Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Funghi Cardoncelli con patate al forno



Colori e sapori d'Autunno! Sarà questo il leit motiv che questo mese ci guiderà alla scoperta dei profumi dei piatti tipici regionali de L'Italia nel piatto!
L'atmosfera autunnale ci porta in tavola piatti con colori, profumi e sapori tipici di questo periodo in cui le giornate si accorciano, l'aria comincia a farsi sentire frizzante, pian piano si fa spazio il piacere  del fuoco scoppiettante del camino e si comincia a sentire il bisogno di piatti più caldi e coccolosi!

La mia proposta pugliese, i Funghi Cardoncelli con patate al forno!
Nell'area murgiana il Cardoncello è protagonista sulla tavola autunnale e rientra come ingrediente principale in svariati piatti della tradizione, con le famose orecchiette, con la carne o l'agnello al forno o in umido, con le verdure, fritto, crudo, gratinato, trifolato.


I funghi cardoncelli sono tipici dell'Alta Murgia, uno dei paesaggi più affascinanti e caratteristici della Puglia centrale. L'altopiano delle Murge digrada da un
lato verso l'Adriatico in ampi gradini coltivati a frutteti, oliveti nelle file inferiori, a pascolo e a distese ondulate di grano nella parte superiore. 
Dal lato opposto al mare l'altopiano, pieno di rughe, grotte, doline e solchi, come tutti i terreni calcarei di tipo carsico, scende bruscamente nella cosiddetta Fossa Premurgiana, una fascia di terreno ondulata o pianeggiante posta fra i roccioni delle Murge e le propaggini dell'Appennino.
La scena del paesaggio murgiano cambia ad ogni stagione, in autunno fanno capolino dalle nude pietre dei costoni rocciosi e dai numerosi muretti a secco ciclamini e colchici, mentre in inverno ammiriamo i frutti rossi del biancospino e il blu del prugnolo. 
Una meraviglia in ogni stagione!











Ingredienti:

1/2 kg. di funghi cardoncelli
1/2 kg. di patate
2 spicchi di aglio tritato
olio evo q.b.
prezzemolo tritato
mezzo peperoncino
2 -3 cucchiai di formaggio pecorino grattugiato

Procedimento:

1) Pulire le patate, lavarle ed affettarle di circa 1 cm.e tenerle a bagno  nel frattempo che preparate il resto.
2) Pulire i funghi tagliando prima l'estremità del gambo, togliere il terriccio, io preferisco passarli velocemente sotto l'acqua corrente per essere sicura di aver eliminato eventuali residui anche fra le lamelle, strizzare leggermente e mettere a scolare.
3) In un tegame mettere il condimento di olio evo q.b. aglio tritato, prezzemolo tritato, disporre le patate e condire ancora aggiungendo il formaggio grattugiato e peperoncino, poi fare uno strato di funghi, se sono grandi farli a fette, questi erano medi e li ho lasciati interi e ripetere ancora con il condimento.
4) Infornare a 200° per circa 30 - 40 minuti, all'inizio coprire con stagnola, poi scoprire per far evaporare parte del liquido e far gratinare leggermente.


Accogliamo Chiara con un benvenuto che da oggi rappresenterà il Friuli-Venezia Giulia! Grazie


Le proposte autunnali delle altre regioni:

Veneto: La mosa, zuppa di zucca e farina gialla https://www.ilfiordicappero.com/2018/11/la-mosa-zuppa-di-zucca.html
Friuli Venezia Giulia: Pan Zal - Pane giallo alla zucca con fichi, uvetta e semi di finocchio https://www.blogthatsamore.it/2018/11/pan-zal-pane-giallo-alla-zucca-con-fichi-uvetta-e-semi-di-finocchio.html
Emilia Romagna: Torta di castagne dell’Appennino Modenese https://zibaldoneculinario.blogspot.com/2018/11/torta-di-castagne-dellappennino-modenese.html
Abruzzo:Funghi Porcini all’Abruzzese https://ilmondodibetty.it/funghi-allabruzzese/

Commenti

  1. semplice e deliziosa, brava come sempre!!Come stai amica mia??Baci sabry

    RispondiElimina
  2. un contorno eccezionale, immagino il profumo e il sapore...

    RispondiElimina
  3. mai, mai assaggiati questi funghi! Deve essere buonissimo questo piatto, ha un ottimo aspetto! Complimenti, ciao passa un bel weekend!!

    RispondiElimina
  4. Che bell'aspetto hanno questi funghi, Milena, e visto che non li ho mai assaggiati, mi prenoto una porzione! bacione

    RispondiElimina
  5. bello e gustoso questo contorno!
    buona domenica
    Alice

    RispondiElimina
  6. Adoro i funghi e questa tua ricetta della tradizione me la sto divorando con gli occhi, cara Milena! Complimenti, sempre bravissima!

    RispondiElimina
  7. Che terrina gustosa, profumata e appetitosa :)
    Buona settimana

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez

Pizza con capocollo di Martina Franca, pomodori secchi e rucola

La puntata di oggi de L'Italia nel piatto è dedicata ad uno dei cibi più amati dagli italiani e anche dagli stranieri:  la pizza ,  un semplice impasto di farina lievito e acqua e che, appiattita e condita anche solo con pomodoro, mozzarella e basilico rende unica e allegra una serata in pizzeria fra amici o a casa in famiglia.  Originaria della cucina napoletana, la pizza ha conquistato i gusti a livello internazionale. La più famosa è la pizza Margherita , che nel 1889 il cuoco, Raffaele Esposito  preparò per onorare la regina d'Italia Margherita di Savoia e che condì con pomodoro, mozzarella e basilico, a rappresentare i colori della bandiera italiana, ma la storia della pizza è lunga e incerta. Ogni rappresentante regionale presenterà una pizza con i propri prodotti tipici e tradizionali del territorio. Per la Puglia ho pensato di proporre una pizza con uno dei salumi tradizionali pugliesi e più apprezzati a livello internazionale: il capocollo di Martina Franca. Pe