Passa ai contenuti principali

Polpette di carne al sugo

Le polpette di carne al sugo, un piatto tipico pugliese a cui è impossibile resistere, piacciono sempre a tutti, grandi e piccini!

Un tempo le polpette di carne erano un lusso, la carne era destinata forse solo a un giorno della settimana e quindi era il piatto ricco della domenica!

Una ricetta semplice che, con pochi ingredienti ma di qualità, riesce a soddisfare il gusto di tutta la famiglia!

La peculiarità delle polpette al sugo è che, con poca fatica, si ottiene un pranzo completo, infatti se si condiscono delle ottime orecchiette (o altra pasta a piacere) con il sugo delle polpette si ottiene un primo e un secondo con un'unica ricetta! 

Le polpette di carne sono ottime anche solo semplicemente fritte, una tira l'altra, saranno un ottimo secondo magari accompagnate da una salutare e ricca insalata!









Ingredienti per le polpette

  • 300 g. di carne macinata di vitello o mista vitello e maiale
  • 2 uova piccole
  • q.b. prezzemolo tritato
  • q.b. formaggio pecorino grattugiato
  • q.b. pangrattao o mollica di pane bagnato e poi strizzato
  • sale
  • pepe
  • 1 spicchietto di aglio tritato
  • olio evo o di semi di arachidi per friggere

Ingredienti per il sugo

  • 700 ml. di salsa di pomodoro
  • 1 cipolla
  • sale 
  • qualche foglia di basilico (a piacere)

Procedimento

Preparare prima il sugo. In una pentola far soffriggere la cipolla tritata, versare poi la salsa di pomodoro che non deve essere molto densa poichè le polpette assorbiranno un po' del sugo, salare, aggiungere qualche foglia di basilico e far cuocere.

Nel frattempo preparare le polpette.

In una coppa sbattere le uova, aggiungere prezzemolo, aglio tritato, pepe e sale q.b., aggiungere la carne macinata, il formaggio grattugiato, mescolare il tutto, poi unite anche il pangrattato oppure la mollica di pane bagnato con un po' di latte o acqua e strizzata bene. Regolarsi per la consistenza, l'impasto non deve risultare troppo sodo ne troppo morbido, deve avere la giusta consistenza per poter poi formare le polpette belle compatte.

Una volta pronte le polpette mettere a scaldare l'olio evo o di semi in una padella, calare le polpette e friggerle per qualche minuto giusto il tempo per formare la crosticina, scolarle e versarle nella pentola del sugo e far cuocere ancora 15 minuti circa fino a cottura.

P.s.: si possono servire le polpette anche semplicemente fritte, basta solo prolungare la cottura nell'olio di frittura.



Qui di seguito trovate i link delle ricette a base di polpette delle altre rappresentanti regionali:



Commenti

  1. Sono pronta anche per il tuo assaggio, Milena, un abbraccio :)

    RispondiElimina
  2. Io le spazzolerei via tutte già così, fritte... figurarsi con il sugo e conseguente scarpetta!!!

    RispondiElimina
  3. Una vera tentazione! La scarpetta ci sta tutta ;)
    Un bacio

    RispondiElimina
  4. Un piatto di polpette così porta la gioia in tavola
    Grazie Manu

    RispondiElimina
  5. Il piatto dell'infanzia, dei ricordi, dei pranzi dai nonni e di mille altri battiti di cuore!!! Un abbraccio La

    RispondiElimina
  6. Hai proprio ragione: è difficile resistere! Non ti nascondo che fossi stata lì con te mentre le preparavi, qualcuna l'avrei gustata di straforo anche previo sughetto!

    RispondiElimina
  7. Che scorpacciata mi farei con le tue polpette, fritte o al pomodoro non importa, sono buonissime! un abbraccio

    RispondiElimina
  8. ottime in entrambi le versioni, come si fa a dire no?

    RispondiElimina
  9. Anche io spesso seguo la tradizione molisana di fare le polpettine nel sugo che poi serve a condire la pasta. Che bontà!

    RispondiElimina
  10. La pasta condita con il sugo di polpette è mitica!!!! A me piaceva mangiarne sempre una direttamente con la pasta, il resto delle polpette invece andava come secondo.

    RispondiElimina
  11. Ambien is a hypnotic sleep aid drug. Ambien 5mg Buy Online This medication is a non-benzodiazepine that is a family of controlled hypnotics.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez

Pizza con capocollo di Martina Franca, pomodori secchi e rucola

La puntata di oggi de L'Italia nel piatto è dedicata ad uno dei cibi più amati dagli italiani e anche dagli stranieri:  la pizza ,  un semplice impasto di farina lievito e acqua e che, appiattita e condita anche solo con pomodoro, mozzarella e basilico rende unica e allegra una serata in pizzeria fra amici o a casa in famiglia.  Originaria della cucina napoletana, la pizza ha conquistato i gusti a livello internazionale. La più famosa è la pizza Margherita , che nel 1889 il cuoco, Raffaele Esposito  preparò per onorare la regina d'Italia Margherita di Savoia e che condì con pomodoro, mozzarella e basilico, a rappresentare i colori della bandiera italiana, ma la storia della pizza è lunga e incerta. Ogni rappresentante regionale presenterà una pizza con i propri prodotti tipici e tradizionali del territorio. Per la Puglia ho pensato di proporre una pizza con uno dei salumi tradizionali pugliesi e più apprezzati a livello internazionale: il capocollo di Martina Franca. Pe