mercoledì 2 novembre 2016

CUCINA PUGLIESE: La colva


La colva, una sorta di macedonia, è un dolce tradizionale pugliese che si prepara il 2 novembre, giorno della commemorazione dei defunti, un dolce che non avevo mai preparato prima e che non conoscevo.
Il tema di questo mese della rubrica L'Italia nel piatto è: Tradizioni sulla tavola del 2 Novembre.

Da questo mese la nostra rubrica si arricchisce di due rappresentanti, per il Veneto e per il Lazio, Elisa Di Rienzo del blog Il fior di cappero e Silvia Ferrante del blog Tra fornelli e pennelli...benvenute fra noi ragazze!

Ho scoperto questa ricetta attraverso il libro di cucina tradizionale pugliese di Luigi Sada.
Ingredienti principali di questa ricetta sono grano e melograno: il grano simboleggia il nutrimento ed il ciclo di vita e morte, il melograno rinascita e vita.
In Puglia viene chiamata colva, coliba, cicce cuòtte, cuélestrote e con il tempo si è arricchita di vari ingredienti.
E' un'usanza ereditata dai Cristiani di rito greco (grano bollito, benedetto in chiesa e mangiato in quel giorno).

La ricetta è semplicissima, un po' calorica, ma molto gustosa!

un abbraccio Milena













Ingredienti:

500 g. di grano tenero (io metà dose)
1 melagrana matura
150 g. di noci sgusciate e tritate
150 g. di scaglie di cioccolato amaro
100 g. di cedro candito (io non aggiunto)
cannella
vincotto

a piacere
cacao
chicchi di uva snocciolati
cacao amaro

Procedimento:

Bollire il grano, precedentemente lavato, per circa 15-20 minuti o fino a cottura, scolare e far raffreddare. Poi mettere in una coppa ed aggiungere tutti gli altri ingredienti e prima di servire nelle coppette condire con il vincotto a piacere di ciascun commensale.



Andiamo ora a scoprire le usanze delle altre regioni nel giorno della commemorazione dei defunti:




Lombardia: I Mein di Morti - http://www.kucinadikiara.it/2016/11...
Veneto: il pan dei morti - http://www.ilfiordicappero.com/2016...
Emilia Romagna: Ossi dei morti di Parma - http://zibaldoneculinario.blogspot.com/...
Liguria: stoccafisso con patate e fagiolane http://arbanelladibasilico.blogspot.com/...
Toscana: Ciaccino (o schiaccia) de’ Santi - http://acquacottaf.blogspot.com/201...
Campania: Pappardelle ai funghi porcini e zucca http://www.isaporidelmediterraneo.it/...
Calabria: Il grano dei morti - http://ilmondodirina.blogspot.com/2...





7 commenti:

  1. Nonostante il mio mezzosangue pugliese non la conoscevo proprio questa preparazione!
    Grazie per il benvenuto e per questa scoperta!
    ciao
    elisa

    RispondiElimina
  2. Ciao Milena, ero curiosissima di sapere cosa fosse la colva. Ottimo modo di chiudere un pasto o fare merenda. Un bacione

    RispondiElimina
  3. Deve essere deliziosa questa colva, mi sa che la proverò :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  4. Non lo conoscevo ma sembra spaziale! !!lo provo!

    RispondiElimina
  5. In primis grazie per il benvenuto infine devo dire che questa ricetta é fantastica ci farei volentieri colazione.
    Un abbraccio,
    Silvia.

    RispondiElimina
  6. davvero ricco di simbologia questo piatto, melagrana, grano, uva... un vero piatto della tradizione!
    Anch'io per questa uscita ho studiato e provato una ricetta nuova, ma assaggiata... ma quanto impariamo con questa rubrica! un bacione!

    RispondiElimina
  7. Abbiamo presentato la stessa ricetta, con le varianti della tua regione. Che poi pensandoci bene è un piatto che accomuna tre regioni, Calabria, Lucania e Puglia,che hanno radici storiche comuni. Un abbraccio e buona serata.

    RispondiElimina