Passa ai contenuti principali

CUCINA REGIONALE PUGLIESE: Le chiacùne

Buongiorno e....benvenuti tutti nella nostra consueta Rubrica Regionale!!!

Questa bella avventura, guidata dalle simpatiche Babi e Renata ....continua alla grande, sempre alla scoperta di sapori e profumi delle nostre regioni italiane!!!
E allora siete tutte pronte  a partire per questo viaggio? Siiiii?
E forza andiamo subito a scoprire le prelibatezze che tutte noi rappresentanti di ciascuna regione abbiamo preparato!!!

Il tema di questa settimana è: CASTAGNE E FRUTTA SECCA




CALABRIA: Crocette di Rosa ed Io (http://rosaantonino.blogspot.it/ )
CAMPANIA:  Castagne allesse di Le Ricette di Tina (http://blog.giallozafferano.it/ricetteditina/ )
SICILIA: Pasticcini di pasta di mandorle di Cucina che ti Passa (http://www.cucinachetipassa.info/)
TOSCANA: Castagnaccio di Non Solo Piccante (http://www.nonsolopiccante.it/)
LOMBARDIA: La Busecchina di L’Angolo Cottura di Babi (www.langolocottura.it)
VENETO: Minestra di marroni  di Semplicemente Buono (www.semplicebuono.blogspot.com/)
FRIULI VENEZIA GIULIA: Torta povera di Nuvole di Farina (http://nuvoledifarina.blogspot.com/)
PIEMONTE: Risu e castògne sèche    di La Casa  di  Artù(http://lacasadi-artu.blogspot.com/)
EMILIA ROMAGNA: Castagnaccio alla ricotta di Zibaldone Culinario (http://zibaldoneculinario.blogspot.com/)
TRENTINO ALTO ADIGE:     Zuppa di funghi e castagne in crosta di A Fiamma Dolce  (http://afiammadolce.blogspot.it/)
PUGLIA: Le chiacune   di Breakfast da Donaflor (http://breakfastdadonaflor.blogspot.it/)
LAZIO:   Agnolotti con le castagne dop di Vallerano di Chez Entity (http://elly-chezentity.blogspot.it/)
LIGURIA:  i battolli di Un’arbanella di Basilico  http://arbanelladibasilico.blogspot.it/
UMBRIA:  Brustengolo di 2 Amiche in Cucina (http://amichecucina.blogspot.it/)   
MARCHE: Tagliatelle con le noci di La Creatività e i suoi Colori (http://lacreativitaeisuoicolori.blogspot.it)
ABRUZZO:    Sassi D’Abruzzo di In Cucina da Eva (http://blog.giallozafferano.it/incucinadaeva/ )
VALLE D’AOSTA: “Castagne sciroppate, Tagliatelle con farina di castagne fontina e noci, Torta di noci di Courmayeur”    di L’Appetito Vien Mangiando (http://cinzia-lappetitovienmangiando.blogspot.it/)
SARDEGNA:    Ciambelline alla arancia e mandorle veloci senza latte e uova   di Vickyart  Arte in Cucina (http://blog.giallozafferano.it/vickyart/)
BASILICATA:   Castagnaccio   di Pasticciando con Magica Nanà (http://blog.giallozafferano.it/sognandoincucina/)
MOLISE: Ostie richiene   di Mamma Loredana (http://lacucinadimamma-loredana.blogspot.it)


E da me:
Le chiacùne
I fichi secchi

Le chiacùne (in dialetto barese)...i fichi secchi con le mandorle al forno sono una prelibatezza della cucina Pugliese e continuano ad essere tra i ceti contadini delle zone agrituristiche, ausili di manifestazioni di cordiale ospitalità!
Per mia madre era un rito dedicarsi a questa preparazione e custodiva i boccacci pieni di fichi come se fossero pieni di gioielli ...e quanto ne era orgogliosa quando li offriva ai suoi cari!!!
Insomma...quei boccacci racchiudevano il sole dell'estate e tutto l'amore con cui venivano preparati i fichi!!!
(Grazie Mariarita di Le ricette di Ninì...del suggerimento, si perchè per questa puntata ero andata proprio in crisi...quasi ci stavo rinunciando, ma poi parlando con Mariarita che mi fa: " Ma come...proprio tua madre preparava dei fichi secchi favolosi!!!" Ah....è veroooooo, me ne ero proprio dimenticata!!!)

Molti anni fa, il 2 novembre, giornata meditativa nel commemorare i nostri cari defunti, si offriva e si mangiava qualcosa di buono preparato nelle settimane precedenti.
I ragazzi riunendosi in comitiva andavano presso i loro parenti o conoscenti chiedendo fichi secchi ed esordivano bussando nel recitare la seguente quartina: “Iòsce iè ll’àneme de le muèrte. / Sott’a la cammìse ce ppuèrte? / Puèrte u u-affercìidde, / E ddamme du verrìggue” (Oggi è il giorno dei defunti. / Sotto la camicia che porti? / Porti un orletto ricucito, / E dammi due fichi secchi). “Verrìggue”, specie di fichi.


(Tale usanza voleva significare la fine di alcuni prodotti agricoli estivi e l'inizio di quelli autunnali).























La fase dell'essicazione l'ho saltata....questi fichi secchi li ho presi da una delle anziane signore che ancora qui nel mio paese  nel periodo di maggior produzione, mettono a seccare i fichi delle proprie campagne!







Ingredienti e procedimento:

Versione dialetto barese:


Acquànne iè u mèse de le fiche e u prìizze iè bbuène, s’accàttene ngocch’e rrète (rète = misura antica e disusata pari alla centesima parte del cantaro, equivalente a Kg. 0,891. -N.d.R.-).
Che nu chertìidde se tàgghie a metà, pe llènghe, do cule o pedecìne; se scàzzene nu pìcche m-mènz’a le mane, se mettène sop’a na tàuue e se pòrtene sop’o u-àscre pe ffall’asseccà o sole.
Dope ca se sò seccàte bbèlle bbèlle, se pìgghie dò amìnue, se càzzene e u nuzze se mètte m-mènz’a le dò fèdde du chiacòne; s’achiùdene le dò metà e se mèttene iìnd’a na capasèdde de crète asseduàte a felàre a felàre acchenzàte che nu pìcche d’anesìne, ngocch’e fronze de llore e cce se vole sfezzià a ffà na cose cchiù de lusse, nu pìcche de cioccolàte a pezzìitte.
La capasèdde se manne o furne e acquànne le chiacùne sò state mbernàte, s’astìpene pe mangiàlle acquànne vène u desedèrie.

Versione italiana:

Nel periodo in cui si trovano fichi in abbondanza e, quindi, a buon mercato, si comprano un certo quantitativo.
Con un coltello si tagliano per la lunghezza, in due parti, lasciandoli attaccati per il peduncolo; si schiacciano leggermente fra le mani e si ripongono su un asse esponendoli al sole perché essicchino.
Quando sono ben secchi, si prendono delle mandorle, si mettono al centro del fico, si riavvicinano le due metà, si schiaccia tra le mani e si ripone ordinatamente in un recipiente di creta cospargendoli di confettini colorati e qualche foglia di alloro tra uno strato e l’altro.
Se, poi, si vuole una preparazione più raffinata, insieme ai confettini, si aggiunge qualche pezzetto di cioccolato fondente sbriciolato.
Si mette al forno il recipiente; poi si ripone per consumare i fichi nelle ricorrenze o per il dolcetto serale.


P.S.: Io le mandorle le ho prima tostate un pò nel forno prima di inserirle nei fichi...mi piacciono di più croccanti!

Fonte: Don Dialetto.it


BUONA SETTIMANA!!!

Commenti

  1. Anche a me piacciono ancor piu croccanti le mandorle!!!!!!amica mia...questa chiacune sono SPETTACOLARI!!!!!si sente il profumo della natura pugliese fino a a qui!!!!Se poi..a farcirle sei tu..allora dormo tranquilla e me le pappooooo tutteeeeeeeeeeeeeeeee (hihi ingorda!!!!)un bacioneeee

    RispondiElimina
  2. Quante ricette si scoprono stamattina sul regionale:-) Complimenti Dona:-) Bellissime:-) Un abbraccio Cinzia

    RispondiElimina
  3. Nooo mi state facendo morire oggi!Segno graziee..buona giornata

    RispondiElimina
  4. Wow bellissimi! straordinaria come sempre!! buona giornata!

    RispondiElimina
  5. Che belle le ricette della tradizione!!!
    Adoro i fichi secchi, brava!!!
    Ciao e buona settimana

    RispondiElimina
  6. Le mandorle croccanti sono sempre le migliori non c'è che dire, se poi li metti dentro a questi fichi diventano irresistibili!
    Complimenti per la ricetta tesoro!
    Bravissima, hai scelto una ricetta perfetta!
    bacioni e buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  7. Bellissima ricetta, stamattina ci sono tantissima ricette da provare con i molto frutti che ci accompagnano in questo periodo.
    Complimenti.
    Elisa e Laura.

    RispondiElimina
  8. ottimi!! io li ho sempre mangiati con le noci, ma devo provare con le mandorle! devono essere buonissimi!

    RispondiElimina
  9. Che ricetta stupenda mi piacciono con le mandorle dentro:) questo viaggio regionale che ci hai fatto e' davvero meraviglioso :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Bella , bella, bella e ...buona!!!
    Mi sembra di vederli quesgli orci pieni di fichi , dove andare ad infilare furtivamente una manina per trovare un piccola golosità!

    Ho sognato sulle tue belle immagini!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  11. buoni!!!!sei stata bravissima nella preparazione e...poi che presentazione!!!!brava...brava...ma dei fichi freschi ti è rimasto qualche chiletto????grazie!!!un abbraccio!

    RispondiElimina
  12. che buoni!!!
    anche qui nel Cilento ne facciamo di simili, li prepariamo in genere per il Natale, ottimi :P

    RispondiElimina
  13. buoni, li preparo anche io , ma senza le mandorle, che sicuramente danno un tocco in più, baci e buona giornata

    RispondiElimina
  14. Buonissimi questi dolcetti
    Complimenti
    Ciaoooll

    RispondiElimina
  15. anche io avrei fatto come te e avrei tostato anche le mandorle, che bello scoprire tramite il tuo post queste tradizoni della tua terra e che bello scoprirne anche il dialetto. un bacione

    RispondiElimina
  16. Deliziosi con le mandorle tostate! Gli conferiscono quella giusta croccantezza... che non guasta. E sei stata bravissima a prepararli! Lasciamene un pacchettino da mettere sotto l'albero di natale!!! Bacio!

    RispondiElimina
  17. Ma che bella l'idea di tostare le mandorle ..le prossime crocette le faccio così...è vero!!!!!!!!! cosa racchiude più il sole dei fichi secchi!!!!!!!!!!!
    Siamo troppo in sintonia ragazza
    Un bacione e Complimenti per il bellissimo post
    Ti abbraccio Pugliese
    Buona settimana

    RispondiElimina
  18. Anche qui mio marito impazzirebbe! Anch'io li preferisco con la mandorla bella croccante dhe contrasta con la morbidezza dei fichi. Bellissimo post cara, le tradizioni sono sempre affascinanti nella loro semplicitá! Grazie e buona settimana, Babi

    RispondiElimina
  19. he bontà Dona, sei talmente brava! Un bacione

    RispondiElimina
  20. Buone, buone,buone.....impazzisco per i fichi!!!

    RispondiElimina
  21. Io e mio marito adoriamo i fichi secchi con le mandorle, ma nel guardare i tuoi ci siamo chiesti cosa abbiamo mangiato fino ad ora....Quelli che acquisto nei negozi non hanno niente a che vedere con i tuoi fatti in casa! Bravissima :)
    Un bacio!

    RispondiElimina
  22. Questi bocconcini devo essere una vera delizia, soprattutto mi piace la parte in dialetto e il ricordo di affetti che ti lega a questa preparazione!

    bravissima!

    RispondiElimina
  23. Ciao Dona, che bello questo post, hai raccontato tante belle usanze della tua terra di Puglia, una regione che conosco poco purtroppo. E questi fichi una delizia :) Un bacio grande

    RispondiElimina
  24. Bellissimo post! Hai fatto bene ad inserire una parte in dialetto, devo impararlo prima di trasferirmi...

    RispondiElimina
  25. caspita mi hai allibito con al tua preparazione!

    RispondiElimina
  26. Che buoni i fichi secchi, che bella presentazione e che bella descrizione del nostro dialetto! Io li ho preparati l'anno scorso, purtroppo quest'anno non ne ho avuto il tempo; mi accontenterò di ammirare le tue foto! Ciao

    RispondiElimina
  27. A Natale sono una chiccheria, se poi c'è pure il cioccolato... una bomba!
    Complimenti per il post e per le foto, bellissime! bacioni!

    RispondiElimina
  28. Guardo e riguardo le foto cercando di gustare a distanza il sapore di queste delizie! Grazie per la visione e per la ricetta

    RispondiElimina
  29. Che voglia mi è venuta!!Dalle mie parti i fichi si farciscono con le noci, ma penso che la mandrle siano più buone. Ciao.

    RispondiElimina
  30. Ma anche i fichi bisogna saperli utilizzare al meglio. E tu sei una maestra

    RispondiElimina
  31. si impara la cucina e anche la cultura del dialetto :-)

    RispondiElimina
  32. mamma mia! aiuto! anche qui una goduria! mai mangiati, mai visti! ma li mangerei volentieri :D ottimi! ciao cara!

    RispondiElimina
  33. E aveva ragione ad essere orgogliosa di quel boccaccio!Altro che gioielli,la tua mamma sapeva apprezzare i doni della natura,sfruttandoli nei modi migliori!E questo tipo di preparazione mi sembra eccellente,per gustare al meglio un frutto così prezioso!Un bacione cara!

    RispondiElimina
  34. Mi piace tanto il tuo dialetto, i fichi imbottiti sono deliziosi.
    Li faceva anche la mia mamma così ricoperti di cioccolato fuso.
    Brava Donaflor, mi piacciono tanto le tue ricette.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  35. In Toscana riempiamo i fichi secchi con le noci e le mangiamo sempre per Natale. Mai provati con le mandorle... per il prossimo Natale sarà una prova da fare! Davvero una gran prelibatezza. Il problema è smettere di mangiare quando cominci... :-)

    RispondiElimina
  36. Che belle foto!....e che invidia i fichi...qui li vendono singoli!
    francesca

    RispondiElimina
  37. Mia madre li prepara ancora oggi, a casa mia abbiamo la fortuna di avere i nostri fichi e le nostre mandorle e questo è il modo migliore per assaporare durante tutto l'inverno questi meravigliosi prodotti. mi ha divertito la versione in dialetto barese, ho capito quasi tutto senza bisogno della traduzione! bravissima! baci e buona notte!

    RispondiElimina
  38. Lo sai che " sforni" delle meravigliose ricette? Bravissima.
    Un abbraccio e buona giornata.

    RispondiElimina
  39. Li conosco eccome!!!! Che bontà!! Un'amica di famiglia me ne fa dono tutti gli anni!!! :)
    Bravissima, una ricetta della tradizione super buona!!!!!
    Un bacione enorme!!!!!

    RispondiElimina
  40. Una fantastica ricetta della tradizione e le foto sono bellissime!!! Complimenti per tutto, un bacio e buona giornata

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez

CUCINA PUGLIESE: Piselli e carciofi ripieni

L'appuntamento di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è tutto dedicato ai prodotti e ricette primaverili, piatti leggeri, freschi e genuini. La Puglia...terra di carciofi ma, anche piselli, fave, fagioli, lenticchie, ceci, sono prodotti di colture di antica  tradizione agricola pugliese. La mia proposta è un piatto tipico barese, Carciofi ripieni con i piselli freschi , un binomio perfetto che unisce il sapore un po' amarognolo dei carciofi al gusto dolciastro dei piselli, insomma ne nasce un piatto davvero squisito, sano e nutriente. I piselli freschi insieme alle fave fresche, in questo periodo dominano le nostre tavole, ne facciamo scorte soprattutto di piselli che raccolti e puliti, vengono surgelati per poi gustarne a piacere in svariate preparazioni! Andiamo allora a vedere la ricetta! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 6 carciofi 1/2 kg. di piselli freschi 1 cipolla olio evo sale e pepe 1 limone per il ripieno: 2 uova form

Pizza con capocollo di Martina Franca, pomodori secchi e rucola

La puntata di oggi de L'Italia nel piatto è dedicata ad uno dei cibi più amati dagli italiani e anche dagli stranieri:  la pizza ,  un semplice impasto di farina lievito e acqua e che, appiattita e condita anche solo con pomodoro, mozzarella e basilico rende unica e allegra una serata in pizzeria fra amici o a casa in famiglia.  Originaria della cucina napoletana, la pizza ha conquistato i gusti a livello internazionale. La più famosa è la pizza Margherita , che nel 1889 il cuoco, Raffaele Esposito  preparò per onorare la regina d'Italia Margherita di Savoia e che condì con pomodoro, mozzarella e basilico, a rappresentare i colori della bandiera italiana, ma la storia della pizza è lunga e incerta. Ogni rappresentante regionale presenterà una pizza con i propri prodotti tipici e tradizionali del territorio. Per la Puglia ho pensato di proporre una pizza con uno dei salumi tradizionali pugliesi e più apprezzati a livello internazionale: il capocollo di Martina Franca. Pe