Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Funghi Cardoncelli con patate al forno



Colori e sapori d'Autunno! Sarà questo il leit motiv che questo mese ci guiderà alla scoperta dei profumi dei piatti tipici regionali de L'Italia nel piatto!
L'atmosfera autunnale ci porta in tavola piatti con colori, profumi e sapori tipici di questo periodo in cui le giornate si accorciano, l'aria comincia a farsi sentire frizzante, pian piano si fa spazio il piacere  del fuoco scoppiettante del camino e si comincia a sentire il bisogno di piatti più caldi e coccolosi!

La mia proposta pugliese, i Funghi Cardoncelli con patate al forno!
Nell'area murgiana il Cardoncello è protagonista sulla tavola autunnale e rientra come ingrediente principale in svariati piatti della tradizione, con le famose orecchiette, con la carne o l'agnello al forno o in umido, con le verdure, fritto, crudo, gratinato, trifolato.


I funghi cardoncelli sono tipici dell'Alta Murgia, uno dei paesaggi più affascinanti e caratteristici della Puglia centrale. L'altopiano delle Murge digrada da un
lato verso l'Adriatico in ampi gradini coltivati a frutteti, oliveti nelle file inferiori, a pascolo e a distese ondulate di grano nella parte superiore. 
Dal lato opposto al mare l'altopiano, pieno di rughe, grotte, doline e solchi, come tutti i terreni calcarei di tipo carsico, scende bruscamente nella cosiddetta Fossa Premurgiana, una fascia di terreno ondulata o pianeggiante posta fra i roccioni delle Murge e le propaggini dell'Appennino.
La scena del paesaggio murgiano cambia ad ogni stagione, in autunno fanno capolino dalle nude pietre dei costoni rocciosi e dai numerosi muretti a secco ciclamini e colchici, mentre in inverno ammiriamo i frutti rossi del biancospino e il blu del prugnolo. 
Una meraviglia in ogni stagione!











Ingredienti:

1/2 kg. di funghi cardoncelli
1/2 kg. di patate
2 spicchi di aglio tritato
olio evo q.b.
prezzemolo tritato
mezzo peperoncino
2 -3 cucchiai di formaggio pecorino grattugiato

Procedimento:

1) Pulire le patate, lavarle ed affettarle di circa 1 cm.e tenerle a bagno  nel frattempo che preparate il resto.
2) Pulire i funghi tagliando prima l'estremità del gambo, togliere il terriccio, io preferisco passarli velocemente sotto l'acqua corrente per essere sicura di aver eliminato eventuali residui anche fra le lamelle, strizzare leggermente e mettere a scolare.
3) In un tegame mettere il condimento di olio evo q.b. aglio tritato, prezzemolo tritato, disporre le patate e condire ancora aggiungendo il formaggio grattugiato e peperoncino, poi fare uno strato di funghi, se sono grandi farli a fette, questi erano medi e li ho lasciati interi e ripetere ancora con il condimento.
4) Infornare a 200° per circa 30 - 40 minuti, all'inizio coprire con stagnola, poi scoprire per far evaporare parte del liquido e far gratinare leggermente.


Accogliamo Chiara con un benvenuto che da oggi rappresenterà il Friuli-Venezia Giulia! Grazie


Le proposte autunnali delle altre regioni:

Veneto: La mosa, zuppa di zucca e farina gialla https://www.ilfiordicappero.com/2018/11/la-mosa-zuppa-di-zucca.html
Friuli Venezia Giulia: Pan Zal - Pane giallo alla zucca con fichi, uvetta e semi di finocchio https://www.blogthatsamore.it/2018/11/pan-zal-pane-giallo-alla-zucca-con-fichi-uvetta-e-semi-di-finocchio.html
Emilia Romagna: Torta di castagne dell’Appennino Modenese https://zibaldoneculinario.blogspot.com/2018/11/torta-di-castagne-dellappennino-modenese.html
Abruzzo:Funghi Porcini all’Abruzzese https://ilmondodibetty.it/funghi-allabruzzese/

Commenti

  1. semplice e deliziosa, brava come sempre!!Come stai amica mia??Baci sabry

    RispondiElimina
  2. un contorno eccezionale, immagino il profumo e il sapore...

    RispondiElimina
  3. mai, mai assaggiati questi funghi! Deve essere buonissimo questo piatto, ha un ottimo aspetto! Complimenti, ciao passa un bel weekend!!

    RispondiElimina
  4. Che bell'aspetto hanno questi funghi, Milena, e visto che non li ho mai assaggiati, mi prenoto una porzione! bacione

    RispondiElimina
  5. bello e gustoso questo contorno!
    buona domenica
    Alice

    RispondiElimina
  6. Adoro i funghi e questa tua ricetta della tradizione me la sto divorando con gli occhi, cara Milena! Complimenti, sempre bravissima!

    RispondiElimina
  7. Che terrina gustosa, profumata e appetitosa :)
    Buona settimana

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Merluzzo in brodetto

Ciao a tutte carissime amiche...!
Stamattina qui ...diluvio e temporali...beh....mi sa che la primavera ce la scorderemo...arriveremo all'improvviso in piena estate....siiiiii!!!  e questo cimurro e tosse che mi perseguita ancora, anche se oggi va meglio!!! vabbè resisteremo!
Oggi sono contenta perchè ho dato un piccolissimo contributo per una grandissima causa...finalmente mi è arrivato il bellissimo libro di ricette...I-Kitchen, che avevo prenotato qui, scritto da tanti di voi blogger...e a cura della grande Patrizia Bosso, che con tanto amore....pazienza e solidarità ha dedicato ai bimbi e ai ragazzi della Gulliver di Rocchetta Vara, una casa famiglia distrutta da questa tragedia!
Ricordate?
...Il 25 ottobre 2011 una pioggia violenta e interminabile flagella l'estremo Levante della Riviera Ligure.Una valanga di acqua e fango si abbatte anche sulla valle di Vara, travolgendo tutto, portando via con sè vite umane, distruggendo abitazioni, inghiottendo oggetti, ricordi, sicure…

Spaghetti con sughetto di Pelose...!

Buona serata a tutti!
Oggi un piatto tipico di mare...spaghetti con sughetto di "Pelose",  eh si...qui nella zona di Bari chiamiamo proprio così quei granchi un pò più grandi e con gli arti e le chele ricoperte di setole pelose e di colore scuro! E' molto facile trovare le pelose sulle nostre coste, ma la loro tana è solitamente una grossa buca nella roccia sott'acqua.  Da non confondere con i semplici granchi, più piccoli e di colore verdastro e che...se per caso vi trovate sdraiati sul bagnasciuga di uno scoglio li vedrete aggirarsi tranquillamente! La Pelosa si nutre di polpi...ma è anche la loro preda!
Beh...noi ci pappiamo alla grande tutti e due!
Non so se sapete della nostra passione per la pesca di polpi...e allora un giorno un cugino di mio marito ci ha fatto cosa graditissima regalandoci una bella vaschetta di Pelose vive per poter andare a pescare polpi! Ma erano davvero tanti...e allora perchè non fare un bel sughetto con qualche Pelosa?  Detto ...fatto!!…

Pizzo Palumbo

Il "Pizzo palumbo" è un dolce tipico di Lucera, provincia di Foggia, una semplice ciambella profumata al limone e decorata con glassa e confettini colorati. Per la rubrica de L'Italia nel piatto il tema di marzo è: "Dolce primavera", una torta o un dolce aspettando la primavera. 

Il nome "Pizzo palumbo" o "u pizz palumm" in dialetto, sta  a significare "un pezzo di colomba".
E' nota anche come "ciambella pasquale",  un dolce che si