Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Cime di rape stufate


Beccata, beccata ancora!
Sssssh...zitte, zitte!
Eccola lei, sul balcone della cucina, quasi nascosta e di spalle, a metà mattinata, a gustarsi furtivamente il "cugno" di cime di rape stufate ed io e mia sorella a spiarla alla finestra  dall'interno della cucina...quante risate! Ogni volta arrossiva quando
era sorpresa da noi, non so se per rabbia o per timidezza, era di una tenerezza unica!
Quante volte si ripeteva questa scena!
Mia madre, ogni volta che preparava per cena le cime di rape stufate, doveva, ad ogni costo, lasciarsene un po' per lo spuntino della mattina seguente per inserirle nel "cugno" o "cucuruzz" come lo chiamava lei. Non era altro che la
parte finale di un filone di pane, lo svuotava della mollica, ci infilava le cime di rape stufate e copriva con la mollica tolta a mo' di tappo. Per lei questo momento era irresistibile, incurante dei rimproveri di mio padre (quando se ne accorgeva) perchè lei non seguiva la dieta!


Per questo mese il tema de L'Italia nel piatto è "Ricette che scaldano il cuore", quelle ricette che vi riportano ad un ricordo particolare, ad una persona speciale che amate, insomma tutte quelle
ricette che quando le preparate vi fanno stare bene e sono una coccola per voi!

Una delle mie ricette del cuore che ogni volta, inevitabilmente, mi riporta a questo ricordo sono appunto "Le cime di rape stufate"!

E' un piatto tipico barese, si tratta di una verdura squisita invernale, caratteristica della Puglia e precisamente della zona intorno a Bari ed ancora a sud fino a Fasano.
Le migliori sono quelle coltivate a Modugno e a Fasano, più dolci le prime, un poco amarognole le altre, ma entrambe ugualmente squisite.
Le cime di rape trovano ampio spazio nella
cucina pugliese, come non menzionare le famose "orecchiette e cime di rape", oppure il calzone con le rape, i panzerotti farciti di rape, rape e fagioli o rape e salsiccia. Un piatto povero di una volta della cucina contadina pugliese ma che oggi viene  riproposto anche nei ristoranti!








Ingredienti:

1 kg. di cime di rape
1 spicchio di aglio
peperoncino a piacere
olio evo q.b.
sale

Procedimento:

Pulire le cime di rape eliminando le foglie più grandi, staccare con le mani le foglie più tenere e tagliare le cimette. Lavare ripetutamente con acqua corrente e mettere a scolare.
Mettere sul fuoco un tegame con olio evo, far soffriggere appena l'aglio, aggiungere le cime di rape e coprire subito con un coperchio. Quando cominceranno a stufare aggiungere il peperoncino e il sale. Nel caso dovessero asciugarsi troppo, aggiungere un po' di acqua. In mezz'ora o in 3/4 d'ora le rape stufate saranno pronte.



Ecco qui di seguito le "Ricette che scaldano il cuore" delle compagne di viaggio di questo progetto:


Valle d'Aosta: Seupetta de Cogne
Lombardia: Torta del Paradiso
Trentino Alto Adige: Marmor-Kuchen altoatesina
Friuli Venezia Giulia: Gnocchi di Susine
Emilia Romagna: I bassotti
Abruzzo: Pasta e fagioli
Basilicata: Lagane e ceci
Sicilia: Biancomangiare
Sardegna: Culungionis de pappai biancu (Ravioli di mangiar bianco)




Commenti

  1. come resistere alle cime nel panozzo...la mamma colta in flagrante ha tutta la mia simpatia!
    un saluto goloso il cat.

    RispondiElimina
  2. Adoro le cime di rapa, appena le vedo in vendita ne faccio sempre una gran scorta, solitamente le preparo con le orecchiette. Ora sono proprio curiosa di servirle in tavola cosi. A presto LA

    RispondiElimina
  3. Mi hai fatto sorridere. Io faccio lo stesso con la parmigiana di melanzane, me la conservo e me la pappo a metà mattina con il crostone del pane.
    Buonissime le cime di rapa stufate.

    RispondiElimina
  4. ho sorriso al tuo racconto, avevo una nonna che amava lo spuntino delle 10, e lei si preparava pane burro e acciughe.
    Quanti bei ricordi, con queste cime mi ha davvero scaldato il cuore! un bacione!

    RispondiElimina
  5. Un classico pugliese!!! Complimenti Mile!!! Splendida ricetta e foto meravigliose!

    RispondiElimina
  6. Per me le cime di rapa stufate sono un vero e proprio comfort food, le adoro! Quanto piacere nel leggere questa ricetta e assaporare questo piatto dalle tue splendide foto. Buona giornata

    RispondiElimina
  7. Una ricetta splendida!
    Io avevo un nonno che a metà mattina si mangiava un peperone sottolio :))
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  8. E chi resiste alle cime di rapa?

    RispondiElimina
  9. Ottime Milena e tenerissimo il ricordo della tua mamma, un bacione :)

    RispondiElimina
  10. La mamma è sempre la mamma e quelle golose sono le migliori!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Merluzzo in brodetto

Ciao a tutte carissime amiche...! Stamattina qui ...diluvio e temporali...beh....mi sa che la primavera ce la scorderemo...arriveremo all'improvviso in piena estate....siiiiii!!!  e questo cimurro e tosse che mi perseguita ancora, anche se oggi va meglio!!! vabbè resisteremo! Oggi sono contenta perchè ho dato un piccolissimo contributo per una grandissima causa...finalmente mi è arrivato il bellissimo libro di ricette...I-Kitchen, che avevo prenotato qui , scritto da tanti di voi blogger...e a cura della grande Patrizia Bosso, che con tanto amore....pazienza e solidarità ha dedicato ai bimbi e ai ragazzi della Gulliver di Rocchetta Vara, una casa famiglia distrutta da questa tragedia! Ricordate? ...Il 25 ottobre 2011 una pioggia violenta e interminabile flagella l'estremo Levante della Riviera Ligure.Una valanga di acqua e fango si abbatte anche sulla valle di Vara, travolgendo tutto, portando via con sè vite umane, distruggendo abitazioni, inghiottendo oggetti, ricordi, si

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Pizzo Palumbo

Il "Pizzo palumbo" è un dolce tipico di Lucera, provincia di Foggia, una semplice ciambella profumata al limone e decorata con glassa e confettini colorati. Per la rubrica de L'Italia nel piatto il tema di marzo è: "Dolce primavera", una torta o un dolce aspettando la primavera.  Il nome "Pizzo palumbo" o "u pizz palumm" in dialetto, sta  a significare "un pezzo di colomba". E' nota anche come "ciambella pasquale",  un dolce che si