Passa ai contenuti principali

CUCINA REGIONALE: Agnello pasquale di pasta di mandorle


Caro agnellino, ma quanto mi hai fatto penà...?!

E vabbè, la ricerca di uno  stampo è stata negativa, giro di vari negozi, ma nulla!
Ma su dai...e che ci vuole a realizzarlo a mano?
Eh...na parola, ad un certo punto la voglia di mandare tutto all'aria è stata grande, mio figlio poi incalzava ...ma mamma sembra un maialinooooo!!!
Insomma non so quante volte l'ho modificato, ma alla fine...beh una parvenza di agnellino mi sembra che ci sia!

L'agnello pasquale di pasta di mandorle, fu inventato dalla badessa Anna Fumarola nel 1680 circa nel monastero benedettino di San Giovanni Evangelista di Lecce.
Un dolce prezioso che ancora oggi viene preparato dalle monache a Pasqua, a forma di agnello, simbolo cristiano che rappresenta il sacrificio di Cristo, mentre a Natale viene realizzato a forma di pesce che rappresenta Cristo e la ragione.
     
La pasta di mandorla, chiamata anche "pasta reale" è un dolce tipico  e molto antico del Salento, pare venisse preparata in Oriente e in Nord Africa anche prima del Medioevo mescolando miele e farina di mandorle.
Il periodo di maggior esaltazione di questo raffinato dolce fu l'età barocca, quando a Lecce si insediarono nei conventi e nei monasteri molti ordini religiosi di provenienza spagnola. Le monache, oltre alle offerte dei fedeli, vivevano anche grazie alla proficua attività di pasticceria che svolgevano nei loro laboratori e nelle loro cucine, producevano, ispirate anche da brave consorelle istruttrici di origine ispanica, ostie per l'eucarestia e dolcetti per i banchetti del vescovo, inoltre erano dedite alla preparazione di agnelli e pesci di pasta di mandorle che vendevano alle famiglie aristocratiche.
Per molto tempo questo dolce per la sua prelibatezza e per l'alto costo era detto "tuce te li signori" cioè dolce per i signori.

Ancora oggi in quasi tutte le pasticcerie di Lecce e provincia c'è un grande fermento nella preparazione di questo tradizionale dolce.

La pasta di mandorla salentina, si prepara con pari peso di zucchero e mandorle, anzi meglio ancora usare  800 g. di zucchero su 1 kg. di mandorle. 
La caratteristica dell'agnello pasquale (ma anche del pesce natalizio) oltre alla classica forma è il ripieno a base di confettura di pere o altra frutta e  faldacchiera ( una crema a base di uova),  c'è chi inserisce anche uno strato di pan di spagna o savoiardi imbevuti di liquore tipo Strega.
Buona Pasqua a tutti voi!


Un abbraccio MILENA
























Ingredienti

Per la pasta di mandorle:

1 kg. di mandorle pelate
1 kg. di zucchero (meglio 800 g.)
5-6 mandorle amare
acqua q.b.

Per la faldacchiera:

8 rossi d'uovo
8 cucchiai di zucchero

Inoltre:

confettura di pere (o altra frutta)
pan di spagna o savoiardi imbevuti di liquore Strega (a piacere)

Procedimento:

Macinare le mandorle fino ad ottenere una farina.
In un tegame mettere lo zucchero e coprire appena di acqua, far cuocere, quando lo zucchero fila aggiungere la farina di mandorle, continuare la cottura a fuoco lento e mescolando di continuo, la pasta è cotta quando si stacca dalle pareti del tegame e far raffreddare.
Nel frattempo preparare la faldacchiera: sbattere a lungo i rossi d'uovo con lo zucchero e poi metterli a cuocere a bagnomaria in una casseruola mescolando fino a quando diventa un composto consistente. Far raffreddare mescolando ogni tanto.
Sicuramente con uno stampo è molto più semplice dare la forma dell'agnellino, realizzarlo a mano è stato abbastanza difficoltoso...almeno per me!
Comunque sia, l'importante è creare un vuoto al centro della pancia da poter riempire con uno strato di pan di spagna o savoiardi imbevuti di liquore (facoltativo), uno strato di faldacchiera e uno strato di confettura di pere, poi chiudere con altra pasta di mandorle.
Infine con una sac a poche riempita di pasta di mandorle che avrete tenuto da parte si decora creando ciuffettini a formare il vello dell'agnellino, due chiodi di garofano a formare gli occhi,  si completa legando un fiocco rosso intorno al collo.


Con questa ricetta partecipo per la Puglia all'evento #RicettePasquali  organizzato dal gruppo de L'Italia nel piatto





Commenti

  1. quanto è bello complimenti!!!!!
    fatto senza stampo sei stata bravissima :-)
    ciao e buona Pasqua ^__^

    RispondiElimina
  2. e' incantevole sei stata bravissima!!!!Ti auguro di trascorrere una serena Pasqua con tutta la tua famiglia!!!Baci cara

    RispondiElimina
  3. Bravissima, il tuo agnellino è incantevole! Auguri pure a te di Buona Pasqua.

    RispondiElimina
  4. Milena, ma è splendido! Degno di una vetrina di pasticceria. E' perfetto :)
    Un bacio e tantissimi auguri a te e famiglia.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez

Pizza con capocollo di Martina Franca, pomodori secchi e rucola

La puntata di oggi de L'Italia nel piatto è dedicata ad uno dei cibi più amati dagli italiani e anche dagli stranieri:  la pizza ,  un semplice impasto di farina lievito e acqua e che, appiattita e condita anche solo con pomodoro, mozzarella e basilico rende unica e allegra una serata in pizzeria fra amici o a casa in famiglia.  Originaria della cucina napoletana, la pizza ha conquistato i gusti a livello internazionale. La più famosa è la pizza Margherita , che nel 1889 il cuoco, Raffaele Esposito  preparò per onorare la regina d'Italia Margherita di Savoia e che condì con pomodoro, mozzarella e basilico, a rappresentare i colori della bandiera italiana, ma la storia della pizza è lunga e incerta. Ogni rappresentante regionale presenterà una pizza con i propri prodotti tipici e tradizionali del territorio. Per la Puglia ho pensato di proporre una pizza con uno dei salumi tradizionali pugliesi e più apprezzati a livello internazionale: il capocollo di Martina Franca. Pe