Passa ai contenuti principali

Capriata martinese

CAPRIATA MARTINESE

La Capriata martinese è un piatto a base di purè di fave condite con lampascioni lessi e pangrattato soffritto, una ricetta tipica della zona di Martina Franca.

Ci si innamora  della Puglia, oltre che per l'incanto dei suoi luoghi, per la sua storia, per le sue secolari tradizioni, anche per il semplice gusto del suo cibo, piatti poveri ma capaci di conquistare anche il più raffinato dei palati.

Il purè di fave o "fave bianche" è uno dei piatti più comuni e gustosi della cucina tipica pugliese

E' nato come il piatto dei meno abbienti, delle famiglie di modeste condizioni economiche, per chi non poteva permettersi di alimentarsi con cibi più elaborati e costosi, ma era comunque un piatto che con l'aggiunta di verdure e fette di pane, costituiva il pasto unico e riusciva a saziare con gusto il contadino che tornava stanco dalle fatiche dei lavori in campagna. .Un tempo le fave ci cuocevano vicino al fuoco del camino e nella classica pignata di terracotta, ideale per la cottura dei legumi ma anche della carne.. 

Il purè di fave, ricco di proteine, si può gustare  con solo pane raffermo tostato o accompagnato da cicorielle selvatiche o cipolla rossa cruda o peperoni fritti o lampascioni ma è ottimo anche per condire le famose orecchiette..     

Con il tempo, questo piatto è riuscito a conquistare tutti, tanto che ormai lo troviamo nei menù dei più rinomati ristoranti e trattorie della Puglia..

La fava è una leguminosa da sempre coltivata in Puglia, anche perchè migliora il terreno e lo arricchisce in azoto.. I baccelli si essiccano e poi si trebbiano per recuperare i semi che a loro volta si essiccano bene al sole e all'occorrenza si ripuliscono dal guscio.




Origine del nome Capriata 

Il nome Capriata che in alcune zone della Puglia viene chiamato 'Ncapriata deriva dal latino "caporidia" adattamento del greco "kapyridia" ad indicare una specie di focaccia o polenta di grano pestato . Forse la purea di fave è stata una trasformazione di quel lontano piatto nato  dai primi esperimenti dell'arte e tecnica del cucinare. dell'uomo.. 


Un piatto del passato: è questo il tema de L'Italia nel piatto che questo mese ci porterà alla scoperta  della cucina povera di chi andava nei campi e nei mari, i piatti che richiamano la semplicità e la penuria di un tempo.. e che sanno di cose buone e genuine. i piatti che, con pochi ingredienti, costituivano spesso il pasto unico della giornata.. 

Per la Puglia ho pensato di preparare appunto la Capriata martinese, un piatto semplice, gustoso,  la dolcezza delle fave si armonizza perfettamente con il sapore amarognolo dei lampascioni, cipollette (non hanno niente a che vedere come sapore con la classica cipolla) che crescono spontanee soprattutto nella nostra regione nei terreni del Subappennino dauno, calcarei e rossi. 





Ingredienti

350 g. di fave bianche
400 g. di lampascioni
2 spicchi di aglio
q.b. di olio evo
q.b. sale
q.b. pepe
q.b. pangrattato

Procedimento

  • Lavare le fave sotto acqua corrente e mettere in un tegame (l'ideale sarebbe metterle nel pignatello di terracotta) coperte di acqua a cuocere su fiamma bassissima, eliminare la schiumetta che comincerà a formarsi ed aggiungere gli spicchi di aglio e un filo di olio evo. Far cuocere con coperchio lentamente, sempre a fuoco basso avendo cura di rimestare ogni tanto. Quando le fave cominceranno a sfaldarsi frullare con un mestolo di legno tenuto tra i due palmi della mano e portare a cottura, sempre rimestando ogni tanto per non far attaccare al fondo del tegame e fino a formare un purè. Verso la mezza cottura aggiungere poco sale, ed  eventualmente un mestolino di acqua se si dovesse asciugare.
  • Nel frattempo pulire i lampascioni eliminando il terriccio attaccato ai bulbi e togliendo le prime foglie come quando si puliscono le cipolle, lavare poi ripetutamente i lampascioni e mettere a scolare. Mettere sul fuoco un tegame con acqua, quando l'acqua bolle versare i lampascioni, salare e portare a cottura. In meno di un'ora saranno cotti, fare la prova con la forchetta, se si riesce ad infilzarli saranno cotti. Scolarli e metterli in una coppetta, condirli con un filo di olio evo e una spolverata di pepe.
  • In un altro tegamino mettere un  filo di olio evo, portare sul gas a fiamma moderata e versare il pangrattato, far soffriggere girando di continuo, quando è bello dorato spegnere il gas.
  • Impiattare facendo prima un letto di purè di fave condite con olio evo, adagiare sopra i lampascioni, poi spolverare di pangrattato soffritto.


Qui di seguito i contributi delle altre rappresentanti regionali:

Valle d’Aosta: Frittata alpina “fritò de montagne” https://www.delizieeconfidenze.com/2021/04/frittata-alpina-frito-de-montagne.html

Trentino-Alto Adige: Bro Brusà o Zuppa di farina abbrustolita
Basilicata: L'acquasale dei pastori: ricetta povera della cucina lucana https://www.quellalucinanellacucina.it/acquasale-dei-pastori-ricetta-povera-della-cucina-lucana

Commenti

  1. Un piatto molto gustoso. Qui purtroppo non è facile trovare i lampascioni che pure mi piacciono, mi accontento di guardare... buona Pasqua!

    RispondiElimina
  2. Che bel piatto, molto gustoso!
    Buona Pasqua.

    RispondiElimina
  3. Hai proprio ragione: della Puglia ci si innamora per tante cose, anche per i sapori della sua cucina!
    E questo piatto ne è l'esempio lampante: alla sola vista, sa di buono, trasmette quella semplicità negli ingredienti che assicurano però bontà, gusto tondo, sapore ricco.
    Mi piace molto, e peccato non averne gustato un piatto nelle mie molte visite nella tua bella regione!

    RispondiElimina
  4. Cosa darei per poterlo assaggiare. In questo piatto c'è tutto il buono di una cucina semplice ma gustosa di una volta. Buona Pasquetta

    RispondiElimina
  5. Deve essere delizioso, sai che non ho mai assaggiato le fave bianche?
    Anche se in ritardo, tantissimi auguri di Buona Pasqua

    RispondiElimina
  6. un piatto da leccarsi i baffi! e che belle foto!

    RispondiElimina
  7. I piatti semplici e speciali della Puglia!!!
    ciao
    elisa

    RispondiElimina
  8. Ti giuro viene voglia di affondare il cucchiaio e di gustarsi questo piatto, che immagino abbia un sapore eccellente! Semplice si, ma bello e molto invitante! Complimenti per questa ricetta, un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Salve signora e signore
    L'onestà e la sincerità sono le due cose che mancano ai siti. Sono Simon Durochefort e offro finanziamenti a persone serie che probabilmente mi ripagheranno bene ad un tasso di interesse del 3% annuo. I miei termini di prestito sono molto chiari e diretti. Contattami per maggiori informazioni:

    E-mail: simondurochefort@gmail.com

    Whatsapp: +33752366330

    RispondiElimina
  10. Harrah's Cherokee Casino & Hotel - Mapyro
    Harrah's Cherokee Casino & Hotel is 구미 출장마사지 a Native American casino in the heart of the Great 보령 출장샵 Smoky Mountains 출장마사지 of Western North Carolina. The casino is open daily 김포 출장마사지 24 밀양 출장마사지 hours

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

Fegato all'arancia

Fegato all'arancia Il fegato all'arancia è una preparazione semplice e veloce per portare a tavola un secondo gustoso e saporito. E' questo il mio contributo per la rubrica mensile dell'I talia nel piatto , questo appuntamento è dedicato alle ricette con gli ingredienti meno nobili: scarti di verdura di stagione, pane raffermo, ossa, cotiche, orecchie e zampetti di maiale, ecc..  Un abbinamento insolito per un piatto tipico regionale ma sfogliando il solito libro di Luigi Sada "La cucina pugliese" sono rimasta sorpresa dal titolo di questa ricetta in dialetto salentino " Fegatu de maiale cu lu portacalli " (portacallu - dal nome del Portogallo, da cui proviene l'albero) ovvero "Fegato di maiale con l'arancia! Il fegato lo mangio e lo adoro soprattutto se si tratta dei famosi "gnumarelli" tipici pugliesi, non sono altro che involtini di interiora  (fegato, polmone e rognone) stretti all'interno del budello dell'agnello,

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez