Passa ai contenuti principali

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici!

In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...!
Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato!
































































































































































Ingredienti:

1 kg. di amarene
1 kg. di zucchero
100 gr. di alcool

Procedimento:

Lavare e sgocciolare le amarene.
Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande.
Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente .
In frigo poi si conservano perfettamente.

Commenti

  1. Una visione decisamente celestiale tesoro..sono divine!!!Baci Imma
    P.S. Approfitto di questo post anche per segnalarti il mio nuovo contest dedicato ai dolci al cucchiaio in collaborazione con Fissler…ti aspetto!!!!

    RispondiElimina
  2. Spettacolari!
    Le amo in modo particolare, perchè mi ricordano l'infanzia, quando mia nonna le preparava...

    RispondiElimina
  3. Meraviglia!!!! mi piacerebbe poterle assaggiare!!!

    RispondiElimina
  4. meravigliose, quest'inverno farà un gran piacere aprire un barattolo i queste deliziose amarene, bcioni

    RispondiElimina
  5. ciao carissima, mamma mia cosa vedono i miei occhi, già le immagino con il gelato.....troppo buone....le faceva sempre mia mamma, da allora non le ho più mangiate.
    un bacione

    RispondiElimina
  6. Mia madre e mia zia le facevano ogni estate con le visciole (una sorta di amarene selvatiche). Ottimo anche il succo.

    RispondiElimina
  7. Mamma mia quanto sei brava!!!! Così poi in inverno puoi avere la frutta per fare i dolcetti :)
    Bacioni cara

    RispondiElimina
  8. Adoro le amarene, sarebbe davvero il massimo potermele fare da sola!!
    Mi segno immediatamente la tua ricetta!!!
    Un abbraccio Carmen

    RispondiElimina
  9. che meravigliaaaaa una vera golosita' a morireeeeeee

    RispondiElimina
  10. Le amarene sciroppate??? Che brava che sei stata, davvero una bella e utile ricetta! Bacioni

    RispondiElimina
  11. Bravissima, non è facile fare le amarene sciroppate e richiede soprattutto tanta pazienza. Complimentissimi!

    RispondiElimina
  12. Ricordo che mi avevi detto qundo le ho postate io che le avevi fatte anche tu e...ecco lo spettacolo!!!!!Sono bellissime e molto molto invitanti!!!!!La cosa meravigliosa di avere amiche come te è poter dire: l'anno prossimo provo quella della Mile!!!! Sei sempre grandiosa!!!!un bacionee

    RispondiElimina
  13. Mamma mia, che brava, fai concorrenza alla Fabbri!!!
    A presto

    RispondiElimina
  14. me ne mandi un po?? hanno un aspetto divino!!

    RispondiElimina
  15. spettacolo! quest'anno non sono stata molto attiva nella produzione di frutta sciroppata, ma sto molto lontano dai fornelli

    RispondiElimina
  16. Guarda qua la mia Dona che ha tirato fuori!!! Uno spettacolo! Avere te come vicina... e chi le acquisterebbe più!!!!

    RispondiElimina
  17. che bontà queste amarene! le adoro :) complimenti, un bacio!

    RispondiElimina
  18. Le adoro! Molto molto meglio di quelle che si acquistano :)
    Complimenti!

    RispondiElimina
  19. Una vera delizia, specialmente come le hai preparate tu, brava!Ciao

    RispondiElimina
  20. Anch'io le preparo ma senza alcol ...mi sa che devo provvedere con la tua versione!!! bacioni!

    RispondiElimina
  21. Con questa ricetta mi hai fatta torna indietro di almeno 30 anni! La nonna preparava le ciliegie sotto zucchero, non mi sembra di ricordare l'alcool, ma mi e' tornato in emmte quel sapore che nessun prodotto industriale puo' imitare! Mi vien voglia di provare la tua versione, in alternativa alle ciliegie, che frutta posso usare? A presto, Simo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho postato poco tempo fa le percoche sciroppate...ma con un procedimento diverso e senza alcool.
      baci

      Elimina
  22. Purtroppo la mia amica quest'anno non mi ha regalato le amarene..del resto non le trovo in vendita...speriamo il prossimo anno.
    Io intanto salvo la bella ricetta!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  23. Di amarene qui neanche l'ombra, sembrano estinte! Bisogna accontentarsi di quelle in conserva, ma le tue sono bellissime e immagino buonissime!

    RispondiElimina
  24. che brava! Sembrano ottime!:-) Se un giorno mi capiteranno tra le mani amarene, mi ricorderò di te e della tua ricetta!:-)

    RispondiElimina
  25. Oddio..da mangiare a cucchiaiate!

    RispondiElimina
  26. si possono usare altri tipi di ciliegie esempio i duroni? Io ho provato con solo zucchero e ciliegie all'interno di un barattolo da mettere al sole ogni giorno per 40 giorni ma ne è uscito un disastro forse con l'aggiunta di 100 g di alcool sara più facile far sciogliere lo zucchero. grazie comunque per la ricetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Eliana...le ciliege devono essere belle dure e immerse completamente nell'alcool, dai un'occhiata alle mie ciliege sotto spirito ti metto qui il link http://breakfastdadonaflor.blogspot.it/2015/05/cucina-pugliese-ciliegie-sotto-spirito.html, grazie e fammi sapere

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Merluzzo in brodetto

Ciao a tutte carissime amiche...!
Stamattina qui ...diluvio e temporali...beh....mi sa che la primavera ce la scorderemo...arriveremo all'improvviso in piena estate....siiiiii!!!  e questo cimurro e tosse che mi perseguita ancora, anche se oggi va meglio!!! vabbè resisteremo!
Oggi sono contenta perchè ho dato un piccolissimo contributo per una grandissima causa...finalmente mi è arrivato il bellissimo libro di ricette...I-Kitchen, che avevo prenotato qui, scritto da tanti di voi blogger...e a cura della grande Patrizia Bosso, che con tanto amore....pazienza e solidarità ha dedicato ai bimbi e ai ragazzi della Gulliver di Rocchetta Vara, una casa famiglia distrutta da questa tragedia!
Ricordate?
...Il 25 ottobre 2011 una pioggia violenta e interminabile flagella l'estremo Levante della Riviera Ligure.Una valanga di acqua e fango si abbatte anche sulla valle di Vara, travolgendo tutto, portando via con sè vite umane, distruggendo abitazioni, inghiottendo oggetti, ricordi, sicure…

Spaghetti con sughetto di Pelose...!

Buona serata a tutti!
Oggi un piatto tipico di mare...spaghetti con sughetto di "Pelose",  eh si...qui nella zona di Bari chiamiamo proprio così quei granchi un pò più grandi e con gli arti e le chele ricoperte di setole pelose e di colore scuro! E' molto facile trovare le pelose sulle nostre coste, ma la loro tana è solitamente una grossa buca nella roccia sott'acqua.  Da non confondere con i semplici granchi, più piccoli e di colore verdastro e che...se per caso vi trovate sdraiati sul bagnasciuga di uno scoglio li vedrete aggirarsi tranquillamente! La Pelosa si nutre di polpi...ma è anche la loro preda!
Beh...noi ci pappiamo alla grande tutti e due!
Non so se sapete della nostra passione per la pesca di polpi...e allora un giorno un cugino di mio marito ci ha fatto cosa graditissima regalandoci una bella vaschetta di Pelose vive per poter andare a pescare polpi! Ma erano davvero tanti...e allora perchè non fare un bel sughetto con qualche Pelosa?  Detto ...fatto!!…

CUCINA PUGLIESE: Piselli e carciofi ripieni

L'appuntamento di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è tutto dedicato ai prodotti e ricette primaverili, piatti leggeri, freschi e genuini.

La Puglia...terra di carciofi ma, anche piselli, fave, fagioli, lenticchie, ceci, sono prodotti di colture di antica  tradizione agricola pugliese.
La mia proposta è un piatto tipico barese, Carciofi ripieni con i piselli freschi, un binomio perfetto che unisce il sapore un po' amarognolo dei carciofi al gusto dolciastro dei piselli, insomma ne nasce un piatto davvero squisito, sano e nutriente.
I piselli freschi insieme alle fave fresche, in questo periodo dominano le nostre tavole, ne facciamo scorte soprattutto di piselli che raccolti e puliti, vengono surgelati per poi gustarne a piacere in svariate preparazioni!
Andiamo allora a vedere la ricetta!

Un abbraccio MILENA











Ingredienti:

6 carciofi
1/2 kg. di piselli freschi
1 cipolla
olio evo
sale e pepe
1 limone

per il ripieno:

2 uova
formaggio pecorino grattugiato
poco pane raffermo
prezzemolo