Passa ai contenuti principali

CUCINA PUGLIESE: Tiedd d'agnidd o furn co l patane per L'ITALIA NEL PIATTO

Buongiorno a tutti e benvenuti nella nostra consueta rubrica  L'Italia nel piatto" con le nostre ricette tipiche regionali !!!
Eccoci in questo mese di marzo, che termina con la S. Pasqua, ad illustrarvi e farvi conoscere proprio i piatti tipici e tradizionali che ogni regione prepara appunto per questa festività!
Sono ricette dolci  o salate per il giorno di Pasqua, per la Pasquetta o per la settimana Santa!

Il  tema di questo mese è: RICETTE DI PASQUA

E allora....forzaaaaaaa...tutti a sbirciare fra le nostre ricette regionali !

Il mio piatto tipico è:

TIEDD D'AGNIDD O FURN CO L PATAN
Tiella di agnello al forno con le patate





Sicuramente legata alla tradizione religiosa è la presenza in ogni menù pasquale delle uova e dell’agnello: secondo riti antichissimi, le uova sono simbolo di fecondità e di vita, e in genere venivano consumate proprio per celebrare l’arrivo della primavera, come simbolo di rinascita di una nuova vita. Successivamente i primi Cristiani hanno trasposto questa tradizione associandola alla rinascita di Cristo: l’uovo è diventato così simbolo di rinascita e quindi di Resurrezione. Da allora la Chiesa ha diffuso la tradizione di distribuire tra i fedeli un cestino di uova benedette, e l’uovo è divenuto parte integrante delle tradizioni cristiane legate alla Pasqua. Da quelle di cioccolato a quelle utilizzate in torte salate o nei dolci, l’uovo è protagonista assoluto dei più tradizionali menù pasquali tipicamente pugliesi, insieme all’agnello, che ricorda appunto sotto il profilo religioso il sacrificio di Cristo, che diventa “agnello di Dio”.
L’agnello o capretto diventano il secondo per eccellenza, cucinati in mille modi diversi: nel foggiano abbiamo il Brodetto, cioè pezzetti di capretto cotto in tegame, associato ad asparagi lessati da parte, che poi vengono conditi insieme al capretto con uova sbattute e formaggio grattugiato; a Trani si usa invece consumare l’agnello con piselli, chiamato anche Benedetto, arricchito anche in questo caso con uova sbattute e formaggio. I Carducci con l'agnello sono un altro piatto della tradizione pasquale pugliese, ossia agnello a pezzi rosolato con filetti di pomodoro e funghi cardoncelli, prodotto tipico dell’Altopiano delle Murge, il tutto legato con uova sbattute insieme a pecorino grattugiato.
fonte http://www.laterradipuglia.it/




A casa mia usiamo preparare da sempre l'agnello o il capretto semplicemente arrosto alla brace o nella tiella di terracotta al forno con le patate oppure l'agnello con i piselli..

Oggi vi propongo la classica tiella di terracotta dove la carne acquista un sapore e un profumo unico!












Ingredienti:

1/2 kg. di agnello a pezzi
6-7 patate
2 spicchi di aglio
prezzemolo
formaggio pecorino grattugiato (a piacere)
sale
pepe
olio evo

Procedimento:

Lavare e asciugare bene i pezzi di agnello.
Mettere in una coppa e condire con olio evo, 1 spicchio di aglio tritato sottile, prezzemolo tritato, formaggio pecorino , sale e pepe, girare e rivoltare tutti i pezzi per meglio far aderire il condimento.
In un'altra coppa tagliare a tocchetti le patate sbucciate e condire come l'agnello.
Ora fare uno strato di pezzi di agnello nella tiella di terracotta unta appena di un filo di olio e sopra sistemare lo strato di patate condite.
Infornare a 200° fino a cottura e avendo cura di far rosolare l'agnello qualche minuto prima di sfornare portando piano piano i pezzi  di carne sopra le patate  .


BUONA SETTIMANA A TUTTI

Vi ricordo il prossimo appuntamento per il 20 di Aprile....non mancate!!!



Ed ora tutti a visitare le altre golose ricette:





Per questo mese abbiamo il piacere di ospitare dalla Calabria  la cara Mariangela del blog Cocomerorosso...benvenuta fra noi !!!

Inoltre potete sempre visitare la nostra pagina su Facebook a questo link dove troverete novità e le regole del giochino che vi permetterà di partecipare come ospite speciale alla nostra iniziativa.




Commenti

  1. grazie..me ne mandi un piattone?? ahaha che patate spettacolari ed anche la carne! si vede che è ben cotta mi piace tanto!!

    RispondiElimina
  2. Un piatto gustoso e ben fatto non c'è che dire,complimenti
    Z&C

    RispondiElimina
  3. Ottimo il tuo agnello, metto da parte anche la tua ricetta, sono felicissima di partecipare con voi in questo mese di marzo, sarà per me un arricchimento!!! Buona giornata

    RispondiElimina
  4. Anche il casa mia l'agnello a Pasqua non manca mai e questa verisone la trovo davvero il top!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  5. Che buono questo agnello !!!! Mi date delle bellissime idee per Pasqua:))
    Un bacione

    RispondiElimina
  6. Sai che non sapevo della storia delle uova....davvero interessante il tuo post!!!! mi piace sempre più questa raccolta di ricette, scopro tantissime cose interessanti....brava brava!!!

    RispondiElimina
  7. Una ricetta splendida Milena, complimenti, un abbraccio e bravissima :-)!

    RispondiElimina
  8. un piatto che amo tanto...complimenti..

    RispondiElimina
  9. il formaggio? particolare anche questa ricetta! non amo molto l'agnello, ma mio figlio ne mangerebbe una teglia intera così :D ottima, ciaoo

    RispondiElimina
  10. Lo sai che l'aggiunta del pecorino è una vera chicca?
    Ma quanto si impara girando l'Italia? E da te ci si sente sempre a casa :)

    baci

    RispondiElimina
  11. Ottima ricetta, ricca e tradizionale, ideale per la festività!
    Cucinata nel coccio deve risultare eccezionale...bravissima!

    RispondiElimina
  12. A me piace la carne d'agnello, non ho problemi a mangiarla, quindi qualsiasi ricetta nuova e benvenuta. Complimenti!

    RispondiElimina
  13. Buonissima questa ricetta tipica, Buona Pasqua e Saluti dal Salento!

    RispondiElimina
  14. Bellissima questa rubrica, mi piace un sacco scoprire i piatti della tradizione.
    Uso spesso il coccio per la cottura della carne... sapore unico!!!
    Un abbraccio stretto, a presto!!!

    RispondiElimina
  15. ma che buono l'agnello cotto nel coccio, hai ragione tutto un altro sapore, baci

    RispondiElimina
  16. Una presentazione da 10 e lode!!!Magnifico nel coccio.....fa tanto atmosfera pasquale!!!!Sei stata come sempre bravissima!!!!Un abbraccio forte e in bocca al lupo per....tutto ;-)))

    RispondiElimina
  17. Un piatto della tradizione ricchissimo di gusto e di ricordi, bellissimo!!!!

    RispondiElimina
  18. Sarà appetitosissimo così segno volentieri bravaa

    RispondiElimina
  19. Anche da noi c'è questa usanza: L'abbacchio con le patate!! Ma la tua spolverata di pecorino... mi ha conquistata! Devo provare, assolutamente!!! E mo mi hai messo la pulce nell'orecchio... Bacione!!!!

    RispondiElimina
  20. Che sogno.... quest'anno me lo gioco l'agnello, ho l'uomo che a Pasqua non sarà ancora in ordine dopo un'influenza tragica... mi rifaccio gli occhi qui!!!

    RispondiElimina
  21. Io non mangio né l'agnello né il capretto, ma l'aspetto del tuo piatto è davvero molto invitante. Sarà sicuramente squisito. Ti mando Tommy per l'assaggio... lui non si fa di certo pregare né intenerire dall'agnello... :-)
    Un bacione.

    RispondiElimina
  22. Non sono ancora le otto,ma io voglio quella "tiedda"!Tesoro io adoro l'agnello,e vedere questo piatto è veramente troppo,è troppo invitante!Grazie per quest'altra ricettina della tua bella Puglia,un bacione doppi stamane!

    RispondiElimina
  23. complimenti un piatto veramente invitante.
    ciao ciao
    emme

    RispondiElimina
  24. Proprio quello che mi aspetta per il pranzo di Pasqua! Buonissimo!

    RispondiElimina
  25. Era da parecchio che non passavo a farti visita e questa capatina mi ha fatto davvero bene: aria di primavera che fa tanto bene al cuore e alla mente
    Bella la ricetta e belle le fotoA presto!

    RispondiElimina
  26. grazie per la traduzione google traduttore non aiuta in certi casi :-) è un ottimo modo per portare la carne d'agnello a tavola nei giorni di pasqua

    RispondiElimina
  27. Mamma mia com è invitante... Conplimenti

    RispondiElimina
  28. Ciao Milena come va?
    Ottima questa ricetta, per una Pasqua perfetta e golosa!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  29. Che bello Milena, anche questo tuo agnello è golosissimo. Un bacione e buon we

    RispondiElimina
  30. :O ma dai non sapevo che le uova si regalavano per questo motivo!!
    C'è sempre da scoprire grazie alla nostra bella rubrica!
    E poi il tuo piatto è spettacolare!! Non mangio agnello o capretto ma ti giuro che se me lo fai tu un pezzo lo mangio di sicuro!!!
    bravissima tesoro!!!
    un bacioneee

    RispondiElimina
  31. Tutto decisamente fantastico. Sei molto brava ... complimenti.

    RispondiElimina
  32. ciao carissima rieccomi n pista come sempre splendidi piatti buon fine settimana

    RispondiElimina
  33. Mammamiaaaa... e che cos'è questa ricetta, deliziaaaa! :D Adoro la cucina pugliese! Complimenti, un abbraccio forte e buon fine settimana :**

    RispondiElimina
  34. Anch'io non mangio ne agnello ne capretto, ma la tua tiedd mi ispira parecchio!!!
    Grazie anche per le spiegazioni sull'usanza delle uova, c'è sempre da imparare!!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  35. l'agnello con patate è un classico della Pasqua, ma questa versione non l'ho mai provata, deve essere buonissima :)

    RispondiElimina
  36. ma che bonta'..è un classico anche qui da noi..ma con qualche variante!!
    ciaoo

    RispondiElimina
  37. Vi segnalo il concorso "appetitoso" del "Panino giusto": progetta il tuo panino e vinci un viaggio a Londra con Alessandro Borghese. In più il panino vincitore verrà distribuito per una settimana nel punto vendita indicato al momento della registrazione http://www.ilpaninogiustoperte.it/

    RispondiElimina
  38. ti devo confessare che pur non amando la carne, il tuo piatto è talmente appetitoso che... ci tufferei volentieri una forchetta! Un abbraccio

    RispondiElimina
  39. Eccomi tesoro
    pronta a gustare una bella tiella di questo agnello fantastico
    Che belle le tradizioni ma soprattutto che belle
    le tavole ricche di sapori che profumano di famiglia
    Complimenti!!!!!
    Un grande abbraccio
    e buona settimana

    RispondiElimina
  40. complimenti le tue ricette fanno gola a chiunque!! ti seguo con molto piacere! fallo anche tu se ti va;)

    http://dolci5stelle.blogspot.it/

    RispondiElimina
  41. carissima, è un piatto ottimo
    Buona Pasqua a te e famiglia
    un bacione
    sabina

    RispondiElimina
  42. Auguroni Mile, a te e alla tua splendida famiglia!! un bacione grande!

    RispondiElimina
  43. Ciao cara complimenti hai un blog ricco e interessante!
    Nuova follower... ti aspetto da me...

    http://assaggi-incucina.blogspot.it/

    RispondiElimina
  44. Che piatto meraviglioso!!!!!! Un piatto della tradizione pasquale ma non solo, perfetto per una festa in famiglia con un bel bicchiere di rosso, un bacione

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

Fegato all'arancia

Fegato all'arancia Il fegato all'arancia è una preparazione semplice e veloce per portare a tavola un secondo gustoso e saporito. E' questo il mio contributo per la rubrica mensile dell'I talia nel piatto , questo appuntamento è dedicato alle ricette con gli ingredienti meno nobili: scarti di verdura di stagione, pane raffermo, ossa, cotiche, orecchie e zampetti di maiale, ecc..  Un abbinamento insolito per un piatto tipico regionale ma sfogliando il solito libro di Luigi Sada "La cucina pugliese" sono rimasta sorpresa dal titolo di questa ricetta in dialetto salentino " Fegatu de maiale cu lu portacalli " (portacallu - dal nome del Portogallo, da cui proviene l'albero) ovvero "Fegato di maiale con l'arancia! Il fegato lo mangio e lo adoro soprattutto se si tratta dei famosi "gnumarelli" tipici pugliesi, non sono altro che involtini di interiora  (fegato, polmone e rognone) stretti all'interno del budello dell'agnello,

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez