Passa ai contenuti principali

Orecchiette con le polpettine al forno

Orecchiette con le polpettine al forno

Il piatto della domenica e dei giorni di festa e che mette d'accordo sempre tutti, grandi e piccini!

E' questo il mio contributo per la rubrica de L'Italia nel piatto, il tema di dicembre è:    "La ricetta di casa mia", la ricetta che si tramanda in famiglia e alla quale siamo legate da ricordi!

Le orecchiette al forno sono un tipico piatto pugliese, gustoso, saporito e arricchito con le polpettine. diventa il piatto della festa e della convivialità!

Con questa ricetta è impossibile non ricordare mia nonna materna, mia madre o le mie zie, sento ancora il profumo delle loro orecchiette fatte in casa, preparate nei classici tegami di terracotta e rigorosamente cotte nel camino!                                        

Quando ci si riuniva nelle grandi tavolate delle feste era questo il piatto principe del pranzo. La sera precedente le donne di casa si riunivano per preparare tutte insieme le orecchiette, le polpettine piccole piccole e magari anche il ragù di brasciole. 

Era sempre una grande gioia per noi piccoli!

E' un piatto che preparo spesso e che i ragazzi adorano e così continua la tradizione di famiglia anche se la cottura sul fuoco del camino è sostiutita con quella del forno!









 Ingredienti per il ragù di brasciole:

  • 4 fettine di carne di cavallo (o vitello) per brasciole
  • 50 g. di lardo
  • 1,5 l. di salsa di pomodoro
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 cipolla
  • q.b. di prezzemolo
  • olio evo
  • sale
  • pepe
  • peperoncino (a piacere)
  • 1 cucchiaio di formaggio pecorino romano grattugiato per brasciola
  • q.b. divino rosso per sfumare le brasciole 

Ingredienti per le polpettine:

  • 450 g. di carne macinata misto bovino suino
  • 3 uova piccole
  • q.b. di formaggio pecorino grattugiato
  • q.b. di mollica di pane raffermo
  • sale
  • pepe
  • prezzemolo tritato
  • 1 spicchietto di aglio tritato
  • olio di semi di arachidi per friggere

Inoltre:

  • 1 kg. di orecchiette fresche
  • 350 g. di mozzarelle
  • q.b. di formaggio pecorino romano grattugiato

Procedimento per il ragù 

  1. Disporre su ogni fetta di carne un trito di aglio e prezzemolo, un pezzettino di lardo, un cucchiaio di pecorino grattugiato, un pizzico di sale e pepe, arrotolare per formare un involtino e chiudere con filo da cucina o con stuzzicadenti per velocizzare.
  2. In un tegame far soffriggere lentamente in olio evo la cipolla affettata, aggiungere poi le brasciole e far rosolare bene da tutte le parti, sfumare con vino rosso , far evaporare e dopo circa mezz'ora aggiungere la salsa di pomodoro e il peperoncino. Far cuocere per almeno 2 o 3 ore o fino a quando le brasciole risulteranno ben cotte.

Procedimento per le polpettine

  1. In una coppa mettere le uova, prezzemolo e aglio tritato, un pizzico di sale e pepe, pecorino romano grattuggiato, un po' di mollica di pane raffermo bgnato con acqua e poi strizzato, infine il macinato di carne.
  2. Mescolare il tutto e regolarsi per la consistenza, l'impasto non deve risultare troppo sodo ne troppo morbido. 
  3. Procedere preparando le polpettine, una volta tutte pronte si possono friggere per qualche minuto in padella con olio di semi. 
  4. Far scolare le polpettine dall'olio eccessivo e mettere da parte. 

Procedimento per le orecchiette al forno:

  1. Lessare le orecchiette in abbondante acqua salata, scolarle al dente e condirle con un po di salsa.
  2. In un tegame versare uno strato di salsa del ragù di brasciole, poi metà delle orecchiette, condire con formaggio grattugiato, mozzarrella stracciata, quasi tutte le polpettine e condire ancora con uno strato di salsa, livellare con un cucchiaio di legno, aggiungere l'altra metà di orecchiette, condire ancora con formaggio, il resto delle polpettine e infine uno strato di salsa.
  3. Infornare a 230° per circa mezz'ora o fino a quando si forma una crosticina.

NOTE

Per accorciare i tempi di preparazione si possono preparare il ragù e le polpettine fritte la sera precedente, il giorno seguente sarà molto più veloce e semplice assemblare il tegame di orecchiette al forno.

Qui di seguito i link dellle ricette delle altre rappresentanti  regionali:

Valle d'Aosta: Crostata di mele e confettura di more con frolla allo yogurt 


Liguria: Focaccia con le cipolle https://arbanelladibasilico.blogspot.com/2022/12/focaccia-con-le-cipolle-per-litalia-nel.html 

 

Lombardia. Risotto verza e salsiccia https://www.pensieriepasticci.it/2022/12/risotto-verza-e-salsiccia.html 

 

Trentino-Alto Adige: Canederli alle erbe aromatiche
https://profumiecolori.blogspot.com/2022/12/canederli-alle-erbe-aromatiche.html

 

Veneto: Faraona arrosto al limone https://www.ilfiordicappero.com/2022/12/faraona-arrosto-al-limone

  

Emilia-Romagna  Dolce rifugio https://zibaldoneculinario.blogspot.com/2022/12/dolce-rifugio-il-dolce-freddo.html 

 

Toscana. Polenta pasticciata alla toscana https://acquacottaf.blogspot.com/2022/12/polenta-pasticciata-alla-toscana.html

 

Umbria. Cappelletti umbri https://www.dueamicheincucina.it/2022/12/cappelletti-umbri-ricetta-per-farli-in-casa.html 

 

Marche. Zuppa inglese

https://www.forchettaepennello.com/2022/12/zuppa-inglese-il-dolce-della-tradizione.htm

 

Abruzzo. Cannelloni di scrippelle al ragù: la ricetta di casa mia  https://unamericanatragliorsi.com/2022/12/cannelloni-di-scrippelle-al-ragu-la-ricetta-di-casa-mia.html/ 

 

Molise. Le mie cozze ripiene alla termolese

https://tartetatina.it/2022/12/02/le-mie-cozze-ripiene-alla-termolese/

 

Campania. Sciuscelle al pomodoro https://fusillialtegamino.blogspot.com/2022/12/la-ricetta-di-casa-mia-sciuscelle-al.html 

 

Puglia. Orecchiette con le polpettine al forno  https://breakfastdadonaflor.blogspot.com/2022/12/orecchiette-con-le-polpettine-al-forno.html               

 

Basilicata. Le orecchiette

https://www.quellalucinanellacucina.it/come-fare-le-orecchiette-la-ricetta-originale-lucana/  


Calabria. Vrascioli di carne di casa mia https://ilmondodirina.blogspot.com/2022/12/vrascioli-e-carni-di-casa-mia.html 

 

Sicilia. Carciofi Fritti alla Siciliana

https://www.profumodisicilia.net/2022/12/02/carciofi-fritti-alla-siciliana/ 

 

Sardegna. Involtini di verza della nonna alla sarda https://dolcitentazionidautore.blogspot.com/2022/11/involtini-di-verza-della-nonna-alla.html 

 

Pagina Facebook: www.facebook.com/LItaliaNelPiatto

Instagram: @italianelpiatto. https://www.instagram.com/italianelpiatto/













Commenti

  1. Quasi quasi....provo a farle per Natale! Che meraviglia, e che fame mi sta venendo, mmmmmm.....

    RispondiElimina
  2. Un piatto fantastico, da provare quanto prima!
    Baci,
    Mary

    RispondiElimina
  3. Bellissima ricetta e concordo...assolutamente da provare.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

Fegato all'arancia

Fegato all'arancia Il fegato all'arancia è una preparazione semplice e veloce per portare a tavola un secondo gustoso e saporito. E' questo il mio contributo per la rubrica mensile dell'I talia nel piatto , questo appuntamento è dedicato alle ricette con gli ingredienti meno nobili: scarti di verdura di stagione, pane raffermo, ossa, cotiche, orecchie e zampetti di maiale, ecc..  Un abbinamento insolito per un piatto tipico regionale ma sfogliando il solito libro di Luigi Sada "La cucina pugliese" sono rimasta sorpresa dal titolo di questa ricetta in dialetto salentino " Fegatu de maiale cu lu portacalli " (portacallu - dal nome del Portogallo, da cui proviene l'albero) ovvero "Fegato di maiale con l'arancia! Il fegato lo mangio e lo adoro soprattutto se si tratta dei famosi "gnumarelli" tipici pugliesi, non sono altro che involtini di interiora  (fegato, polmone e rognone) stretti all'interno del budello dell'agnello,

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez