Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Cavatelli con le cozze

Puntata particolare per la rubrica L'Italia nel piatto, un percorso oggi dedicato ad un alimento che tutti noi italiani (e non solo) amiamo: la pasta!
Fresca, fatta a mano o artigianale, secca e con i più svariati condimenti non manca mai sulla nostra tavola!
Il titolo di questo appuntamento infatti è: L'ITALIA IN...PASTA! Evviva la pasta!

Quante storie si raccontano sulla nascita delle paste secche! Lo storico della gastronomia pugliese, Luigi Sada, con l'aiuto di indiscutibili documenti ricostruì negli anni Sessanta la storia della pasta secca e dimostrò che è un alimento connesso al nomadismo; Furono gli arabi che per primi essiccarono la pasta per una maggiore conservazione. La più antica documentazione è quella dell'arabo Idrisi che ne Il libro di Ruggero ( del 1155 circa) scrisse che il primo luogo di produzione dei vermicelli essiccati (itrya) fu Trabia, piccolo paese vicino Termini Imerese (Pa), all'epoca ricco di mulini. "Si caricavano dromoni di vermicelli e spedivansi in tutta la parte terminale della Penisola e in tanti altri paesi Cristiani e Musulmani".
La storia è lunga...!

Ma noi pugliesi quanto amiamo la pasta? Tantissimo... e tantissimi sono i formati delle nostre paste:
Anelline (anellini) Ascene du ppépe (peperini) Bavétte (bavette) Calzengìedde (calzoncino) Cannaruèzzele (cannellino) Capìedde de prèvete (cappelli da prete) Cappuci de monacu (pizzicarelli) Capunde (capunti, cavatelli lunghi)  Cavatiedde (cavatelli) Cherrènde (regina) Chjancarèdde (pianetta)  Cingule (cavatelli) Cuècce (coccino)  Filatielle (vermicelli) Gnicchettele (gnocchetti) Lacana (lasagna) Laganédde (lasagnetta)  Maccàrone (maccherone)  Maccarune cu freciedde  (fascioni) Nocchètte (nodello) Paciacche (strascinati grossi) Padernèste ( paternostro) Pezzecariiedde ( pizzicarelli)  Quadrucce (quadrucci) Rasscktieddi (raschiatelli)  Rècchje (orecchia) Recchjetèdde (orecchietta) Sagne (lasagne) Sckaffone ( cannellone) Strascenate ( strscinato) Tria (taglierini) Triddhi (maltriti)  Vremeciedde (vermicelli)  Zetòne (zita grossa) Zite (zita).....e tante tante altre ancora, la lista è troppa lunga!!

La mia proposta per la Puglia è un formato di pasta fresca, i cavatelli che, insieme alle orecchiette (la regina fra le nostre paste tradizionali) arricchiscono i nostri primi piatti!
I cavatelli sono di semola di grano duro come tutta la nostra pasta ed hanno una forma allungata ed incavata verso l'interno e si prestano benissimo ad accogliere i vari condimenti.
La versione di oggi è con le cozze, un piatto gustosissimo al profumo e sapore di mare, un piatto che preparo spesso e che piace sempre.

Un abbraccio MILENA

CAVATELLI CON LE COZZE
















Ingredienti:

350 g. di cavatelli freschi
1 kg. di cozze
250 g. di ciliegini
1 spicchio di aglio
olio evo 
prezzemolo tritato
poco sale
pepe o peperoncino

Procedimento:

Pulire le cozze staccandole una ad una dalla corda, staccare quel baffetto (il bisso) che
fuoriesce dalle valve,  sotto l'acqua corrente strofinarle vigorosamente fra di loro per eliminare varie incrostazioni  o denti di cane (quelle piccole conchiglie attaccate) oppure strofinarle semplicemente con sale e risciacquare.
Qualche cozza andrà ancora raschiate bene con un coltellino o con una retina di acciaio ( che userete solo per questo uso), queste andranno con tutta la buccia nel sughetto ( per la decorazione del piatto) Ora procedere aprendo il resto delle cozze con il coltellino adatto , far scorrere le due valve fra di loro in modo da creare uno spazietto per infilare il coltellino che farete scorrere internamente alla cozza staccando il frutto  e infine aprendo completamente le valve. Teniamo una coppetta sotto le mani per raccogliere oltre il frutto anche un pò della loro acqua che filtrerete, ma quando infilate il coltellino fatelo fuori della coppetta, perchè se la cozza non dovesse essere buona rischiamo di buttare poi l'intera coppetta con le cozze buone. 
In un tegame mettere a soffriggere nell'olio evo per un po' l'aglio tritato, aggiungere i pomodorini lavati e tagliati a piccoli pezzi, il peperoncino oppure il pepe e poco sale, far cuocere per circa 15 minuti, quando si restringe un po aggiungere un po di liquido filtrato delle cozze, le cozze a frutto netto e quelle poche con la buccia. A fiamma vivace ora basteranno pochissimi minuti per la cottura delle cozze che devono rimanere belle vive, attenzione a non farle cuocere troppo, si scuriscono e perdono sapore  
Lessare i cavatelli freschi  in abbondante acqua salata, scolare bene e saltarli nel tegame delle cozze.



Importante: le cozze vanno pulite a crudo, inutile aprire le cozze prima sul fuoco e poi metterle nel sughetto, il sapore cambia eccome, dal giorno alla notte, se proprio non riuscite ad aprirle, meglio comprarle a frutto netto dal vostro rivenditore di fiducia!
Impiattare aggiungendo una bella manciata di prezzemolo fresco tritato.

Continua il nostro tragitto all'insegna della pasta, andiamo a scoprire i profumi delle cucine delle altre regioni, oggi si aggiungono altre rappresentanti : per la Sicilia Laura del blog “I sapori di Sicilia” , per la Campania Natalia di “Fusilli al tegamino” e per il Piemonte Marianna di “Fiordipistacchio”, a loro un grande benvenuto nel gruppo!





Lombardia: Pasta al Gorgonzola http://www.kucinadikiara.it/2017/06...
Veneto: Tagliatelle con i piselli freschi ovvero le “tajadele coi bisi” : http://www.ilfiordicappero.com/2017...
Friuli-Venezia Giulia: Blecs alla morchia http://ilpiccoloartusi.weebly.com/f...
Emilia Romagna: Farfalle all’uovo fatte in casa http://zibaldoneculinario.blogspot.com/...
Toscana: Pici all’aglione http://acquacottaf.blogspot.com/201...
Umbria: Umbricelli al pecorino http://www.dueamicheincucina.ifood.it/...
Abruzzo: Ravioli di carne al sugo abruzzese http://ilmondodibetty.it/ravioli-di...
Puglia: Cavatelli con le cozze http://breakfastdadonaflor.blogspot.com/...
Sicilia: Spaghetti con pomodorini arrostiti e melanzane - http://www.profumodisicilia.net/201...
Sardegna: Maccarones de Busa http://dolcitentazionidautore.blogspot.com/...

Commenti

  1. che meraviglia di piatto... Sono appena rientrata da 4 giorni a Bari.. sento ancora i profumi!!!!
    ciao
    elisa

    RispondiElimina
  2. caspita che elenco infinito di paste secche...avete l'impatazzo della scelta! Questi cavatelli però sono super!!!

    RispondiElimina
  3. Veramente tantissimi tipi di pasta! Ma qui c'è anche un sughetto supersfizioso!!! Bacioni

    RispondiElimina
  4. Un piatto meraviglioso :)
    Complimenti!

    RispondiElimina
  5. Buonissimiiiiiii io li adoro, grazie alla mamma di un amico (pugliesi) li ho mangiati per la prima volta... e ora grazie alla tua ricetta posso prepararli in casa da sola! A presto LA

    RispondiElimina
  6. mamma mia che buoni Milena, adoro le cozze e questo piatto mi fa una gola-
    Un bacio Miria

    RispondiElimina
  7. Un piatto che si mangia prima con gli occhi! Buonissimo!
    Un abbraccio, Rosa

    RispondiElimina
  8. Complimenti!
    Un piatto buonissimo

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Merluzzo in brodetto

Ciao a tutte carissime amiche...!
Stamattina qui ...diluvio e temporali...beh....mi sa che la primavera ce la scorderemo...arriveremo all'improvviso in piena estate....siiiiii!!!  e questo cimurro e tosse che mi perseguita ancora, anche se oggi va meglio!!! vabbè resisteremo!
Oggi sono contenta perchè ho dato un piccolissimo contributo per una grandissima causa...finalmente mi è arrivato il bellissimo libro di ricette...I-Kitchen, che avevo prenotato qui, scritto da tanti di voi blogger...e a cura della grande Patrizia Bosso, che con tanto amore....pazienza e solidarità ha dedicato ai bimbi e ai ragazzi della Gulliver di Rocchetta Vara, una casa famiglia distrutta da questa tragedia!
Ricordate?
...Il 25 ottobre 2011 una pioggia violenta e interminabile flagella l'estremo Levante della Riviera Ligure.Una valanga di acqua e fango si abbatte anche sulla valle di Vara, travolgendo tutto, portando via con sè vite umane, distruggendo abitazioni, inghiottendo oggetti, ricordi, sicure…

Spaghetti con sughetto di Pelose...!

Buona serata a tutti!
Oggi un piatto tipico di mare...spaghetti con sughetto di "Pelose",  eh si...qui nella zona di Bari chiamiamo proprio così quei granchi un pò più grandi e con gli arti e le chele ricoperte di setole pelose e di colore scuro! E' molto facile trovare le pelose sulle nostre coste, ma la loro tana è solitamente una grossa buca nella roccia sott'acqua.  Da non confondere con i semplici granchi, più piccoli e di colore verdastro e che...se per caso vi trovate sdraiati sul bagnasciuga di uno scoglio li vedrete aggirarsi tranquillamente! La Pelosa si nutre di polpi...ma è anche la loro preda!
Beh...noi ci pappiamo alla grande tutti e due!
Non so se sapete della nostra passione per la pesca di polpi...e allora un giorno un cugino di mio marito ci ha fatto cosa graditissima regalandoci una bella vaschetta di Pelose vive per poter andare a pescare polpi! Ma erano davvero tanti...e allora perchè non fare un bel sughetto con qualche Pelosa?  Detto ...fatto!!…

CUCINA PUGLIESE: Piselli e carciofi ripieni

L'appuntamento di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è tutto dedicato ai prodotti e ricette primaverili, piatti leggeri, freschi e genuini.

La Puglia...terra di carciofi ma, anche piselli, fave, fagioli, lenticchie, ceci, sono prodotti di colture di antica  tradizione agricola pugliese.
La mia proposta è un piatto tipico barese, Carciofi ripieni con i piselli freschi, un binomio perfetto che unisce il sapore un po' amarognolo dei carciofi al gusto dolciastro dei piselli, insomma ne nasce un piatto davvero squisito, sano e nutriente.
I piselli freschi insieme alle fave fresche, in questo periodo dominano le nostre tavole, ne facciamo scorte soprattutto di piselli che raccolti e puliti, vengono surgelati per poi gustarne a piacere in svariate preparazioni!
Andiamo allora a vedere la ricetta!

Un abbraccio MILENA











Ingredienti:

6 carciofi
1/2 kg. di piselli freschi
1 cipolla
olio evo
sale e pepe
1 limone

per il ripieno:

2 uova
formaggio pecorino grattugiato
poco pane raffermo
prezzemolo