Passa ai contenuti principali

Confettura di fichi

Nuovo appuntamento, dopo la pausa estiva, con "L'Italia nel piatto, che questo mese ha come tema: Conserve estive!

Per la Puglia ho proposto la confettura di fichi, facile da preparare, buona e versatile, oltre che usarla a colazione su fette di pane tostato, per farcire crostate e dolci vari, è ottima se accompagnata ai formaggi.

Arrivando in Puglia, è impossibile non ammirare gli alberi di fichi, oltre agli immensi ulivi secolare e alle distese di vigneti.
Il fico figura tra le coltivazioni più significanti dell'agricoltura pugliese.
Sono caratteristici della fine dell'estate, succosi e dolci e  fanno parte della tradizione gastronomica pugliese.
Hanno una forma tondeggiante e di un colore che va dal verde al bianco al rosso e viola o nero bluastro.
I fioroni invece, più grandi, consistenti e meno dolci, sono una varietà precoce che troviamo nelmese di giugno.
Il fico è una pianta di origine antiche e importata dal medio Oriente.
Tra le varietà per il consumo allo stato fresco troviamo: Alba Nera, Fico Nero Oria, Fico Regina, mentre per l'essiccamento si usano le varietà Catinara, Dottato, Fico Indini e Verdone.
I fichi  secchi con le mandorle, sono una specialità  che non mancano sulle tavole pugliesi soprattutto nel periodo natalizio.















Ingredienti:

1 kg. di fichi
500 g. di zucchero (io di canna)
2 limoni (succo e buccia a julienne)

Procedimento:

1) Lavare velocemente i fichi che devono essere maturi, ben integri e sani, asciugarli tamponandoli con un canovaccio, tagliarli a pezzi senza eliminare la buccia e mettere in una coppa con lo zucchero, la buccia dei limoni (che devono essere non trattati) e il succo, girare bene, coprire con una pellicola e far riposare per qualche ora.

2) Poi trasferire in una pentola di acciaio e iniziare la cottura a fuoco lento badando di girare la confettura costantemente affinchè non si attacchi al fondo.

3) Dopo circa un'ora e mezza la confettura è pronta, è sempre valido la prova del piattino, regolatevi per la consistenza, i tempi di cottura variano se la preferite più o meno densa.

4) Appena pronta la confettura versarla, ancora bollentissima, nei vasetti ben sterilizzati, chiudere ermeticamente e capovolgere subito i vasetti per creare il sottovuoto. Una volta tiepidi rigirali e farli raffreddare completamente prima di riporli in dispensa.


Scopriamo ora le delizie delle altre regioni:

Friuli-Venezia Giulia: Radìc di Mont sott’olio
https://www.blogthatsamore.it/2019/09/radic-di-mont-sottolio.html
Umbria: Pesche sciroppate allo zafferano umbro https://www.dueamicheincucina.it/?p=26891
Abruzzo: Carote del Fucino in agrodolce https://unamericanatragliorsi.com/?p=17926
Campania: La passata di pomodoro con la varietà San Marzano https://fusillialtegamino.blogspot.com/2019/09/la-passata-di-pomodoro-con-la-varieta.html
Calabria: Confettura di peperoncini piccanti calabresi https://ilmondodirina.blogspot.com/2019/09/confettura-di-peperoncini-piccanti.html
Sicilia: Pomodorini Secchi di Pachino sott'olio -
Sardegna: Confettura di cuore di bue, cipollotto, basilico, zenzero e balsamico Marmellata di arancia, birra Ichnusa e peperoncino con polpettine di gambero e cavolfiore https://dolcitentazionidautore.blogspot.com/2019/09/confettura-di-cuore-di-bue-cipollotto.html

Commenti

  1. Ciao Milena, ma quanto è buona la confettura di fichi, una delle mie preferite!

    RispondiElimina
  2. Questa confettura è troppo golosa! Quanto mi piace Milena!
    Baci,
    Mary

    RispondiElimina
  3. Una delle mie confetture preferite… che buona :P

    RispondiElimina
  4. Con i fichi potrei fare un'indigestione da sentirmi male, guarire e ricominciare a mangiarne!! Sono buonissimi e utilizzarli per una confettura è la cosa più saggia che si possa fare!! Brava Milena, ti stimo!!! Un bacio
    P.S. bellissime le foto!!

    RispondiElimina
  5. Che buona. A giugno non ho fatto la confettura di fichi che spero di fare con la produzione di settembre. Come ti è venuta bene la tua.

    RispondiElimina
  6. La confettura di fichi è una delle mie preferite, io però tolgo la buccia, dovrò provare anche la tua versione.
    Baci

    RispondiElimina
  7. Io amo i fichi!
    Ciao che blog interessante!
    Ti seguo con molto piacere! Se ti va passa a trovarmi ho da poco aperto il mio piccolo blog e mi farebbe piacere se passassi a trovarmi!
    Ti aspetto, un abbraccio Chantal!

    RispondiElimina
  8. Mi piacciono molto i fichi e adoro la confettura :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez

Pizza con capocollo di Martina Franca, pomodori secchi e rucola

La puntata di oggi de L'Italia nel piatto è dedicata ad uno dei cibi più amati dagli italiani e anche dagli stranieri:  la pizza ,  un semplice impasto di farina lievito e acqua e che, appiattita e condita anche solo con pomodoro, mozzarella e basilico rende unica e allegra una serata in pizzeria fra amici o a casa in famiglia.  Originaria della cucina napoletana, la pizza ha conquistato i gusti a livello internazionale. La più famosa è la pizza Margherita , che nel 1889 il cuoco, Raffaele Esposito  preparò per onorare la regina d'Italia Margherita di Savoia e che condì con pomodoro, mozzarella e basilico, a rappresentare i colori della bandiera italiana, ma la storia della pizza è lunga e incerta. Ogni rappresentante regionale presenterà una pizza con i propri prodotti tipici e tradizionali del territorio. Per la Puglia ho pensato di proporre una pizza con uno dei salumi tradizionali pugliesi e più apprezzati a livello internazionale: il capocollo di Martina Franca. Pe