Passa ai contenuti principali

Polenta alla barese

La polenta alla barese

Anche in Puglia e direi al sud in generale, abbiamo ricette a base di farina di mais!

Se non fosse per questa rubrica regionale che mi stimola ad informarmi sui vari piatti tipici del territorio, sarei rimasta alle sole "Sgagliozze", tipico street food barese, altro non sono che dei quadrotti di polenta fritta e abbondantemente cosparsi di sale.. Le "signore delle sgagliozze", così le chiamano le venditrici appunto di sgagliozze che nelle viuzze di Bari vecchia offrono ai passanti la polenta fritta nei cartocci tutti unti!! 
La polenta fritta è tipica in diverse regioni centro-meridionali, la troviamo anche in Umbria, Lazio, Campania, Sicilia.

Spulciando invece il solito libro di cucina pugliese di Luigi Sada dal quale prendo spesso spunti per i piatti tipici pugliesi, mi imbatto nella "Polenta alla barese".

E' questa la mia proposta per il tema mensile "Polenta e farina di mais nella cucina tradizionale" de L'Italia nel piatto, un piatto davvero semplice e facile, il condimento di cipolla e mollica di pane soffritti hanno regalato un sapore davvero gustoso. .alla polenta..



L'ideale per la cottura della polenta è la classica pentola di rame, il paiolo, dai bordi alti e con il manico ad arco per poter essere appeso nel caminetto, ma, in mancanza del paiolo, va benissimo una pentola di acciaio dai bordi alti e dal fondo spesso.
La pazienza è il segreto per ottenere un'ottima polenta che va rimestata continuamente con un mestolo di legno per circa un'ora, per non creare grumi. Quando si staccherà dalle pareti la polenta sarà pronta.

E' un piatto tipico della cucina contadina, un tempo era il sostituto del pane, il mais costava poco e quindi la polenta riusciva a saziare la pancia di tante famiglie.

Con il tempo la polenta è stata rivalutata, la troviamo oggi infatti abbinata a pietanze di carne o di pesce, viene insaporita inoltre da formaggi, salumi, sughi vari, verdure o funghi, rendendo così un piatto da portata unica.

La farina di mais la troviamo nella versione bramata, cioè farina a grana grossa, che assorbe più acqua, oppure a grana più fine, il fioretto o fumetto, oltre alla farina di mais bianco, diffusa soprattutto in veneto e Friuli-Venezia Giulia, e ancora si può abbinare la farina di mais con quella di grano saraceno per ottenere la polenta taragna o con quella integrale.






Ingredienti

125 g. di farina di mais per polenta Bramata gialla

1/2 l. di acqua

1 cipolla media

tozzetti di mollica di pane di Altamura

olio evo


Procedimento

  • In un tegamino con l'olio evo far rosolare la cipolla affettata, ugualmente far rosolare i tozzetti di mollica di pane in un altro tegamino e tenere da parte
  • Portare una pentola di acciaio dal fondo spesso con l'acqua sul fuoco, quando sta per raggiungere l'ebollizione salare e versare a pioggia la farina di mais, mescolare con un mestolo di legno, quando riprende il bollore diminuire la fiamma e far cuocere per almeno 40 minuti sempre mescolando di continuo.                                                              
  • 10 minuti prima di fine cottura aggiungere il condimento della cipolla e della mollica soffritti, lasciandone magari un po' da parte da aggiungere sulla polenta una volta impiattata.
  • Ottima calda appena preparata.


Ed ora non perdetevi le ricette a base di farina di mais delle altre rappresentanti regionali:

Veneto: La Putana, dolce di polenta vicentino https://www.ilfiordicappero.com/2021/01/la-putana-dolce-di-polenta
Toscana: Gnocchi di polenta toscani o matuffi, ‘batufoli’, pallette e altro ancora https://acquacottaf.blogspot.com/2021/01/gnocchi-di-polenta-toscani-o-matuffi.html
Basilicata: Il migliaccio dolce lucano: U m gliazz https://www.quellalucinanellacucina.it/il-migliaccio-dolce-lucano/
Sicilia: Gli Scaghiozzi alla Messinese https://www.profumodisicilia.net/2021/01/02/scaghiozzi/




  



Commenti

  1. e chi lo avrebbe detto che a Bari si mangiasse la polenta condita con cipolle e pane... grazie per la tua ricerca, una gran bella ricetta! Buon anno!

    RispondiElimina
  2. Ciao Milena, ottima nella sua semplicità la polenta barese :) Buon anno !

    RispondiElimina
  3. Complimenti per la pazienza, ammetto, io da anni uso solo la polenta precotta che sicuramente non è la stessa cosa, in effetti quest'ultima perde parecchio in sapore rispetto a quella di partenza. Bella proposta questa con quelle cipolle e il pane a bruschetta. Bacioni.

    RispondiElimina
  4. Non conoscevo affatto questo vostro piatto, e devo dire che mi piace molto l'accostamento dei sapori tra cipolla e polenta!
    Da provare sicuramente, grazie!
    Un saluto e buon anno nuovo!
    Sabrina

    RispondiElimina
  5. La cucina pugliese ed in particolare quella barese pensavo di conoscerla un po' ma questa deliziosa ricetta proprio non la conoscevo. Che dire va provata come tutte le altre deliziose ricette regionali proposte nella rubrica. Grazie per questa chicca!

    RispondiElimina
  6. Che bella ricetta! Non la conoscevo.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Particolare questo condimento! Buon anno

    RispondiElimina
  8. Che bella proposta Milena, davvero insolito il condimento! Da provare!
    Baci e buon anno,
    Mary

    RispondiElimina
  9. ecco un altro modo gustoso per mangiare la polenta, semplice e saporito! Penso che pian piano le proverò proprio tutte queste buonissime ricette! Un abbraccio e tanti cari auguri di buon anno!

    RispondiElimina
  10. Saremo noi i polentoni... ma sto vedendo delle preparazioni con la polenta veramente golose!
    Ciao
    Elisa

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Merluzzo in brodetto

Ciao a tutte carissime amiche...! Stamattina qui ...diluvio e temporali...beh....mi sa che la primavera ce la scorderemo...arriveremo all'improvviso in piena estate....siiiiii!!!  e questo cimurro e tosse che mi perseguita ancora, anche se oggi va meglio!!! vabbè resisteremo! Oggi sono contenta perchè ho dato un piccolissimo contributo per una grandissima causa...finalmente mi è arrivato il bellissimo libro di ricette...I-Kitchen, che avevo prenotato qui , scritto da tanti di voi blogger...e a cura della grande Patrizia Bosso, che con tanto amore....pazienza e solidarità ha dedicato ai bimbi e ai ragazzi della Gulliver di Rocchetta Vara, una casa famiglia distrutta da questa tragedia! Ricordate? ...Il 25 ottobre 2011 una pioggia violenta e interminabile flagella l'estremo Levante della Riviera Ligure.Una valanga di acqua e fango si abbatte anche sulla valle di Vara, travolgendo tutto, portando via con sè vite umane, distruggendo abitazioni, inghiottendo oggetti, ricordi, si

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Pizzo Palumbo

Il "Pizzo palumbo" è un dolce tipico di Lucera, provincia di Foggia, una semplice ciambella profumata al limone e decorata con glassa e confettini colorati. Per la rubrica de L'Italia nel piatto il tema di marzo è: "Dolce primavera", una torta o un dolce aspettando la primavera.  Il nome "Pizzo palumbo" o "u pizz palumm" in dialetto, sta  a significare "un pezzo di colomba". E' nota anche come "ciambella pasquale",  un dolce che si