Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Pomodori secchi sott'olio


Buongiorno ed eccoci qua, dopo la pausa estiva, con un nuovo appuntamento della rubrica L'Italia nel piatto!
Un saluto particolare alla nuova arrivata nel gruppo e rappresentante della Sardegna...benvenuta Daniela!
Il tema di oggi è:  SALSE, CONDIMENTI, CONSERVE E LIQUORI

Il periodo estivo è l'ideale per tutte quelle preparazioni che ci permettono di assaporare specialità anche durante i mesi invernali.

La mia cucina vi propone i pomodori secchi sott'olio.

Sono una vera ghiottoneria pugliese, ma anche di altre regioni del sud, che grazie a questa tecnica di conservazione ci regala un sapore unico e speciale di questo frutto della terra!
In puglia, il pomodoro si coltiva ovunque.
Un prodotto rubasole che, assunto allo stato semiverde, maturo o secco, come succo o salsa, è sempre portatore di vita nell'organismo.

Per preparare i pomodori secchi sott'olio servono dei bei pomodori maturi e sodi della qualità S. Marzano, anche se io uso spesso i pomodori locali della marina, più piccoli ma saporitissimi proprio perchè coltivati nelle campagne vicino al mare, per cui ne assorbono tutto il profumo marino.
E' bellissimo, soprattutto nel mese di luglio o primi di agosto, ammirare queste distese di pomodori messi ad essiccare al sole su tavole e graticci dalle massaie pugliesi!
Per facilitare la preparazione si possono acquistare i pomodori già secchi...poi basta solo metterli sott'olio!
Sono ottimi come antipasto, contorno, oppure su una bella frisella come spuntino, per farcire ottimi panini o solo secchi per insaporire sughi e condimenti.

Ed ora passiamo alla preparazione di questa specialità!

Un abbraccio MILENA














Ingredienti:

pomodori della marina o S. Marzano
1/2 aceto di vino bianco
1/2 di acqua
olio evo
aglio
prezzemolo
menta
peperoncino
sale

Procedimento:

Lavare i pomodori, scolarli bene ed asciugarli.
Tagliarli in due parti nel senso della lunghezza, adagiarli con la parte interna verso l'alto su un'asse di legno o meglio ancora su un reticolo, cospargere i pomodori di sale, senza esagerare, questo serve per far perdere tutta l'acqua che contengono i pomodori e farli seccare più velocemente, eventualmente coprirli con un velo (insetti vari sono sempre in agguato!) e metterli a seccare al sole per tutto il giorno avendo cura di rientrarli in casa la sera affinchè non prendano tutta l'umidità della notte, rendendo vano l'essiccamento. Ricordarsi anche di rigirare ogni tanto ciascun pomodoro in modo che  secchino da ambo le parti.
Questa operazione verrà fatta per almeno 4 o 5 giorni o fino a quando diventano belli secchi.
A questo punto ci sono delle alternative:
1) lavare i pomodori secchi prima con acqua e poi con una soluzione di metà acqua e metà aceto
oppure
2) lavare i pomodori secchi con acqua e mettere a scolare, poi mettere sul fuoco un tegame con metà acqua e metà aceto, quando bolle spegnere il fuoco, versare i pomodori secchi  e tenerli in ammollo per qualche minuto (io uso questo metodo)
La quantità di aceto può variare in base ai propri gusti, c'è anche chi li lava solo con aceto.
Una volta scolati  bisogna asciugarli bene con carta assorbente o canovacci e farli raffreddare.
Ora si possono sistemare nei barattoli sterilizzati alternando pomodori secchi con prezzemolo, menta, aglio e peperoncino.
Versare l'olio evo nei barattoli badando a non lasciare bolle d'aria e controllando per qualche giorno il livello dell'olio, nel caso aggiungerne dell'altro.





Vediamo ora le prelibatezze delle altre regioni:

Piemonte: Salsa rubra

Trentino-Alto Adige: Confettura di susina di Dro D.O.P

Friuli-Venezia Giulia: Confettura di mele

Lombardia: La peverada

Veneto: Liquore al maraschino

Emilia Romagna: Scalogni sott'olio

Liguria: Trofie con calamaretti e bottarga su crema di cavolfiore
Toscana: Fichi canditi alla contadina
  
Umbria: Verdure in agrodolce

Abruzzo: Marmellata di Pesche

 Lazio: Fichi sciroppati con nocciole

Campania:Alici sotto Sale 

Basilicata: Aglio, olio e polvere di peperone crusco

Puglia: Pomodori secchi sott'olio

Calabria: " Provviste " con pomodori secchi

Sicilia: Pesto pantesco

Sardegna: Composta di susine, cipolla rossa, mirto nero e aceto balsamico







Commenti

  1. Io ADOROOOOOO i pomodori secchi e..ADOROOOOOOOOO la Pugliaaaaaaaaaaaaaaaa, non potevamo trovare testimonial migliore, bravissima Milly <3 <3 <3

    RispondiElimina
  2. sono troppo buoni i pomodorini sott'olio, grazie per la ricetta mia cara!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  3. sono una prelibatezza....io ho provato anche a tritarli rendendoli una crema grossolana da spalmare sul pane bruschettato..che buoni!!!!

    RispondiElimina
  4. Ah, la mia croce e delizia i pomodori sott'olio! Mia mamma li prepara ogni anno, con aglio e origano però! Sempre buonissimi!!

    RispondiElimina
  5. Complimenti Milena, splendida ricetta! Una lode poi alla pazienza...io non riuscirei mai a preparare questa ricetta! Preferisco magnarmeli tutti!!! Ehehehe!

    RispondiElimina
  6. Madòòò... li adoro... da soli, col pane, ripieni di acciughe, nei primi... fermatemi. Sono ghiotta di pomodori secchi sott'olio. Onore a te per la pazienza... il procedimento è lungo, ma il sapore - quando si usano ingredienti buoni - sarà una goduria!

    RispondiElimina
  7. Buonissimi e con il profumo del mare ancora più gustosi. Noi però non usiamo il prezzemolo ma l'origano. Ciao e buon we.

    RispondiElimina
  8. un ottima idea per conservare i pomodori per la stagione invernale

    RispondiElimina
  9. I pomodori secchi sott'olio li prepariamo anche in Sicilia, la ricetta è diversa ma la loro bontà è unica! Da provare anche questi! A presto!

    RispondiElimina
  10. Adoro i pomodori secchi ed in inverno li uso tantissimo. Quest'anno ho deciso di farli io usando si acqua calda e aceto, ma in rapporto 3:1 per ogni 100 gr di pomodori.
    Bello questo scambio di esperienza fra ognuno di noi!
    Buon we :* :* .

    RispondiElimina
  11. i pomodori secchi mi piacciono moltissimo, li uso spesso nelle mie ricette, sott'olio sono buonissmi

    RispondiElimina
  12. Che meraviglia adoro i pomodori poi questa ricetta è sublime!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez

CUCINA PUGLIESE: Piselli e carciofi ripieni

L'appuntamento di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è tutto dedicato ai prodotti e ricette primaverili, piatti leggeri, freschi e genuini. La Puglia...terra di carciofi ma, anche piselli, fave, fagioli, lenticchie, ceci, sono prodotti di colture di antica  tradizione agricola pugliese. La mia proposta è un piatto tipico barese, Carciofi ripieni con i piselli freschi , un binomio perfetto che unisce il sapore un po' amarognolo dei carciofi al gusto dolciastro dei piselli, insomma ne nasce un piatto davvero squisito, sano e nutriente. I piselli freschi insieme alle fave fresche, in questo periodo dominano le nostre tavole, ne facciamo scorte soprattutto di piselli che raccolti e puliti, vengono surgelati per poi gustarne a piacere in svariate preparazioni! Andiamo allora a vedere la ricetta! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 6 carciofi 1/2 kg. di piselli freschi 1 cipolla olio evo sale e pepe 1 limone per il ripieno: 2 uova form

Pizza con capocollo di Martina Franca, pomodori secchi e rucola

La puntata di oggi de L'Italia nel piatto è dedicata ad uno dei cibi più amati dagli italiani e anche dagli stranieri:  la pizza ,  un semplice impasto di farina lievito e acqua e che, appiattita e condita anche solo con pomodoro, mozzarella e basilico rende unica e allegra una serata in pizzeria fra amici o a casa in famiglia.  Originaria della cucina napoletana, la pizza ha conquistato i gusti a livello internazionale. La più famosa è la pizza Margherita , che nel 1889 il cuoco, Raffaele Esposito  preparò per onorare la regina d'Italia Margherita di Savoia e che condì con pomodoro, mozzarella e basilico, a rappresentare i colori della bandiera italiana, ma la storia della pizza è lunga e incerta. Ogni rappresentante regionale presenterà una pizza con i propri prodotti tipici e tradizionali del territorio. Per la Puglia ho pensato di proporre una pizza con uno dei salumi tradizionali pugliesi e più apprezzati a livello internazionale: il capocollo di Martina Franca. Pe