Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Torta Pasticciotto

Lo sentite oggi il profumo che emanano le nostre cucine?!
Profumi di casa, profumi di una volta, profumi di antiche ricette, a volte dimenticate o perse, altre volte...e per fortuna, ancora  proposte e tramandate da mamme, zie, nonne!!!
Oggi puntata super, un itinerario goloso fra le leccornie delle nostre regioni, infatti il tema è:

Torte rustiche dolci - Dolci da credenza ...dolci semplici, poveri ma forse proprio per questo così ricchi di sapori e profumi che ci riportano magari indietro nel tempo, che caratterizzano la cucina tradizionale, che con pochi ingredienti riescono sempre a sorprenderci per la loro bontà!

La mia cucina vi propone la Torta Pasticciotto, versione rotonda dei classici e famosissimi Pasticciotti in versione mignon nelle classiche formine ovali.
Uno scrigno che custodisce un gioiello...una frolla friabilissima, rigorosamente preparata con lo strutto, regala al palato una fragranza incredibile e che racchiude una golosa crema pasticcera profumata al limone...!

E' il dolce per eccellenza del Salento, dove tutte le pasticcerie ne fanno bella mostra nelle loro vetrine, il dolce che il turista non deve assolutamente perdersi trovandosi in zona, il dolce della prima colazione con la C maiuscola e  degnamente servito anche alla fine del pranzo domenicale!
Per i salentini è consuetudine offrire questo dolce in occasioni allegre o dolorose, infatti vengono offerti come "cùnsulu" cioè come colazione consolatrice in caso di lutto in famiglia.

Un primo documento testimonia che il pasticciotto è risalente al 1707, come si scopre nell'archivio della Curia vescovile di Nardò, nell'inventario stilato il 27 luglio 1707 in occasione della morte di Mons. Orazio Fortunato, tra le altre masserizie compaiono:"barchiglie di rame da far pasticciotto numero otto".
Un'altra versione vede la nascita del pasticciotto nel 1745 a Galatina nella bottega della famiglia Ascalone durante i festeggiamenti di San Paolo, guaritore delle tarantate. Nicola Ascalone si tormentava per portare innovazione e originalità nella sua bottega di pasticceria in quel periodo critico della sua attività e tra una torta ed un dolce si ritrovò tra le mani poco impasto e poca crema che non sarebbero bastati a preparare un'altra torta. Decise comunque di utilizzare quei resti mettendoli in un piccolo contenitore di rame realizzando così una piccolissima torta di crema che lui stesso definì un pasticcio. Messo in forno ugualmente, lo regalò poi ad un passante al quale piacque così tanto che ne ordinò altri da portare in famiglia. Insomma, fu subito un successo e da quel giorno nacque "il pasticciotto de lu Scalone"che divenne un dolce tipico salentino.

Quale sia la versione giusta...non si sa, di sicuro è che il pasticciotto è di una golosità unica!!!

La città di Lecce lo ha riconosciuto come dolce tipico leccese ed è presente nell'elenco dei prodotti agroalimentare tradizionali redatto dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (ai sensi dell'art.8 del D.Lgs. 30 aprile 1998, n.173)
Notizie da wikipedia

Un abbraccio MILENA


Torta Pasticciotto
























Ingredienti:

per la frolla:

600 g. di farina 00
250 g. di zucchero
250 g. di strutto
3 uova
2 bucce grattugiate di limone
1 cucchiaio di lievito per dolci o bicarbonato di ammonio
albume d'uovo per spennellare

per la crema pasticcera:

1 l. di latte
100 g. di farina
200 g. di zucchero
6 tuorli d'uovo
2 bucce grattugiate di limone

Procedimento:

Preparare la crema pasticcera che deve essere abbastanza fredda e sostenuta prima di farcire la torta.
Nel tegame versare la farina e lo zucchero, miscelare, poi aggiungere a filo il latte ed amalgamare gli ingredienti, sbattere leggermente i tuorli e versarli nel composto sempre mescolando, infine grattugiare direttamente nel tegame le bucce di limone, portare sul fuoco e far addensare sempre mescolando con un cucchiaio di legno e far raffreddare completamente, meglio poi passare in frigo.

Poi preparare la frolla versando a fontana la farina sulla spianatoia, al centro inserire lo zucchero, le uova leggermente sbattute, lo strutto le bucce grattugiate di limone e il lievito o il bicarbonato di ammonio, impastare velocemente fino a far diventare l'impasto bello liscio e setoso, formare una palla, avvolgere in pellicola e mettere a riposare in frigo almeno per un'oretta, si può anche prepararlo la sera prima, tenendolo in frigo la notte.

Riprendere la frolla dal frigo, dividere in due parti, una sarà un po' più grande, stendere a disco col mattarello mettendo l'impasto fra due fogli di carta da forno, adagiare il disco di frolla più grande in un tegame con diam. 30 cm. facendo fuoriuscire i bordi, cospargere di crema pasticcera ormai fredda e soda, coprire con l'altro disco di frolla chiudendo i bordi ed eliminando la pasta in eccesso.
Infornare a 200° circa per 30-40 minuti e fino a doratura completa della torta.





Non perdetevi le altre ricette:

Trentino-Alto Adige:  Torta Rosengarten

Friuli-Venezia Giulia: Crostata con la zucca 

Lombardia: La Torta Bertuldina

Veneto: Focaccia veneta




Toscana: Berlingozzo fiorentino e pratese


  


Basilicata: Pane semidolce - il puccillato di Castelluccio

Campania: Torta Caprese








Commenti

  1. Mi fa prorpio impazzire questa torta deve essere davvero favolosa profamaat e morbidosa...segno tutto e la provo quanto prima!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  2. Da leccese non posso che apprezzare, esecuzione perfetta, complimenti!

    RispondiElimina
  3. Un tema fantástico! E questo è il dolce che preferisco della tua terra!!!

    RispondiElimina
  4. Molto molto invitante. Interessanti anche le notizie che ci hai dato.
    Un bacio

    RispondiElimina
  5. Ne facciamo una simile con l'aggiunta delle amarene...una squisitezza.Non posso che adorare la tua torta e sappi che quando mi è capitato di essere da,quelle parti non me la son lasciata mica sfuggire....Grazie per questa bontà cara!

    RispondiElimina
  6. Una preparazione perfetta per una torta dalla bontà indiscussa.

    RispondiElimina
  7. Mile, qui siamo ingrassate solo a passare per tutti i blog... ma ne valeva la pena! Il tuo pasticciotto non fa eccezione :) Bacioni

    RispondiElimina
  8. bellissima questa torta, e poi a me la frolla con lo strutto mi fa impazzire, ha una friabilità unica! complimenti deve essere buonissima!

    RispondiElimina
  9. è venuta benissimooooooooooooo!! la adoro, il mio dolce preferito...

    RispondiElimina
  10. Mileeeeeeeeeeeeeee, non ce la posso fareeeee!!! Ecco, la stavo aspettando...in un'unica parola: deliziosaaaaaaaaaa, la DEVO provare...(l'elenco si allungaaa!!!)Bravissimaaaaaaaa (come sempreeeee) <3 UN BACIONE

    RispondiElimina
  11. Mamma Milena, potrei uccidere per una fetta di questa torta!!!!!!!!! E' fantastica!!!!!!!! Complimenti!!!!!!!!!! Un bacione!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  12. golosissima e anche molto antica, complimenti Milena per la scelta, un bacione
    MIria

    RispondiElimina
  13. bellissimo blog, sono un'appassionata di ricette pugliesi e non solo, della cucina in genere, quanti spunti interessanti!!!!mi sono aggiunta tra i tuoi followers, se ti va passa da me e contraccambia!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  14. Bellissima questa torta, complimenti!

    RispondiElimina
  15. Di recente ho assaggiato i pasticciotti di Galatina, buonissimi! La versione torta è straordinaria, complimenti!

    RispondiElimina
  16. Ma ti é venuta benissimo e poi chissà che Buona!

    RispondiElimina
  17. Ma ti é venuta benissimo e poi chissà che Buona!

    RispondiElimina
  18. Ma che bontà! Avevo sentito nominare il pasticciotto mignon, ma così il ripieno avrà una cremosità meravigliosa.. Bravissima!

    RispondiElimina
  19. Ma ti é venuta benissimo e poi chissà che Buona!

    RispondiElimina
  20. Ho impiegato un pò di tempo per passare, ma quello che trovo mi ripaga pienamente dell'attesa.
    Adoro questa ricetta e dovrò assolutamente fare un salto dalle tue parti per provarla, nel frattempo proverò a realizzarla con la tuua ricetta!

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  21. Il pasticciotto lo si deve far bene, e tu lo hai realizzato alla perfezione! Bravissima!
    Buona domenica!
    Rosa

    RispondiElimina
  22. Milena, che meraviglia questo dolce! Mi sono piaciute molto la storia, le foto e il modo in cui hai descritto la preparazione.

    RispondiElimina
  23. Quest'anno a Galatina ho scoperto questo fantastico dolce, buonissimo.Il tuo Milena è perfetto e di sicuro super gustoso.
    A presto

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Merluzzo in brodetto

Ciao a tutte carissime amiche...! Stamattina qui ...diluvio e temporali...beh....mi sa che la primavera ce la scorderemo...arriveremo all'improvviso in piena estate....siiiiii!!!  e questo cimurro e tosse che mi perseguita ancora, anche se oggi va meglio!!! vabbè resisteremo! Oggi sono contenta perchè ho dato un piccolissimo contributo per una grandissima causa...finalmente mi è arrivato il bellissimo libro di ricette...I-Kitchen, che avevo prenotato qui , scritto da tanti di voi blogger...e a cura della grande Patrizia Bosso, che con tanto amore....pazienza e solidarità ha dedicato ai bimbi e ai ragazzi della Gulliver di Rocchetta Vara, una casa famiglia distrutta da questa tragedia! Ricordate? ...Il 25 ottobre 2011 una pioggia violenta e interminabile flagella l'estremo Levante della Riviera Ligure.Una valanga di acqua e fango si abbatte anche sulla valle di Vara, travolgendo tutto, portando via con sè vite umane, distruggendo abitazioni, inghiottendo oggetti, ricordi, si

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci