Passa ai contenuti principali

Pizzi leccesi

Il cibo di strada più amato dai pugliesi e soprattutto dai baresi è sicuramente la famosa “focaccia”, eccellenza della gastronomia tipica, oltre a panzerotti, sgagliozze e popizze.
  
I “Pizzi leccesi” o pucce alla pizzaiola  sono invece dei piccoli panini molto popolari nel leccese e in tutto il Salento, simili alle classiche pucce con la differenza dell’impasto arricchito di verdure oltre che dalle tipiche olive nere “Celline” come le classiche pucce.
Passeggiando per le vie cittadine si resta estasiati dal profumo emanato dai tanti panifici che sfornano pizzi oltre ad altri prodotti da forno!
Impossibile non fermarsi a gustare queste specialità!

I Pizzi leccesi o pucce alla pizzaiola


Sono preparati con una pasta lievitata e un condimento a base di cipolle, pomodorini, capperi, olive nere, peperoncino.
In origine erano preparati dai contadini per essere consumati durante la pausa del lavoro nei campi, un cibo povero ma ricco di gusto.


Per la rubrica L’Italia nel piatto questo mese vi racconteremo lo street food italiano.
Ogni regione della nostra Italia è caratterizzata  da un cibo di strada
Un viaggio itinerante, da nord a sud, ci porterà alla scoperta dei sapori e dei profumi autentici della cucina tipica italiana.
















Ingredienti

150 g. di farina 0
150 g. di semola rimacinata
200 ml. circa di acqua
8 g. di lievito di birra
1 cucchiaino di zucchero o miele
1 cucchiaino di sale fino

Inoltre per il sughetto alla pizzaiola:

6-7 pomodorini ciliegini
2 cipolle medie bianche
olio evo q.b.
1 pizzico di sale
1 cucchiaio di capperi
olive nere (Celline o altra qualità))
peperoncino (a piacere)

Procedimento


  1. In una coppa miscelare la farina e la semola, fare la fontana, a parte sciogliere in poca acqua tiepida il lievito e aggiungerlo al centro della fontana con lo zucchero, ai bordi della farina aggiungere il cucchiaino di sale fino, cominciare ad impastare aggiungendo man mano l'acqua, trasferire sulla spianatoia e lavorare bene fino a rendere l'impasto liscio.                                                                                                                                   
  2. Trasferire l'impasto in una coppa, coprire con pellicola e mettere a lievitare fino al raddoppio nel forno spento, ci vorranno circa 2 ore.                                                                                                                                                       
  3. Nel frattempo preparare il sughetto: in una padella far dorare le cipolle affettate con olio evo,  aggiungere i pomodorini ridotti a pezzettini, un pizzico di sale, i capperi e a piacere un po' di peperoncino, portare a cottura e spegnere il fuoco, alla fine aggiungere le olive snocciolate. Far raffreddare.                                                                                                        
  4. Prendere l'impasto lievitato, allargarlo sulla spianatoia e mettere al centro il sughetto con le cipolle, cominciare ad impastare fino ad amalgamare tuttp il sughetto, l'impasto risulterà olioso e scivoloso, è normale.                                                                                                                                                         
  5. Formare i panetti prendendo poco impasto alla volta, aiutarsi con le mani infarinate, non importa se hanno una forma irregolare, adagiarli sulla teglia ricoperta con carta forno infarinata e far riprendere la lievitazione per una ventina di minuti.                                                                                               
  6. Infornare a 200° per circa 40 minuti e fino a doratura.           

Scopriamo insieme le ricette delle altre rappresentanti regionali:

Piemonte: Agnolotti Fritti alla Piemontese - Street Food per l'Italia nel Piatto https://www.lacascatadeisapori.it/agnolotti-fritti-alla-piemontese-street-food-per-litalia-nel-piatto/
Friuli-Venezia-Giulia: Polenta fritta
https://www.blogthatsamore.it/2020/06/polenta-fritta.html



Commenti

  1. Ecco le pucce di cui ho sentito parlare, sono buonissime! Un abbraccio Mile, a presto :)

    RispondiElimina
  2. così condite devono essere superlative... ma le proverò presto, sono ideali anche come aperitivo per una serata tra amici! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Squisite, appetitose e gustose ^_^
    Mi sembra di sentire il profumo.
    Un bacio

    RispondiElimina
  4. Ecco! Questi li conosco bene perché li prendo ogni volta che siamo giù al mare. Non sapevo si chiamassero così ma di sicuro so che sono buonissimi.

    RispondiElimina
  5. sono bellissimi, che meraviglia vedere quell'impasto morbido pieno di condimento!!! Una vera prelibatezza! un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Che delizia i tuoi pizzi leccesi Milena! Quante meraviglie in Italia...Sto scoprendo cibi straordinari!
    Baci,
    Mary

    RispondiElimina
  7. Ma che meraviglia è questa! Super golosa, da provare assolutamente!

    RispondiElimina
  8. Li ho conosciuti in una vacanza in Puglia, e sono di un buono pazzesco! Mi hai fatto venire una voglia di replicarli e di tornare da voi!!

    RispondiElimina
  9. Mi dispiace proprio di non averli assaggiati l'estate scorsa. Adoro le olive!

    RispondiElimina
  10. Che buone! Ora non devo più aspettare di assaggiarle solo sul posto! Grazieeee

    RispondiElimina
  11. Di questo potrei mangiarne all'infinito, Milena che bontà

    baci

    RispondiElimina
  12. Digital security is one of the most critical things in the modern world. Hackers and spammers are continually keeping a vicious eye on your sensitive data that can be used to threaten the safety and security of your personal and professional life. To avoid any unauthorized access to your system and unwanted use of your data, you should make every possible effort to keep your system secured, and McAfee Antivirus is the best solution for that. You can get this reliable antivirus by visiting Mcafee.com/activate, and it will start protecting your device against viruses, malware, phishing, and every possible digital element that can threaten the safety and functioning of your system. McAfee Antivirus is compatible with all the leading operating systems, including Windows, macOS, Linux, and Android. For more information, please visit Mcafee.com/activate.
    Mcafee.com/activate | Mcafee.com/activate | Mcafee.com/activate

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

Fegato all'arancia

Fegato all'arancia Il fegato all'arancia è una preparazione semplice e veloce per portare a tavola un secondo gustoso e saporito. E' questo il mio contributo per la rubrica mensile dell'I talia nel piatto , questo appuntamento è dedicato alle ricette con gli ingredienti meno nobili: scarti di verdura di stagione, pane raffermo, ossa, cotiche, orecchie e zampetti di maiale, ecc..  Un abbinamento insolito per un piatto tipico regionale ma sfogliando il solito libro di Luigi Sada "La cucina pugliese" sono rimasta sorpresa dal titolo di questa ricetta in dialetto salentino " Fegatu de maiale cu lu portacalli " (portacallu - dal nome del Portogallo, da cui proviene l'albero) ovvero "Fegato di maiale con l'arancia! Il fegato lo mangio e lo adoro soprattutto se si tratta dei famosi "gnumarelli" tipici pugliesi, non sono altro che involtini di interiora  (fegato, polmone e rognone) stretti all'interno del budello dell'agnello,

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez