Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Burrata e stracciatella... delizie e specialità pugliesi


Buongiorno a tutti,

ricordate? Ne avevamo parlato il 2 settembre scorso, oggi abbiamo il secondo appuntamento mensile dell'Italia nel piatto con il tema libero e cioè ognuno di noi è libero di proporre una ricetta che contenga un prodotto del territorio, in questo caso, protagonista sarà il formaggio e la ricetta può essere classica o modernizzata, oppure si possono far conoscere sagre e feste che animano le varie regioni durante tutto l'anno, magari descrivere o promuovere un prodotto dop o igp  o semplicemente raccontare e ritrarre le bellezze del proprio territorio!
Insomma oggi davvero una puntata da non perdere! 

E qui in Puglia? Beh...volevo farvi conoscere, per chi ancora non ha avuto la possibilità di gustare, visitando la nostra regione, la famosissima Burrata e Stracciatella pugliese, delizie e specialità a cui è impossibile resistere!



La burrata è un formaggio fresco a pasta filata, si presenta come un fagottino, rotonda, lucida, liscia e bianchissima come il latte, al suo interno un cuore cremoso e con un sapore delicatissimo e burroso.

Nasce in Puglia negli anni '20, nella zona di Andria, dal lampo di genio dei mastri casari delle antiche masserie, lo scopo era quello di riciclare (eh già...a quei tempi era importante recuperare tutto) gli straccetti di pasta filata, da qui il nome di stracciatella, che si creavano dalla lavorazione della mozzarella e che, uniti alla panna recuperata dalla parte grassa del siero, venivano poi racchiusi nel fagottino di pasta filata che veniva poi annodato. Costituiva anche una maniera alternativa di trasporto. Un tempo la burrata veniva avvolta in una foglia di asfodelo (una pianta del mediterraneo) che dava un profumo tutto particolare oltre a dare la scadenza di consumazione, infatti la burrata era buona finché la foglia non appassiva. Oggi la freschezza la si riconosce dalla superficie bella lucida, bianca e dal ripieno cremoso. I mastri casari di una volta soffiavano aria a bocca un foglio sottile di pasta filata per creare appunto il sacchetto o fagottino, oggi invece si utilizzano macchinari che filtrano e sterilizzano l'aria.
Quindi, riepilogando, la stracciatella non è altro che il ripieno godurioso e la parte migliore della burrata.




La burrata la si può gustare così al naturale freschissima per sentirne il sapore delicato, semplice ma ricercato e sofisticato, costituisce benissimo un secondo piatto, la si può accompagnare con insalate varie, pomodori o salumi. La si usa anche per arricchire sughi per la pasta, lasagne o per farcire in modo speciale pizze o torte salate. 

Molto diffusa è anche la sola stracciatella che, da ripieno della burrata, è diventata un latticino vero e proprio, viene venduta in vaschette e consiste di mozzarella sfilacciata e panna freschissima. Possiamo preparare la stracciatella anche in casa, l'importante è l'assoluta freschezza della mozzarella e della panna













Qui nella foto sotto potete vedere la burrata tagliata con il suo cuore cremoso al suo interno.


Un abbraccio Milena





Andiamo ora a curiosare i post delle altre compagne di viaggio:

Trentino-Alto AdigeLago di Tenno, Fiavè e i suoi formaggi
http://afiammadolce.blogspot.com/2014/09/lago-di-tenno-fiave-e-i-suoi-formaggi.html

Friuli-Venezia Giulia: Friuli Doc 
http://ilpiccoloartusi.blogspot.com/2014/09/friuli-doc-per-litalia-nel-piatto.html 

Lombardia: Sagra dell'uva a San Colombano al Lambro (MI)
http://kucinadikiara.blogspot.com/2014/09/sagra-delluva-san-colombano-al-lambro-mi.html

Veneto: Risotto zucca speck e Monte Veronese http://ely-tenerezze.blogspot.it/2014/09/veneto-risotto-zucca-speck-e-monte.html

Valle d'Aosta: assente

Piemonte:assente

Liguria:   Festa della patata quarantina di Montoggiohttp://arbanelladibasilico.blogspot.com/2014/09/litalia-nel-piatto-la-festa-delle.html

Emilia Romagna:  Crostini con squacquerone di Romagna DOP http://zibaldoneculinario.blogspot.com/2014/09/crostini-allo-squacquerone-di-romagna.html

Lazio: Melanzane fritte con ricotta di pecora
http://beufalamode.blogspot.com/2014/09/melanzane-fritte-con-ricotta-di-pecora.html

Toscana: Zuppa tartara con la ricotta di Pienza http://acquacottaf.blogspot.com/2014/09/zuppa-tartara-con-la-ricotta-di-pienza.html

Marche: Il brodetto fanese e il festival internazionale delle zuppe di pesce  http://lacreativitaeisuoicolori.blogspot.com/2014/09/brodetto-fanese-e-il-festival.html

Abruzzo:Pallotte Cacio e Ove http://ilmondodibetty.blogspot.it/2014/09/pallotte-cacio-e-ove-per-litalia-nel.html

Umbria: Tortino di patate e cipolle con fonduta di Pecorino di Norcia   http://amichecucina.blogspot.it/2014/09/tortino-di-patate-e-cipolle-con-fonduta.html

Molise: Costumi del Molise http://lacucinadimamma-loredana.blogspot.it/2014/09/i-costumi-del-molise-per-un-nuovo.html

Basilicata: in preparazione

Campania: Focaccia di impasto liquido, con rucola,noci e caciocavallo podolico di Zungoli 
http://www.isaporidelmediterraneo.it/2014/09/focaccia-di-impasto-liquido-con-rucola-noci-e-caciocavallo-podolico.html

Puglia: Burrata e stracciatella:delizie e specialità pugliesi  http://breakfastdadonaflor.blogspot.it/2014/09/cucina-pugliese-burrata-e-stracciatella.html

Calabria: Spicchi di caciocavallo silano fritte 
http://ilmondodirina.blogspot.it/2014/09/fette-di-caciocavallo-silano-dop-fritte.html

Sicilia: Cacio all'argintiera http://burro-e-vaniglia.blogspot.com/2014/09/cacio-allargintiera-per-litalia-nel.html

Sardegna: assente

Commenti

  1. Che meraviglia tesoro ci vivrei di burrata e stracciatella cara Milena!!!!Prodotti davvero speciali e buonissimi!!Un bacione,Imma

    RispondiElimina
  2. senza dubbio restano 2 cavalli di battaglia della nostra Puglia ma purtroppo non sono piu' le burrate e la stracciatella di una volta. prima la panna era vera percio' grassa e giallognola non bianca come ora. se lasciavi per qualche ora in frigorifero la stracciatella diventava solida grazie al burro contenuto nella panna . oggi a causa di una serie di cambiamenti, la panna usata se ti va bene è quella pastorizzata uht sicuramente molto piu' sicura dal punto di vista microbiologico ma il sapore, la consistenza ed il colore sono molto diversi. Oggi per fortuna ci sono ancora piccoli artigiani dell'arte casearia che ci regalano i sapori di una volta!!!!un abbraccio,peppe.

    RispondiElimina
  3. Mi fanno morire le tue foto..si vede quanto buono!!!

    RispondiElimina
  4. Prodotti di grande eccellenza! E che foto magnifiche :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  5. Non capisco come mai dalle mie parti si parli solo della mozzarella di bufala praticamente. A parere mio burrata e stracciatella sono qualcosa di sublime, forse anche al di sopra della mozzarella! Bellissimo post!

    RispondiElimina
  6. Davvero buonissime... è un'eccellenza che va assolutamente promossa, e non solo in Italia!!! complimenti un post fantastico!

    RispondiElimina
  7. Un'eccellenza autentica della Puglia e...di tutta Italia!! Meravigliosaaa e golosissimaaaaaaaaaaaa!!!!! Un bacione

    RispondiElimina
  8. Ma grazier per tutte queste informazioni...io pensavo solo a mangiarla ringraziando il cielo che esistesse!Un altro prodotto meraviglioso della tua terra!Benritrovata tesoro a te e alla burrata!:))

    RispondiElimina
  9. Ma che bontà Milena, solo una volta ho assaggiato la stracciatella, portata da un collega pugliese, me la ricordo ancora.... un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Un vero fiore all'occhiello della nostra bella Puglia. Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Un prodotto che riesco a reperire anche qui e, concordo con te, è una vera eccellenza, impossibile resistere.
    Hai saputo raccontarlo molto bene e le foto sanno ingolosire.

    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  12. Complimentiii, bellissimo blog e favolose ricette, mi sono aggiunta con piacere tra i tuoi sostenitori, se ti va passa da me. Grazieee
    Ciaoo e a prestooo

    http://pentoleevecchimerletti.blogspot.it

    RispondiElimina
  13. Che dire, certi prodotti bisogna gustarli in religioso silenzio!

    RispondiElimina
  14. Mi hai fatto venire l'acquolina in bocca, io sono ghiotta di formaggi ma della burrata e della stracciatella non ne posso fare a meno. Da me questi prodotti arrivano ogni mercoledì, proprio dalla tue parti, e stasera la cena è assicurata.

    RispondiElimina
  15. Io, da brava tarantina, la adoro!! Ogni volta che torno ne mangio quantità industriali!!

    RispondiElimina
  16. Io lo dico sempre che la burrata non e' un formaggio, ma una delizia, e' poesia.Quel cuore liquido che condito i paccheri hanno fatto impazzire il mio palato.
    W la burrata!!!

    RispondiElimina
  17. non vedo l'ora di venire in Puglia per gustare sul posto tanta delizia, mi tufferei nel monitor se si potesse, un bacione

    RispondiElimina
  18. Ma che bontà, che squisitezza questi prodotti! Io ho avuto la fortuna di gustarli parecchi anni fà in Puglia, sono di una bontà infinita! Grazieeeeee
    Ti abbraccio
    ciaooo

    RispondiElimina
  19. Come scrivevo poco fa da Elena, io non sono un'amante dei formaggi, ma lo squacquerone dell'Emilia è uno tra i miei preferiti...ora che mi trovo davanti la burrata e la stracciatella...ecco che non mi so decidere! Pari merito, tutte sul podio al primo posto!!!! Complimenti per lo splendido post!!!!!

    RispondiElimina
  20. La burrata è veramente una rarità. In realtà si trova con facilità , ma non ha nulla a che fare con l'originale...da una parte per fortuna visto che riesco a finirne una tranquillamente da sola!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez

CUCINA PUGLIESE: Piselli e carciofi ripieni

L'appuntamento di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è tutto dedicato ai prodotti e ricette primaverili, piatti leggeri, freschi e genuini. La Puglia...terra di carciofi ma, anche piselli, fave, fagioli, lenticchie, ceci, sono prodotti di colture di antica  tradizione agricola pugliese. La mia proposta è un piatto tipico barese, Carciofi ripieni con i piselli freschi , un binomio perfetto che unisce il sapore un po' amarognolo dei carciofi al gusto dolciastro dei piselli, insomma ne nasce un piatto davvero squisito, sano e nutriente. I piselli freschi insieme alle fave fresche, in questo periodo dominano le nostre tavole, ne facciamo scorte soprattutto di piselli che raccolti e puliti, vengono surgelati per poi gustarne a piacere in svariate preparazioni! Andiamo allora a vedere la ricetta! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 6 carciofi 1/2 kg. di piselli freschi 1 cipolla olio evo sale e pepe 1 limone per il ripieno: 2 uova form

Pizza con capocollo di Martina Franca, pomodori secchi e rucola

La puntata di oggi de L'Italia nel piatto è dedicata ad uno dei cibi più amati dagli italiani e anche dagli stranieri:  la pizza ,  un semplice impasto di farina lievito e acqua e che, appiattita e condita anche solo con pomodoro, mozzarella e basilico rende unica e allegra una serata in pizzeria fra amici o a casa in famiglia.  Originaria della cucina napoletana, la pizza ha conquistato i gusti a livello internazionale. La più famosa è la pizza Margherita , che nel 1889 il cuoco, Raffaele Esposito  preparò per onorare la regina d'Italia Margherita di Savoia e che condì con pomodoro, mozzarella e basilico, a rappresentare i colori della bandiera italiana, ma la storia della pizza è lunga e incerta. Ogni rappresentante regionale presenterà una pizza con i propri prodotti tipici e tradizionali del territorio. Per la Puglia ho pensato di proporre una pizza con uno dei salumi tradizionali pugliesi e più apprezzati a livello internazionale: il capocollo di Martina Franca. Pe