Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Frittura di paranza

Buongiornooooo.... e ben ritrovati a tutti!!!
Ma quanto tempo è passato dall'ultimo post...mamma mia...esattamente un mese! Eh caspiterina come passa il tempo..!!! E quanto mi siete mancate! Questo periodo non riesco proprio a stare davanti al pc...spero davvero da settembre di recuperare!
Ed ora passiamo subito al nostro appuntamento della rubrica L'Italia nel piatto, sempre seguito con tanto entusiasmo... !!! Oggi troverete ricette sfiziose e per tutti i gusti!
Il tema di questo mese è: Il PESCE

La mia proposta pugliese è :

FRITTURA DI PARANZA

Ebbene si...questa non è una ricetta...ma vi assicuro che la frittura di pesce di paranza  è il piatto a cui non riesco davvero a  resistere...il gusto di assaporare il pesce appena fritto...bollentissimo...e mangiato tassativamente con le mani, beh...provare per credere!
E che dire poi della fortuna di abitare in un paese di mare, a pochi passi dal mercato del pesce , a pochi passi dal porto ed ammirare, soprattutto il pomeriggio, l'arrivo delle barche, lo scarico di tanta varietà di pesce, la sistemazione nelle cassette e il trasporto al mercato che praticamente si trova proprio di fronte al porto...insomma si ha la possibilità di seguire il tutto... passo passo... fino all'acquisto di questa bontà!!!

La frittura di paranza è composta prevalentemente da  pesci di piccole dimensioni come trigliette, merluzzetti,  piccole sogliole e zanchette, alicetti.
Il nome deriva dalle tipiche barche da pesca e dalla rete da fondo a strascico tirate da due imbarcazioni o paranze.
Insomma qui da noi è impossibile non gustare una frittura mista di paranza, questo piatto viene proposto in tutti i ristoranti e trattorie,  ci sono anche posti tipici dove si mangia esclusivamente pesce fritto!














Li vedete questi 5 o 6 gamberetti? Beh...non hanno fatto in tempo ad arrivare nella padella, non ho resistito  e mentre li pulivo ...ad uno ad uno ... gnammete...me li sono pappati crudi...una delizia!


Ed ora la ricetta...!
ops.. ma che ricetta!!!

Solo poca pazienza per pulire il pesce...che verrà infarinato, fritto in abbondante olio evo o di semi di arachidi ( lo preferisco perchè il fritto viene più croccante ) e... passaggio importantissimo...gustarlo immediatamente!

www.facebook.com/LItaliaNelPiatto

Ed ora tutti a gustare i piatti delle compagne di viaggio:


e brava Giovanna...la nostra ospite che partecipa con noi per aver vinto  per il mese scorso proprio con il  mio  piatto! 

Inoltre potete sempre visitare la nostra pagina su Facebook a questo link dove troverete novità e le regole del giochino che vi permetterà di partecipare come ospite speciale alla nostra iniziativa.

Commenti

  1. Molto sfiziosa, non so quanto ne mangerei!!!!!

    RispondiElimina
  2. Dovevo passare dopo pranzo mi state facendo morire...questa è il top!!Bravissima

    RispondiElimina
  3. Mamma mia....e chi può resistere ad una buonissima frittura croccante e calda come questa???? impossibile!!!! come vorrei essere li!

    RispondiElimina
  4. anche tu con il fritto!!??! una torturaaaa io non posso mangiare frittooo ufffffff

    RispondiElimina
  5. beh il fritto è sempre il fritto, questo di paranza poi....un bacio

    RispondiElimina
  6. Questo piatto lo si trova praticamente in tutte le cucine. E' sempre un'ottima soluzione per completare una cena o un pranzo. E poi al fritto non si riesce mai a dire di no.

    RispondiElimina
  7. arrivooooooooo!!!! buonissima...sento gia' il profumino....un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Era da tempo che non passavo a farti visita e appena ho notato questo piatto mi sono precipitata.
    Non ti nascondo che la frittura di paranza è uno dei miei piatti preferiti in assoluto e questo ci accomuna molto, soprattutto quando dici che non si può resistere a mangiarlo bollente!!!

    RispondiElimina
  9. Bentornata! Una ricetta che richiama davvero il mare e le vacanze :)
    A presto!

    RispondiElimina
  10. Io non vedo l'ora che sia giovedì...solo una settimana e mangerò anche io la mitica fritturina del mio papà!!! Che bontà...

    RispondiElimina
  11. che bello vivere lì da te...qua mare nemmeno l'ombra.... e lo stesso con il pesce, non è facile trovarlo fresco e buono...sei davvero fortunata!
    ottimo questo fritto,molto invitante! brava!

    RispondiElimina
  12. Come ti invidio il mare a due passi e quel pesce che quasi salta nel piatto da solo!!
    Anche tu come Elly suggerisci l'olio di arachidi e io sono d'accordo...certo i miei risultati con i fritti non sono usinghieri come i vostri, ma posso migliorare!!
    un abbraccio e buona estate!!

    RispondiElimina
  13. è il piatto che amo di piùùùùùùùùùùùù!! è da un mesetto che non lo mangio, mi sa che mi hai proprio fatto venire voglia di farlaaaaaaaa!!

    RispondiElimina
  14. io invece sono lontanissima dal mare e posso solo limitarmi ad invidiare chi può gustare un fritto così (soprattutto con le mani!)
    Claudette

    RispondiElimina
  15. Ciao Dona, per fortuna che c'è L'Italia nel piatto a farci ritrovare! Buonissimissima la tua frittura :) A presto bacione

    RispondiElimina
  16. Adoro tutte le fritture ma quella di paranza e' la mia preferita. Un abbraccio a te.

    RispondiElimina
  17. La frittura... un must anche per la nostra riviera romagnola... ma il pensiero di mangiarla con il vostro bel mare rende il piatto unico!!

    RispondiElimina
  18. Splendida ricetta Milena!! Le tue ricette e le tue fotografie sono sempre un invito al cibo!!! Bravissima per la splendida presentazione!! un abbraccio e perdona se arrivo solo ora... latitanza forzata, purtroppo non avevo connessione.. un abbraccio

    RispondiElimina
  19. La frittura di paranza è di una bontà, bellissima presentazione :)

    RispondiElimina
  20. adoro la frittura.. mangerei anche il piatto!!

    RispondiElimina
  21. Ciao Milena, le foto sono favolose come sempre!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  22. Buonissima e che belli anche i gusci!

    RispondiElimina
  23. Mamma mia!!
    Sento profumo di mare.
    Mi tuffo subito, ma nel piatto di questa croccante frittura.
    Brava cara.
    Ti auguro una buona notte.
    Incoronata

    RispondiElimina
  24. Ricettina semplice semplice ma non priva di gusto!! dalle cose semplici escono i sapori migliori dico io!!
    ma dai mangi i gamberi crudi?? non li ho mai provati crudi, mi sa che la prossima volta ne addento uno pure io!!
    bravissima tesoro, bacionii

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez

Pizza con capocollo di Martina Franca, pomodori secchi e rucola

La puntata di oggi de L'Italia nel piatto è dedicata ad uno dei cibi più amati dagli italiani e anche dagli stranieri:  la pizza ,  un semplice impasto di farina lievito e acqua e che, appiattita e condita anche solo con pomodoro, mozzarella e basilico rende unica e allegra una serata in pizzeria fra amici o a casa in famiglia.  Originaria della cucina napoletana, la pizza ha conquistato i gusti a livello internazionale. La più famosa è la pizza Margherita , che nel 1889 il cuoco, Raffaele Esposito  preparò per onorare la regina d'Italia Margherita di Savoia e che condì con pomodoro, mozzarella e basilico, a rappresentare i colori della bandiera italiana, ma la storia della pizza è lunga e incerta. Ogni rappresentante regionale presenterà una pizza con i propri prodotti tipici e tradizionali del territorio. Per la Puglia ho pensato di proporre una pizza con uno dei salumi tradizionali pugliesi e più apprezzati a livello internazionale: il capocollo di Martina Franca. Pe