Passa ai contenuti principali

Pomodori scattarisciati

I "Pomodori scattarisciati" o scattati, un piatto semplice, facile e gustoso della cucina tipica salentina!
Un tempo era il piatto unico che i contadini consumavano durante la pausa pranzo, accompagnato da pane casereccio  o friselle!
Il termine "scattarisciati" vuol dire "scoppiettati" e "spaccati", i pomodorini vanno messi interi in padella quando l'olio è caldo e quindi si utilizzerà un coperchio poichè cominceranno a scoppiettare e la buccia si spaccherà rilasciando un gustoso sughetto!
I pomodorini che si utilizzano sono quelli "al filo" o "appesi", tipici pomodori pugliesi che si raccolgono a luglio e vengono poi appesi al filo e riposti in luogo asciutto e areato per farli appassire, una tecnica che permette di consumare i pomodori durante tutto l'inverno.
"La'nzerta" è il classico termine dialettale pugliese per indicare appunto i pomodori appesi,
Si possono usare anche altre qualità di pomodorini, l'importante che siano piccoli e maturi, tipo i pomodorini pachino. Da non trascurare l'importanza dell'olio extra vergine di oliva che deve essere di ottima qualità per arricchire il sapore del piatto.
Ideali come condimento per la pasta oppure come piatto unico accompagnati da ottimo pane tostato o friselle o  arricchiti con altri ingredienti.

Per L'Italia nel piatto, che questo mese ha come tema " Sua Maestà il pomodoro", il prodotto rubasole per eccellenza,  ho preparato questo piatto utilizzando i pomodori al filo della qualità regina di Fasano.




Pomodoro regina

Il pomodoro regina è una varietà locale coltivata nell'alto Salento, fra Ostuni e Fasano, soprattutto nei terreni salmastri litoranei del Parco delle Dune Costiere, da Torre Canne a Torre San Leonardo fino ad Egnazia, lungo l'antica via Traiana Il nome "regina" si riferisce alle caratteristiche del peduncolo,che crescendo assume la forma di una coroncina.Le bacche sono piccole e tonde, la buccia è spessa, dovuta appunto all'acqua salmastra con la quale vengono irrigati i terreni coltivati vicino al mare.
E' inserito nell'elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali (PAT).










Ingredienti:

una quindicina di pomodorini appesi al filo qualità Regina di Fasano (o altra qualità, l'importante che siano piccoli e maturi)
olio evo pugliese
1 spicchio di aglio
sale fino q.b.
una manciata di capperi
1 piccolo peperoncino (a piacere)
qualche fogliolina di basilico

Procedimento:


  • Lavare i pomodorini e asciugarli bene
  • In un tegame mettere l'olio evo, lo spicchio di aglio e un piccolo peperoncino, quando l'olio è caldo aggiungere i pomodorini interi, coprire con il coperchio  e far cuocere a fuoco vivo per una decina di minuti, i pomodori cominceranno a "scattarisciare" cioè a scoppiettare e spaccarsi rilasciando un sughetto saporito.
  • Salare, aggiungere una manciata di capperi e far cuocere ancora 10 minuti.
  • Aggiungere qualche fogliolina di basilico e servire su pane casereccio tostato o sulle friselle o come condimento per un piatto di spaghetti o altra pasta.                                                                                                                                                                                                                                                                                             
Un saluto particolare a Lucia Antenori del blog Quella lucina in cucina che da questo mese si aggiunge al nostro gruppo regionale come rappresentante della Basilicata!

Qui di seguito scopriamo i piatti tipici con il pomodoro protagonista delle altre regioni italiane:
Piemonte: Bagnèt Ross: Salsa al Pomodoro per il Bollito - L'Italia nel Piatto https://www.lacascatadeisapori.it/bagnet-ross-salsa-al-pomodoro-per-il-bollito-litalia-nel-piatto/
Friuli Venezia Giulia: Uova in funghetto
https://www.blogthatsamore.it/2020/09/uova-in-funghetto.html

Commenti

  1. IL profumo di questa padella di pomodori è qualcosa di spettacolare, lo sento attraverso il video!!! Un abbraccio LA

    RispondiElimina
  2. il pomodoro regina, mai sentito e questa ricetta è davvero interessante, ideale per preparare al meglio i pomodori per svariate preparazioni...grazie!

    RispondiElimina
  3. Gia dal nome non si può non farsi piacere questa ricetta!

    RispondiElimina
  4. Una ricetta molto interessante ^_^

    RispondiElimina
  5. Mi sembra di sentire il profumo di questi pomodorini....
    Non si può non provare questa ricettina così invitante!!

    RispondiElimina
  6. Tu non ci crederai ma leggendo mi è venuta l'acquilina in bocca. Sai benissimo che la Puglia e la Basilicata hanno molte ricette simili soprattutto nelle zone di confine. Io questa ricetta non la conoscevo ma i pomodori invernali "inzertati" me li sono portati in Toscana dove ora vivo. Quindi appena posso farò la tua ricetta golosissima!

    RispondiElimina
  7. Io preferisco di gran lunga un piatto come questo a qualsiasi altra ricetta magari stellata. E' semplice, genuino, invitante e me li immagino mangiati con il pane fresco quanto possono essere buoni!! Una bellissima ricetta! Un abbraccio e buona domenica

    RispondiElimina
  8. CHe bella ricetta!!! Non sapevo di questo modo di cucinare i pomodori.

    RispondiElimina
  9. Un sugo semplice, ma quanto sapore!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Merluzzo in brodetto

Ciao a tutte carissime amiche...!
Stamattina qui ...diluvio e temporali...beh....mi sa che la primavera ce la scorderemo...arriveremo all'improvviso in piena estate....siiiiii!!!  e questo cimurro e tosse che mi perseguita ancora, anche se oggi va meglio!!! vabbè resisteremo!
Oggi sono contenta perchè ho dato un piccolissimo contributo per una grandissima causa...finalmente mi è arrivato il bellissimo libro di ricette...I-Kitchen, che avevo prenotato qui, scritto da tanti di voi blogger...e a cura della grande Patrizia Bosso, che con tanto amore....pazienza e solidarità ha dedicato ai bimbi e ai ragazzi della Gulliver di Rocchetta Vara, una casa famiglia distrutta da questa tragedia!
Ricordate?
...Il 25 ottobre 2011 una pioggia violenta e interminabile flagella l'estremo Levante della Riviera Ligure.Una valanga di acqua e fango si abbatte anche sulla valle di Vara, travolgendo tutto, portando via con sè vite umane, distruggendo abitazioni, inghiottendo oggetti, ricordi, sicure…

Spaghetti con sughetto di Pelose...!

Buona serata a tutti!
Oggi un piatto tipico di mare...spaghetti con sughetto di "Pelose",  eh si...qui nella zona di Bari chiamiamo proprio così quei granchi un pò più grandi e con gli arti e le chele ricoperte di setole pelose e di colore scuro! E' molto facile trovare le pelose sulle nostre coste, ma la loro tana è solitamente una grossa buca nella roccia sott'acqua.  Da non confondere con i semplici granchi, più piccoli e di colore verdastro e che...se per caso vi trovate sdraiati sul bagnasciuga di uno scoglio li vedrete aggirarsi tranquillamente! La Pelosa si nutre di polpi...ma è anche la loro preda!
Beh...noi ci pappiamo alla grande tutti e due!
Non so se sapete della nostra passione per la pesca di polpi...e allora un giorno un cugino di mio marito ci ha fatto cosa graditissima regalandoci una bella vaschetta di Pelose vive per poter andare a pescare polpi! Ma erano davvero tanti...e allora perchè non fare un bel sughetto con qualche Pelosa?  Detto ...fatto!!…

CUCINA PUGLIESE: Piselli e carciofi ripieni

L'appuntamento di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è tutto dedicato ai prodotti e ricette primaverili, piatti leggeri, freschi e genuini.

La Puglia...terra di carciofi ma, anche piselli, fave, fagioli, lenticchie, ceci, sono prodotti di colture di antica  tradizione agricola pugliese.
La mia proposta è un piatto tipico barese, Carciofi ripieni con i piselli freschi, un binomio perfetto che unisce il sapore un po' amarognolo dei carciofi al gusto dolciastro dei piselli, insomma ne nasce un piatto davvero squisito, sano e nutriente.
I piselli freschi insieme alle fave fresche, in questo periodo dominano le nostre tavole, ne facciamo scorte soprattutto di piselli che raccolti e puliti, vengono surgelati per poi gustarne a piacere in svariate preparazioni!
Andiamo allora a vedere la ricetta!

Un abbraccio MILENA











Ingredienti:

6 carciofi
1/2 kg. di piselli freschi
1 cipolla
olio evo
sale e pepe
1 limone

per il ripieno:

2 uova
formaggio pecorino grattugiato
poco pane raffermo
prezzemolo