Passa ai contenuti principali

Pizzo Palumbo

Il "Pizzo palumbo" è un dolce tipico di Lucera, provincia di Foggia, una semplice ciambella profumata al limone e decorata con glassa e confettini colorati.
Per la rubrica de L'Italia nel piatto il tema di marzo è: "Dolce primavera", una torta o un dolce aspettando la primavera. 


Il nome "Pizzo palumbo" o "u pizz palumm" in dialetto, sta  a significare "un pezzo di colomba".
E' nota anche come "ciambella pasquale",  un dolce che si
prepara soprattutto nel periodo di Pasqua a ricordare forse una candida colomba per la sua glassatura bianca.
E' un dolce povero con pochi ingredienti ma che regala profumi e sapori d'altri tempi. Per la sua decorazione con confettini colorati mette subito allegria e in armonia con la stagione primaverile!
E' perfetta da gustare a colazione o a merenda e i bambini l'apprezzano proprio perchè coloratissimo, ideale anche da regalare per le feste pasquali!









Ingredienti per la ciambella:

260 g. di farina 00 per dolci
4 uova medie
200 g. di zucchero
80 ml. di olio di semi di arachidi
50 ml, di latte
1 buccia grattugiata di limone non trattato
1/2 bustina di lievito per dolci

Ingredienti per la glassa:

250 g, di zucchero semolato
70 ml. di acqua
1 buccia grattugiata  di limone non trattato
qualche goccia di limone spremuto
confettini colorati

Procedimento per la ciambella

1) Sbattere con le fruste elettriche uova e zucchero fino a quando il composto diventa chiaro e spumoso.

2) Aggiungere pian piano l'olio e il latte sempre miscelando e la buccia di limone grattugiato.

3) Setacciare bene la farina e il lievito e aggiungerli poco alla volta al  composto delle uova, miscelando a mano con una spatola e facendo dei movimenti delicati dal basso verso l'alto per non smontare il composto.

4) Ungere di olio e infarinare una tortiera per ciambella dal diametro di  24 cm., versare
delicatamente tutto il composto ed infornare a 170° per circa 30-40 minuti o fino a prova stecchino.
Sfornare e trasferire su un piatto.

5) Quando la glassa è pronta stenderla con una spatola sulla superficie della ciambella e decorare con confettini colorati.

Procedimento per la glassa

1) In un tegamino mettere lo zucchero e l'acqua e miscelare con un cucchiaio di legno.

2) Porre sul fuoco moderato, girando ogni tanto, quando raggiunge il bollore facendo piccole bollicine, non girare più, lo zucchero si sarà sciolto e il liquido sarà diventato vischioso e trasparente. Con un termometro da cucina controllare la temperatura dello sciroppo, quando arriva a 115° si può spegnere, si può fare anche la prova del filo mettendo una goccia di sciroppo fra pollice e indice, se fa il filo allargando le due dita è pronto.

3) Mettere il pentolino con lo sciroppo a raffreddare in un altro tegame con acqua ghiacciata, quando è tiepido aggiungere  qualche goccia e buccia grattugiata di limone fresco

4)A questo punto frullare con le fruste elettriche, il composto pian piano diventerà bianco e cremoso.

N.B.: man mano che si raffredda diventa sempre più duro, ma se si mette nuovamente a scaldare a bagno maria riprende  la consistenza giusta per essere spalmata sulla ciambella.
Ovviamente in base alla quantità spalmata verrà una glassa più o meno spessa secondo il proprio gusto. 


Qui trovate tutte le ricette tipiche regionali dedicate alla primavera:

Valle d’Aosta: Reblec et loufies (Crema di formaggio e mirtilli) https://litalianelpiatto.blogspot.com/2019/03/reblec-et-loufies-crema-di-formaggio-e.html Piemonte: Risòle https://www.fiordipistacchio.it/2019/03/02/risole/ Lombardia: Tortelli di San Giuseppe https://www.kucinadikiara.it/2019/03/tortelli-di-san-giuseppe.html Trentino: Osterzopf treccia dolce di Pasqua http://www.dolcementeinventando.com/2019/03/osterzopf-treccia-dolce-di-pasqua.html Friuli-Venezia Giulia: Presnitz triestino https://www.blogthatsamore.it/2019/03/presnitz-triestino.html Veneto: Torta delle Rose di Valeggio https://www.ilfiordicappero.com/2019/03/torta-delle-rose-di-valeggio.html Emilia Romagna: Torta di tagliatelle emiliana https://zibaldoneculinario.blogspot.com/2019/03/torta-di-tagliatelle-emiliana.html Liguria: torta con uvette e pinoli https://arbanelladibasilico.blogspot.com/2019/03/torta-con-uvette-e-pinoli-per-la-dolce.html Toscana: Crostata di ricotta e Alkermes https://acquacottaf.blogspot.com/2019/03/crostata-di-ricotta-e-alkermes.html Umbria: Crostata con farina di roveja e marmellata di arance https://www.dueamicheincucina.it/2019/03/crostata-farina-di-roveja-marmellata-arance.html Lazio: Crostata di ricotta e visciole https://merincucina.it/2019/03/crostata-di-ricotta-e-visciole.html Abruzzo: Crostata di Ricotta https://ilmondodibetty.it/crostata-di-ricotta/ Molise: Torta di mandorle molisana https://blog.cookaround.com/gildabias/torta-di-mandorle-molisana/ Campania: Caprese al limone e cioccolato bianco https://fusillialtegamino.blogspot.com/2019/03/caprese-al-limone-e-cioccolato-bianco.html Puglia: Pizzo Palumbo https://breakfastdadonaflor.blogspot.com/2019/03/pizzo-palumbo.html Basilicata: Torta di ricotta lucana http://blog.giallozafferano.it/lalucanaincucina/torta-di-ricotta-lucana/ Calabria: Cicerata di San Giuseppe https://ilmondodirina.blogspot.com/2019/03/cicerata-di-san-giuseppe-ravioli-dolci.html Sicilia: Sfinci di San Giuseppe https://www.profumodisicilia.net/2019/03/02/sfinci-di-san-giuseppe/ Sardegna: Torta Pardula https://dolcitentazionidautore.blogspot.com/2019/03/torta-pardula.html Italia nel piatto:https://litalianelpiatto.blogspot.com/2019/03/dolce-primavera.html



Commenti

  1. Grazie a te oggi ho conosciuto un dolce tradizionale pugliese di cui ignoravo l'esistenza.lo proverò sicuramente mi incuriosisce molto. e poi finalmente ho trovato la ricetta della glassa a caldo che cercavo da tempo !! ancora grazie ..un abbraccio Peppe.

    RispondiElimina
  2. sento il profumo fino qui... ottimo il tuo dolce della tradizione! un bacione!

    RispondiElimina
  3. E' proprio carina questa ciambella, Milena. Bacione a presto :)

    RispondiElimina
  4. Non la conoscevo, deve essere deliziosa ed è anche carinissima ^_^
    Un bacio

    RispondiElimina
  5. Ma che bella che è! Primaverile senza ombra di dubbio, solo a guardarla mette buon umore! Buona domenica

    RispondiElimina
  6. Bellissima, somiglia molto alla nostra pigna. In effetti abbiamo molte ricette che si somigliano. Comunque è molto primaverile con tutti questi bei colori.

    RispondiElimina
  7. Thank you so much for the detailed article.Thanks again.
    clipping path

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Merluzzo in brodetto

Ciao a tutte carissime amiche...!
Stamattina qui ...diluvio e temporali...beh....mi sa che la primavera ce la scorderemo...arriveremo all'improvviso in piena estate....siiiiii!!!  e questo cimurro e tosse che mi perseguita ancora, anche se oggi va meglio!!! vabbè resisteremo!
Oggi sono contenta perchè ho dato un piccolissimo contributo per una grandissima causa...finalmente mi è arrivato il bellissimo libro di ricette...I-Kitchen, che avevo prenotato qui, scritto da tanti di voi blogger...e a cura della grande Patrizia Bosso, che con tanto amore....pazienza e solidarità ha dedicato ai bimbi e ai ragazzi della Gulliver di Rocchetta Vara, una casa famiglia distrutta da questa tragedia!
Ricordate?
...Il 25 ottobre 2011 una pioggia violenta e interminabile flagella l'estremo Levante della Riviera Ligure.Una valanga di acqua e fango si abbatte anche sulla valle di Vara, travolgendo tutto, portando via con sè vite umane, distruggendo abitazioni, inghiottendo oggetti, ricordi, sicure…

Spaghetti con sughetto di Pelose...!

Buona serata a tutti!
Oggi un piatto tipico di mare...spaghetti con sughetto di "Pelose",  eh si...qui nella zona di Bari chiamiamo proprio così quei granchi un pò più grandi e con gli arti e le chele ricoperte di setole pelose e di colore scuro! E' molto facile trovare le pelose sulle nostre coste, ma la loro tana è solitamente una grossa buca nella roccia sott'acqua.  Da non confondere con i semplici granchi, più piccoli e di colore verdastro e che...se per caso vi trovate sdraiati sul bagnasciuga di uno scoglio li vedrete aggirarsi tranquillamente! La Pelosa si nutre di polpi...ma è anche la loro preda!
Beh...noi ci pappiamo alla grande tutti e due!
Non so se sapete della nostra passione per la pesca di polpi...e allora un giorno un cugino di mio marito ci ha fatto cosa graditissima regalandoci una bella vaschetta di Pelose vive per poter andare a pescare polpi! Ma erano davvero tanti...e allora perchè non fare un bel sughetto con qualche Pelosa?  Detto ...fatto!!…

CUCINA PUGLIESE: Piselli e carciofi ripieni

L'appuntamento di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è tutto dedicato ai prodotti e ricette primaverili, piatti leggeri, freschi e genuini.

La Puglia...terra di carciofi ma, anche piselli, fave, fagioli, lenticchie, ceci, sono prodotti di colture di antica  tradizione agricola pugliese.
La mia proposta è un piatto tipico barese, Carciofi ripieni con i piselli freschi, un binomio perfetto che unisce il sapore un po' amarognolo dei carciofi al gusto dolciastro dei piselli, insomma ne nasce un piatto davvero squisito, sano e nutriente.
I piselli freschi insieme alle fave fresche, in questo periodo dominano le nostre tavole, ne facciamo scorte soprattutto di piselli che raccolti e puliti, vengono surgelati per poi gustarne a piacere in svariate preparazioni!
Andiamo allora a vedere la ricetta!

Un abbraccio MILENA











Ingredienti:

6 carciofi
1/2 kg. di piselli freschi
1 cipolla
olio evo
sale e pepe
1 limone

per il ripieno:

2 uova
formaggio pecorino grattugiato
poco pane raffermo
prezzemolo