Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Ceci neri con peperoni fritti

Con l'arrivo dell'autunno e dei primi freddi si sente il bisogno di piatti caldi e sostanziosi ed oggi, noi della rubrica L'Italia nel piatto vi proponiamo ricette tipiche regionali a base di LEGUMI!

 Per la Puglia propongo un piatto tipico del mio paese: Ceci neri con peperoni, un piatto che spesso preparava mia madre e mia nonna.


I ceci neri  sono dei legumi insoliti ma tanto gustosi, tipici nella zona della Murgia carsica barese, a sud est di Bari ed in particolare la zona che comprende i comuni di Acquaviva delle Fonti, Cassano delle Murge e Santeramo in Colle. Un legume per la cucina povera e che i contadini piantavano per il loro sostentamento. 
Oggi questo legume è stato rivalutato tanto da diventare Presidio Slow Food e tutelato con il marchio Prodotti di Qualità di Puglia.

Il cece nero si raccoglie ad agosto ed essiccato e si trova tutto l'anno. L'aspetto è diverso dal comune cece, è più piccolo, scuro e più duro, la buccia è rugosa e irregolare e proprio per la consistenza della buccia ha bisogno di molte ore di ammollo e di una cottura di circa 2 ore, in compenso però è molto gustoso e saporito. Tanto ricchi di vitamine e minerali che pare in passato fossero consigliati alle donne in gravidanza. 

I ceci neri sostituiscono degnamente i ceci bianchi in cucina e trovano posto in svariate ricette, con la pasta, con insalate, con il pesce, in zuppa ecc. 















Ingredienti:

Per i ceci neri:

300 g. di ceci neri
1 spicchio di aglio
1 foglia di alloro
1 gambo di sedano
olio evo
sale

Per i peperoni:

200 g. di peperoni verdi
200 g. di pomodorini ciliegia
1 spicchio di aglio
peperoncino (a piacere)
olio evo
sale

Procedimento:

Lavare i ceci ed eliminare eventuali impurità, mettere a bagno in una coppa con un mezzo cucchiaino di bicarbonato per un giorno.
Poi eliminare l'acqua, passarli velocemente sotto l'acqua corrente e metterli a cuocere in un tegame, meglio se è di coccio, coperti di acqua e con lo spicchio di aglio, il gambo di sedano, la foglia di alloro e olio evo. Far cuocere a fiamma bassa, in circa 1 ora e mezza, massimo 2 ore, saranno belli cotti, poco prima della fine cottura salare.
Nel frattempo preparare i peperoni, che saranno lasciati interi, facendoli soffriggere in un tegame con l'olio evo e lo spicchio di aglio, poi aggiungere i pomodorini tagliuzzati, peperoncino e sale e portare a cottura.

Impiattare i ceci neri aggiungendo qualche peperone verde con il sughetto e accompagnati da pane tostato.

Andiamo ora a scoprire le gustose ricette delle altre regioni:

Lombardia: Insalata di nervetti (nervitt in insalàda) http://www.kucinadikiara.it/2017/10...
Emilia Romagna: Maltagliati con i fagioli https://zibaldoneculinario.blogspot.com/...
Toscana: Fagioli al fiasco https://acquacottaf.blogspot.com/20...
Umbria: Lenticchie di Colfiorito e salsicce https://www.dueamicheincucina.it/20...
Lazio: Pasta e fagioli con le cotiche http://www.silviaferrante.com/2017/...

Abruzzo: Minestra di lenticchie e scarola http://ilmondodibetty.it/minestra-lenticchie-e-scarola/
Puglia: Ceci neri con peperoni fritti https://breakfastdadonaflor.blogspot.com/...
Sicilia: Favetta cu'i Guidi e Pani Caliatu http://www.profumodisicilia.net/201...
Sardegna: Fagioli alla Gallurese https://dolcitentazionidautore.blogspot.com/...

Commenti

  1. Non ho mai mangiato i ceci neri e tanto meno i ceci con i peperoni... quanto mi piace questa ricetta... appena li trovo li voglio provare! A presto LA

    RispondiElimina
  2. Non li ho mai mangiati ma mi hanno detto che sono buonissimi.
    Ottima proposta :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  3. i ceci li adoro, quelli neri non li trovo spesso.. con i peperoni devono essere stupendi!!!!!!
    ciao
    elisa

    RispondiElimina
  4. sono buonissimi, devo ancora capire le ore di ammollo, ora sono arrivata a 15 ma mi sa che devo aumentare ancora, tu cosa mi consigli? sono proprio bellissimi e con i peperoni colorati sono pure eleganti! e chi se lo aspetta da un prodotto rustico come un legume? Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elena! Allora io li ho tenuti 1 giorno a bagno e la cottura è stata perfetta, prova a prolungare le ore di ammollo e vedrai che cuoceranno in poco tempo! Veramente io mi sono meravigliata dei miei ceci, immaginavo chissà quante ore di cottura ed invece dopo 1 ora e mezza erano cotti!

      Elimina
  5. Come Elena anche io devo capire meglio le ore di ammollo. Li ho fatti una sola volta, dopo 12 ore di ammollo, ma cuocendoli mi risultavano sempre duri e purtroppo indigeribili. Aumenterò le ore come consigli tu.
    La ricetta è splendida.

    RispondiElimina
  6. Ma questa ricetta è meravigliosa! I ceci neri sono sempre poco utilizzati, grazie per averli preparati in questa strepitosa ricetta. Un abbraccio cara. Dani

    RispondiElimina
  7. Ero certa di trovare un piatto a base di ceci neri! Sono favolosi e tu li hai cucinati in piatto magnifico!!! Complimenti, stupenda ricetta! E foto bellissime!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Merluzzo in brodetto

Ciao a tutte carissime amiche...! Stamattina qui ...diluvio e temporali...beh....mi sa che la primavera ce la scorderemo...arriveremo all'improvviso in piena estate....siiiiii!!!  e questo cimurro e tosse che mi perseguita ancora, anche se oggi va meglio!!! vabbè resisteremo! Oggi sono contenta perchè ho dato un piccolissimo contributo per una grandissima causa...finalmente mi è arrivato il bellissimo libro di ricette...I-Kitchen, che avevo prenotato qui , scritto da tanti di voi blogger...e a cura della grande Patrizia Bosso, che con tanto amore....pazienza e solidarità ha dedicato ai bimbi e ai ragazzi della Gulliver di Rocchetta Vara, una casa famiglia distrutta da questa tragedia! Ricordate? ...Il 25 ottobre 2011 una pioggia violenta e interminabile flagella l'estremo Levante della Riviera Ligure.Una valanga di acqua e fango si abbatte anche sulla valle di Vara, travolgendo tutto, portando via con sè vite umane, distruggendo abitazioni, inghiottendo oggetti, ricordi, si

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci