Passa ai contenuti principali

CUCINA REGIONALE: Fruttoni salentini

Iniziamo oggi un nuovo viaggio, scopriremo delizie e golosità che ciascuna regione custodisce nella propria gastronomia attraverso ricette antiche e tradizionali.
Ebbene si...riparte l'evento organizzato da L'Italia nel piatto con un tema che farà venire tanta acquolina, un ritornello caro a tutti i golosi...e siamo tanti eh!!!
Il filo conduttore che unirà tutte le ricette regionali sarà:
#cioccolatoecacao 

Qui trovate tutte le info per partecipare al nuovo evento 

E le vostre ricette tradizionali con #cioccolatoecacao? Con un tema così goloso impossibile mancare...vi aspettiamo numerosi!!!


Per la Puglia partecipo con i Fruttoni salentini.

I fruttoni sono dolci tipici del Salento, simili nella forma ai famosi pasticciotti ma diversi per il ripieno e  per la copertura. I pasticciotti hanno un ripieno di delicata crema pasticcera, i fruttoni invece sono ripieni di cotognata e pasta di mandorle, inoltre hanno una golosa copertura di cioccolato fondente. Gli stampi sono i classici ovali lisci (in mancanza io ho usati quelli ondulati ma sempre ovali). Oltre alla cotognata classica si può usare anche confettura di pere o di altra frutta, per la pasta di mandorle c'è chi la prepara cotta prima di riempire i fruttoni e chi miscela farina di mandorle e zucchero a crudo, da provare entrambe le versioni.

Pare che il fruttone risalga alla prima metà del '700, come il pasticciotto, tesi sostenuta dal fatto che a quel tempo esistevano già le "barchiglie"  le apposite formine di metallo.
Un tempo questi dolci facevano bella mostra solo sulle tavole dei nobili, poi con l'apertura delle prime pasticcerie divennero popolari. 

   












Ingredienti

per la pasta frolla:

300 g. di farina 00
125 g. di zucchero
125 g. di strutto
2 uova
1 cucchiaino raso di ammoniaca o lievito per dolci
1 buccia di limone grattugiata

per il ripieno:

150 g. di mandorle pelate
100 g. di zucchero
2 uova piccole
1 spolverata di cannella
cotognata

per la copertura
150 g. di cioccolato fondente
30 g. di burro

Procedimento:

Preparare la frolla versando a fontana la farina sulla spianatoia, al centro inserire lo zucchero, le uova leggermente sbattute, lo strutto la buccia grattugiata di limone e il lievito o il bicarbonato di ammonio, impastare velocemente fino a far diventare l'impasto bello liscio e setoso, formare una palla, avvolgere in pellicola e mettere a riposare in frigo almeno per un'oretta, si può anche prepararlo la sera prima, tenendolo in frigo la notte.
Preparare la pasta di mandorle seguendo questo procedimento
Separare gli albumi dai tuorli .
Mescolare la pasta di mandorle con lo zucchero, aggiungere una spolverata di cannella, i tuorli ed amalgamare bene.
Montare a neve gli albumi ed incorporarli pian piano al composto di mandorle amalgamando dal basso verso l'alto.
Prepariamo ora i fruttoni.
Stendere la pasta frolla e foderare gli stampini, spalmare sul fondo un velo di cotognata e sopra uno strato spesso di crema alle mandorle.
Ricoprire bene ogni formina con altra frolla ed infornare a 180°per circa 40 min.
Sfornare e far raffreddare.
Sciogliere a bagno maria il cioccolato fondente con il burro, quando sarà leggermente denso spalmate tutti i fruttoni con una spatola o pennello. 

Queste le ricette del gruppo de L'Italia nel piatto:

Friuli Venezia Giulia Fegato di vigilia http://ilpiccoloartusi.weebly.com/f...
Liguria. colomba paradiso con gocce di cioccolato http://arbanelladibasilico.blogspot.com/...
Emilia Romagna: Torta tenerina di Ferrara http://zibaldoneculinario.blogspot.com/...
Toscana. Quaresimali alle nocciole. http://acquacottaf.blogspot.com/201...
Calabria.Bucconotti e varchiglie calabresi - http://ilmondodirina.blogspot.it/20...
Sardegna. PARDULE DI RICOTTA ( Pardulas de arrescottu) http://dolcitentazionidautore.blogspot.com/...
Con questa ricetta partecipo all'evento #cioccolatoecaco de L'Italia nel piatto








Commenti

  1. Ciao Milena!!! Mamma che bontà questi fruttoni! Sai che non li conoscevo proprio? Hanno un aspetto delizioso...te ne rubo subito uno! Kiss

    RispondiElimina
  2. questi dolcetti sono di una golosita' unica, bravissima!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  3. Mammamia...ma quanto devono essere buoni questi fruttoni!!!! Non li conoscevo e li trovo irresistibili :)
    Un bacio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  4. questi non li ho mai visti ma sono una meraviglia!!!

    RispondiElimina
  5. Molto invitanti, cara Milena. Mi ricordano un po' i gobeletti che si fanno in Liguria, senza copertura di cioccolato però. Quindi questi hanno una marcia in più :) Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. devono essere deliziosi, con quella copertura al cioccolato.... fantastici!

    RispondiElimina
  7. Questo mese avete messo a dura prova la mia capacità di resistenza nei confronti del cioccolato! Che dire Milena, le tue ricette sono sempre uno spettacolo. Un abbraccio cara.

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  9. Questa volta c'è stata telepatia, i nostri dolcini si assomigliano molto e d'altronde tra vicine di casa...

    RispondiElimina
  10. Che goduria, Milena! Altro che fruttoni! Qui la frutta è solo una scusa per deliziarsi di mandorle e cioccolato e tutto il resto. Grazie per la ricetta e complimenti per le foto!

    RispondiElimina
  11. Milena, che bombe questo dolcetti, li adoro, il ripieno è una meraviglia, la copertura di cioccolato poi fantasica.
    Un bacione
    Miria

    RispondiElimina
  12. Se cerchi un prodotto eccezionale... devi andare in un posto eccezionale. Scopri le trofie salentine. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ2NzQzNTgxNiwwMTAwMDA1OSx0cm9maWUtc2FsZW50aW5lLmh0bWwsMjAxNjA3MzAsb2s=

    RispondiElimina
  13. devono essere qualcosa di paradisiaco!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

Fegato all'arancia

Fegato all'arancia Il fegato all'arancia è una preparazione semplice e veloce per portare a tavola un secondo gustoso e saporito. E' questo il mio contributo per la rubrica mensile dell'I talia nel piatto , questo appuntamento è dedicato alle ricette con gli ingredienti meno nobili: scarti di verdura di stagione, pane raffermo, ossa, cotiche, orecchie e zampetti di maiale, ecc..  Un abbinamento insolito per un piatto tipico regionale ma sfogliando il solito libro di Luigi Sada "La cucina pugliese" sono rimasta sorpresa dal titolo di questa ricetta in dialetto salentino " Fegatu de maiale cu lu portacalli " (portacallu - dal nome del Portogallo, da cui proviene l'albero) ovvero "Fegato di maiale con l'arancia! Il fegato lo mangio e lo adoro soprattutto se si tratta dei famosi "gnumarelli" tipici pugliesi, non sono altro che involtini di interiora  (fegato, polmone e rognone) stretti all'interno del budello dell'agnello,

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez