Passa ai contenuti principali

Il biscotto di Ceglie

 Il biscotto di Ceglie

"Il biscotto di Ceglie Messapica" "U' Pisquett'l" (in dialetto cegliese), è un delizioso dolcetto di mandorle con un ripieno di marmellata di ciliegie  o di uva e aromatizzato con liquore di agrumi. E come le ciliegie sono....uno tira. l'altro!                                                                                         

Perfetto a fine pranzo o come coccola per tutti quei momenti in cui si ha voglia di un dolcetto goloso! 


Ho preparato questi biscotti per il progetto de L'Italia nel piatto che per questo mese ha come tema: 
 "Pomeriggio uggioso: lo passiamo in cucina a preparare biscotti? "


Il biscotto di Ceglie Messapica, tradizionalmente di origine contadina, veniva preparato nelle grandi ricorrenze soprattutto per i banchetti nuziali e offerto come bomboniera. 
Oggi viene venduto nei forni, bar e pasticcerie del luogo.

La ricetta del biscotto di Ceglie Messapica , tutelato dal Presidio Slow Food e dal Consorzio per la valorizzazione e la Tutela del biscotto di Ceglie Messapica, è regolata da un rigoroso Disciplinare che prevede il solo utilizzo di  prodotti locali.

La mandorla, ingrediente principale del biscotto di Ceglie, è alla base di numerose specialità dolciarie pugliesi.



Ceglie Messapica.

E' un paese in provincia di Brindisi, occupa il posto di un'acropoli messapica.
Le campagne cegliesi sono ricche di 'masserie' e "specchie", tipiche costruzioni a secco messapiche ed insediamenti e necropoli preistoriche e romane.
Nel centro medievale si innalza la chiesa Matrice del 1520, rifatta nel 1795, dall'interno a croce greca con cupola. 
Del suo nobile passato, la cittadina mostra il castello fatto costruire da Fabrizio Sanseverino (1494-1525), attorno ad una più antica torre.

Oggi Ceglie Messapica è nota per essere la capitale gastronomica dell'Alto Salento. 
Qui ha sede il Centro Internazionale di Gastronomia Mediterranea. 




Ingredienti

500 g. di mandorle

1 uovo

25 g. di miele

150 g. di zucchero

q.b. di marmellata di ciliegie o di uva

poco liquore di limoncello

1-2 bucce di limone non trattato grattugiato 


Procedimento

  • Mettere un tegame con acqua sul gas, quando l'acqua bolle versare le mandorle, dopo pochissimi minuti spegnere, scolare le mandorle, spellarle della pellicina marrone e far raffreddare e asciugare.                                  Metà delle mandorle andranno tostate.
  • Tritare finemente tutte le mandorle, sia quelle tostate che quelle non tostate.
  • Versare in una coppa la farina di mandorle, aggiungere lo zucchero, l'uovo, il miele, un pò di liquore di limoncello e la buccia di limone grattugiata. 
  • Miscelare bene tutti gli ingredienti, formare un panetto,  portare sulla spianatoia  e lavorare l'impasto molto bene a mano.
  • IMPORTANTE:  aggiungere l'uovo a piccole dosi poiché l'impasto deve risultare abbastanza duro, se risulta morbido non si potrà poi arrotolarlo e la marmellata rischia di fuoriuscire completamente.  
  • Formare quindi delle strisce larghe circa 12 cm. lunghe 35 cm. e spesse 1.5 cm, inserire la marmellata, chiudere bene e continuare a lavorare arrotolando in modo da trattenere la marmellata al centro e formando dei rotoli. Poi tagliare in tanti quadrotti di circa 5 cm.
  • Infarinare leggermente una teglia, disporre i quadrotti di biscotti e infornare a 160° per circa 15-20 minuti.                                                                                 
                                                       


Come sempre, qui di seguito trovate i link delle ricette di tutte le rappresentanti regionali:

Piemonte: Krumiri: i Biscotti tipici di Casale Monferrato a forma di baffo per L'Italia nel Piatto https://www.lacascatadeisapori.it/krumiri-i-biscotti-tipici-di-casale-monferrato-a-forma-di-baffo-per-litalia-nel-piatto/
Trentino-Alto Adige: Lebkuchen - i gustosi biscotti speziati
https://profumiecolori.blogspot.com/2020/11/lebkuchen-biscotti-speziati-al-miele.html
Friuli Venezia Giulia: Favette triestine
https://www.blogthatsamore.it/2020/11/favette-triestine.html
Campania: I Caprilù: i biscotti di Capri fatti con mandorle e limoncello https://fusillialtegamino.blogspot.com/2020/11/i-caprilu-i-biscotti-di-capri-fatti-con.html

Commenti

  1. Un biscotto ricco di profumi che non può non evocare emozioni!

    RispondiElimina
  2. E' il caso di dire bello e buono! Ciao Mile, un abbraccio :)

    RispondiElimina
  3. Non li conoscevo, fanno proprio gola!

    RispondiElimina
  4. Adoro le mandorle e da voi ci sono le migliori mandorle al mondo... questo presidio slowfood deve essere golosissimo! un bacione virtuale!

    RispondiElimina
  5. Fantastici! Questo mese questi biscotti buonissimi mi stanno facendo una gran gola! Sono uno più buono dell'altro. Nei tuoi poi, mandorle, limoncello, marmellata... ma quanto saranno buoni? Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Ne ho sentito parlare, ma non li ho mai assaggiati, per cui sono assolutamente da provare :D
    Un bacio

    RispondiElimina
  7. Non conoscevo questi biscotti e siccome mi hanno regalato della marmellata d' uva li voglio senz'altro provare!!!
    Un abbraccio ^_^

    RispondiElimina
  8. Certo che questo mese ingrasseremo solo a vedere tutte le bontà che abbiamo sfornato. Le tue cara Milena sono davvero una sciccheria!

    RispondiElimina
  9. Questi li devo proprio provare. Ho sia la confettura di uva che quella di ciliegie e mi piace molto la base con le mandorle.

    RispondiElimina
  10. Veramente dei biscotti deliziosi che sarei proprio curiosa di assaggiare! :) Buona giornata

    RispondiElimina
  11. Non li conoscevo Milena, sono strepitosi!
    Baci,
    Mary

    RispondiElimina
  12. Quanti tesori dolci diffusi per tutta la penisola

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Merluzzo in brodetto

Ciao a tutte carissime amiche...! Stamattina qui ...diluvio e temporali...beh....mi sa che la primavera ce la scorderemo...arriveremo all'improvviso in piena estate....siiiiii!!!  e questo cimurro e tosse che mi perseguita ancora, anche se oggi va meglio!!! vabbè resisteremo! Oggi sono contenta perchè ho dato un piccolissimo contributo per una grandissima causa...finalmente mi è arrivato il bellissimo libro di ricette...I-Kitchen, che avevo prenotato qui , scritto da tanti di voi blogger...e a cura della grande Patrizia Bosso, che con tanto amore....pazienza e solidarità ha dedicato ai bimbi e ai ragazzi della Gulliver di Rocchetta Vara, una casa famiglia distrutta da questa tragedia! Ricordate? ...Il 25 ottobre 2011 una pioggia violenta e interminabile flagella l'estremo Levante della Riviera Ligure.Una valanga di acqua e fango si abbatte anche sulla valle di Vara, travolgendo tutto, portando via con sè vite umane, distruggendo abitazioni, inghiottendo oggetti, ricordi, si

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Spaghetti con sughetto di Pelose...!

Buona serata a tutti! Oggi un piatto tipico di mare...spaghetti con sughetto di "Pelose",  eh si...qui nella zona di Bari chiamiamo proprio così quei granchi un pò più grandi e con gli arti e le chele ricoperte di setole pelose e di colore scuro! E' molto facile trovare le pelose sulle nostre coste, ma la loro tana è solitamente una grossa buca nella roccia sott'acqua.  Da non confondere con i semplici granchi, più piccoli e di colore verdastro e che...se per caso vi trovate sdraiati sul bagnasciuga di uno scoglio li vedrete aggirarsi tranquillamente! La Pelosa si nutre di polpi...ma è anche la loro preda! Beh...noi ci pappiamo alla grande tutti e due! Non so se sapete della nostra passione per la pesca di polpi...e allora un giorno un cugino di mio marito ci ha fatto cosa graditissima regalandoci una bella vaschetta di Pelose vive per poter andare a pescare polpi! Ma erano davvero tanti...e allora perchè non fare un bel sughetto con qualche Pelosa?  Detto ...fatto