Passa ai contenuti principali

Pizzo Palumbo

Il "Pizzo palumbo" è un dolce tipico di Lucera, provincia di Foggia, una semplice ciambella profumata al limone e decorata con glassa e confettini colorati.
Per la rubrica de L'Italia nel piatto il tema di marzo è: "Dolce primavera", una torta o un dolce aspettando la primavera. 


Il nome "Pizzo palumbo" o "u pizz palumm" in dialetto, sta  a significare "un pezzo di colomba".
E' nota anche come "ciambella pasquale",  un dolce che si
prepara soprattutto nel periodo di Pasqua a ricordare forse una candida colomba per la sua glassatura bianca.
E' un dolce povero con pochi ingredienti ma che regala profumi e sapori d'altri tempi. Per la sua decorazione con confettini colorati mette subito allegria e in armonia con la stagione primaverile!
E' perfetta da gustare a colazione o a merenda e i bambini l'apprezzano proprio perchè coloratissimo, ideale anche da regalare per le feste pasquali!









Ingredienti per la ciambella:

260 g. di farina 00 per dolci
4 uova medie
200 g. di zucchero
80 ml. di olio di semi di arachidi
50 ml, di latte
1 buccia grattugiata di limone non trattato
1/2 bustina di lievito per dolci

Ingredienti per la glassa:

250 g, di zucchero semolato
70 ml. di acqua
1 buccia grattugiata  di limone non trattato
qualche goccia di limone spremuto
confettini colorati

Procedimento per la ciambella

1) Sbattere con le fruste elettriche uova e zucchero fino a quando il composto diventa chiaro e spumoso.

2) Aggiungere pian piano l'olio e il latte sempre miscelando e la buccia di limone grattugiato.

3) Setacciare bene la farina e il lievito e aggiungerli poco alla volta al  composto delle uova, miscelando a mano con una spatola e facendo dei movimenti delicati dal basso verso l'alto per non smontare il composto.

4) Ungere di olio e infarinare una tortiera per ciambella dal diametro di  24 cm., versare
delicatamente tutto il composto ed infornare a 170° per circa 30-40 minuti o fino a prova stecchino.
Sfornare e trasferire su un piatto.

5) Quando la glassa è pronta stenderla con una spatola sulla superficie della ciambella e decorare con confettini colorati.

Procedimento per la glassa

1) In un tegamino mettere lo zucchero e l'acqua e miscelare con un cucchiaio di legno.

2) Porre sul fuoco moderato, girando ogni tanto, quando raggiunge il bollore facendo piccole bollicine, non girare più, lo zucchero si sarà sciolto e il liquido sarà diventato vischioso e trasparente. Con un termometro da cucina controllare la temperatura dello sciroppo, quando arriva a 115° si può spegnere, si può fare anche la prova del filo mettendo una goccia di sciroppo fra pollice e indice, se fa il filo allargando le due dita è pronto.

3) Mettere il pentolino con lo sciroppo a raffreddare in un altro tegame con acqua ghiacciata, quando è tiepido aggiungere  qualche goccia e buccia grattugiata di limone fresco

4)A questo punto frullare con le fruste elettriche, il composto pian piano diventerà bianco e cremoso.

N.B.: man mano che si raffredda diventa sempre più duro, ma se si mette nuovamente a scaldare a bagno maria riprende  la consistenza giusta per essere spalmata sulla ciambella.
Ovviamente in base alla quantità spalmata verrà una glassa più o meno spessa secondo il proprio gusto. 


Qui trovate tutte le ricette tipiche regionali dedicate alla primavera:

Valle d’Aosta: Reblec et loufies (Crema di formaggio e mirtilli) https://litalianelpiatto.blogspot.com/2019/03/reblec-et-loufies-crema-di-formaggio-e.html Piemonte: Risòle https://www.fiordipistacchio.it/2019/03/02/risole/ Lombardia: Tortelli di San Giuseppe https://www.kucinadikiara.it/2019/03/tortelli-di-san-giuseppe.html Trentino: Osterzopf treccia dolce di Pasqua http://www.dolcementeinventando.com/2019/03/osterzopf-treccia-dolce-di-pasqua.html Friuli-Venezia Giulia: Presnitz triestino https://www.blogthatsamore.it/2019/03/presnitz-triestino.html Veneto: Torta delle Rose di Valeggio https://www.ilfiordicappero.com/2019/03/torta-delle-rose-di-valeggio.html Emilia Romagna: Torta di tagliatelle emiliana https://zibaldoneculinario.blogspot.com/2019/03/torta-di-tagliatelle-emiliana.html Liguria: torta con uvette e pinoli https://arbanelladibasilico.blogspot.com/2019/03/torta-con-uvette-e-pinoli-per-la-dolce.html Toscana: Crostata di ricotta e Alkermes https://acquacottaf.blogspot.com/2019/03/crostata-di-ricotta-e-alkermes.html Umbria: Crostata con farina di roveja e marmellata di arance https://www.dueamicheincucina.it/2019/03/crostata-farina-di-roveja-marmellata-arance.html Lazio: Crostata di ricotta e visciole https://merincucina.it/2019/03/crostata-di-ricotta-e-visciole.html Abruzzo: Crostata di Ricotta https://ilmondodibetty.it/crostata-di-ricotta/ Molise: Torta di mandorle molisana https://blog.cookaround.com/gildabias/torta-di-mandorle-molisana/ Campania: Caprese al limone e cioccolato bianco https://fusillialtegamino.blogspot.com/2019/03/caprese-al-limone-e-cioccolato-bianco.html Puglia: Pizzo Palumbo https://breakfastdadonaflor.blogspot.com/2019/03/pizzo-palumbo.html Basilicata: Torta di ricotta lucana http://blog.giallozafferano.it/lalucanaincucina/torta-di-ricotta-lucana/ Calabria: Cicerata di San Giuseppe https://ilmondodirina.blogspot.com/2019/03/cicerata-di-san-giuseppe-ravioli-dolci.html Sicilia: Sfinci di San Giuseppe https://www.profumodisicilia.net/2019/03/02/sfinci-di-san-giuseppe/ Sardegna: Torta Pardula https://dolcitentazionidautore.blogspot.com/2019/03/torta-pardula.html Italia nel piatto:https://litalianelpiatto.blogspot.com/2019/03/dolce-primavera.html



Commenti

  1. Grazie a te oggi ho conosciuto un dolce tradizionale pugliese di cui ignoravo l'esistenza.lo proverò sicuramente mi incuriosisce molto. e poi finalmente ho trovato la ricetta della glassa a caldo che cercavo da tempo !! ancora grazie ..un abbraccio Peppe.

    RispondiElimina
  2. sento il profumo fino qui... ottimo il tuo dolce della tradizione! un bacione!

    RispondiElimina
  3. E' proprio carina questa ciambella, Milena. Bacione a presto :)

    RispondiElimina
  4. Non la conoscevo, deve essere deliziosa ed è anche carinissima ^_^
    Un bacio

    RispondiElimina
  5. Ma che bella che è! Primaverile senza ombra di dubbio, solo a guardarla mette buon umore! Buona domenica

    RispondiElimina
  6. Bellissima, somiglia molto alla nostra pigna. In effetti abbiamo molte ricette che si somigliano. Comunque è molto primaverile con tutti questi bei colori.

    RispondiElimina
  7. Thank you so much for the detailed article.Thanks again.
    clipping path

    RispondiElimina
  8. Enjoyed reading your post keep sharing such amazing post will come back to read more.

    Regards : micrsoft365.com setup

    RispondiElimina
  9. This site uses cookies from Google to deliver its services and to analyse traffic. Your IP address and user agent are shared with Google, together with performance and security metrics, to ensure quality of service, generate usage statistics and to detect and address abuse.

    RispondiElimina

  10. I am just looking for an informative content and I just found your this awesome content. I really appreciate your efforts and please share more content/articles just like that.
    Fitness Health Hub

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

Fegato all'arancia

Fegato all'arancia Il fegato all'arancia è una preparazione semplice e veloce per portare a tavola un secondo gustoso e saporito. E' questo il mio contributo per la rubrica mensile dell'I talia nel piatto , questo appuntamento è dedicato alle ricette con gli ingredienti meno nobili: scarti di verdura di stagione, pane raffermo, ossa, cotiche, orecchie e zampetti di maiale, ecc..  Un abbinamento insolito per un piatto tipico regionale ma sfogliando il solito libro di Luigi Sada "La cucina pugliese" sono rimasta sorpresa dal titolo di questa ricetta in dialetto salentino " Fegatu de maiale cu lu portacalli " (portacallu - dal nome del Portogallo, da cui proviene l'albero) ovvero "Fegato di maiale con l'arancia! Il fegato lo mangio e lo adoro soprattutto se si tratta dei famosi "gnumarelli" tipici pugliesi, non sono altro che involtini di interiora  (fegato, polmone e rognone) stretti all'interno del budello dell'agnello,

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez