Passa ai contenuti principali

Zuppa di Grano e Fagioli



Ieri, abbastanza freddo, il caminetto acceso...una calamita per me...sarei rimasta appiccicata tutto il giorno ! Avanti e dietro dalla cucina a mettere legna da ardere, ed ecco... la zuppa calda è pronta..ci voleva proprio!!!




Ingredienti:


200 g. grano

Per i fagioli:

250 g. di fagioli bianchi
1 spicchio di aglio
1/2 costa di sedano
1 foglia di alloro
un ciuffettino di prezzemolo
olio extravergine q.b.
un po di sale 
un po di pepe

Per il sughetto:

10 pomodorini a ciliegina ( o qualche cucchiaio di salsa)
un po di pancetta affumicata tagliata a dadini
1 cipolla rossa
un po di peperoncino
olio extra vergine di oliva q.b.
un picchino di sale
Procedimento:

Preparate i fagioli lessi con tutti gli odori, ( potete farlo anche il giorno prima, così la zuppa si prepara in 10 minuti il giorno dopo).
Lessate per 10 minuti il grano in acqua salata o brodo.
Prepararte il sughetto: soffriggete nell'olio la cipolla rossa, aggiungete la pancetta affumicata, rosolate un pò, poi mettete i pomodorini, peperoncino e sale (pochissimo) e fate cuocere.
Alla fine versate in un tegame più grande i fagioli, il grano e il sughetto, fate cuocere il tutto giusto qualche minuto per far insaporire e...Buona zuppa!!!


Commenti

  1. Zuppa e caminetto acceso...il massimo del relax, bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giuliana, è vero... il camino ti rilassa tanto!!!
      Ciao un abbraccio

      Elimina
  2. Buona ,ma io l'avrei cucinata nel coccio di creta!!!....un abbraccio ciao..

    RispondiElimina
  3. Eh brava ...Vintage!!! E com'è che non ci avevo pensato???!!!!...un bacio ciao...

    RispondiElimina
  4. L'atmosfera e il piatto sono ideali per scaldarsi in questi giorni di freddo...qui la sera si abbassa incredibilmente la temperatura!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio della visita che ricambio molto volentieri!
      Un abbraccio a presto

      Elimina
  5. Ma che bel camino!! mi piacerebbe sedermi li vicino a gustarmi la tua zuppa di grano e fagioli che mi sembra molto invitante! adoro le zuppe! a presto!! ps: ti seguo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti aspetto...ti lascio un posticino al calduccio del camino!!!
      Ciao

      Elimina
  6. Mmhh che buona e calda dev'essere questa zuppa!
    Ti seguo e se ti va passa a trovarmi!
    A presto

    RispondiElimina
  7. Ti ringrazio per essere passata, e...arrivo! Ricambio volentieri la visita.
    Si, questa zuppa è l'ideale per queste giornate un po freddine!
    Un abbraccio a presto

    RispondiElimina
  8. Un bel piatto caldo e fumante, ideale davvero. Grazie per la visita, mi ha permesso di conoscere te e il tuo bellissimo blog. Divento subito tua sostenitrice.

    RispondiElimina
  9. Con questo freddo che fa qui una buona zuppa ci sta proprio bene:-) bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si...vero Ombretta, d'inverno queste minestre scaldano tanto!
      Bacioni a te!!!
      Ciao e a presto

      Elimina
  10. Arrivo da te per la prima volta e trovo questa splendida zuppa! Mi unisco subito al tuo blog, a presto!

    RispondiElimina
  11. Mai usato il grano nella zuppa, ma mi hai ispirata!!!
    Ciaoooo!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provalo...è ottimo, una variante per non fare la solita pasta!
      A presto e grazie!
      Ciao

      Elimina
  12. Buonoooooooooo!!! ti seguo volentieri anche io!! buona giornata!!

    RispondiElimina
  13. Ciao Agata...grazie!
    Le tue torte sempre spettacolari!
    Un abbraccio a presto

    RispondiElimina
  14. Grano e cannellini...bellissima zuppa!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  15. Ma...caspierina!ecco dove eri finita!!!blogger non mi faceva vedere più nulla del tuo blog dal mio blogroll!t'avevo persa...giammai!!!!!!sei magnifica, non ti posso perdere:-)Anche io adoro le zuppe!!con il grano poi!!!!fantasticaaaa. Che brava!Ecco...non ti mollo più!:-)

    RispondiElimina
  16. Zuppa!!!!!!!! mi ci tufferei nelle zuppe e potrei affogare in questa!!! :)

    RispondiElimina
  17. Grazie di essere passata a trovarmi! Complimenti per questo spazio :)

    RispondiElimina
  18. wao il camino! c'e' posto anche per me? dai, ti aiuto a portar la legna hihihi
    senti ma, primo tuo post che vedo: frittatone, spettacolo!
    ora zuppa di grano e fagioli, ne faccio abbuffate, soprattutto da quando, avvicinandomi (ma poi allontanandomi subito) alla cultura vegana, ho scoperto i legumi. Sono entrati di prepotenza nella mia alimentazione!!
    Ed ancora.. ho intravisto un rotolo di marmellata.. e' il dolce che preparo di piu', ma alla nutella, in quanto il preferito in famiglia!
    Annamo bene! se vai avanti cosi'.. mi vedo "costretta" a commentarti tutti i post!!!
    la peste

    RispondiElimina
  19. Sai che mi piace questa zuppa?
    Grazie per la condivisione ed anche per quello che mi hai scritto.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

Fegato all'arancia

Fegato all'arancia Il fegato all'arancia è una preparazione semplice e veloce per portare a tavola un secondo gustoso e saporito. E' questo il mio contributo per la rubrica mensile dell'I talia nel piatto , questo appuntamento è dedicato alle ricette con gli ingredienti meno nobili: scarti di verdura di stagione, pane raffermo, ossa, cotiche, orecchie e zampetti di maiale, ecc..  Un abbinamento insolito per un piatto tipico regionale ma sfogliando il solito libro di Luigi Sada "La cucina pugliese" sono rimasta sorpresa dal titolo di questa ricetta in dialetto salentino " Fegatu de maiale cu lu portacalli " (portacallu - dal nome del Portogallo, da cui proviene l'albero) ovvero "Fegato di maiale con l'arancia! Il fegato lo mangio e lo adoro soprattutto se si tratta dei famosi "gnumarelli" tipici pugliesi, non sono altro che involtini di interiora  (fegato, polmone e rognone) stretti all'interno del budello dell'agnello,

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez