Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: I cuscini di Gesù Bambino

Oggi giornata speciale...tutte le regioni partecipano a questo appuntamento gastronomico delle ricette tipiche regionali del progetto L'Italia nel piatto e con grande piacere diamo il benvenuto alle nuove arrivate: Gabriella del Friuli blog Zucchero and cannella, Gilda del blog Donne pasticcione e Antonella del blog La lucana in cucina.
Grazieeee per aver aderito al nostro gruppo, con voi..."L'Italia è fatta" !!!

Il tema di oggi è: Natale, doni di gusto, una carrellata di piatti tipici del periodo natalizio, ricette preparate con il cuore da condividere a tavola con i nostri cari e nel caso di dolci e liquori anche da regalare con belle confezioni a tema natalizio!  

La Puglia vi propone i "Cuscini di Gesù Bambino", dolcetti tipici di Turi, un paese a sud-est di Bari, sull'altopiano della Murgia. Sono dei golosi fagottini di pasta frolla a forma di piccoli cuscini, ripieni di una crema a base di ceci passati, cioccolato fondente e liquore.
Questi dolci, detti anche calzoncelli, si preparano fritti o al forno per esempio nel foggiano con la variante della pasta sfoglia al vino ed un ripieno di castagne e miele, oppure in altri paesi pugliesi con un ripieno di marmellata di uva o mele cotogne. La caratteristica di questo dolce tipico delle feste natalizie è appunto la forma di piccolo cuscino!

Un abbraccio MILENA
  
















Ingredienti:

Per la pasta frolla:

300 g. di farina 00
100 g. di zucchero
120 g. di burro
1 uovo intero + 1 tuorlo
1 bustina di lievito per dolci
1 buccia di limone grattugiato

Per il ripieno:

150 g. di ceci
200 g. di cioccolato fondente
rosolio casalingo q.b. (io liquore di arancia)

zucchero a velo per spolverare

Procedimento:

Lessare i ceci dopo averli tenuti a bagno per una notte.
Nel frattempo preparare la pasta frolla mettendo  in una coppa la farina a fontana, al centro aggiungere il burro morbido, lo zucchero, le uova, il lievito e la buccia grattugiata di limone. Impastare il tutto e far riposare in frigo per 1 ora circa.
Una volta cotti i ceci bisogna passarli fino a rendere il tutto a purea, dopo aggiungere nel tegame dei ceci passati il cioccolato fondente spezzettato ed il liquore, portare sul fuoco a fiamma moderata fino a quando il cioccolato si è sciolto e ben amalgamato alla crema di ceci.
Stendere la frolla fra due fogli di carta da forno e ritagliare dei rettangoli 16x5, coprire la metà del rettangolo con un pò di ripieno e poi chiudere bene con l'altra metà di frolla magari ritagliando con una rotellina a formare così tanti piccoli cuscini.
Infornare a 200° per circa 20 minuti
Una volta raffreddati spolverizzare di zucchero a velo.


Andiamo a scoprire le ricette golose delle altre rappresentati regionali:


Valle d’Aosta: Tegole e fiocca http://www.acasadivale.ifood.it/201...
Piemonte: Coppa sabauda: il Piemonte va in Toscana https://acquacottaf.blogspot.com/20...
Liguria: Finocchini di Sarzana https://arbanelladibasilico.blogspot.com/...
Lombardia: La crema lodigiana http://www.kucinadikiara.it/2017/12...
Trentino-Alto Adige: Lebkuchen http://www.dolcementeinventando.com/...
Friuli-Venezia Giulia: Putizza http://zuccheroandcannella.it/putizza/
Emilia Romagna: Lo Sburlon, il liquore con mele cotogne https://zibaldoneculinario.blogspot.com/...
Toscana: Cassata fiorentina https://acquacottaf.blogspot.com/20...
Molise: Pizzelle fritte farcite https://blog.cookaround.com/gildabi...
Campania: Mostaccioli napoletani al caffè https://fusillialtegamino.blogspot.it/...
Basilicata: Le pettole lucane http://blog.giallozafferano.it/lalu...
Puglia: I cuscini di Gesù Bambino https://breakfastdadonaflor.blogspot.com/...
Calabria: I ravioli di ceci https://ilmondodirina.blogspot.com/...
Sicilia: Cassata siciliana al Forno http://www.profumodisicilia.net/201...
Sardegna: Pilau alla Cagliaritana con frutti di mare https://dolcitentazionidautore.blogspot.com/...

Commenti

  1. Che buoni questi cuscini! non conoscevo questa ricetta! L'italia è questa...tante tradizioni tanti piatti,tanta fantasia!!grazie e un bacio
    https://i5mondi.com/blog/

    RispondiElimina
  2. Fanno tenerezza questi dolcetti, se non altro per il nome! E devono essere squisiti, tantissimi auguri Milena, un abbraccio :)

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Adoro i ceci e non ho mai pensato di inserirli in un dolcetto. Delizioso A presto LA

    RispondiElimina
  5. Raffinatezza, stile ed eleganza,tre aggettivi per definire la tua personalità e le tue meravigliose ricette. Bravissima come sempre. Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  6. Differenti ma simili. E d'altronde le nostre radici contadine sono simili, le nostre antenate ne sapevano una più del diavolo.

    RispondiElimina
  7. Bellissimi. Ero proprio curiosa di leggere questa ricetta.

    RispondiElimina
  8. Ne ho sentito parlare ma non li ho mai assaggiati. Devono essere deliziosi. Li metto nella lista dei dolci da provare :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  9. ma che bella ricetta! e che nome soave... già mi piacciono! complimenti, vorrei proprio assaggiarne uno!

    RispondiElimina
  10. Questa ricetta non la conoscevo, e mi ha incuriosito!
    La proverò!
    Ciao
    Elisa

    RispondiElimina
  11. Le foto sono stupende Milena...lasciano sognare quanto buoni devono essere questi biscotti! Complimenti!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

Fegato all'arancia

Fegato all'arancia Il fegato all'arancia è una preparazione semplice e veloce per portare a tavola un secondo gustoso e saporito. E' questo il mio contributo per la rubrica mensile dell'I talia nel piatto , questo appuntamento è dedicato alle ricette con gli ingredienti meno nobili: scarti di verdura di stagione, pane raffermo, ossa, cotiche, orecchie e zampetti di maiale, ecc..  Un abbinamento insolito per un piatto tipico regionale ma sfogliando il solito libro di Luigi Sada "La cucina pugliese" sono rimasta sorpresa dal titolo di questa ricetta in dialetto salentino " Fegatu de maiale cu lu portacalli " (portacallu - dal nome del Portogallo, da cui proviene l'albero) ovvero "Fegato di maiale con l'arancia! Il fegato lo mangio e lo adoro soprattutto se si tratta dei famosi "gnumarelli" tipici pugliesi, non sono altro che involtini di interiora  (fegato, polmone e rognone) stretti all'interno del budello dell'agnello,

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez