Passa ai contenuti principali

CUCINA REGIONALE PUGLIESE: U Mmìire...fatt in casa!!!

Buon Lunedi a tutti carissimi e come sempre siete i benvenuti nella nostra periodica RUBRICA REGIONALE!!!

Ragazzi...ma sapete che da noi è ancora caldo..??? Quasi estate ancora...ma siamo già in autunno ed è tempo di vendemmia  e le nostre carissime Babi e Renata, che ci guidano in questa avventura hanno pensato bene di dedicare questa puntata all'insegna dell'uva e del vino!!!

E allora andiamo subito a sbirciare nelle regioni della nostra Italia e godiamo delle varie preparazioni a base di uva e vino:



CALABRIA:      La mostarda di Rosa ed Io (http://rosaantonino.blogspot.it/ )
SICILIA: A' Mustata di Cucina che ti Passa (http://www.cucinachetipassa.info/)
TOSCANA: Panello all'uva di Non Solo Piccante (http://www.nonsolopiccante.it/)
LOMBARDIA:   I Suc di L’Angolo Cottura di Babi (http://www.langolocottura.it)
VENETO: Fegato alla veneta con uvetta  di Semplicemente Buono (http://www.semplicebuono.blogspot.com/)
FRIULI VENEZIA GIULIA: Gran Pampel di Nuvole di Farina (http://nuvoledifarina.blogspot.com/)
PIEMONTE:  Cognà (Mostarda d'uva) di La Casa di Artù(http://lacasadi-artu.blogspot.com/)
EMILIA ROMAGNA: Focaccia con l'uva di Zibaldone Culinario (http://zibaldoneculinario.blogspot.com/)
TRENTINO ALTO ADIGE:  Strudel d’uva e marzapane profumato al moscato giallo di A Fiamma Dolce  (http://afiammadolce.blogspot.it/)
PUGLIA: U Mmìire...fatt in casa di Breakfast da Donaflor (http://breakfastdadonaflor.blogspot.it/)
LAZIO: Un pollo di...vino! Con le olive e Frascati di Chez Entity (http://elly-chezentity.blogspot.it/)
LIGURIA:   taggiaen a-o Rossese co-o tocco de carne e poisci  di Un’arbanella di Basilico  http://arbanelladibasilico.blogspot.it/
UMBRIA: Mostaccioli e Mosto Cotto   di 2 Amiche in Cucina (http://amichecucina.blogspot.it/)
MARCHE: Pane col mosto di La Creatività e i suoi Colori (http://lacreativitaeisuoicolori.blogspot.it)
ABRUZZO:   Ciambelline al vino   di In Cucina da Eva (http://blog.giallozafferano.it/incucinadaeva/ )
VALLE D'AOSTA: D’Wiwellata, crema pasticcera con brulé di L’Appetito Vien Mangiando (http://cinzia-lappetitovienmangiando.blogspot.it/)
SARDEGNA: Pane di sapa con impasto lievitato di Vickyart Arte in cucina (http://blog.giallozafferano.it/vickyart/)
BASILICATA: Nodini al vino bianco  di Pasticciando con Magica Nanà (http://blog.giallozafferano.it/sognandoincucina/)
MOLISE:  Uva sotto spirito  di La Cucina di Mamma Loredana (http://lacucinadimamma-loredana.blogspot.it)
E da me....tutti pronti con i calici in su??? E forza su...tutti in allegra compagnia.... Brindiamo...brindiamo...brindiaaaaaamoooo!!!!

U Mmìire...fatt in casa
 Il Vino...fatto in casa

U Mmìire...il vino...da sempre l'ho visto fare in casa, lo faceva mio nonno, poi mio padre ed ora mio marito...e potevo non postarlo? non sia mai!!!
Insomma arriva questo periodo ed è tutto un gran da fare...macina-uva, torchio, damigiane, bottiglie,  tini e tinozze, imbuti, tappi ecc.ecc..... un lavoraccioooo, che però viene tanto ripagato dalla bontà di ogni sorso di questo nettare!!!
Sulla nostra tavola è sempre presente una bottiglia di vino...e siamo sempre felici di regalare qualche bottiglia ad amici e parenti!

Il vino è allegria...il vino è salute...il vino è fantasia...il vino è cantare...il vino è amicizia...il vino è raccontarsi...il vino è sognare e...tanto altro ancora!
Il vino è...un vero piacere!!!
    

















Amo sulla tavola, quando si conversa,
la luce di una bottiglia di intelligente vino.
 Pablo Neruda (1904 – 1973)


Fino a qualche anno fa abbiamo sempre fatto il Nero di Troia, un ottimo vino...che però ci creava non pochi disagi, vista la distanza, per il trasporto delle casse dell'uva.



Il territorio noto come "terre di Federico", ovvero l'ampia area che si estende dal nord barese fino alla provincia di Foggia, riconosce nel Nero di Troia il suo emblema più rappresentativo. Il vitigno, in purezza o in uvaggio, è contemplato nelle doc Castel del Monte, Cacc'e Mmitte di Lucera, Ortanova, Rosso di Cerignola, Rosso Canosa.

Ora invece è il Montepulciano che facciamo, visto che un nostro amico ha piantato proprio questi vitigni nella nostra zona e quindi è più comodo comprare l'uva a due passi da noi.


La sua origine non è pugliese ma in Puglia ha trovato un territorio ottimale. Il Montepulciano è molto presente nella zona di Foggia, nelle doc San Severo, Cacc'e Mmitte di Lucera, Ortanova, Rosso di Cerignola e Rosso Canosa, ma si ritrova anche nelle doc Castel del Monte, Lizzano e, nel Salento, nelle doc Leverano, Copertino e Alezio.

http://www.vinidipuglia.com/

 Ingredienti:

3,5 q.li di uva da vino
( calcolate che da 1 q.le di uva si ricava circa 70 l. di vino)

Procedimento:

Si comincia con il vendemmiare...tagliare l'uva e mettere nelle casse che verranno trasportate a casa, in cantina.
La prima operazione è quella della pigiatura, l'uva viene messa in un attrezzo con manovella e viene quindi pigiata, una volta si faceva con i piedi...ricordate?
Si eliminano poi parecchi raspi e il mosto così ottenuto si versa in un grande tino .

Dopo un giorno comincia "il ribollir del tino" cioè comincia la fermentazione, lo zuchero che si trasforma in alcool. Almeno due volte al giorno bisogna affondare le bucce che sono in superficie, è così che il mosto si colora.
Con un densimetro mio marito misura il livello dello zucchero giornalmente e quando raggiunge 4 tacche è il momento della svinatura, il mosto passa attraverso un tubo dal tino in un altro contenitore.
Nel tino rimangono ancora le vinacce che verranno passate al torchio.
Ora tutto è pronto per passare nelle damigiane o botti dove inizia la fermentazione lenta.
Sul fondo si deposita la feccia che per eliminarla si faranno un paio di travasi fino a quando finalmente il vino sarà imbottigliato e pronto da bere!
Più biologico di così....!

Ps: ovviamente il vino che vedete nelle foto è dall'anno scorso!





















Commenti

  1. Che fortunata che sie a fare queste meraviglie, le foto sono bellissime!!!

    RispondiElimina
  2. MA CHE SPLENDIDO POST
    E QUANTA GIOIA MIA BELLA PUGLIESE
    IL VINO E LA VENDEMMIA METTONO DAVVERO ALLEGRIA!!!!!!!!
    Un ottimo modo per dare il benvenuto ad Ottobre!!!!!!!!!
    Un bacio grande
    Buona settimana!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Che spettacolo questo post Milena!!! Come una volta!!! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. WOW Mile!!!!!!!!!!!!!questo sì che è un post autunnale!!!!!EVVIVA LA VENDEMMIA!!!!qui da noi invece caldo neanche sappiamo cosa è...ieri sera avevo il mio 1 cappottino (blu, molto carino:-))))ma sempre cappotto è!!!uffiiiiiii....vengo da te a vendemmiare????sotto il sole della Puglia e farci un bicchierinooooooo!!!!^_^ Un dolce abbracccio amica mia!!!!!

    RispondiElimina
  5. Autunno con i suoi colori e la vendemmia!! Bravissima Dona:-) post bellissimo, complimenti, un forte abbraccio Cinzia

    RispondiElimina
  6. Un post davvero stupendo Milena!!! Anche se da noi al sud fa ancora caldo questo post richiama tutto l'autunno con i suoi colori ed i suoi profumi!!
    Sei stata bravissima, ah quanto vorrei provare a fare almeno una volta la vendemmia, con te sarebbe anche divertente poi!
    Bacioniii

    RispondiElimina
  7. Complimenti per il bel reportage! questi giorni anche dalle mie parti si sta vendemmiando e dovunque si sente un bel profumo di mosto immagina che lavoro prprio vicino ad una cantina percio' sono già ubriaco di buon mattino "solo di profumo" s'intende!!!comunque io sono un grande fan del nero di troia un grande uvaggio che regala del vino superlativo non disdegno il montepulciano infatti recentemente ho assaggiato un ottimo montepulciano della zona di foggia che veramente meritava!!! il vostro vino avrà una marcia in piu'....perchè conterrà l'amore e la fatica che avete dedicato alla sua produzione. un caro saluto, Peppe.

    RispondiElimina
  8. Fantastico! Il vino fatto in casa proprio come una volta!
    Bellissimo post, bellissime foto, che ci ha fatto davvero appassionare. Possiamo prenotarne una bottiglia del tuo ottimo vino?
    Complimenti e buona settimana.
    Elisa e Laura

    RispondiElimina
  9. ma che brava! non ho mai fatto il vino! sarebbe bello farlo! da me ci sono tanti vitigni ottimi, ma non conosco bene i vini!

    RispondiElimina
  10. Un post veramente interessante, lo farò vedere a mio figlio. Grazie tante e penso che la vostra rubrica regionale sia sempre più ricca!!! Complimenti e buona giornata.

    RispondiElimina
  11. Anche qui si vendemmia e va tanto il prosecco!!! Bellissimo e interessante il tuo post e vorrei alzare anche io un calice di questo buon vinello:)
    Bacioni

    RispondiElimina
  12. ciao, alla grande, qui ci fai preparare il vino, più in tema di così....un bacio e buon lunedì

    RispondiElimina
  13. Wow, che bello!!!! Fate il vostro vino... una meraviglia.
    Ma sì, in alto i calici e brindiamo! E che sarà mai se nella riunione del pomeriggio avrò l'occhio un pochino brillo... :-)

    RispondiElimina
  14. una volta lo facevamo anche noi.. bei temi.. va beh ricordi.. ottimo il Montepulciano! lo conosco bene :D ciao cara bel post!

    RispondiElimina
  15. ma sai che da piccola lo facevano anche i miei nonni...che bei momenti con la vendemmia!

    RispondiElimina
  16. Un buon bicchiere di vino novello lo berrei volentieri ... fammi sapere quando!

    RispondiElimina
  17. Che bello il tuo post, Dona, mi piacerebbe tanto fare una vendemmia e capirmene di uva e di vino, sul serio, un'arte davvero. E sono d'accordo su quello che dici del vino, è qualcosa di particolare e speciale. Un bacione a presto

    RispondiElimina
  18. Ricordo anch'io quando mio padre vendemmiava! Che buono quell'odore di mosto, dolce che mi inebriava! Oggi purtroppo mio padre è anziano e le abitudini sono un pò cambiate! Questo si che è un signore vino, e allora brindiamo! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  19. Che bello vedere ed assistere a questo miracolo della natura, dall'uva si ottiene il vino prezioso, pregiato e sempre presente sulle nostre tavole!
    la soddisfazione di farsi il vino da soli è davvero grande!!! chissà che bontà e che profumo!!!

    RispondiElimina
  20. che bello, che bello, che bello; che buooooooooooooooooono: quando si beve????

    RispondiElimina
  21. che bello il ritulae della vendemmia e della produzione del vino, sei fortunata tu a fare ancora queste cose, di sicuro godrai di un vino genuino. un abbraccio

    RispondiElimina
  22. Che belli quei grappoli, la vendemmia è davvero un lavoro (duro!) ma bellissimo! Dal titolo proprio non riuscivo ad immaginare di cosa si trattasse e mai avrei pensato addirittura alla produzione del vino! Grazie cara, un bellissimo post!

    RispondiElimina
  23. Che post, molto interessante e le foto sono una più bella dell'altra!!!

    RispondiElimina
  24. Bellissimo il tuo post ..come i vostri vini, li conosco sai ...per lavoro assaggio e analizzo i vini, mi è capitato spesso di avere campioni di vino pugliese... il titolo mi aveva incuriosito e non capivo cosa fosse..una sorpresa speciale! grazie!

    RispondiElimina
  25. Ma che meraviglia!!! NOn ho mai avuto il paicere e l'onore di partecipare ad una vendemmia, ne ho un vaghissimo ricordo di quanto ero bambina, ma questo post mi ha fatto venire la voglia di esserci, di partecipare e godere del primo mosto, dell'uva calda e succosa.

    Il Montepulciano è molto famoso anche in Abruzzo, come resistergli?? ;)

    ciao loredana

    RispondiElimina
  26. Bellissime foto, complimenti!Un bel brindisi virtuale è quello che ci vuole.
    Cin,cin!Un abbraccio!

    RispondiElimina
  27. Amo il periodo della vendemmia,quell'odore d'uva mi fa amare di più l'autunno,nonostante l'invasione delle mosche!Hai ragione a definirlo un nettare,farlo poi con le proprie mani,è una soddisfazione ancor più grande!Complimenti a te e alla famiglia!

    RispondiElimina
  28. Ma son proprio belle le foto!!! Non so che obiettivo tu abbia usato, ma mi sembrano luminose e nitide! Bello anche il post, piacevolissimo da legge! simo!

    RispondiElimina
  29. Che meraviglia, deve essere una vera soddisfazione dopo la fatica assaporare il proprio vino ;)

    RispondiElimina
  30. Bellissimo post e bellissima esperienza, complimenti che bella soddisfazione!!!
    Baci

    RispondiElimina
  31. waooooo....quest'anno è andata cosi'....nascondilo bene altrimenti il tuo fratellone e non solo!!!...viene a farsi il rifornimento!!!haahahhaaa!!!bellissimo post...baci

    RispondiElimina
  32. Un bicchiere di vinello? Grazie,accetto con piacere.
    Brava,un abbraccio.

    RispondiElimina
  33. w la genuinità. è una grande soddisfazione farsi il vino proprio, bisogna coltivare le tradizioni di famiglia :-)

    RispondiElimina
  34. Che meraviglia, complimenti, una bella soddisfazione!
    Bellissimo blog, mi aggiungo ai tuoi lettori.
    Ciao

    RispondiElimina
  35. però che bello deve essere partecipare alla vendemmia!!
    wau e farsi il vino!!
    brava!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  36. mi piacerebbe una volta partecipare alla vendemmia deve essere un'esperienza fantastica!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  37. Ma che bellissimo post!!!!! La vendemmia, regalo stupendo dell'autunno!!
    Un bacione enorme!!!!

    RispondiElimina
  38. post allegro e pieno di vita!!!! non ho mai partecipato alla vendemmia ma l'ho sempre vista come un momento di felice convivialità, un momento di riunione per raccogliere i frutti di tanto lavoro ma con tanta allegria!!!!

    RispondiElimina

  39. (alleviamento della povertà) Salve signore/signora Ti è stato rifiutato in banca perché il tuo credito non soddisfa i loro

    standard? Sogni di possedere la tua casa, ma ti è stato negato un mutuo a causa di tassi di interesse elevati o credito

    insufficiente? La tua attività è in crisi? Hai bisogno di soldi per rilanciare la tua attività? lavoro o altro, potrai avere una

    seconda possibilità di credito tra privati, hai saputo della grande campagna di prestiti offerta dal sig. Remis Canales de

    Trans-CIC-Banks? Te ne parlo perché offre prestiti di fino a $ 150.000 a un tasso molto basso del 2,59%, e mi ha persino

    lasciato 4 mesi prima che iniziassi a non rimborsarlo. Prendilo subito in contatto con il signor Remis Canales se hai un buon

    progetto che necessita di finanziamento.dgcanales22@gmail.com +14503005817

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez

Pizza con capocollo di Martina Franca, pomodori secchi e rucola

La puntata di oggi de L'Italia nel piatto è dedicata ad uno dei cibi più amati dagli italiani e anche dagli stranieri:  la pizza ,  un semplice impasto di farina lievito e acqua e che, appiattita e condita anche solo con pomodoro, mozzarella e basilico rende unica e allegra una serata in pizzeria fra amici o a casa in famiglia.  Originaria della cucina napoletana, la pizza ha conquistato i gusti a livello internazionale. La più famosa è la pizza Margherita , che nel 1889 il cuoco, Raffaele Esposito  preparò per onorare la regina d'Italia Margherita di Savoia e che condì con pomodoro, mozzarella e basilico, a rappresentare i colori della bandiera italiana, ma la storia della pizza è lunga e incerta. Ogni rappresentante regionale presenterà una pizza con i propri prodotti tipici e tradizionali del territorio. Per la Puglia ho pensato di proporre una pizza con uno dei salumi tradizionali pugliesi e più apprezzati a livello internazionale: il capocollo di Martina Franca. Pe