Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Rustico leccese

Nuovo appuntamento con la rubrica de l'Italia nel piatto, oggi si parla di ricette all'aria aperta, seguiteci perchè vi faremo assaporare prelibatezze da consumare al mare, in campagna oppure da gustare per strada durante una passeggiata!

Per la Puglia propongo un cibo famosissimo nel salento, il rustico leccese, inserito nell'elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali, una goduria gastronomica da mangiare a tutte le ore della giornata, per un picnic, come aperitivo, per una merenda salata, insomma un perfetto street food, ma anche da preparare in casa per un buffet da offrire ad amici, per una festa all'aria aperta, insomma una gustosa alternativa nel campo della rosticceria!
Si trova in tutti i bar, rosticcerie e pasticcerie del Salento

Il rustico leccese è formato da due fragranti dischi di pasta sfoglia che racchiudono un ripieno di  mozzarella e pomodoro, con il tempo si è poi arricchita anche di besciamella.

Non si hanno notizie certe sul rustico leccese, sicuramente non è di origine contadina visto gli ingredienti piuttosto ricercati come la pasta sfoglia e la besciamella, qualcuno ipotizza sia nato non prima del XVIII secolo, dopo l'invenzione della pasta sfoglia, negli ambienti aristocratici leccesi come variante dei vol-au-vent francesi, oppure nel XIX secolo dopo l'invenzione del forno a gas.


Un abbraccio MILENA




















Ingredienti:

2 rotoli di pasta sfoglia pronta,
qualche cucchiaio di pomodori pelati a pezzetti,
100 g. di mozzarella
1 uovo

per la besciamella:

200 ml. di latte
20 g. di burro
20 g. di farina
un pizzico di sale
un pizzico di pepe

Procedimento:

Preparare la besciamella sciogliendo il burro in un tegamino, aggiungere la farina mescolando bene e facendo attenzione a non formare grumi, aggiungere poi man mano il latte caldo, il sale e il pepe e far addensare.
Stendere i rotoli di sfoglia e ricavare 12 o più dischi con un coppapasta o una tazza di circa 10 cm. di diametro, su 6 dei dischi adagiare al centro un cucchiaino di besciamella, poi cubetti di mozzarella e pomodori tagliati a pezzi, spennellare i bordi con uovo sbattuto, coprire e chiudere bene con l'altro disco. Io preferisco poca besciamella e più mozzarella per rendere meno pesante il rustico o addirittura ometto proprio la besciamella per una maggiore leggerezza.
Adagiare i rustici su un tegame ricoperto di carta da forno, spennellare ancora la superficie con uovo sbattuto ed infornare a 200° per circa mezz'ora o fino a doratura. Servire tiepidi.



Scopriamo ora le gustose proposte delle altre regioni:

Lombardia. Risotto giallo alla milanese da passeggio http://www.kucinadikiara.it/2016/06...
Friuli Venezia Giulia Torta di erbette e frutta http://ilpiccoloartusi.weebly.com/f...
Emilia Romagna: Scarpazzone http://zibaldoneculinario.blogspot.com/...
Toscana: Cecina, calda calda, farinata, torta di ceci, 5 e 5
Calabria. Parmigiana alla calabrese http://ilmondodirina.blogspot.com/2...






Commenti

  1. No vabbè Mile, adesso muoiooooooooo! Che buoniiiiiiii, sento il prfumino fin qui'! Bravissimaaaaaaaaaa tanti applausi.
    Bacio

    RispondiElimina
  2. Non la conoscevo questa ricetta e visto che gli ingredienti ci sono tutti stasera la propongo! E penso come te di saltare la besciamella.
    Ciao Milena un abbraccio grande!
    Monica

    RispondiElimina
  3. SUPER DELIZIOSI, CARINA L'IDEA DI FARLI PICCOLI!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  4. Preferisco anch'io senza besciamella. Certo che quel cestino, con me, avrebbe vita breve :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  5. Deliziosi Milena, mi sa tanto che proverò a farli oggi e pure io senza besciamella. Buona giornata.

    RispondiElimina
  6. Buonissimi Milena, davvero molto invitanti :) bacione

    RispondiElimina
  7. wow! Sembra ottimo!
    Sono arrivata al tuo blog per caso e devo dire che mi piace molto... Mi sono aggiunta ai tuoi lettori fissi!
    Lifen

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez

Pizza con capocollo di Martina Franca, pomodori secchi e rucola

La puntata di oggi de L'Italia nel piatto è dedicata ad uno dei cibi più amati dagli italiani e anche dagli stranieri:  la pizza ,  un semplice impasto di farina lievito e acqua e che, appiattita e condita anche solo con pomodoro, mozzarella e basilico rende unica e allegra una serata in pizzeria fra amici o a casa in famiglia.  Originaria della cucina napoletana, la pizza ha conquistato i gusti a livello internazionale. La più famosa è la pizza Margherita , che nel 1889 il cuoco, Raffaele Esposito  preparò per onorare la regina d'Italia Margherita di Savoia e che condì con pomodoro, mozzarella e basilico, a rappresentare i colori della bandiera italiana, ma la storia della pizza è lunga e incerta. Ogni rappresentante regionale presenterà una pizza con i propri prodotti tipici e tradizionali del territorio. Per la Puglia ho pensato di proporre una pizza con uno dei salumi tradizionali pugliesi e più apprezzati a livello internazionale: il capocollo di Martina Franca. Pe