Passa ai contenuti principali

La Faldacchea di Turi

In Puglia, l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi! 
Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del "Si, lo voglio"!



"Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni! 

La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona! 
Oggi la Puglia offre bellissime soluzioni per il ricevimento nuziale e per festeggiare in compagnia di amici e parenti: stupende masserie di pietra tipiche pugliesi  immerse nelle campagne di ulivi secolari, spiagge o ville sul mare azzurro, castelli con panorami meravigliosi!

Insomma è tutto un pullulare di preparativi, di gioia e allegria per rendere indimenticabile ed unico il fatidico giorno!

                                     ---------------------------
Ai vecchi tempi i matrimoni si festeggiavano in casa con pranzi nettamente più semplici di oggi, ma i dolci...beh i dolci non mancavano!
Alla fine del pranzo o della cena, al momento dei saluti, gli sposi, insieme alla bomboniera, usano tutt'oggi regalare ai parenti ed amici, anche un vassoietto di dolcetti di pasta di mandorle!


La Faldacchea di Turi




Per il tema de L'Italia nel piatto con il titolo "Il piatto degli sposi", antiche usanze gastronomiche per il pranzo del matrimonio, ho pensato di proporre per la Puglia la "Faldacchea di Turi" o "Dolce della sposa", tipici dolcetti, raffinati ed eleganti, di pasta di mandorle,  preparati soprattutto per i matrimoni, ma che oggi vengono offerti anche per altri eventi come battesimi, comunioni, lauree ecc.

Sono degli scrigni di pasta di mandorla con un ripieno goloso   di amarena sciroppata e pezzi di pan di spagna bagnati di Alchermes, ricoperti poi di cioccolato e poi decorati con ghirigori vari, spesso per i matrimoni vengono incise, sempre con il cioccolato fuso, le iniziali degli sposi. Le mandorle usate per la preparazione della Faldacchea sono quelle pugliesi, saporitissime, pastose e perfette per essere utilizzate in pasticceria. 
Per le dosi poi, come tante ricette antiche, ogni famiglia le diversifica, c'è chi mette più o meno zucchero, o più uova o chi usa pezzi di savoiardi al posto del pan di spagna, ecc.
In origine la faldacchea era ricoperta con glassa di zucchero, oggi sostituita sempre più frequentemente con cioccolato bianco, più delicato.
Questi dolcetti sono delle chicche che si sciolgono in bocca, restanno umide e morbidissime perché l'impasto viene cotto sul fuoco a differenza delle classiche paste di mandorle che sono più secche e dure perché vengono cotte nel forno. 

Ringrazio di cuore la mia cara amica Annetta di Turi per avermi dato la ricetta, molto dettagliata e direi perfetta, buonissima, (forse la prossima volta metterò solo un po' meno zucchero), il procedimento un pò lunghetto per i tempi di attesa, ma di facile esecuzione, l'unica cosa per cui ho perso tempo sono stati i ghirigori come decorazione, comunque come prima volta sono molto soddisfatta! 


Cenni storici sulle origini della Faldacchea di Turi

Agli inizi del '900, nel soppresso Monastero delle Clarisse di Cassano, le suore gestivano dei laboratori per giovani ragazze dei paesi vicini, dedicandosi ai bisognosi. Qui arrivò una giovane turese che, durante la sua permanenza nel Monastero per buona parte della sua adolescenza, sviluppò insieme alle suore la ricetta della Faldacchea. 
Tornata nel suo paese di origine a Turi, insegnò alle sue concittadine l'arte pasticcera che aveva appreso nel convento. 
Ed è a Turi che sono poi nati i laboratori specializzati nella preparazione della famosa Faldacchea.

Turi, chiamato "Ture" in dialetto del posto, è una cittadina che sorge a 30 km. dal capoluogo pugliese. E' un borgo di origini bizantine con le sue tipiche stradine lastricate con le vecchie "chianche", caratteristica pietra pugliese . E' famosa per la produzione della  eccellente " Ciliegia Ferrovia" una qualità che, per il suo ottimo sapore e per la sua durezza viene esportata all'estero. 




Proverbi sulle nozze in Puglia

Li maccarùne sò com' a lu muatremònie, ss' cunzùmene quann' sò bèll' càll' càll' 
I maccheroni sono come il matrimonio, devono essere consumati quando sono molto caldi.

Ci tène la fàccia toste se marìte e la fèmmena onèste arremàne zìte 
Chi è sfrontata si marita e la donna onesta rimane zitella.

Ci tène terrìse sèmbe conde ci tène megghièra bbone sèmbe cande 
Chi ha denaro sempre conta, chi ha moglie bella sempre canta.

Ci che la dote la bbrutte se pìgghie, va pe mmète grane eppàgghie pìgghie 
Chi per la dote sposa una donna brutta, invece di grano miete paglia.

Ce fabbric e ce maréit na j pass maé u' prüréit 
Chi costruisce e chi sposa non smette mai di pagare.













Ingredienti dose per 1 kg. di mandorle
(tra parentesi la dose che ho utilizzato io per 200 g. di mandorle)       

1 kg. di mandorle                                         (200 g. di mandorle)
700 g. di zucchero                                        (140 g. di zucchero )
1 bicchiere di acqua                                     (30 ml. di acqua)   
10 tuorli                                                        (2 tuorli)
2 bucce grattugiate di limone                       (1 buccia grattugiata di limone)
cannella                                                        (cannella)
liquore limoncello o maraschino o rhum     (limoncello)
liquore Alchermes                                        (liquore Alchermes)
pan di spagna                                                (pan di spagna)
amarene sciroppate fatte in casa                   (amarene sciroppate fatte in casa)
cioccolato bianco o fondente                        (200 g. circa di cioccolato bianco)
zucchero a velo                                             (zucchero a velo)                 

Procedimento


  1. Mettere un tegame con acqua sul gas, quando bolle versare le mandorle, dopo pochissimi minuti spegnere, scolare le mandorle, eliminare la pellicina marrone e far raffreddare e asciugare. Una volta asciugate tritare le mandorle finemente tipo farina con un mixer.                                                                                                                                                                              
  2. In un tegame mettere lo zucchero con i 30 ml. di acqua e portare sul gas a fiamma media, far sobbollire (non bollire) fino a quando, posando una goccia sul dito indice e chiudendo e poi allargando con il pollice si forma un filo e togliere dal fuoco.                                                                                                
  3. Nel frattempo mettere i tuorli in una ciotola e sbatterli un po' con la forchetta.                                                                                                            
  4. Versare sullo zucchero a filo le mandorle tritate, amalgamare con un cucchiaio di legno e poi versare i tuorli sbattuti un po' alla volta, amalgamare bene ancora.                                                                                  
  5. Rimettere il tegame delle mandorle sul gas a fiamma medio-bassa e girare fino a quando il composto si stacca dal tegame e poi spegnere il gas.                                                                                                                                              
  6. Versare il composto delle mandorle in contenitore di vetro o ceramica (non di plastica) livellare bene, spennellare con un po' di liquore di limoncello o maraschino o rhum, coprire con pellicola e lasciare così per 2 giorni.                                                                                                                                                                                                   
  7. Dopo 2 giorni aggiungere al composto un po' di cannella , la buccia grattugiata di limone e con il limoncello o maraschino o rhum, lavorare l'impasto sulla spianatoia fino a raggiungere la giusta consistenza che non deve essere ne dura ne troppo morbida, aiutarsi eventualmente con zucchero a velo.                                                                                                                                   
  8. Nel frattempo mettere a bagno il pan di spagna a cubetti nell'Alchermes.                                                                                                                                          
  9. Aiutandosi con lo zucchero a velo formare un rotolo, tagliare a pezzi (nel mio caso, avendo fatto la dose di 200 g. di mandorle, ho ricavato 9 pezzi, ma ne potevano uscire anche 10-11  di pezzi) formare delle palline e appiattirle formando dei dischetti, mettere al centro un pezzetto di pan di spagna all'Alchermes e mezza amarena, chiudere la pallina e dare la forma che si vuole, a cupoletta, a cuore, romboidali, ecc. se serve aiutarsi sempre con zucchero a velo. Si possono dare la forma di cupoletta semplicemente appiattendo la base della pallina.                  
  10. Poggiare su un vassoio coperto con carta da forno tutti i pezzi e lasciare asciugare per 2 giorni.                                                                                                                                                                                                                  
  11. Sciogliere il cioccolato a bagno maria e passare i pezzi di faldacchea con una forchetta facendo sgocciolare e posarli su carta forno.                                                                                                                                                             
  12. Far asciugare il cioccolato e divertirsi a fare decori sempre con cioccolato fuso.

Ecco qui di seguito le proposte delle altre amiche rappresentanti regionali:

Valle d’Aosta: Polenta ai formaggi con crema di fave https://www.delizieeconfidenze.com/2020/05/polenta-con-crema-di-fave.html
Piemonte: Giuraje: I Confetti del Matrimonio Canavese per l'Italia nel Piatto https://www.lacascatadeisapori.it/giuraje-i-confetti-del-matrimonio-canavese-per-litalia-nel-piatto/
Basilicata: Tumact Me Tulez - tagliatelle con mollica di pane, alici e noci http://blog.giallozafferano.it/lalucanaincucina/tumact-me-tulez-tagliatelle-con-mollica-di-pane-alici-e-noci/
Sicilia:"Maccarruna di zitu a stufatu" - Maccheroni dei fidanzati -https://www.profumodisicilia.net/2020/05/02/maccarruna-di-zitu-a-stufatu-maccheroni-dei-fidanzati/


Commenti

  1. Sicuramente li avrei assaggiati a fine mese, ma il diavolo ci ha messo la coda e il matrimonio di mio figlio è stato, purtroppo, rimandato all'anno prossimo.
    Hai scritto un post stupendo, ricco di dettagli e particolari che mi hanno emozionato.
    Dei dolcetti squisiti che spero, a questo punto, di poter assaggiare il prossimo anno ^_^
    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Daniela, come ti capisco, pensa che proprio oggi, 2 maggio, sarei dovuta andare al matrimonio di mia nipote, la mia prima nipotina! Ma su dai forza...è solo rimandato! un abbraccio!

      Elimina
  2. Ciao Milena, sono molto carini questi dolcetti e molto divertenti i proverbi! Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Milena un post bellissimo e che dire di questi dolci, sono stupendi!!!!!!!!!!!! Pensavo fossero più difficili da fare e invece vedo che non è così. Me li segno perché il prossimo anno ho un anniversario di nozze che faremo in casa e mi piacerebbe proporli tra i dolci. Grazie

    RispondiElimina
  4. Stupendo questo post Milena!! Complimenti, la storia è bellissima e l'esecuzione impeccabile! Questi dolcetti sono elegantissimi e raffinati e diversi dai soliti dolci di pasta di mandorle: buonissima la copertura ed il ripieno è fantastico! Ti sono venuti benissimo! Complimenti :) un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Bellissimi oltre che molto golosi. Complimenti

    RispondiElimina
  6. wuauuuuuuuuuuuuuuuuu sono stupendi!!!! e che lavorazione... io non ne sarei capace! A presto LA

    RispondiElimina
  7. Sono semplicemente bellissimi!!
    E poi che golosità!

    RispondiElimina
  8. Questi dolcetti sono incantevoli Milena! Complimenti per il bellissimo post!
    Baci,
    Mary

    RispondiElimina
  9. Bellissimi innanzitutto ma devono anche essere proprio buoni. Complimenti

    RispondiElimina
  10. Ma che spettacolo... sono dei piccoli gioielli!
    Bellissima proposta!
    Elisa

    RispondiElimina
  11. Come sono belli!!!
    Anche mantenere le tradizioni è molto bello <3

    RispondiElimina
  12. Sono bellissimi Mile, di una delicatezza assoluta, certo che però sono laboriosi, in pratica 5 giorni di lavoro, tra riposi e decori... sei stata bravissima!

    RispondiElimina
  13. Satta King is one of the most popular games which helps you to earn money online. Just visit our website and fill up some formalities and start your game to earn lots of money. Those who want to earn money through games and become rich can come to us as well play with us. To know more about the game can visit our website Online SattaKing.

    RispondiElimina
  14. 112 pgslot People who like to play online slots In addition to playing money and winning prizes Playing slots is a good money gamble. jili

    RispondiElimina
  15. the best website for the play indian gambling game real casino in Jodi and single jodi, haruf click on the best indian site here:
    black satta

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez

Pizza con capocollo di Martina Franca, pomodori secchi e rucola

La puntata di oggi de L'Italia nel piatto è dedicata ad uno dei cibi più amati dagli italiani e anche dagli stranieri:  la pizza ,  un semplice impasto di farina lievito e acqua e che, appiattita e condita anche solo con pomodoro, mozzarella e basilico rende unica e allegra una serata in pizzeria fra amici o a casa in famiglia.  Originaria della cucina napoletana, la pizza ha conquistato i gusti a livello internazionale. La più famosa è la pizza Margherita , che nel 1889 il cuoco, Raffaele Esposito  preparò per onorare la regina d'Italia Margherita di Savoia e che condì con pomodoro, mozzarella e basilico, a rappresentare i colori della bandiera italiana, ma la storia della pizza è lunga e incerta. Ogni rappresentante regionale presenterà una pizza con i propri prodotti tipici e tradizionali del territorio. Per la Puglia ho pensato di proporre una pizza con uno dei salumi tradizionali pugliesi e più apprezzati a livello internazionale: il capocollo di Martina Franca. Pe