Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Macedonia di frutta al Moscato di Trani DOP



Eccoci al secondo appuntamento mensile della rubrica L'Italia nel piatto e...per restare in tema con la puntata precedente (Dalla vigna alla cucina...ricordate?) oggi proseguiamo presentandovi un VINO tipico di ciascuna regione, argomento davvero imperdibile ed interessante!
Vi abbiamo convinti? 
Allora mettetevi comodi e seguiteci in questo percorso enogastronomico per assaporare le nostre eccellenze, mi raccomando...portate con voi un bel calice per brindare tutti insieme e gustando un goccino però eh... per ciascuna regione ne resterete piacevolmente inebriati e sorpresi!   

Nella mia cantina troverete il Vino Moscato di Trani DOC che ho usato per aromatizzare e rendere ancora più gradevole una semplice macedonia di frutta, ma che con il tocco del Moscato è stata davvero superlativa!!!



Il Moscato di Trani, deriva da uve Moscato bianco che in zona viene chiamato Moscato di Trani o Moscato Reale e viene prodotto essenzialmente  a Trani, una cittadina costiera a nord di Bari ed in un'estesa zona limitrofa che raggruppa altri 11 comuni.
Forse è uno dei vini più antichi della nostra regione, si afferma infatti che proprio dal porto di Trani partivano i vini indirizzati alle regioni del nord. Nella zona orientale della Puglia il commercio del vino esisteva già da quando i mercanti fenici vi si affacciarono per i primi scambi commerciali con il popolo dell'antica Puglia.

E' perfetto per accompagnare i nostri tipici dolci a base di pasta di mandorle o per i dolci tradizionali di Natale come le cartellate, ottimo anche se gustato insieme alla frutta ma anche con i nostri formaggi saporiti.

Il Moscato di Trani è un vino bianco dolce, il colore è giallo dorato con un'aroma intenso caratteristico, un gusto dolce vellutato ed una gradazione di 14,5°. 

(Notizie da una guida enogastronomica)


Se noi sappiamo gustare il
vino, il pane, l'amicizia,
sappiamo anche gustare, allo
stesso modo, ogni istante della
nostra vita, nel rispetto e
nell'ascolto silenzioso dei bei 
momenti che passano.

J. Tremolières














Ingredienti:

frutta di stagione
1 bicchiere circa di vino Moscato di Trani dolce
buccia di 1 arancia tagliata a la julienne
succo di 1 arancia non trattata
succo di 1 limone non trattato
foglioline di menta fresca
2-3 cucchiai di zucchero di canna

Procedimento:

Lavare bene tutta la frutta, sgocciolare e tagliare a piccoli pezzi in una coppa, aggiungere la buccia di arancia a la julienne, lo zucchero di canna, il succo dell'arancia e del limone, il vino e parte delle foglioline di menta tritate (altre foglioline serviranno per la decorazione), rimestare il tutto e porre in frigo la coppa coperta con pellicola per almeno 1 ora prima di gustare.

Un abbraccio MILENA

Visitiamo ora le cantine delle altre regioni:

Trentino-Alto Adige:  Vellutata al vino Lagrein Kretzenhttp://www.afiammadolce.it/2014/10/vellutata-al-vino-lagrein-kretzen.html

Friuli-Venezia Giulia: Colli orientali del Friuli Picolit  DOCG

Lombardia: I vini DOC di San Colombano al Lambro

Veneto: 


Piemonte: 


Emilia Romagna: Sorbetto alla MalvasiaDOC Colli Piacentini http://zibaldoneculinario.blogspot.com/2014/10/sorbetto-alla-malvasia-doc-colli.html

Lazio: Anguilla alla marinara



Abruzzo:Il Vino Pecorino d'Abruzzo 


Umbria: Bocconcini di Mailae con Prugnole e Rubesco http://amichecucina.blogspot.com/2014/10/bocconcini-di-maiale-con-prugnole-e.html

Basilicata: NON PARTECIPA

Campania: Piedirosso Bio Igt V Campania 


Calabria:Greco di Bianco, il vino più antico d'Italia.

Sicilia: Gelatine allo Zibibbo

Sardegna:

Il nostro blog L'Italia nel Piatto http://litalianelpiatto.blogspot.it/









Commenti

  1. Ecco come trasformare una "semplice" macedonia in un dessert da favola.... che meraviglia, brava!

    RispondiElimina
  2. che delizia, super macedoniaaaaaa!!!

    RispondiElimina
  3. Ciao Milena, ogni volta che passo da te rimpiango di conoscere poco la Puglia, è una regione così bella e ricca, che devo organizzarmi presto per un viaggetto! Ti farò sapere, così mi prepari qualche prelibatezza, come questa macedonia e questo vino ;) Bacioni

    RispondiElimina
  4. Adoro i vini dolci e liquorosi. Potrei berli senza limite. Conosco bene il moscato e lo compro spesso. Hai avuto una buonissima idea per valorizzare una semplice macedonia di frutta!

    RispondiElimina
  5. Frutta e vino, che altro resta? Brava!

    RispondiElimina
  6. Fantastico il tuo post!!!! Chi non conosce il Moscato?? Poi piace a tutti!!!! Complimenti!!!!

    RispondiElimina
  7. Un'idea favolosa da portare in tavola per fare bella figura!!!

    RispondiElimina
  8. il moscato è già fruttato di suo e quell'accoppiata non può che migliorare i sapori di entrambi... sai che questo moscato lo assaggiai al Vinitay tanti anni fa ... mi colpì davvero! fantastico! un bacione!

    RispondiElimina
  9. Buonissima questa macedonia, complimenti!

    RispondiElimina
  10. La tua è proprio un'accoppiata vincente, complimenti.I vini liquorosi sono il mio tallone d'Achille. Un caro abbraccio

    RispondiElimina
  11. Che bella quella frase Mile! Almeno quanto la macedonia profumatissima che ci hai proposto!!!! I vini pugliesi sanno di buono e vero come la sua terra e...la gente vi abita!!!! Come...te! Ti mando un abbraccio forte e ti auguro Buona Domenica <3

    RispondiElimina
  12. mamma mia, questa è una signora macedonia, il sughetto della frutta con il Moscato deve essere deliziosa.
    Un bacione e buona domenica

    RispondiElimina
  13. Bellissima macedonia di frutta, con il vino moscato poi e' il max.
    A presto

    RispondiElimina
  14. Noto con piacere che la scelta per molte è ricaduta sui vini dolci...dei quali vado ghiotta...soprattutto la sera prima di andare a letto: vecchia alcolista!

    RispondiElimina
  15. E anche con questo vino andrei a nozze, i vini dolci, da fine pasto sono una vera tentazione e l'abbinamento con la frutta ci sta più che bene.
    Direi che è stato un tour inebriante, anche questa volta ! ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Merluzzo in brodetto

Ciao a tutte carissime amiche...!
Stamattina qui ...diluvio e temporali...beh....mi sa che la primavera ce la scorderemo...arriveremo all'improvviso in piena estate....siiiiii!!!  e questo cimurro e tosse che mi perseguita ancora, anche se oggi va meglio!!! vabbè resisteremo!
Oggi sono contenta perchè ho dato un piccolissimo contributo per una grandissima causa...finalmente mi è arrivato il bellissimo libro di ricette...I-Kitchen, che avevo prenotato qui, scritto da tanti di voi blogger...e a cura della grande Patrizia Bosso, che con tanto amore....pazienza e solidarità ha dedicato ai bimbi e ai ragazzi della Gulliver di Rocchetta Vara, una casa famiglia distrutta da questa tragedia!
Ricordate?
...Il 25 ottobre 2011 una pioggia violenta e interminabile flagella l'estremo Levante della Riviera Ligure.Una valanga di acqua e fango si abbatte anche sulla valle di Vara, travolgendo tutto, portando via con sè vite umane, distruggendo abitazioni, inghiottendo oggetti, ricordi, sicure…

Spaghetti con sughetto di Pelose...!

Buona serata a tutti!
Oggi un piatto tipico di mare...spaghetti con sughetto di "Pelose",  eh si...qui nella zona di Bari chiamiamo proprio così quei granchi un pò più grandi e con gli arti e le chele ricoperte di setole pelose e di colore scuro! E' molto facile trovare le pelose sulle nostre coste, ma la loro tana è solitamente una grossa buca nella roccia sott'acqua.  Da non confondere con i semplici granchi, più piccoli e di colore verdastro e che...se per caso vi trovate sdraiati sul bagnasciuga di uno scoglio li vedrete aggirarsi tranquillamente! La Pelosa si nutre di polpi...ma è anche la loro preda!
Beh...noi ci pappiamo alla grande tutti e due!
Non so se sapete della nostra passione per la pesca di polpi...e allora un giorno un cugino di mio marito ci ha fatto cosa graditissima regalandoci una bella vaschetta di Pelose vive per poter andare a pescare polpi! Ma erano davvero tanti...e allora perchè non fare un bel sughetto con qualche Pelosa?  Detto ...fatto!!…

CUCINA PUGLIESE: Piselli e carciofi ripieni

L'appuntamento di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è tutto dedicato ai prodotti e ricette primaverili, piatti leggeri, freschi e genuini.

La Puglia...terra di carciofi ma, anche piselli, fave, fagioli, lenticchie, ceci, sono prodotti di colture di antica  tradizione agricola pugliese.
La mia proposta è un piatto tipico barese, Carciofi ripieni con i piselli freschi, un binomio perfetto che unisce il sapore un po' amarognolo dei carciofi al gusto dolciastro dei piselli, insomma ne nasce un piatto davvero squisito, sano e nutriente.
I piselli freschi insieme alle fave fresche, in questo periodo dominano le nostre tavole, ne facciamo scorte soprattutto di piselli che raccolti e puliti, vengono surgelati per poi gustarne a piacere in svariate preparazioni!
Andiamo allora a vedere la ricetta!

Un abbraccio MILENA











Ingredienti:

6 carciofi
1/2 kg. di piselli freschi
1 cipolla
olio evo
sale e pepe
1 limone

per il ripieno:

2 uova
formaggio pecorino grattugiato
poco pane raffermo
prezzemolo