Passa ai contenuti principali

Polpo alla Pignata

Polpo alla Pignata

La Puglia, quasi interamente circondata dal mare, ha una gastronomia ricca di piatti tipici a base di pesce..

Il pesce è così versatile e tanti sono i modi per prepararlo: arrosto, fritto, in umido, ad insalata, gratinato, lesso, al vapore, impanato, marinato, al forno, alla griglia, in brodo, con il pomodoro, con le patate, con le verdure! 

I sapori e i profumi del mare mettono sempre buon umore a tavola e bastano anche pochissimi ingredienti per preparare un ottimo piatto e soddisfare anche i palati più esigenti!

Il mio contributo per il tema de L'Italia nel piatto “ Pesce, molluschi e crostacei di mare e d'acqua dolce”  è il Polpo alla pignata.


"Sua maestà il polpo" è una vera istituzione sulla tavola barese, soprattutto quelli piccoli appena pescati ed arricciati ad opera d'arte fino a farli diventare croccanti sono dei bocconcini da gustare rigorosamente crudi!

I polpi di scoglio (pulpe de pète o polpo di pietra) sono quelli più pregiati e si riconoscono dalle due file di ventose sui tentacoli.


Polpo alla Pignata o Purpu alla pignata (in dialetto salentino)

E' una specialità salentina, una ricetta semplice e con pochi ingredienti ma dal gusto davvero speciale.
La cottura del polpo avviene nel classico tegame di terracotta, la pignata, che da il nome alla ricetta, il polpo cuoce nella sua stessa acqua emanando tutto il suo sapore di mare.
E' importante che la cottura avvenga a fuoco moderato affichè il polpo risulti teneri e facile da masticare.

 





Ingredienti

700 g. di polpi (2 polpi)

200 g. di pomodori cilegini

1 cipolla

1 spicchio di aglio

q.b. olio evo

q.b. pepe in grani

q.b. prezzemolo

pochissimo sale

Procedimento

Pulire i polpi eliminando occhi, bocca ed interiora, facendo attenzione a non rompere la sacca del nero che altrimenti spruzzerebbe ovunque, lavarli velocemente in acqua e sale, tagliare a pezzi e mettere a scolare.

Nella pignata (o altro tegame) mettere un fondo di olio evo, la cipolla affettata, spicchio di aglio e  i polpi, far rosolare leggermente, aggiungere poi i pomodorini a pezzi, pepe in grani e prezzemolo, pochissimo sale (il polpo è già saporito) coprire e far cuocere senza aggiungere acqua a fuoco moderato per circa un'ora e senza sbalzi di temperatura. I polpi cuoceranno nella loro stessa acqua e saranno teneri da masticare e non gommosi.

Servire a tavola con dell'ottimo pane casareccio. 

Scopriamo insieme le ricette tipiche a base di pesce delle altre rappresentati regionali:

Friuli-Venezia Giulia: Sarde fritte ripiene
http://www.lagallinavintage.it/2022/06/sarde-fritte-ripiene.html
Toscana: Risotto nero con le seppie alla fiorentina https://acquacottaf.blogspot.com/2022/06/risotto-nero-con-le-seppie-alla.html


Commenti

  1. Che dire! Va provata e basta. Adoro quel sughetto in cui poter pucciare il pane😋😋

    RispondiElimina
  2. Cotto in quel modo sarà sicuramente tenerissimo, ricco di sapore e super profumato! Mette l'acquolina solo a vederlo...

    RispondiElimina
  3. qui si leggono ricette di pesce e molluschi eccezionali, proprio come questa, mi sembra di coglierne il profumo fino a qui! un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Wuauuuuuu e che foto... il profumo arriva fin qui! A presto LA

    RispondiElimina
  5. Una ricetta davvero strepitosa! Anche la presentazione è uno spettacolo per gli occhi!

    RispondiElimina
  6. Foto e piatto sono spettacolari Milena, complimenti!
    Baci,
    Mary

    RispondiElimina
  7. Sono invidiosa delle tue foto. Magari sapessi farle io così! Che dire della ricetta, si presenta da sola.. è stupenda.

    RispondiElimina
  8. che piatto invitante! La descrizione che hai fatto del piatto e la foto mettono un grande appetito!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Merluzzo in brodetto

Ciao a tutte carissime amiche...! Stamattina qui ...diluvio e temporali...beh....mi sa che la primavera ce la scorderemo...arriveremo all'improvviso in piena estate....siiiiii!!!  e questo cimurro e tosse che mi perseguita ancora, anche se oggi va meglio!!! vabbè resisteremo! Oggi sono contenta perchè ho dato un piccolissimo contributo per una grandissima causa...finalmente mi è arrivato il bellissimo libro di ricette...I-Kitchen, che avevo prenotato qui , scritto da tanti di voi blogger...e a cura della grande Patrizia Bosso, che con tanto amore....pazienza e solidarità ha dedicato ai bimbi e ai ragazzi della Gulliver di Rocchetta Vara, una casa famiglia distrutta da questa tragedia! Ricordate? ...Il 25 ottobre 2011 una pioggia violenta e interminabile flagella l'estremo Levante della Riviera Ligure.Una valanga di acqua e fango si abbatte anche sulla valle di Vara, travolgendo tutto, portando via con sè vite umane, distruggendo abitazioni, inghiottendo oggetti, ricordi, si

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci