Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Le Castagnelle

Apriamo questo nuovo anno, che auguro a tutti voi sia colmo di tante cose belle, con il primo appuntamento della rubrica l'Italia nel piatto  del 2015 che oggi, ancora immersa in un'atmosfera festiva, vi farà deliziare con ricette a base di FRUTTA SECCA!

Nei giorni che precedono le festività natalizie, le nostre cucine sono invase dai mille profumi di ghiottonerie che si preparano per tradizione aspettando il Santo Natale...come le "castagnèdde" (castagnelle) che insieme alle "carteddate" (cartellate) e al "capetone" (capitone) formano il vero Natale barese culinario!

Sulla mia tavola delle feste trovate appunto le castagnelle, che nulla hanno a che vedere con le castagne, ma sono invece delle paste secche a base di mandorle tostate, croccanti e speziate!

Come spesso accade ogni famiglia conserva la propria ricetta, con piccole varianti, c'è chi usa il caffè per impastare oppure semplicemente acqua tiepida, si può arricchire l'impasto con del cacao amaro, oppure con limone grattugiato, ma ciò che caratterizza queste tipiche paste di Natale sono le mandorle tostate! 
Ho preso spunto sempre dal mio libro di cucina pugliese di Luigi Sada, facendo solo una piccola sostituzione...andiamo allora a vedere la ricetta, semplicissima e veloce!

Un abbraccio MILENA 

















Ingredienti:

1 kg. di mandorle 
1 kg. di farina
1 kg. di zucchero 
1 e 1/2 cucchiaio  di bicarbonato di sodio
1 buccia di limone grattugiata
1/2 cucchiaio di cannella in polvere
1/2 cucchiaio di chiodi di garofano
acqua tiepida q.b. per impastare ( io caffè)

Procedimento:

Mettere a bollire per pochissimo tempo le mandorle, giusto il tempo per ammorbidire la buccia, poi sbucciarle eliminando la pellicina marrone e metterle a tostare in forno a media temperatura.
ar raffreddare le mandorle tostate e poi ridurle a pezzettini schiacciandole con il mattarello e mischiarle con la farina. Mettere il tutto a fontana ed aggiungere al centro lo zucchero, la buccia grattugiata di limone, la cannella, i chiodi di garofano, il bicarbonato di sodio ed impastare bene con acqua tiepida o caffè.
Formare poi dei bastoncini e tagliare a forma di rombo, sistemarli nella teglia coperta di carta da forno un po'  distanziati ed infornare a calore moderato per circa 10-15 minuti.
Sfornare ed aspettare qualche minuto prima toglierli dalla teglia perchè sono ancora un po' morbidi e potrebbero rompersi. raffreddandosi si induriscono e si possono staccare facilmente.

Ecco ora tutte le altre proposte delle altre regioni:




Lombardia: Amaretti lodigiani (Amareti ludesani)

  
















                                           http://litalianelpiatto.blogspot.it/


Commenti

  1. Non conoscevo questi biscotti, grazie!!!! Buon anno!!

    RispondiElimina
  2. Cara Milena, questi biscottini sono divini... sei stata bravissima come sempre, colgo l'occasione per farti tanti auguri di buon anno!

    RispondiElimina
  3. bellissima ricetta e foto stupende, mi piace il tuo attrezzino per tagliare la pasta, un bacione.
    Miria

    RispondiElimina
  4. Buon anno.........questa ricetta mi ricorda tanto i dolci di natale di mia nonna, noi a Corato li chiamiamo marzapane.....complimenti!

    RispondiElimina
  5. E' un dolce meraviglioso Milena...mi ricorda il mandorlato che fa mia zia Olga, una vera delizia!! E' bello ritrovare nelle varie regioni, pietanze simili ma uniche e particolari! Grazie per aver condiviso e un abbraccio affettuoso, Mary

    RispondiElimina
  6. Sono buoni e anche tanto carini, Milena, ottima scelta! Buon anno bacioni

    RispondiElimina
  7. Complimenti per le belle foto e per la ricetta. In questo giro per la nostra bella Italia sto facendo una vera scorpacciata di vere delizie!!! Un abbraccio e buon anno

    RispondiElimina
  8. Bellissimi e golosissimiiii! Complimentiiii
    Ciaoo e a prestooo

    RispondiElimina
  9. Mamma mia che buoniiiiiii!!!!! Belli anche da regalare nel periodo natalizio!!! Bellissima ricetta Milena, complimenti e buon anno!

    RispondiElimina
  10. E io ero certa di trovare dolci con le castagne, invece trovo questi biscottini golosissimi e caffettosi Si può dire?Un abbraccio e complimenti.

    RispondiElimina
  11. Mamma che bontà!!!! Mi piacciono tantissimo Milena!!
    Un mega abbraccio e Buon 2015
    Carmen

    RispondiElimina
  12. Oh che bontà! Una ricetta a me sconosciuta, ma che devo salvarmi per provare questa delizia :)
    Un bacio e buon anno a te e alla tua famiglia.

    RispondiElimina
  13. Sembrano davvero rustici e... BUONISSIMI!

    RispondiElimina
  14. ma che buoni, sono i biscotti che vorrei sempre sulla mia tavola, rustici,saporiti e profumati...grazie!

    RispondiElimina
  15. Che meraviglia questi biscotti, nn li conoscevo, buon anno cara

    RispondiElimina
  16. Bellissimi e buonissimi questi biscotti, di sicuro uno tira l'altro.
    Bravissima come sempre e buon anno.

    RispondiElimina
  17. Buonissimi Milena! Sono i dolcetti della nostra tradizione!
    Ti auguro uno splendido anno nuovo!
    Con affetto, Rosa

    RispondiElimina
  18. Ottimi e con tutto il sapore che solo i dolci tradizionali sanno regalare.
    Un abbraccio e buon anno

    RispondiElimina
  19. Sarà e non sarà, ma la pasticceria secca di questo tipo è la mia preferita! E con il caffè ce le vedo benissimo.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

Fegato all'arancia

Fegato all'arancia Il fegato all'arancia è una preparazione semplice e veloce per portare a tavola un secondo gustoso e saporito. E' questo il mio contributo per la rubrica mensile dell'I talia nel piatto , questo appuntamento è dedicato alle ricette con gli ingredienti meno nobili: scarti di verdura di stagione, pane raffermo, ossa, cotiche, orecchie e zampetti di maiale, ecc..  Un abbinamento insolito per un piatto tipico regionale ma sfogliando il solito libro di Luigi Sada "La cucina pugliese" sono rimasta sorpresa dal titolo di questa ricetta in dialetto salentino " Fegatu de maiale cu lu portacalli " (portacallu - dal nome del Portogallo, da cui proviene l'albero) ovvero "Fegato di maiale con l'arancia! Il fegato lo mangio e lo adoro soprattutto se si tratta dei famosi "gnumarelli" tipici pugliesi, non sono altro che involtini di interiora  (fegato, polmone e rognone) stretti all'interno del budello dell'agnello,

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez