Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Pomodori secchi sott'olio


Buongiorno ed eccoci qua, dopo la pausa estiva, con un nuovo appuntamento della rubrica L'Italia nel piatto!
Un saluto particolare alla nuova arrivata nel gruppo e rappresentante della Sardegna...benvenuta Daniela!
Il tema di oggi è:  SALSE, CONDIMENTI, CONSERVE E LIQUORI

Il periodo estivo è l'ideale per tutte quelle preparazioni che ci permettono di assaporare specialità anche durante i mesi invernali.

La mia cucina vi propone i pomodori secchi sott'olio.

Sono una vera ghiottoneria pugliese, ma anche di altre regioni del sud, che grazie a questa tecnica di conservazione ci regala un sapore unico e speciale di questo frutto della terra!
In puglia, il pomodoro si coltiva ovunque.
Un prodotto rubasole che, assunto allo stato semiverde, maturo o secco, come succo o salsa, è sempre portatore di vita nell'organismo.

Per preparare i pomodori secchi sott'olio servono dei bei pomodori maturi e sodi della qualità S. Marzano, anche se io uso spesso i pomodori locali della marina, più piccoli ma saporitissimi proprio perchè coltivati nelle campagne vicino al mare, per cui ne assorbono tutto il profumo marino.
E' bellissimo, soprattutto nel mese di luglio o primi di agosto, ammirare queste distese di pomodori messi ad essiccare al sole su tavole e graticci dalle massaie pugliesi!
Per facilitare la preparazione si possono acquistare i pomodori già secchi...poi basta solo metterli sott'olio!
Sono ottimi come antipasto, contorno, oppure su una bella frisella come spuntino, per farcire ottimi panini o solo secchi per insaporire sughi e condimenti.

Ed ora passiamo alla preparazione di questa specialità!

Un abbraccio MILENA














Ingredienti:

pomodori della marina o S. Marzano
1/2 aceto di vino bianco
1/2 di acqua
olio evo
aglio
prezzemolo
menta
peperoncino
sale

Procedimento:

Lavare i pomodori, scolarli bene ed asciugarli.
Tagliarli in due parti nel senso della lunghezza, adagiarli con la parte interna verso l'alto su un'asse di legno o meglio ancora su un reticolo, cospargere i pomodori di sale, senza esagerare, questo serve per far perdere tutta l'acqua che contengono i pomodori e farli seccare più velocemente, eventualmente coprirli con un velo (insetti vari sono sempre in agguato!) e metterli a seccare al sole per tutto il giorno avendo cura di rientrarli in casa la sera affinchè non prendano tutta l'umidità della notte, rendendo vano l'essiccamento. Ricordarsi anche di rigirare ogni tanto ciascun pomodoro in modo che  secchino da ambo le parti.
Questa operazione verrà fatta per almeno 4 o 5 giorni o fino a quando diventano belli secchi.
A questo punto ci sono delle alternative:
1) lavare i pomodori secchi in una soluzione di metà acqua e metà aceto
oppure
2) mettere sul fuoco un tegame con metà acqua e metà aceto, quando bolle spegnere il fuoco e versare i pomodori secchi  per qualche minuto (io uso questo metodo)
La quantità di aceto può variare in base ai propri gusti, c'è anche chi li lava solo con aceto.
Una volta scolati  bisogna asciugarli bene con carta assorbente o canovacci e farli raffreddare.
Ora si possono sistemare nei barattoli sterilizzati alternando pomodori secchi con prezzemolo, menta, aglio e peperoncino.
Versare l'olio evo nei barattoli badando a non lasciare bolle d'aria e controllando per qualche giorno il livello dell'olio, nel caso aggiungerne dell'altro.





Vediamo ora le prelibatezze delle altre regioni:

Piemonte: Salsa rubra

Trentino-Alto Adige: Confettura di susina di Dro D.O.P

Friuli-Venezia Giulia: Confettura di mele

Lombardia: La peverada

Veneto: Liquore al maraschino

Emilia Romagna: Scalogni sott'olio

Liguria: Trofie con calamaretti e bottarga su crema di cavolfiore
Toscana: Fichi canditi alla contadina
  
Umbria: Verdure in agrodolce

Abruzzo: Marmellata di Pesche

 Lazio: Fichi sciroppati con nocciole

Campania:Alici sotto Sale 

Basilicata: Aglio, olio e polvere di peperone crusco

Puglia: Pomodori secchi sott'olio

Calabria: " Provviste " con pomodori secchi

Sicilia: Pesto pantesco

Sardegna: Composta di susine, cipolla rossa, mirto nero e aceto balsamico







Commenti

  1. Io ADOROOOOOO i pomodori secchi e..ADOROOOOOOOOO la Pugliaaaaaaaaaaaaaaaa, non potevamo trovare testimonial migliore, bravissima Milly <3 <3 <3

    RispondiElimina
  2. sono troppo buoni i pomodorini sott'olio, grazie per la ricetta mia cara!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  3. sono una prelibatezza....io ho provato anche a tritarli rendendoli una crema grossolana da spalmare sul pane bruschettato..che buoni!!!!

    RispondiElimina
  4. Ah, la mia croce e delizia i pomodori sott'olio! Mia mamma li prepara ogni anno, con aglio e origano però! Sempre buonissimi!!

    RispondiElimina
  5. Complimenti Milena, splendida ricetta! Una lode poi alla pazienza...io non riuscirei mai a preparare questa ricetta! Preferisco magnarmeli tutti!!! Ehehehe!

    RispondiElimina
  6. Madòòò... li adoro... da soli, col pane, ripieni di acciughe, nei primi... fermatemi. Sono ghiotta di pomodori secchi sott'olio. Onore a te per la pazienza... il procedimento è lungo, ma il sapore - quando si usano ingredienti buoni - sarà una goduria!

    RispondiElimina
  7. Buonissimi e con il profumo del mare ancora più gustosi. Noi però non usiamo il prezzemolo ma l'origano. Ciao e buon we.

    RispondiElimina
  8. un ottima idea per conservare i pomodori per la stagione invernale

    RispondiElimina
  9. Troppo buoni!!!! Un bacione Milena a presto :)

    RispondiElimina
  10. I pomodori secchi sott'olio li prepariamo anche in Sicilia, la ricetta è diversa ma la loro bontà è unica! Da provare anche questi! A presto!

    RispondiElimina
  11. Adoro i pomodori secchi ed in inverno li uso tantissimo. Quest'anno ho deciso di farli io usando si acqua calda e aceto, ma in rapporto 3:1 per ogni 100 gr di pomodori.
    Bello questo scambio di esperienza fra ognuno di noi!
    Buon we :* :* .

    RispondiElimina
  12. i pomodori secchi mi piacciono moltissimo, li uso spesso nelle mie ricette, sott'olio sono buonissmi

    RispondiElimina
  13. Che meraviglia adoro i pomodori poi questa ricetta è sublime!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Merluzzo in brodetto

Ciao a tutte carissime amiche...!
Stamattina qui ...diluvio e temporali...beh....mi sa che la primavera ce la scorderemo...arriveremo all'improvviso in piena estate....siiiiii!!!  e questo cimurro e tosse che mi perseguita ancora, anche se oggi va meglio!!! vabbè resisteremo!
Oggi sono contenta perchè ho dato un piccolissimo contributo per una grandissima causa...finalmente mi è arrivato il bellissimo libro di ricette...I-Kitchen, che avevo prenotato qui, scritto da tanti di voi blogger...e a cura della grande Patrizia Bosso, che con tanto amore....pazienza e solidarità ha dedicato ai bimbi e ai ragazzi della Gulliver di Rocchetta Vara, una casa famiglia distrutta da questa tragedia!
Ricordate?
...Il 25 ottobre 2011 una pioggia violenta e interminabile flagella l'estremo Levante della Riviera Ligure.Una valanga di acqua e fango si abbatte anche sulla valle di Vara, travolgendo tutto, portando via con sè vite umane, distruggendo abitazioni, inghiottendo oggetti, ricordi, sicure…

Spaghetti con sughetto di Pelose...!

Buona serata a tutti!
Oggi un piatto tipico di mare...spaghetti con sughetto di "Pelose",  eh si...qui nella zona di Bari chiamiamo proprio così quei granchi un pò più grandi e con gli arti e le chele ricoperte di setole pelose e di colore scuro! E' molto facile trovare le pelose sulle nostre coste, ma la loro tana è solitamente una grossa buca nella roccia sott'acqua.  Da non confondere con i semplici granchi, più piccoli e di colore verdastro e che...se per caso vi trovate sdraiati sul bagnasciuga di uno scoglio li vedrete aggirarsi tranquillamente! La Pelosa si nutre di polpi...ma è anche la loro preda!
Beh...noi ci pappiamo alla grande tutti e due!
Non so se sapete della nostra passione per la pesca di polpi...e allora un giorno un cugino di mio marito ci ha fatto cosa graditissima regalandoci una bella vaschetta di Pelose vive per poter andare a pescare polpi! Ma erano davvero tanti...e allora perchè non fare un bel sughetto con qualche Pelosa?  Detto ...fatto!!…

CUCINA PUGLIESE: Piselli e carciofi ripieni

L'appuntamento di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è tutto dedicato ai prodotti e ricette primaverili, piatti leggeri, freschi e genuini.

La Puglia...terra di carciofi ma, anche piselli, fave, fagioli, lenticchie, ceci, sono prodotti di colture di antica  tradizione agricola pugliese.
La mia proposta è un piatto tipico barese, Carciofi ripieni con i piselli freschi, un binomio perfetto che unisce il sapore un po' amarognolo dei carciofi al gusto dolciastro dei piselli, insomma ne nasce un piatto davvero squisito, sano e nutriente.
I piselli freschi insieme alle fave fresche, in questo periodo dominano le nostre tavole, ne facciamo scorte soprattutto di piselli che raccolti e puliti, vengono surgelati per poi gustarne a piacere in svariate preparazioni!
Andiamo allora a vedere la ricetta!

Un abbraccio MILENA











Ingredienti:

6 carciofi
1/2 kg. di piselli freschi
1 cipolla
olio evo
sale e pepe
1 limone

per il ripieno:

2 uova
formaggio pecorino grattugiato
poco pane raffermo
prezzemolo