Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Il pasticciotto salentino


Estate con sagre, fiere e mercati, questo il titolo dell'appuntamento mensile con la rubrica L'Italia nel piatto!
Girovagando per la Puglia in estate, soprattutto nei paesini caratteristici è facile imbattersi in sagre, fiere e mercatini, feste di paese che rallegrano piazze e vicoletti, con musica, spettacoli e degustazioni gastronomiche con piatti tipici della zona.

Una festa che è giunta ormai alla 10° edizione è quella del famoso PASTICCIOTTO SALENTINO, organizzata dal comune di Surano il 28 luglio, un inno a questa prelibatezza salentina. Ogni anno questo evento riscuote sempre grande successo attirando turisti e salentini che si riversano nelle stradine del centro storico del paese.
L'associazione dei pasticceri salentini produrrà sul posto i pasticciotti che verranno distribuiti gratuitamente.
Per le vie del piccolo centro di Surano si potranno anche degustare piatti della tradizione e prodotti locali di qualità come formaggi, salumi, conserve, friselle, vini ecc.
La festa del pasticciotto è un evento che il comune realizza per la promozione del territorio e dei prodotti salentini, ma anche per offrire a tutti una occasione per trascorrere una serata in allegria e relax! Se vi trovate da quelle parti in quel periodo, non fatevi sfuggire questa serata e....soprattutto non perdetevi l'occasione di assaggiare il pasticciotto, uno scrigno di frolla friabilissima che racchiude una golosa crema pasticcera!


Un abbraccio MILENA


Un po' di storia.
Un primo documento testimonia che il pasticciotto è risalente al 1707, come si scopre nell'archivio della Curia vescovile di Nardò, nell'inventario stilato il 27 luglio 1707 in occasione della morte di Mons. Orazio Fortunato, tra le altre masserizie compaiono:"barchiglie di rame da far pasticciotto numero otto".
Un'altra versione vede la nascita del pasticciotto nel 1745 a Galatina nella bottega della famiglia Ascalone durante i festeggiamenti di San Paolo, guaritore delle tarantate. Nicola Ascalone si tormentava per portare innovazione e originalità nella sua bottega di pasticceria in quel periodo critico della sua attività e tra una torta ed un dolce si ritrovò tra le mani poco impasto e poca crema che non sarebbero bastati a preparare un'altra torta. Decise comunque di utilizzare quei resti mettendoli in un piccolo contenitore di rame realizzando così una piccolissima torta di crema che lui stesso definì un pasticcio. Messo in forno ugualmente, lo regalò poi ad un passante al quale piacque così tanto che ne ordinò altri da portare in famiglia. Insomma, fu subito un successo e da quel giorno nacque "il pasticciotto de lu Scalone"che divenne un dolce tipico salentino.


La città di Lecce lo ha riconosciuto come dolce tipico leccese ed è presente nell'elenco dei prodotti agroalimentare tradizionali redatto dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (ai sensi dell'art.8 del D.Lgs. 30 aprile 1998, n.173)











I classici stampini per realizzare i pasticciotti








Ingredienti:

Per la frolla:

250 g. di farina 00
125 g. di zucchero
125 g. di strutto
2 uova
1 buccia di limone grattugiato
1 cucchiaino di lievito per dolci
tuorlo d'uovo per spennellare

Per la crema pasticcera

1/2 l. di latte
50 g. di farina 00
100 g. di zucchero
3 tuorli
1 buccia di limone grattugiato

Procedimento:

Preparare la crema pasticcera che deve essere abbastanza fredda e sostenuta prima di farcire la torta.
Nel tegame versare la farina e lo zucchero, miscelare, poi aggiungere a filo il latte ed amalgamare gli ingredienti, sbattere leggermente i tuorli e versarli nel composto sempre mescolando, infine grattugiare direttamente nel tegame la buccia di limone, portare sul fuoco e far addensare sempre mescolando con un cucchiaio di legno, far raffreddare completamente.
Poi preparare la frolla versando a fontana la farina sulla spianatoia, al centro inserire lo zucchero, le uova leggermente sbattute, lo strutto (i veri pasticciotti sono con lo strutto e non con il burro, ho anche provato con il burro ma sono più stucchevoli, molto più buoni con lo strutto ) la buccia grattugiata di limone e il lievito, impastare velocemente fino a far diventare l'impasto bello liscio e setoso, formare una palla, avvolgere in pellicola e mettere a riposare in frigo almeno per un'oretta, si può anche prepararlo la sera prima, tenendolo in frigo la notte.
Riprendere la frolla, staccare piccoli pezzi, fare delle palline, poi stendere sulla spianatoia con il mattarello ad uno spessore di circa 5 mm. e dando una forma ovale, foderare le formine, riempire di crema pasticcera e ricoprire con altra frolla, chiudendo bene i bordi, spennellare infine con tuorlo d'uovo.
Infornare a 200° per 30-40 minuti circa.
I pasticciotti si gustano tiepidi.



Andiamo ora a scoprire le sagre delle altre regioni partecipanti:


Liguria: le turle e la festa delle erbe nella valle Arroscia http://arbanelladibasilico.blogspot.com/...
Lombardia: La Sagra dei Chisciöi in Valtellina http://www.kucinadikiara.it/2017/07...
Veneto: La sagra del pesce di Chioggia - 80a edizione http://www.ilfiordicappero.com/2017...
Friuli-Venezia Giulia: Festa del Prosciutto di Sauris http://ilpiccoloartusi.weebly.com/g...
Toscana: I brigidini di Lamporecchio http://acquacottaf.blogspot.com/201...
Umbria: Crostini al tartufo scorzone http://www.dueamicheincucina.ifood.it/...
Abruzzo: La Sagra del Pesce Fritto http://ilmondodibetty.it/la-sagra-d...

Lazio: La Panzanella
Campania: Confettura di melanzane al peperoncino per "la Sagra della Melanzana a Santa Maria la Carità" 2017 http://fusillialtegamino.blogspot.com/...
Puglia: Il pasticciotto salentino http://breakfastdadonaflor.blogspot.com/...
Calabria: Sagra della nduja di Spilinga http://ilmondodirina.blogspot.com/2...
Sicilia: Insalata di Tombarello e Patate http://www.profumodisicilia.net/201...
Sardegna: Porchettone con crema di scorzone (Tartufo nero estivo) http://dolcitentazionidautore.blogspot.it/2017/07/porchettone-con-crema-di-scorzone.html

Commenti

  1. davvero delizioso!!! tu qui ci vizi, con questa bella ricetta!!!

    RispondiElimina
  2. Il pasticciotto è il dolce preferito di mio marito e il tuo è decisamente realizzato a regola d'arte!!Baci,Imma

    RispondiElimina
  3. Ciao Milena, sai che in Liguria si fanno dei dolcetti di frolla con la marmellata che ricordano i pasticciotti? Li chiamiamo cobeletti. Ma non ci facciamo una festa, quella ci manca!!! Un bacione

    RispondiElimina
  4. Che buoniiiiiiiiiiiiiiiiiiii io adoro i pasticciotti... e sono molto simili ad un dolce tipico di Erice buonissimo!!! Voglio provarli a fare in casa. A presto LA

    RispondiElimina
  5. Quante bontà nasconde la nostra Italia! E quanto è bello condividerle! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  6. cosa vuoi che ti dica... ADORO il pasticciato leccese!!!!!!!!!!!
    mi hai fatto ingolosire!

    RispondiElimina
  7. Ciao che bontà il pasticciotto ne ho fatto scorpacciate due anni fa in vacanza proprio in Salento. Grazie per queste informazioni. Buona serata luisa

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez

CUCINA PUGLIESE: Piselli e carciofi ripieni

L'appuntamento di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è tutto dedicato ai prodotti e ricette primaverili, piatti leggeri, freschi e genuini. La Puglia...terra di carciofi ma, anche piselli, fave, fagioli, lenticchie, ceci, sono prodotti di colture di antica  tradizione agricola pugliese. La mia proposta è un piatto tipico barese, Carciofi ripieni con i piselli freschi , un binomio perfetto che unisce il sapore un po' amarognolo dei carciofi al gusto dolciastro dei piselli, insomma ne nasce un piatto davvero squisito, sano e nutriente. I piselli freschi insieme alle fave fresche, in questo periodo dominano le nostre tavole, ne facciamo scorte soprattutto di piselli che raccolti e puliti, vengono surgelati per poi gustarne a piacere in svariate preparazioni! Andiamo allora a vedere la ricetta! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 6 carciofi 1/2 kg. di piselli freschi 1 cipolla olio evo sale e pepe 1 limone per il ripieno: 2 uova form

Pizza con capocollo di Martina Franca, pomodori secchi e rucola

La puntata di oggi de L'Italia nel piatto è dedicata ad uno dei cibi più amati dagli italiani e anche dagli stranieri:  la pizza ,  un semplice impasto di farina lievito e acqua e che, appiattita e condita anche solo con pomodoro, mozzarella e basilico rende unica e allegra una serata in pizzeria fra amici o a casa in famiglia.  Originaria della cucina napoletana, la pizza ha conquistato i gusti a livello internazionale. La più famosa è la pizza Margherita , che nel 1889 il cuoco, Raffaele Esposito  preparò per onorare la regina d'Italia Margherita di Savoia e che condì con pomodoro, mozzarella e basilico, a rappresentare i colori della bandiera italiana, ma la storia della pizza è lunga e incerta. Ogni rappresentante regionale presenterà una pizza con i propri prodotti tipici e tradizionali del territorio. Per la Puglia ho pensato di proporre una pizza con uno dei salumi tradizionali pugliesi e più apprezzati a livello internazionale: il capocollo di Martina Franca. Pe