Passa ai contenuti principali

RUBRICA REGIONALE PUGLIESE: U' Baccalà fritte

Buongiorno carissimi e ben ritrovati a questo appuntamento della Rubrica Regionale che questa settimana sarà davvero speciale!!!
Siamo ormai prossimi al Natale e Babi e Renata, le nostre mitiche  guide  di questa avventura hanno pensato bene di dedicare questa puntata ai pranzi e cene delle prossime feste che in ciascuna regione si preparerà con i propri piatti tipici !
E allora andiamo subito a gustare tutte le prelibatezze che abbiamo preparato per festeggiare insieme e in allegria!!!
Il tema di questa settimana è:   IDEE SALATE PER LE FESTE




CALABRIA:   Carciofi ripieni di Rosa ed Io (http://rosaantonino.blogspot.it/ )
CAMPANIA:  Purpetielli affugati  di Le Ricette di Tina (http://blog.giallozafferano.it/ricetteditina/ )
SICILIA: Timballo di riso di Cucina che ti Passa (http://www.cucinachetipassa.info/)
TOSCANA: Torta di patate e porri di Non Solo Piccante (http://www.nonsolopiccante.it/)
LOMBARDIA:  Tortelli di zucca mantovani di L’Angolo Cottura di Babi (www.langolocottura.it)
VENETO: Gamberi e cappesante gratinate per la Vigilia di Semplicemente Buono (www.semplicebuono.blogspot.com/)
FRIULI VENEZIA GIULIA: Gnocheti di gries di Nuvole di Farina (http://nuvoledifarina.blogspot.com/)
PIEMONTE: Panata di Natale  di La Casa  di  Artù (http://lacasadi-artu.blogspot.com/)
EMILIA ROMAGNA: Lumache in umido alla bobbiese di Zibaldone Culinario (http://zibaldoneculinario.blogspot.com/)
TRENTINO ALTO ADIGE: Grostoi isalati più gusti di A Fiamma Dolce  (http://afiammadolce.blogspot.it/)
PUGLIA: U’ Baccalà fritte di Breakfast da Donaflor (http://breakfastdadonaflor.blogspot.it/)
LAZIO:  Baccalà alla trasteverina di Chez Entity (http://elly-chezentity.blogspot.it/)
LIGURIA:  maccaroin de Natale e insalatta cada de mà  di Un’arbanella di Basilico  http://arbanelladibasilico.blogspot.it/
UMBRIA: Cappelletti in brodo di Cappone di 2 Amiche in Cucina (http://amichecucina.blogspot.it/)   
MARCHE:Parmigiana di cardi di La Creatività e i suoi Colori (http://lacreativitaeisuoicolori.blogspot.it)
ABRUZZO: Timballo di scrippelle  di In Cucina da Eva (http://blog.giallozafferano.it/incucinadaeva/ )
VALLE D’AOSTA: L'Antipasto e la Soca di  L’Appetito Vien Mangiando (http://cinzia-lappetitovienmangiando.blogspot.it/)
SARDEGNA: Torta salata patate carne e piselli sa panada di Vickyart  Arte in Cucina (http://blog.giallozafferano.it/vickyart/)
BASILICATA: Tarallo dell'Immacolata "u' fcjlatjdd"di Pasticciando con Magica Nanà (http://blog.giallozafferano.it/sognandoincucina/)
MOLISE:Brodo all’Agnonese di Mamma Loredana (http://lacucinadimamma-loredana.blogspot.it)




E nella mia cucina:                        


U' Baccalà fritte
Il Baccalà fritto



Il baccalà ...e come si fa a non adorarlo....troppo buono e sulla mia tavola della vigilia di Natale per tradizione non manca mai, lo serviamo fritto come bocconcini insieme agli antipasti oppure per accompagnare i secondi sempre a base di pesce!
E quando si comincia a friggere...beh...e come si fa a resistere ad un piccolo assaggio eh Mariarita??? Eh già, perchè con lei trascorriamo allegramente sempre tutte le vigilie di Natale e si fa a gara a chi deve friggere!
Lo preparo fritto semplicemente impanato con farina...e niente più...e tutto il sapore si sprigiona ad ogni bocconcino!!!

Un'altra versione è il baccalà in umido con le cipolle sponzali e le olive che posterò prossimamente, un'altro piatto della tradizione...gustosissimo anche questo!











Ingredienti:

baccalà sotto sale 
farina
olio evo o di semi di arachidi

Procedimento:

Preferisco comprare sempre il baccalà salato, che metto in ammollo in una coppa con acqua fredda per tre giorni e cambiando l'acqua almeno due volte al giorno per dissalarlo. Ovviamente potete evitare questa operazione comprando il baccalà già ammollato.
Alla fine lo lavo per l'ultima volta, a volte lo spello a volte no...sapete con la pelle è più saporito!!!  lo taglio in piccoli pezzi, proprio dei bocconcini, lo metto a scolare bene, lo asciugo con carta da cucina,  poi verso in una busta per alimenti la farina, inserisco i bocconcini di baccalà nella busta, chiudo la busta e tenendola fra le mani scuoto per far infarinare bene i pezzetti di baccalà!
Nel frattempo ho messo in una padella abbondante olio evo o di semi di arachidi (come preferite) a scaldare per friggere il baccalà!

Commenti

  1. Hai ragione...come si fa a non apprezzarlo!!
    In casa nostra non c'è Vigilia senza baccalà fritto!
    Buona settimana e complimenti! :)

    RispondiElimina
  2. questo non manca nemmeno da noi!!! a Napoli intendo! solo farina è il piatto che mangio la vigilia, il resto può anche non esserci :D buonissimo! ciao cara!

    RispondiElimina
  3. Ciao carissima, noi invece con il baccalà salato ovviamente prepariamo il baccalà alla vicentina per la sera della vigilia!!
    Con qualche pezzettino proveremo a friggerlo come ci consigli tu!!
    Un abbraccio forte!
    Elisa e Laura

    RispondiElimina
  4. Anche da noi si usa prepararlo così..solo impanato nella farina e fritto..mamma che bontà!Ciao un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Tesoro proprio grazie a questa rubrica ho iniziato a mangiare e ad apprezzare il baccalà quindi questa tua ricetta adesso me la posso mangiare con gli occhi!
    Quasi quasi compro il baccalà e la faccio pure io, mi hai dato una bellissima idea golosa!
    grazie mille e complimenti!!!!
    bacioni

    RispondiElimina
  6. Questa è per me LA ricetta natalizia!Non è Natale in casa mia se non c'è il baccalà fritto (mio padre mi lincerebbe;DDDDD) il tuo è preparato ad arte e....con una doratura da 10 e lode!!!!Grandiosa!!!!!!Un grande abbraccio!!!!!

    RispondiElimina
  7. Adoro la vostra tradizione di preparare la cena della vigilia a base di pesce, purtroppo al nord, e soprattutto in Piemonte non abbiamo questa bella maniera di festeggiare. Vorrà dire che un anno scenderò da te per godermi questo baccalà fritto!

    RispondiElimina
  8. È proprio arrivato il Natale adesso :) Buona giornata!

    RispondiElimina
  9. Non ho mai mangiato il baccalà fritto!!!pero ' mi sembra una ricettina molto sfiziosa:)
    Baci

    RispondiElimina
  10. Il baccalà fritto mi ricorda sempre il natale e le fritture che si fanno di porzioni generose di baccalà delizioso come il tuo!!Baci,Imma

    RispondiElimina
  11. Come tirarsi indietro davanti a questa bontà?! Anche da noi lo si prepara spesso e finisce sempre in un attimo. Buonissimo.

    RispondiElimina
  12. qui va tantissimo e la tua versione mi ispira troppo!! uno sfizio originale!

    RispondiElimina
  13. anche a casa mia la vigilia il baccalà non manca mai, un bacio

    RispondiElimina
  14. e come si dice da me ajecchece! non so se si scrive così...ma eccoci...anche da noi si usa fare il baccalà alla vigilia sia come lo fate voi che al sugo con olive nere e patate, peccato che non ho avuto il tempo di prepararlo, ma l'adoro! complimenti

    RispondiElimina
  15. Il baccalà non rientra nelle nostre tradizioni delle feste e vedendo le tue meravigliose foto mi dispiace ancora di più!!! La versione fritta la adoro, soprattutto quando è perfettamente dorata come la tua, sei sempre bravissima! Un abbraccio forte, Babi

    RispondiElimina
  16. Anche da noi non c'è vigilia senza baccalà e , come si suol dire, la frittura è la morte sua!!

    Sono curiosa di vedere la versione in umido che sicuramente sarà altrettanto gustosa!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  17. il baccalà è un must per la viglia, voglio provarlo anche in questa maniera così ti sentirò vicina la sera del cenone. Un bacione grande e un abbraccio fortissimo

    RispondiElimina
  18. Mamma mia che squisitezza, e beh al baccalà fritto non si rinuncia! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  19. Troppe... troppe idee.... mi gira la testa, il baccalà che adoro sarà anche nei miei piatti delle feste!

    RispondiElimina
  20. mi piace come lo infarini...ottima procedura e poi tagliato a bocconcini è ancora più bello! baci

    RispondiElimina
  21. Quanto mi piace!!!
    Bravissima!!
    Un bacione e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
  22. Bravissima Milena!! Ottimo:-) un bacio ed un abbraccio forte forte

    RispondiElimina
  23. Il baccalà rientra nella tradizione marchigiana ed in occasione delle festività natalizie è il piatto d'eccellenza ma cucinato in altra maniera. Grazie per la tua versione

    RispondiElimina
  24. Quanto siamo simili
    anche da noi il baccalà fritto va alla grande
    TROPPO BUONO!!!!!
    Che bello tornare a rileggerti cara Milena
    Scusa il ritardo...Ma davvero ti abbraccio con tanto TANTISSIMO AFFETTO mia bella Pugliese!!!!!!!!!!!!!!
    Un bacio grande che arrivi fino a te e alla tua famiglia
    Buona settimana

    RispondiElimina
  25. Mio marito adora il baccalà fritto. Copio la tua ricetta, così gli rubo un sorriso. Ciao.

    RispondiElimina
  26. Questo piatto non manca mai sulla tavola della vigilia di Natale, l'abbiamo anche fatto per la vigilia dell'Immacolata!
    Baci

    RispondiElimina
  27. E' buonissimo,non può mancare per le feste.
    Un abbraccio a te.

    RispondiElimina
  28. Ciao Dona, che bel piatto anche questo tuo baccalà. Da noi non si usa per la festa, ma è comunque un piatto molto apprezzato. Spero che le cose vadano un po' meglio, ti abbraccio a presto

    RispondiElimina
  29. Sembra buonissimo ed io, da ligure adoro stoccafisso e baccalà...
    Il tuo blog è molto bello e con un nome come il tuo non posso fare a meno di seguirti, cara Dona Flor!
    Baci
    Elli

    RispondiElimina
  30. Sempre presente anche da noi!!!!!!!! Troppo buono!!!!
    Un bacione cara e a presto!!!!

    RispondiElimina
  31. Ma quanto è buon il baccalà... bravissima!!!

    RispondiElimina
  32. Ciao, sai che fritto non l'ho mai mangiato....devo essere buonissimo!!!
    Baci

    RispondiElimina
  33. non sapevo che era una tradizione della puglia per il Natale :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

Fegato all'arancia

Fegato all'arancia Il fegato all'arancia è una preparazione semplice e veloce per portare a tavola un secondo gustoso e saporito. E' questo il mio contributo per la rubrica mensile dell'I talia nel piatto , questo appuntamento è dedicato alle ricette con gli ingredienti meno nobili: scarti di verdura di stagione, pane raffermo, ossa, cotiche, orecchie e zampetti di maiale, ecc..  Un abbinamento insolito per un piatto tipico regionale ma sfogliando il solito libro di Luigi Sada "La cucina pugliese" sono rimasta sorpresa dal titolo di questa ricetta in dialetto salentino " Fegatu de maiale cu lu portacalli " (portacallu - dal nome del Portogallo, da cui proviene l'albero) ovvero "Fegato di maiale con l'arancia! Il fegato lo mangio e lo adoro soprattutto se si tratta dei famosi "gnumarelli" tipici pugliesi, non sono altro che involtini di interiora  (fegato, polmone e rognone) stretti all'interno del budello dell'agnello,

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez