Passa ai contenuti principali

CUCINA REGIONALE: Uva sotto spirito

Eccoci qua...dopo le ferie ritorniamo noi del gruppo L'Italia nel piatto per continuare l'interessante percorso culinario all'insegna della cucina tipica regionale!
L'appuntamento di oggi è dedicato alla FRUTTA DI SETTEMBRE!

La mia proposta è una conserva a base di uva sotto spirito visto che dei cari amici ci avevano regalato una bella cassetta di uva Vittoria. Ideale da gustare nelle serate invernali, oppure per arricchire macedonie o dolci.  

Le principali varietà d'uva da tavola coltivate in Puglia sono:
  • Con semi - Italia, Vittoria, Red Globe, Palieri,  Regina.
  • Senza semi (seedless) - Sugraone, Crimson, Black Magic. 
La "Uva di Puglia IGP" è una denominazione IGP della regione Puglia, relativa alle province di BariBrindisiTarantoFoggiaLecceBarletta-Andria-Trani. La denominazione Uva di Puglia IGP per la merceologia Frutta esiste dal 2010 ed è una delle più importanti IGP della regione Puglia.

CARATTERISTICHE PRODOTTO

L’I.G.P. “Uva di Puglia” è riservata all'uva da tavola delle varietà Italia b., Regina b. Victoria b., Michele Palieri n., Red Globe rs. 

La Puglia viticola presenta una tipica produzione di elevatissimo pregio, quale è appunto la sua uva da tavola, apprezzata sui mercati europei
E' pugliese ben il 70% dell'uva da tavola esportata dal nostro Paese all'estero, soprattutto in Germania, Francia, Belgio, Regno Unito, Svizzera, Austria. Le province maggiormente interessate dalla produzione di uva da tavola sono Bari e Taranto, mentre le altre province pugliesi coltivano essenzialmente uva da vino.
L'uva consumata allo stato fresco assicura all'organismo principi nutritivi, valori energetici ed elementi teraupetici di notevole importanza. Nell'va sono presenti tanti sali minerali e vitamine. Con i suoi sali di potassio è anche cardiotonica. L'uva secondo illustri clinici andrebbe mangiata al mattino.















Ingredienti:
1 kg. di uva (io ho usato l'uva Vittoria)
150 g, di zucchero
700 ml. di alcool 95°
stecca di cannella
poca buccia di limone (non trattato) a julienne

Procedimento:
Lavare benissimo l'uva, staccare i chicchi tagliando con le forbici in modo da lasciare metà picciolo e mettere a scolare. Adagiare i chicchi su un canovaccio pulito e farli asciugare completamente. Disporre i chicchi d'uva nel barattolo, aggiungere una stecca di cannella, la buccia di limone a julienne e lo zucchero, infine coprire di alcool. Conservare in luogo fresco. Saranno pronti da gustare dopo 2 mesi, nel frattempo ricordarsi di scuotere periodicamente il barattolo per far sciogliere meglio lo zucchero.

Vediamo ora cosa hanno preparato di buono le rappresentanti delle altre regioni:

Liguria: prescinseua con mirtilli https://arbanelladibasilico.blogspot.com/...
Lombardia: La Torta Bertolina http://www.kucinadikiara.it/2017/09...
Veneto: Sugoli, i budini antichi con il mosto d'uva http://www.ilfiordicappero.com/2017...
Emilia Romagna: La torta di fichi di Albarola https://zibaldoneculinario.blogspot.com/...
Toscana: Schiacciata con i fichi https://acquacottaf.blogspot.com/20...
Campania: Biscotti caffè e nocciole https://fusillialtegamino.blogspot.com/...
Sicilia: Charlotte al Mascarpone con Pesche del Mojo e un tuffo nelle Gole dell’Alcantara
Sardegna: Mele Miali in sciroppo di Moscadeddu della Romangia https://dolcitentazionidautore.blogspot.com/...

Commenti

  1. sai che non l'ho mia fatta l'uva sotto spirito!!'
    però mi ricordo i vasoni a casa di mia nonna.....
    ciao
    elisa

    RispondiElimina
  2. Ciao Mile, che meraviglia questa conserva e che confort food per le serate fredde!!! Un bacione

    RispondiElimina
  3. Un vero tesoro per le serate invernali :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  4. Mile una ricetta meravigliosa. Mi piace da morire l'idea di conservare così la frutta e ritrovarsela anche quando non è più il suo periodo. Ti abbraccio forte, bravissima come sempre!

    RispondiElimina
  5. Con l'uova non ho mai provato a farla sotto spirito, sempre altro tipo di frutta ma appena posso voglio provare assolutamente! A presto LA

    RispondiElimina
  6. si, si, si, questa la provo di sicuro! domani compro l'uva giusta... deve essere un ottimo digestivo! grazie di averla condivisa!

    RispondiElimina
  7. questa la faceva sempre mia mamma, ed era buonissima, devo provare anche io.

    Un bacio

    Miria

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

Fegato all'arancia

Fegato all'arancia Il fegato all'arancia è una preparazione semplice e veloce per portare a tavola un secondo gustoso e saporito. E' questo il mio contributo per la rubrica mensile dell'I talia nel piatto , questo appuntamento è dedicato alle ricette con gli ingredienti meno nobili: scarti di verdura di stagione, pane raffermo, ossa, cotiche, orecchie e zampetti di maiale, ecc..  Un abbinamento insolito per un piatto tipico regionale ma sfogliando il solito libro di Luigi Sada "La cucina pugliese" sono rimasta sorpresa dal titolo di questa ricetta in dialetto salentino " Fegatu de maiale cu lu portacalli " (portacallu - dal nome del Portogallo, da cui proviene l'albero) ovvero "Fegato di maiale con l'arancia! Il fegato lo mangio e lo adoro soprattutto se si tratta dei famosi "gnumarelli" tipici pugliesi, non sono altro che involtini di interiora  (fegato, polmone e rognone) stretti all'interno del budello dell'agnello,

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez