Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Ubriachelle romane per L'Italia nel piatto

Buongiorno a tutti...ed eccoci, come anticipato il 10 scorso, al secondo appuntamento della consueta rubrica dell'Italia nel piatto ...!!!

Oggi giornata davvero speciale...eh si,  siamo ormai in pieno clima natalizio e allora  via...i primi regali son partiti! Ognuna di noi ha donato una propria ricetta alla rappresentante di un'altra regione...bello vero ? Ma quanto mi è piaciuta quest'idea!!!

quindi il tema di oggi è: TI REGALO UNA RICETTA DI NATALE ( con scambio interregionale)

Ed io felicissima di replicare una ricetta della mitica Elly del Lazio!
 ( http://elly-chezentity.blogspot.it/2012/01/dalla-semplicita-della-cucina-laziale.html )

UBRIACHELLE ROMANE ( Ciambelline al vino)



Elly cara...è verissimo che, come dici tu, sono di una semplicità disarmannte....ma è anche vero che sono di una gradevolezza infinita, insomma da stare a sgranocchiarne ogni momento!
E quel profumo che si sprigiona già da quando si incomincia ad impastare, per non parlare poi  quando passano in forno!
Sono  biscotti tipici laziali, vengono chiamati ubriachelle proprio perchè preparati con il vino bianco o rosso, io ho usato il rosso Montepulciano che il maritino fa ormai da anni!
Se vi capita di passare da Roma, soprattutto nella zona dei Castelli Romani, ricordatevi di  assaggiare questa specialità!
Velocissimi davvero da fare, con ingredienti che sempre abbiamo in dispensa e che possiamo preparare anche senza bilancia!!!
Io le ho preparate ieri ed Elly ci dice che il massimo della bontà la si scopre dopo 2 o 3 giorni...ma come lei penso che non ci arrivino ...troppo buoni e friabilissimi!!!

Ci vediamo dopo le feste e allora....AUGURO A TUTTI VOI UN SERENO NATALE!











Vi riporto le dosi di Elly:

Ingredienti:

200 ml. di vino bianco o rosso (1 tazza)
200 ml. di olio evo o di semi (1 tazza)
240 g. di zucchero (1 tazza)
600 g. circa di farina
1 cucchiaino raso di lievito per dolci
zucchero per guarnire

Procedimento:

In una ciotola mettere la farina con lo zucchero e il lievito e mescolare bene, fare la fontana e aggiungere il vino e l'olio,  lavorare finchè i liquidi vengono assorbiti dalla farina, all'inizio l'impasto risulterà appiccicoso, poi trasferire su una spianatoia e lavorare ancora fino a quando diventa una bella pasta consistente e non più appiccicosa, aggiungere altra farina se occorre,  poi staccare piccoli pezzi e fare dei bastoncini che verrano avvolti a formare  ciambelline, regolatevi per la misura.
Poi passare la parte superiore di ciascuna ciambellina nello zucchero semolato e disporle un po' distanziate nella teglia.
Infornare a 180° per circa 15-20 minuti o fino a quando saranno appena dorate.

Ed ora tutti a scoprire le ricette delle altre compagne di viaggio:



  • Valle D'Aosta - Parrozzo abruzzese in finger food http://cinziaaifornelli.blogspot.it

  • Piemonte - Ricciarelli di Siena - http://lacasadi-artu.blogspot.it/

  • Lombardia - Ciambelline Arance e Mandorle - http://ledeliziedellamiacucina.blogspot.it/

  • Trentino Alto Adige - Gnocco fritto e buslanei http://afiammadolce.blogspot.it/

  • Veneto Arancini rustici siciliani  - http://ely-tenerezze.blogspot.it/

  • Friuli Venezia Giulia - Pasticcini pugliesi di mandorle -  http://nuvoledifarina.blogspot.it

  • Emilia Romagna - I roccocò morbidi napoletani  -  http://zibaldoneculinario.blogspot.it/

  • Liguria -    Risotto con patate e cipolle di tropea al profumo di rosmarino -http://arbanelladibasilico.blogspot.it/

  • Toscana - Kugelhupf triestino di Stefania http://www.nonsolopiccante.it/

  • Umbria -  Lo Zelten http://amichecucina.blogspot.it

  • Marche -  http://lacreativitaeisuoicolori.blogspot.it

  • Abruzzo - Tortionata di Lodi http://blog.giallozafferano.it/incucinadaeva/

  • Molise - Pan de le feste del Veneto -  http://lacucinadimamma-loredana.blogspot.it/

  • Lazio - Il pane di Matera - http://elly-chezentity.blogspot.it

  • Campania - Tagliatelle con le noci - http://www.isaporidelmediterraneo.it/

  • Puglia - Ubriachelle romane -  http://breakfastdadonaflor.blogspot.it

  • Basilicata - Risotto dei contadini Piemontesi - http://blog.giallozafferano.it/sognandoincucina

  • Calabria -  Birbanti -  http://blog.giallozafferano.it/iocucinocosi

  • Sicilia - Mestecanza Molisana - http://blog.giallozafferano.it/cucinachetipassaoriginal/

  • Sardegna - Pandolce genovese  http://blog.giallozafferano.it/vickyar



  • Commenti

    1. Che buone, il dopo cena ideale!!!!!

      RispondiElimina
    2. che delizia, me le ricordo quando le pubblicò Elly, ed infatti mi avevano conquistata....ora le rivedo e mi sa che nelle feste ne preparerò una vagonata.
      buone feste

      RispondiElimina
    3. Una ricetta che adoro!! Le ciambelline sono fantastiche!! un abbraccio e buone feste a te e alla tua famiglia :-)

      RispondiElimina
    4. la leggenda narra che dopo 2 o 3 giorni risultino più buoni! ma diciamoci la verità... chi ci resiste??
      Bravissima tesoro, hai riproposto magnificamente la ricetta!
      un bacione

      RispondiElimina
    5. queste ciambelline erano le preferite di mio nonno, buonissime, a presto

      RispondiElimina
    6. Penso sia la mia ricetta più rifatta... e a ragione. Anche io la rifaccio ogni anno, cambio vino, una volta rosso, una volta bianco, dolce o meno dolce zucchero bianco zucchero di canna... ma sempre buone sono e sempre poche... La tua è stata una interpretazione bellissima. Le hai rese veramente eleganti... molto di più di quanto le puoi trovare sulle tavole dei romani.... Grazie!!!

      RispondiElimina
    7. Buonissime, Dona, hai scelto una ricetta con i fiocchi!!! Bacione e tantissimi auguri

      RispondiElimina
    8. che carini! si fanno anche da noi in abruzzo, un pò diversi ma alla fine va tutto a taralucci e vino ahhahah

      RispondiElimina
    9. Ma che SPLENIDA RICETTAAAAA!! La mia amica Elly è bravissima ma tu ...sei stata all'altezza di qualunque rivista di cucina!!! Bravissima, un bacioneee

      RispondiElimina
    10. che voglia di assaggiarne uno pucciato in un vino dei Castelli romani!!! se mi dici che sono così semplici quasi quasi mi butto e li preparo...
      Un bacione grande, sempre bravissima!!!
      Tanti auguroni di buone feste a te e famiglia!!!

      RispondiElimina
    11. i taralli al vino! buonissimi! quante volte li avrò mangiati! devo farli!

      RispondiElimina
    12. Anche io ho provato questi biscotti e ammetto che sono buonissimi, semplici, ma gustosi, del genere che non stanca mai.

      Buone feste a te e ai tuoi cari

      un abbraccio

      RispondiElimina
    13. In Toscana le facciamo con il Vinsanto e durante la cottura si sprigiona un profumo dal forno che farebbe tornare in vita anche i morti. Non so con il vino, ma immagino sia la stessa cosa.
      Ti mando un grandissimo abbraccio e ti faccio tantissimi Auguri per un sereno e felice Natale.

      RispondiElimina
    14. mi hai fatto venire una fame.... complimenti e buone feste

      RispondiElimina
    15. Ci vorrebbe doppia dose, allora si che si possono conservare per più giorni!
      Buone feste e buon anno!

      RispondiElimina
    16. ottima ricetta con il vino buon che c'è in puglia c'è imbarazzo della scelta, tanti auguri di buon anno 2014

      RispondiElimina
    17. Buon anno e che sia serenissimo pieno di salute e di tante soddisfazioni....e di tantissimo amore!!!!!!!!!!!!!!!
      Alice

      RispondiElimina

    Posta un commento

    Post popolari in questo blog

    Merluzzo in brodetto

    Ciao a tutte carissime amiche...!
    Stamattina qui ...diluvio e temporali...beh....mi sa che la primavera ce la scorderemo...arriveremo all'improvviso in piena estate....siiiiii!!!  e questo cimurro e tosse che mi perseguita ancora, anche se oggi va meglio!!! vabbè resisteremo!
    Oggi sono contenta perchè ho dato un piccolissimo contributo per una grandissima causa...finalmente mi è arrivato il bellissimo libro di ricette...I-Kitchen, che avevo prenotato qui, scritto da tanti di voi blogger...e a cura della grande Patrizia Bosso, che con tanto amore....pazienza e solidarità ha dedicato ai bimbi e ai ragazzi della Gulliver di Rocchetta Vara, una casa famiglia distrutta da questa tragedia!
    Ricordate?
    ...Il 25 ottobre 2011 una pioggia violenta e interminabile flagella l'estremo Levante della Riviera Ligure.Una valanga di acqua e fango si abbatte anche sulla valle di Vara, travolgendo tutto, portando via con sè vite umane, distruggendo abitazioni, inghiottendo oggetti, ricordi, sicure…

    Spaghetti con sughetto di Pelose...!

    Buona serata a tutti!
    Oggi un piatto tipico di mare...spaghetti con sughetto di "Pelose",  eh si...qui nella zona di Bari chiamiamo proprio così quei granchi un pò più grandi e con gli arti e le chele ricoperte di setole pelose e di colore scuro! E' molto facile trovare le pelose sulle nostre coste, ma la loro tana è solitamente una grossa buca nella roccia sott'acqua.  Da non confondere con i semplici granchi, più piccoli e di colore verdastro e che...se per caso vi trovate sdraiati sul bagnasciuga di uno scoglio li vedrete aggirarsi tranquillamente! La Pelosa si nutre di polpi...ma è anche la loro preda!
    Beh...noi ci pappiamo alla grande tutti e due!
    Non so se sapete della nostra passione per la pesca di polpi...e allora un giorno un cugino di mio marito ci ha fatto cosa graditissima regalandoci una bella vaschetta di Pelose vive per poter andare a pescare polpi! Ma erano davvero tanti...e allora perchè non fare un bel sughetto con qualche Pelosa?  Detto ...fatto!!…

    CUCINA PUGLIESE: Piselli e carciofi ripieni

    L'appuntamento di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è tutto dedicato ai prodotti e ricette primaverili, piatti leggeri, freschi e genuini.

    La Puglia...terra di carciofi ma, anche piselli, fave, fagioli, lenticchie, ceci, sono prodotti di colture di antica  tradizione agricola pugliese.
    La mia proposta è un piatto tipico barese, Carciofi ripieni con i piselli freschi, un binomio perfetto che unisce il sapore un po' amarognolo dei carciofi al gusto dolciastro dei piselli, insomma ne nasce un piatto davvero squisito, sano e nutriente.
    I piselli freschi insieme alle fave fresche, in questo periodo dominano le nostre tavole, ne facciamo scorte soprattutto di piselli che raccolti e puliti, vengono surgelati per poi gustarne a piacere in svariate preparazioni!
    Andiamo allora a vedere la ricetta!

    Un abbraccio MILENA











    Ingredienti:

    6 carciofi
    1/2 kg. di piselli freschi
    1 cipolla
    olio evo
    sale e pepe
    1 limone

    per il ripieno:

    2 uova
    formaggio pecorino grattugiato
    poco pane raffermo
    prezzemolo