Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: La colva


La colva, una sorta di macedonia, è un dolce tradizionale pugliese che si prepara il 2 novembre, giorno della commemorazione dei defunti, un dolce che non avevo mai preparato prima e che non conoscevo.
Il tema di questo mese della rubrica L'Italia nel piatto è: Tradizioni sulla tavola del 2 Novembre.

Da questo mese la nostra rubrica si arricchisce di due rappresentanti, per il Veneto e per il Lazio, Elisa Di Rienzo del blog Il fior di cappero e Silvia Ferrante del blog Tra fornelli e pennelli...benvenute fra noi ragazze!

Ho scoperto questa ricetta attraverso il libro di cucina tradizionale pugliese di Luigi Sada.
Ingredienti principali di questa ricetta sono grano e melograno: il grano simboleggia il nutrimento ed il ciclo di vita e morte, il melograno rinascita e vita.
In Puglia viene chiamata colva, coliba, cicce cuòtte, cuélestrote e con il tempo si è arricchita di vari ingredienti.
E' un'usanza ereditata dai Cristiani di rito greco (grano bollito, benedetto in chiesa e mangiato in quel giorno).

La ricetta è semplicissima, un po' calorica, ma molto gustosa!

un abbraccio Milena













Ingredienti:

500 g. di grano tenero (io metà dose)
1 melagrana matura
150 g. di noci sgusciate e tritate
150 g. di scaglie di cioccolato amaro
100 g. di cedro candito (io non aggiunto)
cannella
vincotto

a piacere
cacao
chicchi di uva snocciolati
cacao amaro

Procedimento:

Bollire il grano, precedentemente lavato, per circa 15-20 minuti o fino a cottura, scolare e far raffreddare. Poi mettere in una coppa ed aggiungere tutti gli altri ingredienti e prima di servire nelle coppette condire con il vincotto a piacere di ciascun commensale.



Andiamo ora a scoprire le usanze delle altre regioni nel giorno della commemorazione dei defunti:




Lombardia: I Mein di Morti - http://www.kucinadikiara.it/2016/11...
Veneto: il pan dei morti - http://www.ilfiordicappero.com/2016...
Emilia Romagna: Ossi dei morti di Parma - http://zibaldoneculinario.blogspot.com/...
Liguria: stoccafisso con patate e fagiolane http://arbanelladibasilico.blogspot.com/...
Toscana: Ciaccino (o schiaccia) de’ Santi - http://acquacottaf.blogspot.com/201...
Campania: Pappardelle ai funghi porcini e zucca http://www.isaporidelmediterraneo.it/...
Calabria: Il grano dei morti - http://ilmondodirina.blogspot.com/2...





Commenti

  1. Nonostante il mio mezzosangue pugliese non la conoscevo proprio questa preparazione!
    Grazie per il benvenuto e per questa scoperta!
    ciao
    elisa

    RispondiElimina
  2. Ciao Milena, ero curiosissima di sapere cosa fosse la colva. Ottimo modo di chiudere un pasto o fare merenda. Un bacione

    RispondiElimina
  3. Deve essere deliziosa questa colva, mi sa che la proverò :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  4. Non lo conoscevo ma sembra spaziale! !!lo provo!

    RispondiElimina
  5. In primis grazie per il benvenuto infine devo dire che questa ricetta é fantastica ci farei volentieri colazione.
    Un abbraccio,
    Silvia.

    RispondiElimina
  6. davvero ricco di simbologia questo piatto, melagrana, grano, uva... un vero piatto della tradizione!
    Anch'io per questa uscita ho studiato e provato una ricetta nuova, ma assaggiata... ma quanto impariamo con questa rubrica! un bacione!

    RispondiElimina
  7. Abbiamo presentato la stessa ricetta, con le varianti della tua regione. Che poi pensandoci bene è un piatto che accomuna tre regioni, Calabria, Lucania e Puglia,che hanno radici storiche comuni. Un abbraccio e buona serata.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez

Pizza con capocollo di Martina Franca, pomodori secchi e rucola

La puntata di oggi de L'Italia nel piatto è dedicata ad uno dei cibi più amati dagli italiani e anche dagli stranieri:  la pizza ,  un semplice impasto di farina lievito e acqua e che, appiattita e condita anche solo con pomodoro, mozzarella e basilico rende unica e allegra una serata in pizzeria fra amici o a casa in famiglia.  Originaria della cucina napoletana, la pizza ha conquistato i gusti a livello internazionale. La più famosa è la pizza Margherita , che nel 1889 il cuoco, Raffaele Esposito  preparò per onorare la regina d'Italia Margherita di Savoia e che condì con pomodoro, mozzarella e basilico, a rappresentare i colori della bandiera italiana, ma la storia della pizza è lunga e incerta. Ogni rappresentante regionale presenterà una pizza con i propri prodotti tipici e tradizionali del territorio. Per la Puglia ho pensato di proporre una pizza con uno dei salumi tradizionali pugliesi e più apprezzati a livello internazionale: il capocollo di Martina Franca. Pe