Passa ai contenuti principali

Minchiareddhi

Pasta fresca fatta in casa... sulla tavola pugliese è il primo piatto per eccellenza che, con due ingredienti... semola di grano duro o di orzo e acqua e...un semplice sugo si porta a tavola un piatto con i fiocchi e della tradizione!

Dopo qualche precedente tentativo sono riuscita finalmente a preparare i famosi "minchiareddhi" o "maccaruni cu lu fierru te la pasta" tipici della zona salentina.
Per l'esecuzione di  questa pasta è necessario un filo di ferro spesso qualche millimetro e quadrato, nei tentativi precedenti usavo un ferro tondo ma mi si appiccicava la pasta...o forse l'impasto era troppo morbido, beh...non so che dirvi, fatto sta che questa volta con il ferro quadrato e l'impasto di una giusta consistenza non ho avuto nessun problema e sono stati facilissimi da fare!

Vediamo come si realizzano...forse più difficile a spiegare che a prepararli!






















Ingredienti:

500 g. di semola di grano duro o di orzo
250 ml circa di acqua tiepida

Procedimento:

Mettere la semola di grano duro sulla spianatoia a fontana, cominciare a versare l'acqua e iniziare a lavorare bene, man mano che si impasta versare la restante acqua o quella che ne assorbe e lavorare bene fino a far diventare l'impasto bello omogeneo elastico e senza grumi.
Formare una palla, avvolgere in pellicola o in un piatto coperto e far riposare una mezz'ora o poco più.
Poi staccare piccoli pezzi alla volta, formare dei rotolini lunghi che verranno poi tagliati in pezzi più piccoli di circa 4 - 5 cm., poggiare il ferro sul pezzo piccolo nel senso della lunghezza o anche leggermente obliquo per cavare la pasta, con la mano destra mantenere il ferro alla punta e con il palmo della mano sinistra premere leggermente sul rotolino e far scorrere avanti e indietro con un movimento rotatorio sulla spianatoia. Si formerà subito un maccherone bucato che verrà sfilato subito dal ferro e poggiato sulla spianatoia infarinata o su un canovaccio.

un abbraccio MILENA

Commenti

  1. e'una pasta fantastica, ne ho un ricordo indimenticabile!!!!

    RispondiElimina
  2. Favolosa la tua pasta!!! Non ci riuscirei mai a farla così bella...sei davvero bravissima!! Baci, Mary

    RispondiElimina
  3. Rimango sempre incanta da chi è capace di fare la pasta in casa.... Io sarei ancora li con il pezzo di ferro :-), baci

    RispondiElimina
  4. Che belli tesoroooo e poi credo di riuscire a realizzarli anch'io che in queste cose sono un pò incapace cmq brava sono bellissimi!!Bacioni

    RispondiElimina
  5. complimenti ottima pasta !!vedo nella foto oltre al ferro anche la raschietta , ma che ci fai con quella? dalle mie parti la usavano non solo i contadini per pulirsi gli scarponi ma si usava anche per fare le orecchiette o strascinati. da noi si chiama in dialetto la "rasaule".un abbraccio,Peppe.

    RispondiElimina
  6. Mile...spettacolari!!!!!!!! SOLO TU POTEVI CREARLI COSI PERFETTI!!!!Ma come fai??' fantastica!!!! Io me li papperei adesso con un bel sughetto dei tuoi....poi però.....chiacchieriamo tutta la sera!!!^_^ un bacione!!!

    RispondiElimina
  7. Leggendo il titolo mi sono fatta quattro risate.
    La pasta è perfetta ( una volta l'ho fatta anch'io) e guardando le tue foto mi hai fatto venir voglia.
    Un abbraccio a te.

    RispondiElimina
  8. È semplicemente stupenda.
    ho sempre voluto provarci...magari in tua compagnia, saprei anche riuscirci! :)

    RispondiElimina
  9. Ti sono venuti una favola, brava!!!!!!

    RispondiElimina
  10. Lo scorso agosto sono stata in vacanza in Salento e ci ho lasciato il cuore... posti meravigliosi e cibo fantastico!!! Ho assistito commossa alla preparazione della pasta fatta a mano durante le varie sagre del paese, e ovviamente ho portato a casa il ferretto!!!
    Ti sono venuti davvero bene, bravaaaaaaa!!!!
    Un bacio

    RispondiElimina
  11. Caspita, che brava che sei. Anche da noi c'è una pasta che si fa con il ferro, ma io non sono capace di manovrare quell'attrezzo :(
    Complimenti!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez

CUCINA PUGLIESE: Piselli e carciofi ripieni

L'appuntamento di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è tutto dedicato ai prodotti e ricette primaverili, piatti leggeri, freschi e genuini. La Puglia...terra di carciofi ma, anche piselli, fave, fagioli, lenticchie, ceci, sono prodotti di colture di antica  tradizione agricola pugliese. La mia proposta è un piatto tipico barese, Carciofi ripieni con i piselli freschi , un binomio perfetto che unisce il sapore un po' amarognolo dei carciofi al gusto dolciastro dei piselli, insomma ne nasce un piatto davvero squisito, sano e nutriente. I piselli freschi insieme alle fave fresche, in questo periodo dominano le nostre tavole, ne facciamo scorte soprattutto di piselli che raccolti e puliti, vengono surgelati per poi gustarne a piacere in svariate preparazioni! Andiamo allora a vedere la ricetta! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 6 carciofi 1/2 kg. di piselli freschi 1 cipolla olio evo sale e pepe 1 limone per il ripieno: 2 uova form

Pizza con capocollo di Martina Franca, pomodori secchi e rucola

La puntata di oggi de L'Italia nel piatto è dedicata ad uno dei cibi più amati dagli italiani e anche dagli stranieri:  la pizza ,  un semplice impasto di farina lievito e acqua e che, appiattita e condita anche solo con pomodoro, mozzarella e basilico rende unica e allegra una serata in pizzeria fra amici o a casa in famiglia.  Originaria della cucina napoletana, la pizza ha conquistato i gusti a livello internazionale. La più famosa è la pizza Margherita , che nel 1889 il cuoco, Raffaele Esposito  preparò per onorare la regina d'Italia Margherita di Savoia e che condì con pomodoro, mozzarella e basilico, a rappresentare i colori della bandiera italiana, ma la storia della pizza è lunga e incerta. Ogni rappresentante regionale presenterà una pizza con i propri prodotti tipici e tradizionali del territorio. Per la Puglia ho pensato di proporre una pizza con uno dei salumi tradizionali pugliesi e più apprezzati a livello internazionale: il capocollo di Martina Franca. Pe