Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Focaccia pugliese con lievito madre

Non c'era domenica senza focaccia, ormai lei la faceva ad occhi chiusi, senza dosare gli ingredienti ma il risultato sempre uguale, il profumo si sentiva dalla strada, messa a tavola...e spariva in un attimo ancor prima di iniziare il pranzo e lei che si infuriava...ma poi sotto sotto si compiaceva che noi ragazzi apprezzavamo alla grande la sua focaccia!!!
Eh...le mamme, grandiose sono!
A lei, a mia madre, dedico questo post della focaccia, che tanto amava prepararla soprattutto la domenica per la sua famiglia!

Oggi ritorna l'appuntamento de L'Italia nel piatto con il tema dedicato a tutte le mamme:
Ricette per la mamma (dolci o salate) 

La focaccia è tipica della Puglia, soprattutto è uno dei simboli che meglio rappresenta la gastronomia barese, il cibo che non manca mai sulle nostre tavole, che piace a tutti e che non deve sfuggire l'assaggio a chiunque passi dalle nostre parti!
Ho già parlato di focacce in altri post, ma questa che vi propongo oggi è particolarmente buona!
Alcuni mesi fa ho dato alla luce il mio "Gingillo", beh...si dice che bisogna dargli un nome, il mio primo, ops... secondo lievito madre (essì, il primo ei fu!) e devo dire che comincia davvero a darmi soddisfazioni.
Come è iniziata l'avventura del lievito madre? Mah...forse così per caso, o per curiosità, per la voglia di sperimentare, oppure per moda o forse per tornare a ritmi più lenti, i ritmi di una volta, meno frenetici, più pacati...chissà forse per tutte le ragioni appena elencate! Attenzione però...non sono una fanatica del lievito madre eh...se non dovessi avere tempo, il mio caro lievito di birra è sempre lì che mi aspetta per essere accolto a braccia aperte!
Per ora è il momento del mio "Gingillo" poi si vedrà!

La focaccia pugliese con lievito madre














Il mio "Gingillo"






Ingredienti:

400 g. di farina 0
100 g. di lievito madre
2 patate piccole lesse
1/2 cucchiaio di sale fino
1 cucchiaino di zucchero
300 ml. circa di acqua
olio evo q.b.
pomodori ciliegini
origano

Procedimento:

1)  Rinfrescare il lievito madre ed attendere che triplichi quasi, io l'ho messo nel forno spento ed ha impiegato circa 5 ore. Nel frattempo lessare le patate senza buccia.
2) Una volta pronto il lievito madre preparare l'impasto della focaccia mettendo la farina a fontana in una coppa, mettere il sale, le patate lesse e passate, lo zucchero ed il lievito madre sciolto precedentemente con parte dell'acqua,cominciare ad impastare aggiungendo man mano la restante acqua tiepida, all'inizio amalgamare con una forchetta o una spatola, poi continuare a lavorare con le mani sulla spianatoia, lavorare delicatamente prendendo l'impasto dall'esterno verso l'interno facendo incamerare aria, l'impasto deve essere abbastanza morbido, non troppo duro ma neanche liquido.
3) Formare una palla e mettere a  lievitare in una coppa coperta con pellicola in forno spento fino al suo raddoppio, io ho preparato l'impasto il pomeriggio tardi e lasciato a lievitare tutta la notte.
4) Il mattino seguente ho rovesciato l'impasto nella teglia unta abbondantemente di olio evo, allargata punzecchiando leggermente con le dita fino a coprire l'intera teglia, coperta con pellicola e messa ancora a lievitare sempre nel forno spento per circa 3 ore.
5) Condire con i pomodorini tagliati con le mani direttamente sull'impasto, aggiungere un pizzico di sale fino, una spolverata di origano e spargere con abbondante olio evo.
6) Infornare sul primo ripiano dal basso a 250° per circa mezz'ora o fino a quando la focaccia risulta ben dorata, i bordi un pò bruciacchiati e l'interno morbido.

Le dosi dell'acqua possono variare in base all'assorbimento della farina che si usa, al tipo di patate, più acquose o meno ecc., anche i tempi di lievitazione variano in base alla temperatura del momento.


Andiamo ora a scoprire i profumi delle cucine delle altre regioni:

Liguria: stracotto al Rossese http://arbanelladibasilico.blogspot.com/...
Emilia Romagna Strozzapreti con salsiccia e Sangiovese http://zibaldoneculinario.blogspot.com/...
Abruzzo. Delizia alla ricotta http://ilmondodibetty.it/delizia-al...
Puglia. Focaccia pugliese con lievito madre http://breakfastdadonaflor.blogspot.com/...
Calabria. Biscotti alle mandorle http://ilmondodirina.blogspot.com/2...
Sardegna. Mini pesche alla crema http://dolcitentazionidautore.blogspot.com/...

Commenti

  1. Mi sembra di sentire il profumo di questa focaccia davvero meravigliosa e ricca di sapori della tua terra!!Un bacione grandeeeee,Imma

    RispondiElimina
  2. Salvo questa ricetta! Troppo tropo invitante. Sa tanto di estate.
    Bacio grande

    RispondiElimina
  3. Salvo questa ricetta! Troppo tropo invitante. Sa tanto di estate.
    Bacio grande

    RispondiElimina
  4. troppo buona con quei pomodorini, un abbraccio Milena, a presto

    RispondiElimina
  5. Sento il profumo fino a qua :)
    Bella e buona questa focaccia.
    Un bacio

    RispondiElimina
  6. E' meravigliosa da vedere e poi se penso che è con LM (pase all'anima sua per il mio) acquista ancora più punti!!!!
    Un salutone di buona giornata

    RispondiElimina
  7. Una focaccia squisita, da assaggiare

    RispondiElimina
  8. Che fame!!!! La tau focaccia è paradisiaca!!!! Complimenti!!!!!

    RispondiElimina
  9. La scelta della qualità è alla base di ogni acquisto intelligente. Scegli anche tu gli strozzapreti pasta di semola di grano duro. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ2MzE1ODU3MSwwMTAwMDAxMixzdHJvenphcHJldGkuaHRtbCwyMDE2MDYxMCxvaw==

    RispondiElimina
  10. il tuo gingillo ha lavorato benissimo ed insieme avete prodotto una focaccia meravigliosamente stuzzicante!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  11. Veramente golosa e invitante! Bravissimaaa
    Ciaooo

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Merluzzo in brodetto

Ciao a tutte carissime amiche...!
Stamattina qui ...diluvio e temporali...beh....mi sa che la primavera ce la scorderemo...arriveremo all'improvviso in piena estate....siiiiii!!!  e questo cimurro e tosse che mi perseguita ancora, anche se oggi va meglio!!! vabbè resisteremo!
Oggi sono contenta perchè ho dato un piccolissimo contributo per una grandissima causa...finalmente mi è arrivato il bellissimo libro di ricette...I-Kitchen, che avevo prenotato qui, scritto da tanti di voi blogger...e a cura della grande Patrizia Bosso, che con tanto amore....pazienza e solidarità ha dedicato ai bimbi e ai ragazzi della Gulliver di Rocchetta Vara, una casa famiglia distrutta da questa tragedia!
Ricordate?
...Il 25 ottobre 2011 una pioggia violenta e interminabile flagella l'estremo Levante della Riviera Ligure.Una valanga di acqua e fango si abbatte anche sulla valle di Vara, travolgendo tutto, portando via con sè vite umane, distruggendo abitazioni, inghiottendo oggetti, ricordi, sicure…

Spaghetti con sughetto di Pelose...!

Buona serata a tutti!
Oggi un piatto tipico di mare...spaghetti con sughetto di "Pelose",  eh si...qui nella zona di Bari chiamiamo proprio così quei granchi un pò più grandi e con gli arti e le chele ricoperte di setole pelose e di colore scuro! E' molto facile trovare le pelose sulle nostre coste, ma la loro tana è solitamente una grossa buca nella roccia sott'acqua.  Da non confondere con i semplici granchi, più piccoli e di colore verdastro e che...se per caso vi trovate sdraiati sul bagnasciuga di uno scoglio li vedrete aggirarsi tranquillamente! La Pelosa si nutre di polpi...ma è anche la loro preda!
Beh...noi ci pappiamo alla grande tutti e due!
Non so se sapete della nostra passione per la pesca di polpi...e allora un giorno un cugino di mio marito ci ha fatto cosa graditissima regalandoci una bella vaschetta di Pelose vive per poter andare a pescare polpi! Ma erano davvero tanti...e allora perchè non fare un bel sughetto con qualche Pelosa?  Detto ...fatto!!…

CUCINA PUGLIESE: Piselli e carciofi ripieni

L'appuntamento di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è tutto dedicato ai prodotti e ricette primaverili, piatti leggeri, freschi e genuini.

La Puglia...terra di carciofi ma, anche piselli, fave, fagioli, lenticchie, ceci, sono prodotti di colture di antica  tradizione agricola pugliese.
La mia proposta è un piatto tipico barese, Carciofi ripieni con i piselli freschi, un binomio perfetto che unisce il sapore un po' amarognolo dei carciofi al gusto dolciastro dei piselli, insomma ne nasce un piatto davvero squisito, sano e nutriente.
I piselli freschi insieme alle fave fresche, in questo periodo dominano le nostre tavole, ne facciamo scorte soprattutto di piselli che raccolti e puliti, vengono surgelati per poi gustarne a piacere in svariate preparazioni!
Andiamo allora a vedere la ricetta!

Un abbraccio MILENA











Ingredienti:

6 carciofi
1/2 kg. di piselli freschi
1 cipolla
olio evo
sale e pepe
1 limone

per il ripieno:

2 uova
formaggio pecorino grattugiato
poco pane raffermo
prezzemolo