Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Olive in acqua

"Il profumo dell'autunno", è questo il tema di ottobre della rubrica "L'Italia nel piatto", scopriremo insieme i sapori autunnali attraverso la gastronomia dalle varie regioni e se dico "olive"...beh...si intuisce subito che qui siamo in Puglia, terra baciata dal sole per gran parte dell'anno e con clima mite, terra di immense distese di ulivi secolari  spettacolari! E' per questo che l'olivicoltura, tipica coltura mediterranea, ha trovato in Puglia un terreno di preferenza.

Tante sono le varietà di olive pugliesi: nel barese si coltivano :la "Cima di Bitonto" di medio taglio e con rami penduli; la "Coratina" di medio sviluppo; la "Cima di Mola" grande e rustica nel suo portamento eretto. Nel Salento predominano la "Cellina" di Nardò e la "Ogliarola Salentina. Nel foggiano sono diffuse la "Provenzale", la "Marina" e l'"Ogliarola".

La Puglia è presente a tavola anche con olive da mensa saporite, polpose, nutrienti. Fra le tante varietà troviamo la Bella di Cerignola, l'oliva Peranzana di Foggia e le Termite di Bitetto (o Baresana).
Singolare e tipica è in Puglia la vendita al minuto di queste olive. in città come Bari, dove più diffuso è il consumo di olive da mensa, le serate sono rallegrate da festose bancarelle appostate sotto fasci di luci gialle negli angoli delle vie più frequentate, presentano orci o capase di verdi olive ed è impossibile non fermarsi per acquistare  un cartoccio di olive per l'assaggio immediato oppure qualche chiletto da portare a casa!   

Le olive da tavola sono un completamento insostituibile dei nostri pranzi, sono sfiziose, piacevoli e nutrienti, si gustano con l'aperitivo, come antipasto, contorno o pietanza oltre che nei sughi alla contadina, nelle focacce o nel tegame di carne o pesce al forno, e che dire delle "auuì sfritt" (olive fritte), un piatto tipico di una squisitezza unica, trovate qui.  
Oggi vi propongo una conserva le "Olive in acqua" con la qualità delle Termite di Bitetto o Baresane, è la qualità che preferisco, sono ottime e quando sono pronte da magiare risultano frizzantine.

un abbraccio MILENA                                                                                                                                                                                                  
OLIVE IN ACQUA




















Ingredienti:

olive (qualità Termite di Bitetto)
80 g. di sale fino per ogni kg. di olive
acqua

a piacere: spicchi di limone, finocchietto selvatico, alloro, mortella

Procedimento:

Usare possibilmente olive appena raccolte, selezionarle eliminando eventuali olive guaste, lavarle benissimo con acqua corrente e mettere a scolare.
Sistemare poi le olive nel barattolo di vetro ben pulito, se le olive più verdi e meno mature sono abbondanti preparare un barattolo a parte poichè avranno bisogno di più tempo per essere pronte da mangiare.In un bicchiere sciogliere il sale con un po' di acqua e versarlo nel barattolo delle olive, aggiungere a piacere spicchi di limone, qualche foglia di alloro, finocchietto selvatico o mortella, infine coprire di acqua, si possono anche omettere gli odori e lasciare così le olive solo con acqua e sale, sono ottime ugualmente.
Chiudere ermeticamente e conservare al buio. Saranno pronte da gustare dopo circa 3 mesi.


 Scopriamo ora i profumi autunnali delle altre regioni:

Friuli-Venezia Giulia: Cavucin http://ilpiccoloartusi.weebly.com/f...
Lombardia: Zucca fritta alla Mantovana http://www.kucinadikiara.it/2016/10...
Emilia Romagna: La sapa o saba romagnola http://zibaldoneculinario.blogspot.com/...
Liguria: Torta della Val Roja http://arbanelladibasilico.blogspot.com/...
Toscana: Zuppa di funghi porcini http://acquacottaf.blogspot.com/201...
Abruzzo: Funghi all'abruzzese http://ilmondodibetty.it/funghi-all...
Campania: Spaghetti con le nocciole http://www.isaporidelmediterraneo.it/...
Sardegna Gueffusu di Nuraminis: http://dolcitentazionidautore.blogspot.com/...
Il nostro blog - http://litalianelpiatto.blogspot.it/


Mi piaceVedi altre reazioni
Commenta

Commenti

  1. semplicissimo, ma in questi tre mesi perdono il gusto amaro? Grazie della ricetta!

    RispondiElimina
  2. Buonissime, fatte pure io. Buona domenica

    RispondiElimina
  3. Devo provare con le mie olive, spero vengano bene lo stesso, un bacio

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez

CUCINA PUGLIESE: Piselli e carciofi ripieni

L'appuntamento di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è tutto dedicato ai prodotti e ricette primaverili, piatti leggeri, freschi e genuini. La Puglia...terra di carciofi ma, anche piselli, fave, fagioli, lenticchie, ceci, sono prodotti di colture di antica  tradizione agricola pugliese. La mia proposta è un piatto tipico barese, Carciofi ripieni con i piselli freschi , un binomio perfetto che unisce il sapore un po' amarognolo dei carciofi al gusto dolciastro dei piselli, insomma ne nasce un piatto davvero squisito, sano e nutriente. I piselli freschi insieme alle fave fresche, in questo periodo dominano le nostre tavole, ne facciamo scorte soprattutto di piselli che raccolti e puliti, vengono surgelati per poi gustarne a piacere in svariate preparazioni! Andiamo allora a vedere la ricetta! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 6 carciofi 1/2 kg. di piselli freschi 1 cipolla olio evo sale e pepe 1 limone per il ripieno: 2 uova form

Pizza con capocollo di Martina Franca, pomodori secchi e rucola

La puntata di oggi de L'Italia nel piatto è dedicata ad uno dei cibi più amati dagli italiani e anche dagli stranieri:  la pizza ,  un semplice impasto di farina lievito e acqua e che, appiattita e condita anche solo con pomodoro, mozzarella e basilico rende unica e allegra una serata in pizzeria fra amici o a casa in famiglia.  Originaria della cucina napoletana, la pizza ha conquistato i gusti a livello internazionale. La più famosa è la pizza Margherita , che nel 1889 il cuoco, Raffaele Esposito  preparò per onorare la regina d'Italia Margherita di Savoia e che condì con pomodoro, mozzarella e basilico, a rappresentare i colori della bandiera italiana, ma la storia della pizza è lunga e incerta. Ogni rappresentante regionale presenterà una pizza con i propri prodotti tipici e tradizionali del territorio. Per la Puglia ho pensato di proporre una pizza con uno dei salumi tradizionali pugliesi e più apprezzati a livello internazionale: il capocollo di Martina Franca. Pe