  6. Quando il vino è evaporato completamente aggiungere la passata di pomodoro, il sale e il pepe e il peperoncino a piacere e la foglia di alloro
  7. Chiudere con coperchio e far cuocere a fuoco lentissimo per circa 3 ore o fino a quando la carne risulterà tenerissima da sciogliersi in bocca.
NOTE: 
  •  Un'alternativa della cottura della carne di cavallo è quella di lessare in acqua i pezzetti di cavallo insieme agli odori prima di aggiungerli nel soffritto di carote e sedano in modo da rendere più tenera la carne, ma io ho saltato questo passaggio 
  • Il sugo non deve essere molto denso, se si dovesse asciugare troppo aggiungere qualche mestolino di acqua 


Valle d’Aosta: Fettuccine al ragù d’agnello

Piemonte:  Sugo d’Arrosto con Raviolini

Liguria: sugo di magro simile al grasso 

Lombardia: Ragù di pasta di salame

Trentino-Alto Adige: Ragù di Capriolo

Veneto: Paccheri al ragù di cortile alla padovana

Emilia-Romagna: Il ragù matto

Toscana: Sugo di carne con i fegatini

Umbria: sugo di cinghiale

Lazio:   ragù di salsiccia e finocchietto selvatico

Abruzzo: Sagne al ragù di pecora: ricetta classica abruzzese 

Molise: Ragù molisano con le braciole

Campania: Il ragù napoletano

Puglia: I pezzetti di cavallo

Basilicata: Sugo di carne d’agnello

Calabria: Ragù con la carne di capra

Sicilia: Cannelloni di Melanzana al Ragù Siciliano

Sardegna: Su Ghisadu


Italia nel piatto: https://www.facebook.com/LItaliaNelPiatto/

                              https://www.instagram.com/italianelpiatto/

                                                                                                                                                                         



Commenti

  1. Un sugo delizioso che mi piacerebbe moltissimo! Ciao Milena ben trovata :)

    RispondiElimina
  2. credo di aver mangiato carne di cavallo solo una volta, ma ora il tuo sugo mi ha incuriosita
    Baci

    RispondiElimina
  3. Un ragù particolare questo che non ho avuto mai modo di provarlo...ma ha tutto l'aspetto di esser davevro molto delizioso!

    RispondiElimina
  4. Una carne assolutamente particolare che conosco poco, ma questo tuo sugo è molto invitante.

    RispondiElimina
  5. ho assaggiato solo una volta la carne di cavallo, questo ragù mi incuriosisce parecchio! ciao bentrovata e buon settembre!

    RispondiElimina
  6. ed io che pensavo che il cavallo si mangiasse solo a Piacenza! Qui c'è tradizione di mangiarlo sia crudo condito sia cotto in umido :) deve essere buonissimo!

    RispondiElimina
  7. Mai provata la carne di cavallo. Ha un aspetto delizioso.

    RispondiElimina
  8. Mangiavo carne di cavallo quando ero studentessa fuori sede, per porre rimedio alla mia perenne anemia...Da allora non l'ho più mangiata, eppure mi piaceva. Questo ragù è davvero interessante Milena, assolutamente da provare!
    Baci,
    Mary

    RispondiElimina
  9. Ma che fame! Viene da intingere il pane in questo piatto

    RispondiElimina
  10. Considerando quanto mi piace il ragù con le braciole di cavallo, questo non può esserne da meno!!
    Ciao

    Elisa

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Merluzzo in brodetto

Ciao a tutte carissime amiche...! Stamattina qui ...diluvio e temporali...beh....mi sa che la primavera ce la scorderemo...arriveremo all'improvviso in piena estate....siiiiii!!!  e questo cimurro e tosse che mi perseguita ancora, anche se oggi va meglio!!! vabbè resisteremo! Oggi sono contenta perchè ho dato un piccolissimo contributo per una grandissima causa...finalmente mi è arrivato il bellissimo libro di ricette...I-Kitchen, che avevo prenotato qui , scritto da tanti di voi blogger...e a cura della grande Patrizia Bosso, che con tanto amore....pazienza e solidarità ha dedicato ai bimbi e ai ragazzi della Gulliver di Rocchetta Vara, una casa famiglia distrutta da questa tragedia! Ricordate? ...Il 25 ottobre 2011 una pioggia violenta e interminabile flagella l'estremo Levante della Riviera Ligure.Una valanga di acqua e fango si abbatte anche sulla valle di Vara, travolgendo tutto, portando via con sè vite umane, distruggendo abitazioni, inghiottendo oggetti, ricordi, si

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci