Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Calzoncelli o Bocconotti di pasta reale

Buongiorno a tutti....!

Oggi  il primo dei due appuntamenti davvero speciali della rubrica L'Italia nel piatto! Questo mese, dedicato alle feste natalizie, abbiamo pensato di deliziarvi con ben due uscite!
Non mancate il prossimo 20 dicembre...altre prelibatezze vi attendono!

Il tema di oggi è: NATALE IN... PUGLIA

 CALZONCELLI  (BOCCONOTTI) DI PASTA REALE



E come le famose cartellate, anche i  calzoncelli o bocconotti di pasta reale (o pasta di mandorle) non possono mancare sulle nostre tavole delle feste natalizie, anche perché sono preparati con lo stesso impasto delle cartellate ma a forma di panzerottini che verranno poi riempiti di pasta di mandorle!

Le mandorle sono prodotte abbondantemente dai pittoreschi mandorleti di Puglia e la zona di  Bari è conosciuta per la presenza di uno dei  più importanti centri commerciali delle mandorle e per le affinate capacità operative della gente dei campi!
Insomma...qui la mandorla la fa da padrona...industrie dolciarie di amaretti, confetti, pasticceria secca ecc.
La domenica  il pranzo termina sempre con la frutta secca e a Natale poi ...e che ve lo dico a fare...c'è il boom della mandorla con torroni, dolci vari, cioccolatini di mandorle, bocconotti, pasticcini ecc...!




























Ingredienti:

per la sfoglia:

250 g. di farina 00
50 g. di olio evo
vino bianco q.b.

per il ripieno di pasta reale:

250 g. di mandorle
175 g. di zucchero ( io 125 g.)
100 ml. di acqua
1 buccia di limone grattugiata
cannella ( a piacere)

inoltre:

olio di semi di arachidi
zucchero a velo
vin cotto di fichi ( a piacere)

Procedimento
Ponete un tegame con un po' d'acqua a bollire sul fuoco, versate le mandorle giusto per qualche minuto per far ammorbidire la pellicina marrone, poi sgusciatele, fatele asciugare su un canovaccio e tritatele finemente.
Preparare il ripieno mettendo 100 ml. di acqua e  125 g. di zucchero in un pentolino sul fuoco, quando lo zucchero è completamente sciolto aggiungere le mandorle tritate e la buccia di limone grattugiato girando con un mestolo di legno fino ad assorbimento totale dell'acqua e facendo attenzione che la pasta di mandorla non si attacca sul fondo del tegame. Poi spegnete e fate raffreddare.
Mettere sulla spianatoia la farina a fontana, aggiungere l'olio e cominciare ad impastare con il vino bianco tiepido fino ad ottenere una pasta bella liscia setosa ed elastica.
Tagliare man mano dei pezzi e passarli alla macchina più volte per fare delle sfoglie tipo lasagne ben lavorate e sottili 
Adagiare un cucchiaino di pasta di mandorla, chiudere a metà la sfoglia e con la rotellina dentellata formare come piccoli panzerottini. Con i ritagli formate altre sfoglie e riempite ancora.
Finito il lavoro passate a friggere in abbondante olio di semi di arachidi.
Infine spolverizzate di zucchero a velo o li passate nel vin cotto.


www.facebook.com/LItaliaNelPiatto

Andiamo ora a vedere il Natale in tutte le altre regioni:








  • Valle D'Aosta - Mont Blanc http://cinziaaifornelli.blogspot.it
  • Piemonte - Lasagne alessandrine della Vigilia - http://lacasadi-artu.blogspot.it/
  • Lombardia - Pucia Dulsa - http://ledeliziedellamiacucina.blogspot.it/
  • Trentino Alto Adige - Lebkuchen, zimtsterne e zelten tirolese..le ricette originali!        http://afiammadolce.blogspot.it/
  • Veneto - Crema al mascarpone con grappa cuor di prosecco - http://ely-tenerezze.blogspot.it/
  • Friuli Venezia Giulia - Mostazzòns -  http://nuvoledifarina.blogspot.it
  • Emilia Romagna - La spongata -  http://zibaldoneculinario.blogspot.it/
  • Liguria - baccalà boggìo a-o verde -http://arbanelladibasilico.blogspot.it/
  • Toscana - Panpepato di Siena - http://www.nonsolopiccante.it/
  • Umbria -  Tozzetti canditi http://amichecucina.blogspot.it
  • Marche - Tagliatelle con lo stoccafisso http://lacreativitaeisuoicolori.blogspot.it
  • Abruzzo -Ferratelle abruzzesi http://blog.giallozafferano.it/incucinadaeva/
  • Molise -Tozzetti della mia mamma-  http://lacucinadimamma-loredana.blogspot.it/
  • Lazio - Panpepato - http://elly-chezentity.blogspot.it
  • Campania - Roccocò moridi - http://www.isaporidelmediterraneo.it/
  • Puglia - Bocconotti di pasta reale -  http://breakfastdadonaflor.blogspot.it
  • Basilicata - Pettolehttp://blog.giallozafferano.it/sognandoincucina
  • Calabria -Turdiddri o turdilli calabresi  http://blog.giallozafferano.it/iocucinocosi
  • Sicilia - Torrone Siciliano alle mandorle http://blog.giallozafferano.it/cucinachetipassaoriginal/
  • Sardegna - Torrone sardo di Tonara http://blog.giallozafferano.it/vickyart     

  • Un abbraccio Milena
  • Commenti

    1. E come ogni volta ti dico che proverò questi dolci che mi piacciono sin dalla pasta, per non parlare del ripieno e della finitura con il ficotto! :)

      RispondiElimina
    2. che bontà questi dolcetti!un capolavoro.....un abbraccio,Peppe.

      RispondiElimina
    3. Devono essere FAVOLOSI!!!!
      Bravissima, e grazie per il passo, passo quasi quasi provo a farli.
      Un bacione

      RispondiElimina
    4. Milly....sono uno SPETTACOLOOOOOOOOOOOOOOOOO, bellissimi, favolosi nella foto e immagino nel sapore, davvero bravissimaaaaaaaaa!!!

      RispondiElimina
    5. li adoravo quando andavo in puglia!!! che nostalgia mi hai messo!

      RispondiElimina
    6. Mamma mia cosa vedono i miei occhi e cosa non stanno sognando le mie papille. Mica si può far vedere queste delizie senza mandarne una generosa dose in omaggio... :-)
      Quest'anno ha anch'io un bel saccone di mandorle che arrivano dritte dritte dalla Puglia. Ho degli amici pugliesi che vivono a Firenze che ne hanno degli alberi e quest'anno ce ne hanno regalate un bel po'.

      RispondiElimina
    7. oh mamma....pasta di mandorle come ripieno di un panzerottino fritto.....??? ok stavolta una delle mie tre preferite del giro è la tua ricetta!!!! che goduria!!!

      RispondiElimina
    8. Sono bellissimi!!! E devono essere anche buonissimi Milena!!! Complimenti per questa dolcezza da provare assolutamente :-) un bacione

      RispondiElimina
    9. Eh tesoro mi sa che puglia e sicilia se la battono per le mandorle! Ottima ricetta davvero complimenti, e le foto le trovo molto belle!
      che dire? BRAVISSIMA!!
      un bacio

      RispondiElimina
    10. però che buoni ripieni di pasta di mandorle, e anche bellissimi da presentare, baci

      RispondiElimina
    11. ma che carini! che belli! da noi i bocconotti sono un'altra cosa, però anche questi sono belli e buoni!!

      RispondiElimina
    12. Tesoro che goduria questi bocconotti mia cara poi in pasta reale sono decisamente da urlo!! Devo salvare e provare questa ricetta!! Un grande bacione

      RispondiElimina
    13. Che dolcetti meravigliosi, Dona, fanno venire l'acquolina a vederli, figurati a sentirne il profumo o a poterli mangiare... Un bacione a presto

      RispondiElimina
    14. Spettacolari nella forma, nell'esecuzione, nella descrizione.....
      Bravissima

      RispondiElimina
    15. Una visione paradisiaca...mamma mia che bontà! Ma sono anche bellissimi, inoltre una spiegazione impeccabile :)
      Bravissima!
      Un grande bacio

      RispondiElimina
    16. Mi regali sempre delle ricette che mi riportano alla mia gioventù cara Milena. Come quella di oggi, impeccabile nella presentazione in tutta la sua bontà... !!

      RispondiElimina
    17. sempre molto interessanti le tue ricette tradizionali

      RispondiElimina
    18. buoniiii! i famosi bocconotti! sai ke nn conoscevo la ricetta! nn sapevo ke fossero ripieni di pasta reale! buonissimi!

      RispondiElimina
    19. Buonissimi quelli al vin cotto,A Terlizzi li chiamiamo calzoncelli...

      RispondiElimina
    20. i fritti sono sempre così sfiziosi..con quel mosto cotto poi... grazie della bella ricetta!!!

      RispondiElimina
    21. Quanto è bella questa ricetta tradizionale. Il tuo blog è davvero splendide. Mi piacciono tanto le foto che hai nel 'blog header'. Spero un giorno di avere l'opportunita' di frequentare il tuo B&B in italia! Un grande saluto dall'australia - Lizzy :)

      RispondiElimina
    22. Quanto sono buoni i dolci della tradizione! Se poi sono fritti lo sono ancora di più

      RispondiElimina

    Posta un commento

    Post popolari in questo blog

    La Faldacchea di Turi

    In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

    Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

    Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

    Le amarene sciroppate

    Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

    Fegato all'arancia

    Fegato all'arancia Il fegato all'arancia è una preparazione semplice e veloce per portare a tavola un secondo gustoso e saporito. E' questo il mio contributo per la rubrica mensile dell'I talia nel piatto , questo appuntamento è dedicato alle ricette con gli ingredienti meno nobili: scarti di verdura di stagione, pane raffermo, ossa, cotiche, orecchie e zampetti di maiale, ecc..  Un abbinamento insolito per un piatto tipico regionale ma sfogliando il solito libro di Luigi Sada "La cucina pugliese" sono rimasta sorpresa dal titolo di questa ricetta in dialetto salentino " Fegatu de maiale cu lu portacalli " (portacallu - dal nome del Portogallo, da cui proviene l'albero) ovvero "Fegato di maiale con l'arancia! Il fegato lo mangio e lo adoro soprattutto se si tratta dei famosi "gnumarelli" tipici pugliesi, non sono altro che involtini di interiora  (fegato, polmone e rognone) stretti all'interno del budello dell'agnello,

    CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

    La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez