Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Calzoncelli o Bocconotti di pasta reale

Buongiorno a tutti....!

Oggi  il primo dei due appuntamenti davvero speciali della rubrica L'Italia nel piatto! Questo mese, dedicato alle feste natalizie, abbiamo pensato di deliziarvi con ben due uscite!
Non mancate il prossimo 20 dicembre...altre prelibatezze vi attendono!

Il tema di oggi è: NATALE IN... PUGLIA

 CALZONCELLI  (BOCCONOTTI) DI PASTA REALE



E come le famose cartellate, anche i  calzoncelli o bocconotti di pasta reale (o pasta di mandorle) non possono mancare sulle nostre tavole delle feste natalizie, anche perché sono preparati con lo stesso impasto delle cartellate ma a forma di panzerottini che verranno poi riempiti di pasta di mandorle!

Le mandorle sono prodotte abbondantemente dai pittoreschi mandorleti di Puglia e la zona di  Bari è conosciuta per la presenza di uno dei  più importanti centri commerciali delle mandorle e per le affinate capacità operative della gente dei campi!
Insomma...qui la mandorla la fa da padrona...industrie dolciarie di amaretti, confetti, pasticceria secca ecc.
La domenica  il pranzo termina sempre con la frutta secca e a Natale poi ...e che ve lo dico a fare...c'è il boom della mandorla con torroni, dolci vari, cioccolatini di mandorle, bocconotti, pasticcini ecc...!




























Ingredienti:

per la sfoglia:

250 g. di farina 00
50 g. di olio evo
vino bianco q.b.

per il ripieno di pasta reale:

250 g. di mandorle
175 g. di zucchero ( io 125 g.)
100 ml. di acqua
1 buccia di limone grattugiata
cannella ( a piacere)

inoltre:

olio di semi di arachidi
zucchero a velo
vin cotto di fichi ( a piacere)

Procedimento
Ponete un tegame con un po' d'acqua a bollire sul fuoco, versate le mandorle giusto per qualche minuto per far ammorbidire la pellicina marrone, poi sgusciatele, fatele asciugare su un canovaccio e tritatele finemente.
Preparare il ripieno mettendo 100 ml. di acqua e  125 g. di zucchero in un pentolino sul fuoco, quando lo zucchero è completamente sciolto aggiungere le mandorle tritate e la buccia di limone grattugiato girando con un mestolo di legno fino ad assorbimento totale dell'acqua e facendo attenzione che la pasta di mandorla non si attacca sul fondo del tegame. Poi spegnete e fate raffreddare.
Mettere sulla spianatoia la farina a fontana, aggiungere l'olio e cominciare ad impastare con il vino bianco tiepido fino ad ottenere una pasta bella liscia setosa ed elastica.
Tagliare man mano dei pezzi e passarli alla macchina più volte per fare delle sfoglie tipo lasagne ben lavorate e sottili 
Adagiare un cucchiaino di pasta di mandorla, chiudere a metà la sfoglia e con la rotellina dentellata formare come piccoli panzerottini. Con i ritagli formate altre sfoglie e riempite ancora.
Finito il lavoro passate a friggere in abbondante olio di semi di arachidi.
Infine spolverizzate di zucchero a velo o li passate nel vin cotto.


www.facebook.com/LItaliaNelPiatto

Andiamo ora a vedere il Natale in tutte le altre regioni:








  • Valle D'Aosta - Mont Blanc http://cinziaaifornelli.blogspot.it
  • Piemonte - Lasagne alessandrine della Vigilia - http://lacasadi-artu.blogspot.it/
  • Lombardia - Pucia Dulsa - http://ledeliziedellamiacucina.blogspot.it/
  • Trentino Alto Adige - Lebkuchen, zimtsterne e zelten tirolese..le ricette originali!        http://afiammadolce.blogspot.it/
  • Veneto - Crema al mascarpone con grappa cuor di prosecco - http://ely-tenerezze.blogspot.it/
  • Friuli Venezia Giulia - Mostazzòns -  http://nuvoledifarina.blogspot.it
  • Emilia Romagna - La spongata -  http://zibaldoneculinario.blogspot.it/
  • Liguria - baccalà boggìo a-o verde -http://arbanelladibasilico.blogspot.it/
  • Toscana - Panpepato di Siena - http://www.nonsolopiccante.it/
  • Umbria -  Tozzetti canditi http://amichecucina.blogspot.it
  • Marche - Tagliatelle con lo stoccafisso http://lacreativitaeisuoicolori.blogspot.it
  • Abruzzo -Ferratelle abruzzesi http://blog.giallozafferano.it/incucinadaeva/
  • Molise -Tozzetti della mia mamma-  http://lacucinadimamma-loredana.blogspot.it/
  • Lazio - Panpepato - http://elly-chezentity.blogspot.it
  • Campania - Roccocò moridi - http://www.isaporidelmediterraneo.it/
  • Puglia - Bocconotti di pasta reale -  http://breakfastdadonaflor.blogspot.it
  • Basilicata - Pettolehttp://blog.giallozafferano.it/sognandoincucina
  • Calabria -Turdiddri o turdilli calabresi  http://blog.giallozafferano.it/iocucinocosi
  • Sicilia - Torrone Siciliano alle mandorle http://blog.giallozafferano.it/cucinachetipassaoriginal/
  • Sardegna - Torrone sardo di Tonara http://blog.giallozafferano.it/vickyart     

  • Un abbraccio Milena
  • Commenti

    1. E come ogni volta ti dico che proverò questi dolci che mi piacciono sin dalla pasta, per non parlare del ripieno e della finitura con il ficotto! :)

      RispondiElimina
    2. che bontà questi dolcetti!un capolavoro.....un abbraccio,Peppe.

      RispondiElimina
    3. Devono essere FAVOLOSI!!!!
      Bravissima, e grazie per il passo, passo quasi quasi provo a farli.
      Un bacione

      RispondiElimina
    4. Una delizia che conosco bene!!!!

      RispondiElimina
    5. Milly....sono uno SPETTACOLOOOOOOOOOOOOOOOOO, bellissimi, favolosi nella foto e immagino nel sapore, davvero bravissimaaaaaaaaa!!!

      RispondiElimina
    6. li adoravo quando andavo in puglia!!! che nostalgia mi hai messo!

      RispondiElimina
    7. Mamma mia cosa vedono i miei occhi e cosa non stanno sognando le mie papille. Mica si può far vedere queste delizie senza mandarne una generosa dose in omaggio... :-)
      Quest'anno ha anch'io un bel saccone di mandorle che arrivano dritte dritte dalla Puglia. Ho degli amici pugliesi che vivono a Firenze che ne hanno degli alberi e quest'anno ce ne hanno regalate un bel po'.

      RispondiElimina
    8. oh mamma....pasta di mandorle come ripieno di un panzerottino fritto.....??? ok stavolta una delle mie tre preferite del giro è la tua ricetta!!!! che goduria!!!

      RispondiElimina
    9. Sono bellissimi!!! E devono essere anche buonissimi Milena!!! Complimenti per questa dolcezza da provare assolutamente :-) un bacione

      RispondiElimina
    10. Eh tesoro mi sa che puglia e sicilia se la battono per le mandorle! Ottima ricetta davvero complimenti, e le foto le trovo molto belle!
      che dire? BRAVISSIMA!!
      un bacio

      RispondiElimina
    11. però che buoni ripieni di pasta di mandorle, e anche bellissimi da presentare, baci

      RispondiElimina
    12. ma che carini! che belli! da noi i bocconotti sono un'altra cosa, però anche questi sono belli e buoni!!

      RispondiElimina
    13. Tesoro che goduria questi bocconotti mia cara poi in pasta reale sono decisamente da urlo!! Devo salvare e provare questa ricetta!! Un grande bacione

      RispondiElimina
    14. Che dolcetti meravigliosi, Dona, fanno venire l'acquolina a vederli, figurati a sentirne il profumo o a poterli mangiare... Un bacione a presto

      RispondiElimina
    15. Spettacolari nella forma, nell'esecuzione, nella descrizione.....
      Bravissima

      RispondiElimina
    16. Una visione paradisiaca...mamma mia che bontà! Ma sono anche bellissimi, inoltre una spiegazione impeccabile :)
      Bravissima!
      Un grande bacio

      RispondiElimina
    17. Mi regali sempre delle ricette che mi riportano alla mia gioventù cara Milena. Come quella di oggi, impeccabile nella presentazione in tutta la sua bontà... !!

      RispondiElimina
    18. sempre molto interessanti le tue ricette tradizionali

      RispondiElimina
    19. buoniiii! i famosi bocconotti! sai ke nn conoscevo la ricetta! nn sapevo ke fossero ripieni di pasta reale! buonissimi!

      RispondiElimina
    20. Buonissimi quelli al vin cotto,A Terlizzi li chiamiamo calzoncelli...

      RispondiElimina
    21. i fritti sono sempre così sfiziosi..con quel mosto cotto poi... grazie della bella ricetta!!!

      RispondiElimina
    22. Quanto è bella questa ricetta tradizionale. Il tuo blog è davvero splendide. Mi piacciono tanto le foto che hai nel 'blog header'. Spero un giorno di avere l'opportunita' di frequentare il tuo B&B in italia! Un grande saluto dall'australia - Lizzy :)

      RispondiElimina
    23. Quanto sono buoni i dolci della tradizione! Se poi sono fritti lo sono ancora di più

      RispondiElimina

    Posta un commento

    Post popolari in questo blog

    Merluzzo in brodetto

    Ciao a tutte carissime amiche...!
    Stamattina qui ...diluvio e temporali...beh....mi sa che la primavera ce la scorderemo...arriveremo all'improvviso in piena estate....siiiiii!!!  e questo cimurro e tosse che mi perseguita ancora, anche se oggi va meglio!!! vabbè resisteremo!
    Oggi sono contenta perchè ho dato un piccolissimo contributo per una grandissima causa...finalmente mi è arrivato il bellissimo libro di ricette...I-Kitchen, che avevo prenotato qui, scritto da tanti di voi blogger...e a cura della grande Patrizia Bosso, che con tanto amore....pazienza e solidarità ha dedicato ai bimbi e ai ragazzi della Gulliver di Rocchetta Vara, una casa famiglia distrutta da questa tragedia!
    Ricordate?
    ...Il 25 ottobre 2011 una pioggia violenta e interminabile flagella l'estremo Levante della Riviera Ligure.Una valanga di acqua e fango si abbatte anche sulla valle di Vara, travolgendo tutto, portando via con sè vite umane, distruggendo abitazioni, inghiottendo oggetti, ricordi, sicure…

    Spaghetti con sughetto di Pelose...!

    Buona serata a tutti!
    Oggi un piatto tipico di mare...spaghetti con sughetto di "Pelose",  eh si...qui nella zona di Bari chiamiamo proprio così quei granchi un pò più grandi e con gli arti e le chele ricoperte di setole pelose e di colore scuro! E' molto facile trovare le pelose sulle nostre coste, ma la loro tana è solitamente una grossa buca nella roccia sott'acqua.  Da non confondere con i semplici granchi, più piccoli e di colore verdastro e che...se per caso vi trovate sdraiati sul bagnasciuga di uno scoglio li vedrete aggirarsi tranquillamente! La Pelosa si nutre di polpi...ma è anche la loro preda!
    Beh...noi ci pappiamo alla grande tutti e due!
    Non so se sapete della nostra passione per la pesca di polpi...e allora un giorno un cugino di mio marito ci ha fatto cosa graditissima regalandoci una bella vaschetta di Pelose vive per poter andare a pescare polpi! Ma erano davvero tanti...e allora perchè non fare un bel sughetto con qualche Pelosa?  Detto ...fatto!!…

    CUCINA PUGLIESE: Piselli e carciofi ripieni

    L'appuntamento di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è tutto dedicato ai prodotti e ricette primaverili, piatti leggeri, freschi e genuini.

    La Puglia...terra di carciofi ma, anche piselli, fave, fagioli, lenticchie, ceci, sono prodotti di colture di antica  tradizione agricola pugliese.
    La mia proposta è un piatto tipico barese, Carciofi ripieni con i piselli freschi, un binomio perfetto che unisce il sapore un po' amarognolo dei carciofi al gusto dolciastro dei piselli, insomma ne nasce un piatto davvero squisito, sano e nutriente.
    I piselli freschi insieme alle fave fresche, in questo periodo dominano le nostre tavole, ne facciamo scorte soprattutto di piselli che raccolti e puliti, vengono surgelati per poi gustarne a piacere in svariate preparazioni!
    Andiamo allora a vedere la ricetta!

    Un abbraccio MILENA











    Ingredienti:

    6 carciofi
    1/2 kg. di piselli freschi
    1 cipolla
    olio evo
    sale e pepe
    1 limone

    per il ripieno:

    2 uova
    formaggio pecorino grattugiato
    poco pane raffermo
    prezzemolo