Passa ai contenuti principali

Pomodori scattarisciati

I "Pomodori scattarisciati" o scattati, un piatto semplice, facile e gustoso della cucina tipica salentina!
Un tempo era il piatto unico che i contadini consumavano durante la pausa pranzo, accompagnato da pane casereccio  o friselle!
Il termine "scattarisciati" vuol dire "scoppiettati" e "spaccati", i pomodorini vanno messi interi in padella quando l'olio è caldo e quindi si utilizzerà un coperchio poichè cominceranno a scoppiettare e la buccia si spaccherà rilasciando un gustoso sughetto!
I pomodorini che si utilizzano sono quelli "al filo" o "appesi", tipici pomodori pugliesi che si raccolgono a luglio e vengono poi appesi al filo e riposti in luogo asciutto e areato per farli appassire, una tecnica che permette di consumare i pomodori durante tutto l'inverno.
"La'nzerta" è il classico termine dialettale pugliese per indicare appunto i pomodori appesi,
Si possono usare anche altre qualità di pomodorini, l'importante che siano piccoli e maturi, tipo i pomodorini pachino. Da non trascurare l'importanza dell'olio extra vergine di oliva che deve essere di ottima qualità per arricchire il sapore del piatto.
Ideali come condimento per la pasta oppure come piatto unico accompagnati da ottimo pane tostato o friselle o  arricchiti con altri ingredienti.

Per L'Italia nel piatto, che questo mese ha come tema " Sua Maestà il pomodoro", il prodotto rubasole per eccellenza,  ho preparato questo piatto utilizzando i pomodori al filo della qualità regina di Fasano.




Pomodoro regina

Il pomodoro regina è una varietà locale coltivata nell'alto Salento, fra Ostuni e Fasano, soprattutto nei terreni salmastri litoranei del Parco delle Dune Costiere, da Torre Canne a Torre San Leonardo fino ad Egnazia, lungo l'antica via Traiana Il nome "regina" si riferisce alle caratteristiche del peduncolo,che crescendo assume la forma di una coroncina.Le bacche sono piccole e tonde, la buccia è spessa, dovuta appunto all'acqua salmastra con la quale vengono irrigati i terreni coltivati vicino al mare.
E' inserito nell'elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali (PAT).










Ingredienti:

una quindicina di pomodorini appesi al filo qualità Regina di Fasano (o altra qualità, l'importante che siano piccoli e maturi)
olio evo pugliese
1 spicchio di aglio
sale fino q.b.
una manciata di capperi
1 piccolo peperoncino (a piacere)
qualche fogliolina di basilico

Procedimento:


  • Lavare i pomodorini e asciugarli bene
  • In un tegame mettere l'olio evo, lo spicchio di aglio e un piccolo peperoncino, quando l'olio è caldo aggiungere i pomodorini interi, coprire con il coperchio  e far cuocere a fuoco vivo per una decina di minuti, i pomodori cominceranno a "scattarisciare" cioè a scoppiettare e spaccarsi rilasciando un sughetto saporito.
  • Salare, aggiungere una manciata di capperi e far cuocere ancora 10 minuti.
  • Aggiungere qualche fogliolina di basilico e servire su pane casereccio tostato o sulle friselle o come condimento per un piatto di spaghetti o altra pasta.                                                                                                                                                                                                                                                                                             
Un saluto particolare a Lucia Antenori del blog Quella lucina in cucina che da questo mese si aggiunge al nostro gruppo regionale come rappresentante della Basilicata!

Qui di seguito scopriamo i piatti tipici con il pomodoro protagonista delle altre regioni italiane:
Piemonte: Bagnèt Ross: Salsa al Pomodoro per il Bollito - L'Italia nel Piatto https://www.lacascatadeisapori.it/bagnet-ross-salsa-al-pomodoro-per-il-bollito-litalia-nel-piatto/
Friuli Venezia Giulia: Uova in funghetto
https://www.blogthatsamore.it/2020/09/uova-in-funghetto.html

Commenti

  1. IL profumo di questa padella di pomodori è qualcosa di spettacolare, lo sento attraverso il video!!! Un abbraccio LA

    RispondiElimina
  2. il pomodoro regina, mai sentito e questa ricetta è davvero interessante, ideale per preparare al meglio i pomodori per svariate preparazioni...grazie!

    RispondiElimina
  3. Gia dal nome non si può non farsi piacere questa ricetta!

    RispondiElimina
  4. Mi sembra di sentire il profumo di questi pomodorini....
    Non si può non provare questa ricettina così invitante!!

    RispondiElimina
  5. Tu non ci crederai ma leggendo mi è venuta l'acquilina in bocca. Sai benissimo che la Puglia e la Basilicata hanno molte ricette simili soprattutto nelle zone di confine. Io questa ricetta non la conoscevo ma i pomodori invernali "inzertati" me li sono portati in Toscana dove ora vivo. Quindi appena posso farò la tua ricetta golosissima!

    RispondiElimina
  6. Io preferisco di gran lunga un piatto come questo a qualsiasi altra ricetta magari stellata. E' semplice, genuino, invitante e me li immagino mangiati con il pane fresco quanto possono essere buoni!! Una bellissima ricetta! Un abbraccio e buona domenica

    RispondiElimina
  7. CHe bella ricetta!!! Non sapevo di questo modo di cucinare i pomodori.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

Fegato all'arancia

Fegato all'arancia Il fegato all'arancia è una preparazione semplice e veloce per portare a tavola un secondo gustoso e saporito. E' questo il mio contributo per la rubrica mensile dell'I talia nel piatto , questo appuntamento è dedicato alle ricette con gli ingredienti meno nobili: scarti di verdura di stagione, pane raffermo, ossa, cotiche, orecchie e zampetti di maiale, ecc..  Un abbinamento insolito per un piatto tipico regionale ma sfogliando il solito libro di Luigi Sada "La cucina pugliese" sono rimasta sorpresa dal titolo di questa ricetta in dialetto salentino " Fegatu de maiale cu lu portacalli " (portacallu - dal nome del Portogallo, da cui proviene l'albero) ovvero "Fegato di maiale con l'arancia! Il fegato lo mangio e lo adoro soprattutto se si tratta dei famosi "gnumarelli" tipici pugliesi, non sono altro che involtini di interiora  (fegato, polmone e rognone) stretti all'interno del budello dell'agnello,

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez