Passa ai contenuti principali

Pasticciotto al cioccolato


Ma siamo sicuri che i cibi più golosi sono anche i più dannosi per la salute?


Beh, pare che il cioccolato, quello fondente, sia escluso, almeno in parte,  per il suo ricco contenuto di antiossidanti che limiterebbero colesterolo, ipertensione, infiammazioni, malattie cardiovascolari.
Ma ricordiamoci anche che il cioccolato contiene grassi per cui è sempre bene non esagerare...a piccole dosi ne beneficia salute e mente, eh si, perchè il cioccolato è il cibo che più di ogni altro mette buon umore procurandoci subito una sensazione di benessere!

Avrete intuito che da oggi e per tutto il mese di marzo, noi rappresentanti de L'italia nel piatto vi parleremo di ricette golose al cioccolato con il tema:
Ho voglia di dolce al cioccolato!

Per la Puglia vi presento il mitico Pasticciotto salentino nella versione al cioccolato, tanto godurioso che, al primo morso, resterete estasiati per il piacere!


Cenni storici

Il classico pasticciotto salentino (nella versione bianca con crema pasticcera) risale al 1707, come si scopre nell'archivio della Curia vescovile di Nardò, nell'inventario stilato il 27 luglio 1707 in occasione della morte di Mons. Orazio Fortunato, tra le altre masserizie compaiono:"barchiglie di rame da far pasticciotto numero otto".
Un'altra versione vede la nascita del pasticciotto nel 1745 a Galatina nella bottega della famiglia Ascalone durante i festeggiamenti di San Paolo, guaritore delle tarantate. Nicola Ascalone si tormentava per portare innovazione e originalità nella sua bottega di pasticceria in quel periodo critico della sua attività e tra una torta ed un dolce si ritrovò tra le mani poco impasto e poca crema che non sarebbero bastati a preparare un'altra torta. Decise comunque di utilizzare quei resti mettendoli in un piccolo contenitore di rame realizzando così una piccolissima torta di crema che lui stesso definì un pasticcio. Messo in forno ugualmente, lo regalò poi ad un passante al quale piacque così tanto che ne ordinò altri da portare in famiglia. Insomma, fu subito un successo e da quel giorno nacque "il pasticciotto de lu Scalone"che divenne un dolce tipico salentino.

E questa versione al cioccolato?

Pare sia nata in una pasticceria salentina per omaggiare  l'ex presidente degli Stati Uniti d'America, Barack Obama, nel 2008, anno della sua elezione.












Ingredienti per la frolla al cacao:

250 g. di farina 00 per dolci
125 g. di zucchero
125 g. di strutto
2 uova
1 cucchiaino di lievito per dolci
50 g. di cacao amaro

Ingredienti per la crema al cioccolato:

1/2 l. di latte
2 tuorli
40 g. di farina 00 per dolci
150 g. di zucchero
40 g. di cacao amaro
50 g. di cioccolato fondente 

Procedimento per la frolla al cacao 

  1. Versare a fontana la farina in una coppa, al centro inserire il cacao, lo zucchero le uova leggermente sbattute, lo strutto, il lievito e amalgamare tutti gli ingredienti. 
  2. Trasferire sulla spianatoia e impastare velocemente  fino a far diventare l'impasto bello, liscio e setoso.
  3. Formare una palla, avvolgere in pellicola e far riposare in frigo per circa un'ora oppure tutta la notte se non si ha tempo e si vogliono preparare i pasticciotti il giorno seguente . 
N.B.: i veri pasticciotti sono con lo strutto e non con il burro, il sapore e la friabilità  cambiano e ne guadagnano. 

Procedimento per la crema al cioccolato


  1. In una pentola versare la farina, il cacao, lo zucchero, miscelare bene e poi a filo aggiungere il latte sempre girando affinché non si formino grumi, infine i tuorli leggermente sbattuti.
  2. Porre la pentola sul fuoco medio per far addensare la crema sempre rimestando con un cucchiaio di legno.
  3. Poco prima di fine cottura aggiungere il cioccolato fondente a piccoli pezzi e continuare la cottura fino a quando il cioccolato è completamente sciolto.
  4. Trasferire poi in una coppa di ceramica e far raffreddare.  Prepariamo i pasticciotti

Prepariamo i pasticciotti


  1. Prendere la frolla dal frigo, staccare piccoli pezzi, stenderli con il mattarello di uno spessore di circa 5 mm. dando una forma ovale, se serve, aiutarsi con pochissima farina e poi foderare le formine.
  2. Riempire ciascuna formina di crema al cioccolato e coprire con la restante frolla chiudendo bene i bordi.
  3. Infornare a 200° per circa 15-20 minuti.                                                              



Qui sotto trovate i link delle ricette delle altre regioni:

Friuli Venezia Giulia: Torta Rigojanci
https://www.blogthatsamore.it/2020/03/torta-rigojanci.html
Sardegna: Sospiri di Ozieri ricoperti al cioccolato e mirto https://dolcitentazionidautore.blogspot.com/2020/03/sospiri-di-ozieri-ricoperti-al.html



Commenti

  1. Credo che potrei mangiarne come se non ci fosse un domani! Bacione :)

    RispondiElimina
  2. Io come penso alla Puglia penso al pasticciotto. Il mio preferito è quello al pistacchio ma questa versione al cioccolato mi incuriosisce non poco. Me la salvo perché in casa siamo tutti fan del pasticciotto e grandi amanti del cioccolato. In particolare mi segno la frolla perché anche io uso lo strutto nei dolci. Grazie e bacioni.

    RispondiElimina
  3. Puglia è pasticciotto, ha ragione Natalia, però io mi ricordo quello con l'amarena al centro, certo che questo "cioccolatoso" ha il suo perchè! W il pasticcere e w Obama!

    RispondiElimina
  4. Un pasticciotto al cioccolato? Ho l'acquolina ^_^
    Potrei mangiarne un vassoio :))

    RispondiElimina
  5. Sto sognando di poter allungare la mano... Che delizia il tuo pasticciotto Milena!
    Baci,
    Mary

    RispondiElimina
  6. Già stravedo per il classico pasticciotto, per questo al cioccolato potrei fare carte false!!
    Favoloso!!!

    RispondiElimina
  7. Buono il pasticciotto al cioccolato!!!!!!
    Non sapevo fosse stato fatto per Obama!
    Ciao
    Elisa

    RispondiElimina
  8. Mi vergogno un po' a confessare di essere arrivata alla mia età senza aver mai assaggiato un pasticciotto! Ma sogno di farlo! Ho sempre pensato che ne avrei mangiato prima uno alla crema e amarene ma ora non ne sono più sicura. Ne voglio uno, anzi due, no tre al cioccolato. Sono fantastici Milena, sono belli e golosi. Brava, bravissima!

    RispondiElimina
  9. Anch'io non l'ho mai mangiato...questo al cioccolato deve essere una vera goduria :-P

    RispondiElimina
  10. Conosco il pasticciotto classico ma non quello al cioccolato. Ho una sola parola wuauuuuuuuuuuuuuuu!!!! A presto LA

    RispondiElimina
  11. Come resistere al pasticciotto, per di più se è al cioccolato?

    RispondiElimina
  12. Che meraviglia! Sono davvero irresistibili :)

    RispondiElimina
  13. Mamma mia che delizia. Davvero molto buono!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

Fegato all'arancia

Fegato all'arancia Il fegato all'arancia è una preparazione semplice e veloce per portare a tavola un secondo gustoso e saporito. E' questo il mio contributo per la rubrica mensile dell'I talia nel piatto , questo appuntamento è dedicato alle ricette con gli ingredienti meno nobili: scarti di verdura di stagione, pane raffermo, ossa, cotiche, orecchie e zampetti di maiale, ecc..  Un abbinamento insolito per un piatto tipico regionale ma sfogliando il solito libro di Luigi Sada "La cucina pugliese" sono rimasta sorpresa dal titolo di questa ricetta in dialetto salentino " Fegatu de maiale cu lu portacalli " (portacallu - dal nome del Portogallo, da cui proviene l'albero) ovvero "Fegato di maiale con l'arancia! Il fegato lo mangio e lo adoro soprattutto se si tratta dei famosi "gnumarelli" tipici pugliesi, non sono altro che involtini di interiora  (fegato, polmone e rognone) stretti all'interno del budello dell'agnello,

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez