Passa ai contenuti principali

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici!

In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...!
Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato!
































































































































































Ingredienti:

1 kg. di amarene
1 kg. di zucchero
100 gr. di alcool

Procedimento:

Lavare e sgocciolare le amarene.
Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande.
Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente .
In frigo poi si conservano perfettamente.

Commenti

  1. Una visione decisamente celestiale tesoro..sono divine!!!Baci Imma
    P.S. Approfitto di questo post anche per segnalarti il mio nuovo contest dedicato ai dolci al cucchiaio in collaborazione con Fissler…ti aspetto!!!!

    RispondiElimina
  2. Spettacolari!
    Le amo in modo particolare, perchè mi ricordano l'infanzia, quando mia nonna le preparava...

    RispondiElimina
  3. Meraviglia!!!! mi piacerebbe poterle assaggiare!!!

    RispondiElimina
  4. meravigliose, quest'inverno farà un gran piacere aprire un barattolo i queste deliziose amarene, bcioni

    RispondiElimina
  5. ciao carissima, mamma mia cosa vedono i miei occhi, già le immagino con il gelato.....troppo buone....le faceva sempre mia mamma, da allora non le ho più mangiate.
    un bacione

    RispondiElimina
  6. Mia madre e mia zia le facevano ogni estate con le visciole (una sorta di amarene selvatiche). Ottimo anche il succo.

    RispondiElimina
  7. Mamma mia quanto sei brava!!!! Così poi in inverno puoi avere la frutta per fare i dolcetti :)
    Bacioni cara

    RispondiElimina
  8. Adoro le amarene, sarebbe davvero il massimo potermele fare da sola!!
    Mi segno immediatamente la tua ricetta!!!
    Un abbraccio Carmen

    RispondiElimina
  9. che meravigliaaaaa una vera golosita' a morireeeeeee

    RispondiElimina
  10. Le amarene sciroppate??? Che brava che sei stata, davvero una bella e utile ricetta! Bacioni

    RispondiElimina
  11. Bravissima, non è facile fare le amarene sciroppate e richiede soprattutto tanta pazienza. Complimentissimi!

    RispondiElimina
  12. Ricordo che mi avevi detto qundo le ho postate io che le avevi fatte anche tu e...ecco lo spettacolo!!!!!Sono bellissime e molto molto invitanti!!!!!La cosa meravigliosa di avere amiche come te è poter dire: l'anno prossimo provo quella della Mile!!!! Sei sempre grandiosa!!!!un bacionee

    RispondiElimina
  13. Mamma mia, che brava, fai concorrenza alla Fabbri!!!
    A presto

    RispondiElimina
  14. me ne mandi un po?? hanno un aspetto divino!!

    RispondiElimina
  15. spettacolo! quest'anno non sono stata molto attiva nella produzione di frutta sciroppata, ma sto molto lontano dai fornelli

    RispondiElimina
  16. Guarda qua la mia Dona che ha tirato fuori!!! Uno spettacolo! Avere te come vicina... e chi le acquisterebbe più!!!!

    RispondiElimina
  17. che bontà queste amarene! le adoro :) complimenti, un bacio!

    RispondiElimina
  18. Le adoro! Molto molto meglio di quelle che si acquistano :)
    Complimenti!

    RispondiElimina
  19. Una vera delizia, specialmente come le hai preparate tu, brava!Ciao

    RispondiElimina
  20. Anch'io le preparo ma senza alcol ...mi sa che devo provvedere con la tua versione!!! bacioni!

    RispondiElimina
  21. Con questa ricetta mi hai fatta torna indietro di almeno 30 anni! La nonna preparava le ciliegie sotto zucchero, non mi sembra di ricordare l'alcool, ma mi e' tornato in emmte quel sapore che nessun prodotto industriale puo' imitare! Mi vien voglia di provare la tua versione, in alternativa alle ciliegie, che frutta posso usare? A presto, Simo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho postato poco tempo fa le percoche sciroppate...ma con un procedimento diverso e senza alcool.
      baci

      Elimina
  22. Purtroppo la mia amica quest'anno non mi ha regalato le amarene..del resto non le trovo in vendita...speriamo il prossimo anno.
    Io intanto salvo la bella ricetta!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  23. Di amarene qui neanche l'ombra, sembrano estinte! Bisogna accontentarsi di quelle in conserva, ma le tue sono bellissime e immagino buonissime!

    RispondiElimina
  24. che brava! Sembrano ottime!:-) Se un giorno mi capiteranno tra le mani amarene, mi ricorderò di te e della tua ricetta!:-)

    RispondiElimina
  25. si possono usare altri tipi di ciliegie esempio i duroni? Io ho provato con solo zucchero e ciliegie all'interno di un barattolo da mettere al sole ogni giorno per 40 giorni ma ne è uscito un disastro forse con l'aggiunta di 100 g di alcool sara più facile far sciogliere lo zucchero. grazie comunque per la ricetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Eliana...le ciliege devono essere belle dure e immerse completamente nell'alcool, dai un'occhiata alle mie ciliege sotto spirito ti metto qui il link http://breakfastdadonaflor.blogspot.it/2015/05/cucina-pugliese-ciliegie-sotto-spirito.html, grazie e fammi sapere

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Fegato all'arancia

Fegato all'arancia Il fegato all'arancia è una preparazione semplice e veloce per portare a tavola un secondo gustoso e saporito. E' questo il mio contributo per la rubrica mensile dell'I talia nel piatto , questo appuntamento è dedicato alle ricette con gli ingredienti meno nobili: scarti di verdura di stagione, pane raffermo, ossa, cotiche, orecchie e zampetti di maiale, ecc..  Un abbinamento insolito per un piatto tipico regionale ma sfogliando il solito libro di Luigi Sada "La cucina pugliese" sono rimasta sorpresa dal titolo di questa ricetta in dialetto salentino " Fegatu de maiale cu lu portacalli " (portacallu - dal nome del Portogallo, da cui proviene l'albero) ovvero "Fegato di maiale con l'arancia! Il fegato lo mangio e lo adoro soprattutto se si tratta dei famosi "gnumarelli" tipici pugliesi, non sono altro che involtini di interiora  (fegato, polmone e rognone) stretti all'interno del budello dell'agnello,

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez