Passa ai contenuti principali

Risotto alla zucca con pancetta affumicata

Ciao a tutti miei cari,

la zucca...stava in bella mostra nell'alzatina in cucina, la guardavo...eh domani ti cucino, e poi domani ti cucino e poi via così...! insomma ogni giorno trovavo sempre qualche altro piatto da preparare prima, tanto la zucca poteva aspettare anche perchè  non mi faceva impazzire come gusto, il dolciastro non mi attirava tanto! Primaaaaaaaa!!!

E dopo un bel po di giorni...arrivò il momento...sempre soda e in ottima forma...dai forza che ti cucino mia bella zucchetta!!!
La zucca me la portò un giorno Mariarita...e immagino cosa pensavi ogni volta che venivi a trovarmi e vedevi  la zucca ancora lì...eh Mariarita?
Beh l'ho fatta mia cara...e che cavolo ...a non farlo prima questo risotto alla zucca, mi sono ricreduta alla grande, ne è venuto fuori un piatto davvero gustoso, certo ho aggiunto della pancetta per attenuare quel sapore dolciastro, ma si sentiva eccome il sapore della zucchetta! Bis di risotto per me e il maritino!!!
Grazie Maryyyyyy!



















Ingredienti:

400 di riso giallo per risotti
700 g. di zucca
150 g. di pancetta  (io affumicata)
brodo vegetale
1 cipolla
olio evo q.b.
50 g. di burro
sale
pepe
prezzemolo tritato
formaggio grana grattugiato

Procedimento:

Preparare come vostro solito un brodo vegetale.
Pulire la zucca e tagliare a dadini.
Tagliare a dadini anche la pancetta
In un tegame soffriggere la cipolla tritata con burro e olio evo, aggiungere la dadolata di pancetta, far insaporire, unire poi la zucca a dadi e far appassire un po .
Unire  il riso, far tostare e continuare la cottura aggiungendo man mano il brodo vegetale.
Quando è cotto ben al dente, mantecare con un po di burro ancora, grana grattugiato e prezzemolo fresco tritato e una spolverata di pepe.




Commenti

  1. Che colori stupendi questo risotto!!
    Mi hai fatto venire un languorino!!
    Bravissima!!
    Un bacione e a presto
    Carmen

    RispondiElimina
  2. adoro la zucca e la tua idea mi stuzzica un sacco!

    RispondiElimina
  3. Troppe sortite a Mantova??? Certo che questo è un piatto internazionale!!! Ultimamente anch'io vado spesso di risotto...

    RispondiElimina
  4. Mamma miaaaa!! Io lo adoro! La zucca e' magica, rende tutto buonissimo!!!!
    Beato maritino! <3
    :)
    Un sorriso,
    A.

    In corso sul mio blog il GIVEAWAY : 2 RIGHE D'AMORE

    RispondiElimina
  5. Solo a guardarlo questo risotto fa venire un'acquolina!!! Bravissima!

    RispondiElimina
  6. Anche io non gradivo molto il sapore della zucca, ma sicuramente se abbinata ad un ingrediente che smorzi il suo gusto dolciastro, come nel tu caso,è buonissima. Ha un aspetto meraviglioso il tuo risotto. Complimenti.

    RispondiElimina
  7. Anche io ho fatto il risotto alla zucca:) buonissimo il tuo, facciamo uno scambio?!
    Bacioni

    RispondiElimina
  8. Che meraviglia adoro la zucca in tutti i modi ma questo risotto sembra ... da svenimento !!!!!un abbraccio Sisters

    RispondiElimina
  9. Milena adoro la zucca e presentata così deve essere sublime!!! Complimenti per questo risotto favoloso!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Meraviglioso! Io adoro la zucca e mi sa che te lo copierò!
    Baci
    Elli

    RispondiElimina
  11. Hai fatto proprio bene a fare il risotto, a me la zucca piace in ogni preparazione ma devo dire che il risotto è la morte sua. E in genere anche io aggiungo un sapore un po' più intenso per stemperare, magari pancetta, o salsiccia oppure un formaggio deciso. Brava

    RispondiElimina
  12. Allora ti sei ricreduta? Io adoro la zucca e ne mangio tanta sia nella pasta che nel riso o nelle torte salate. Questo riso ha dei colori bellissimi ed è molto invitante.
    Complimenti :)

    RispondiElimina
  13. ottimo questo risotto !!! come sempre sei grandeee!!!!un abbraccio,Peppe.

    RispondiElimina
  14. Buono buono questo risotto...felice we!!!

    RispondiElimina
  15. Un risottino delizioso,non ho dubbi.
    Un abbraccio e buon fine settimana.

    RispondiElimina
  16. anche da me la zucca non viene apprezzata per il gusto dolciastro..soprattutto da mio figlio e mio marito...io l'adoro..prenderò spunto ! complimenti!

    RispondiElimina
  17. favolosamente delizioso questo risotto!
    bacioni
    Alice

    RispondiElimina
  18. Insomma alla fine la zucca ha aspettato .....
    ma tu le hai dato davvero gusto e onore a tavola
    Meraviglioso il tuo risotto!!!!!
    Un bacione mia cara Pugliese
    Buona Domenica

    RispondiElimina
  19. Deve essere delizioso questo risotto....adoro la zucca e abbinata alla pancetta affumicata, credo che sia buonissima! ;)

    RispondiElimina
  20. Un risotto perfecto de calabaza luce fabuloso,abrazos y abrazos.

    RispondiElimina
  21. invece a me piace tanto la zucca, ma questo piatto è una delizia solo a guardarlo, figuriamoci a mangiarlo!
    troppo buono:-) baci

    RispondiElimina
  22. Adoro il riso in ogni sua versione, con la zucca e quella pancetta affumica deve essere delizioso!
    Assolutamente da provare.
    Elisa

    RispondiElimina
  23. Questo risotto deve essere buonissimo! E le foto sono così accattivanti che a guardarle viene voglia di mangiarlo immediatamente!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  24. Io impazzisco per i risotti, per non parlare della zucca poi...quella la adoro letteralmente!!! mi segno la versione con pancetta....davvero grandiosa!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

Fegato all'arancia

Fegato all'arancia Il fegato all'arancia è una preparazione semplice e veloce per portare a tavola un secondo gustoso e saporito. E' questo il mio contributo per la rubrica mensile dell'I talia nel piatto , questo appuntamento è dedicato alle ricette con gli ingredienti meno nobili: scarti di verdura di stagione, pane raffermo, ossa, cotiche, orecchie e zampetti di maiale, ecc..  Un abbinamento insolito per un piatto tipico regionale ma sfogliando il solito libro di Luigi Sada "La cucina pugliese" sono rimasta sorpresa dal titolo di questa ricetta in dialetto salentino " Fegatu de maiale cu lu portacalli " (portacallu - dal nome del Portogallo, da cui proviene l'albero) ovvero "Fegato di maiale con l'arancia! Il fegato lo mangio e lo adoro soprattutto se si tratta dei famosi "gnumarelli" tipici pugliesi, non sono altro che involtini di interiora  (fegato, polmone e rognone) stretti all'interno del budello dell'agnello,

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez