Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Le sgagliozze baresi

Oggi si riparte con la rubrica L'Italia nel piatto, primo appuntamento del 2016, con un tema particolare: le farine speciali!

La polenta al sud?!
Ebbene si...a Bari vecchia è il classico cibo da strada a cui è impossibile resistere!

Ma vediamo con ordine:
il 6 dicembre si festeggia San Nicola che è anche il  patrono di Bari, la chiesa in questo giorno celebra la festa liturgica di San Nicola, chiamata dai baresi " Festa granne" (Festa grande) perchè a differenza della festa patronale che si organizza nella prima decade di Maggio, questa del 6 dicembre è propriamennte dei baresi che la sentono più vicina, più familiare, più circoscritta soprattutto i barivecchiani.
Da secoli, ogni 6 dicembre e nel cuore della notte, migliaia di baresi provenienti dai vari quartieri limitrofi, raggiungono la città vecchia accolti dai barivecchiani che già da quell'ora animano le varie corti, le strade, le viuzze, le piazze.
La basilica, puntuale alle ore 4.30, apre i battenti per raccogliere i fedeli e con i rintocchi delle campane annuncia che "la festa granne, la festa de le barise" sta per cominciare. Alle ore 5,00 c'è la prima messa in onore del Santo Patrono, la chiesa è stracolma di gente.
Leggenda vuole che, prima e dopo la funzione religiosa, nella cripta, scendendo dalla scala di destra, si notavano donne "vacandìne" (ragazze nubili) e non poche "vacandìne granne" (zitelle) che espletavano il rito dei tre giri intorno alla colonna di porfido rosso, nella speranza che San Nicola facesse trovare loro un buon marito.
Durante la giornata, nella città vecchia, si potevano gustare  le famose "sgagliozze" quadrotti di polenta fritta ed abbondantemente cosparsa di sale e che andavano appunto a confortare le "vacandìne".

Insomma, tutt'ora la tradizione delle sgaliozze permane ed addentrandosi nelle viuzze di Bari vecchia, si è subito assaliti dal profumo irresistibile di fritto...impossibile non fermarsi davanti ad una delle venditrici di sgagliozze, le "signore delle sgagliozze" per assaporare questi sfiziosi pezzi di polenta fritta offerti nei cartocci tutti unti!
Ormai, quello delle venditrici di sgagliozze è diventato un mestiere ed una passione che si tramanda di generazioni in generazioni soprattutto nei giorni di festa ed in inverno.

Sono degli ottimi stuzzichini da gustare con un aperitivo ma anche come antipasto magari spalmati con un buon formaggio cremoso...gustosi a tutte le ore!

Ma come è arrivata qui a Bari la farina di mais? Mah!

Intanto gustiamoci una bella sgagliozza...Buon anno a tutti...!

un abbraccio MILENA


Le sgagliozze baresi

















Questo post...più per raccontarvi la storia delle sgagliozze che non per la ricetta-non ricetta!

Ingredienti:

400 g. di farina di mais per polenta
1 e 1/2 di acqua
sale fino
olio per friggere

Procedimento:

Mettere a bollire l'acqua in una pentola, salare leggermente, quando bolle cominciare a versare la farina  girando sempre con un cucchiaio di legno, quando diventa abbastanza densa versarla ancora calda in una teglia rettangolare, livellare bene con una spatola fino a circa 1 cm. e far raffreddare bene.
Poi tagliare tanti quadrotti, friggerli in abbondante olio e spolverare di sale fino, vanno gustati subito ancora bollenti.

Andiamo a scoprire ora le ricette delle altre regioni:

Piemonte Pulenta e lat buij http://j.mp/polenta-latte

Liguria:    focaccia di granoturco (fugassa  de granon)   

Lombardia: La ricetta originale del Pizzocchero di Teglio®






Calabria 

Puglia: Le sgagliozze baresi 

Sardegna  TRUTA A MAZZ'E MENDULA Torta di mandorle o Trutta de sposus ( torta degli sposi ) http://dolcitentazionidautore.blogspot.com/2016/01/truta-mazze-mendula-torta-di-mandorle.html 




Commenti

  1. Che bontààààà! Bravissima come sempre, terra di profumi e sapori che riesci sempre a trasmettere nelle tue meravigliose ricette. Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. ma dai...non l'avrei mai detto di trovare la polenta a Bari...spettacolare

    RispondiElimina
  3. bella la storia, ma anche la ricetta, non è vero che non è una ricetta... spesso non vengono bene nella frittura, le tue hanno un ottimo aspetto! un bacione e buon anno!

    RispondiElimina
  4. Sono appena passata da Pasquale e dal suo street food napoletano e ora mi ritrovo davanti la tua meraviglia!!!! Quanti piatti spettacolari accomuna L'Italia nel Piatto!!!! Complimenti Mile!!!

    RispondiElimina
  5. Polenta fritta? L'adoro!!!!!! Mi piace tantissimo. Un bacio e buon anno :)

    RispondiElimina
  6. Quando i miei amici pugliesi mi chiameranno di nuovo "mangiapolenta" li rimanderò sicuramente a questa ricetta!

    RispondiElimina
  7. Ma pensa te, la polenta fritta a Bari.. questa mi mancava proprio!! Sempre buona :)

    RispondiElimina
  8. Me le mangerei anche adesso che è quasi ora di andare a dormire!!! Auguri e bacioni Milena, a presto

    RispondiElimina
  9. Quindi polentoni siamo tutti e non solo quelli del nord! Un post bellissimo, che ho riletto più volte. Buon Epifania cara Milena.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

Fegato all'arancia

Fegato all'arancia Il fegato all'arancia è una preparazione semplice e veloce per portare a tavola un secondo gustoso e saporito. E' questo il mio contributo per la rubrica mensile dell'I talia nel piatto , questo appuntamento è dedicato alle ricette con gli ingredienti meno nobili: scarti di verdura di stagione, pane raffermo, ossa, cotiche, orecchie e zampetti di maiale, ecc..  Un abbinamento insolito per un piatto tipico regionale ma sfogliando il solito libro di Luigi Sada "La cucina pugliese" sono rimasta sorpresa dal titolo di questa ricetta in dialetto salentino " Fegatu de maiale cu lu portacalli " (portacallu - dal nome del Portogallo, da cui proviene l'albero) ovvero "Fegato di maiale con l'arancia! Il fegato lo mangio e lo adoro soprattutto se si tratta dei famosi "gnumarelli" tipici pugliesi, non sono altro che involtini di interiora  (fegato, polmone e rognone) stretti all'interno del budello dell'agnello,

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez