Passa ai contenuti principali

Cavolo verde stufato

Cavolo verde stufato, saporitissimo piatto tipico del periodo autunno-invernale, una ricetta semplice, facile, veloce e ricca di gusto.

Un piatto che, accompagnato da ottimo pane casereccio tipo quello di Altamura, trasforma benissimo un pranzo o una cena in un pasto completo.

E' questa la mia proposta pugliese per il tema mensile "Mangiamo frutta e verdura di stagione?" de L'Italia nel piatto.

                   Cavolo verde stufato

I cavoli, nella cucina pugliese, li troviamo anche come primo piatto abbinati alle famose orecchiette, oppure ottimi fritti, oltre che stufati con le olive!

Il cavolfiore verde  ha la "testa" medio grossa, compatta, pesante e di un colore verde brillante. Le piante sono vigorose, uniformi e coprono le teste proteggendole dal freddo, hanno un sapore eccellente.
E che dire del valore biologico e delle virtù terapeutiche di questo ortaggio? Cento grammi di cavolo assicurano all'organismo circa 36 calorie tra glicidi, proteine e zuccheri. Fra le vitamine quelle del gruppo B e dosi maggiori di A, D, E, H. Nel cavolo si annidano anche tutti i sali minerali utili all'organismo ed è indicato per combattere l'anemia.








Ingredienti

1 cavolo verde
7/8 pomodorini
una manciata di olive
1 cipolla
olive denocciolate
olio evo
sale
peperoncino (a piacere) o pepe

Procedimento

  • Tagliare il cavolo in tante cimette
  • Lavare ripetutamente sotto acqua corrente e mettere a scolare
  • In un tegame mettere l'olio, la cipolla tritata, le cimette di cavolo, i pomodorini tagliuzzati e le olive, a piacere pepe o peperoncino.
  • Portare sul fuoco e far stufare a tegame coperto per circa 30 minuti. Eventualmente a metà cottura aggiungere un filo di acqua se si dovesse asciugare troppo.


Qui di seguito trovate i link delle altre ricette regionali:

Trentino-Alto Adige : La mela - anima di due Strudel
https://profumiecolori.blogspot.com/2020/10/la-mela-anima-di-due-strudel.html
Friuli Venezia Giulia: Zuf di coce - crema di zucca friulana
https://www.blogthatsamore.it/2020/10/zuf-di-coce-crema-di-zucca-friulana.html
Basilicata: Patate e funghi cardoncelli al forno https://www.quellalucinanellacucina.it/patate-e-funghi-cardoncelli/

Commenti

  1. Un piatto semplice ma molto invitante, io amo le verdure in tutte le loro espressioni
    Grazie un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Ciao Milena, in effetti è molto appetitoso questo piatto! Buona domenica :)

    RispondiElimina
  3. Semplice e salutare. Piace anche a me cucinato in questo modo.

    RispondiElimina
  4. Un contorno semplice ma gustoso! Mi segno la ricetta :)

    RispondiElimina
  5. Quanto mi garba il cavolo verde e quanto mi garba la ricetta che proponi! :)

    RispondiElimina
  6. Un contorno stuzzicante e delizioso! Anch'io mi segno la ricetta!
    Baci,
    Mary

    RispondiElimina
  7. Sono questi i piatti che preferisco, semplici ma appetitosi.

    RispondiElimina
  8. Una ricetta semplice ma piena di gusto! MI piace molto!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Un'altra bella ricetta per cucinare il cavolo! Bella e buona!

    RispondiElimina
  10. Un contorno appetitoso che non manca mai in inverno sulla mia tavola!
    Ciaooo

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Merluzzo in brodetto

Ciao a tutte carissime amiche...! Stamattina qui ...diluvio e temporali...beh....mi sa che la primavera ce la scorderemo...arriveremo all'improvviso in piena estate....siiiiii!!!  e questo cimurro e tosse che mi perseguita ancora, anche se oggi va meglio!!! vabbè resisteremo! Oggi sono contenta perchè ho dato un piccolissimo contributo per una grandissima causa...finalmente mi è arrivato il bellissimo libro di ricette...I-Kitchen, che avevo prenotato qui , scritto da tanti di voi blogger...e a cura della grande Patrizia Bosso, che con tanto amore....pazienza e solidarità ha dedicato ai bimbi e ai ragazzi della Gulliver di Rocchetta Vara, una casa famiglia distrutta da questa tragedia! Ricordate? ...Il 25 ottobre 2011 una pioggia violenta e interminabile flagella l'estremo Levante della Riviera Ligure.Una valanga di acqua e fango si abbatte anche sulla valle di Vara, travolgendo tutto, portando via con sè vite umane, distruggendo abitazioni, inghiottendo oggetti, ricordi, si

Spaghetti con sughetto di Pelose...!

Buona serata a tutti! Oggi un piatto tipico di mare...spaghetti con sughetto di "Pelose",  eh si...qui nella zona di Bari chiamiamo proprio così quei granchi un pò più grandi e con gli arti e le chele ricoperte di setole pelose e di colore scuro! E' molto facile trovare le pelose sulle nostre coste, ma la loro tana è solitamente una grossa buca nella roccia sott'acqua.  Da non confondere con i semplici granchi, più piccoli e di colore verdastro e che...se per caso vi trovate sdraiati sul bagnasciuga di uno scoglio li vedrete aggirarsi tranquillamente! La Pelosa si nutre di polpi...ma è anche la loro preda! Beh...noi ci pappiamo alla grande tutti e due! Non so se sapete della nostra passione per la pesca di polpi...e allora un giorno un cugino di mio marito ci ha fatto cosa graditissima regalandoci una bella vaschetta di Pelose vive per poter andare a pescare polpi! Ma erano davvero tanti...e allora perchè non fare un bel sughetto con qualche Pelosa?  Detto ...fatto

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia